Giallo - thriller - noir

L’uomo del porto

Cassar Scalia Cristina

Descrizione: Catania. Nella grotta di un fiume sotterraneo usata come saletta da un locale molto noto viene ritrovato il cadavere di un uomo: lo hanno accoltellato. Una brutta faccenda su cui dovrà fare luce il vicequestore Vanina Guarrasi che, come se non bastasse, da qualche settimana è pure sotto scorta. «La migliore scrittrice di storie di poliziotte in circolazione» – Severino Colombo, Corriere della Sera «Cristina Cassar Scalia conduce il lettore negli angoli più bui di Catania, lo spinge a vedere oltre le apparenze, a inseguire i fantasmi della città che si agitano tra la vecchia pescheria, i quartieri popolari e quelli benestanti. E nello stesso tempo riavvolge il passato di Vanina e la spinge a confrontarsi con i suoi incubi.» - Stefania Parmeggiani, Robinson Vincenzo La Barbera, professore di filosofia presso il liceo classico, era un tipo solitario, che usava come casa una vecchia barca a vela ormeggiata nel porto ed era amatissimo dagli studenti. Niente debiti, né legami con la malavita. Eppure qualcuno lo ha ucciso, lasciando il suo corpo nel letto dell'Amenano, un corso d'acqua che secoli fa un'eruzione dell'Etna ha ricoperto di lava e che ora scorre sotto il centro storico della città. Vanina Guarrasi – la cui esistenza si è complicata, casomai ce ne fosse bisogno, per via di una minaccia di morte giunta dalla mafia palermitana – prende in mano l'indagine. Di indizi, nemmeno l'ombra. Il mistero è assai complesso, e forse ha le sue radici nel passato ribelle della vittima. Per risolverlo, però, Vanina potrà contare ancora una volta sull'aiuto dell'impareggiabile commissario in pensione Biagio Patanè.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Einaudi

Collana: Einaudi. Stile libero big

Anno: 2021

ISBN: 9788806247447

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

L’uomo del porto di Cristina Cassar Scalia

I gestori del pub I sotterranei di Catania (“La saletta con la grotta vera e propria, quella nella quale scorreva l’Amenano”) scoprono con orrore che nel loro locale si è consumato un omicidio.

Si occupa dell’indagine il vicequestore Vanina Guarrasi, donna originale e tenace, sotto scorta perché minacciata dalla mafia (“Un proiettile le avevano fatto trovare, a casa!”).

Una volta identificata la vittima (“Era il professore La Barbera… Era fissato con le questioni sociali…”), Vanina indaga sulla sua vita con il contributo di una girandola di personaggi, tra i quali spicca un commissario in pensione.

La biografia dell’insegnante di filosofia di liceo (“Il domicilio attuale risulta essere un mezzo nautico, ormeggiato al porto di Catania”) riserva non poche sorprese: “Ricapitolando: questo La Barbera non aveva pressoché famiglia, se non una compagna, viveva in una barca a vela, insegnava filosofia e nel tempo libero si occupava di redimere i tossicodipendenti. Be’, per logica quest’ultimo mi pare l’ambito in cui è più probabile che sia maturato l’omicidio”.

Per l’impegno di La Barbera verso i giovani drogati, elemento di disturbo per lo spaccio, inizialmente si pensa a un delitto di mafia (“i due nipotuzzi di Natale Zinna”). Poi questa matrice viene esclusa (“Se volevano ammazzarlo potevano farlo tranquillamente là dove l’hanno pestato due giorni prima, piuttosto che andarsi a infrattare con lui in una grotta, con un’unica via d’scita”) e si scava nel passato del professore, che vanta un’esperienza giovanile in una comune ove si consumava eroina: lì erano scomparsi misteriosamente tre giovani e i sospetti a questo punto si concentrano su alcuni reduci della comune.

Le ispezioni della barca-abitazione (“Un Grand Soleil 39… cantieri del Pardo… una bellissima barca”) e la perspicacia di Vanina (“con le sue intuizioni cine-guidate”) condurranno alla soluzione del caso con l’immancabile sorpresa finale sull’identità del colpevole e sul movente.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cristina

Scalia

Cassar

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cassar Scalia Cristina

"Giuseppe Bonura è stato un grande autore di racconti. Per vocazione e per necessità, com'è giusto che sia, perché il Novecento - il secolo al quale Bonura ha voluto conservarsi fedele con furiosa ostinazione - ha metodicamente costretto gli scrittori a misurarsi con i rigori della ferialità e addirittura con le spietatezze del mercato. Altra definizione discutibile, quest'ultima, che tuttavia trova una giustificazione almeno parziale nell'insistenza con cui, negli ultimi anni della sua vita, Bonura ha denunciato lo strapotere del "capitalismo energumeno", in un crescendo di invettive che costituiva in effetti una continua variazione del tema che, fin dall'esordio, gli era parso decisivo: il feroce dissidio che, nell'era industriale e post-industriale, oppone l'individuo alla massa. Era la sua cifra nel tappeto, la sua successione di Fibonacci". Dalla prefazione di Alessandro Zaccuri.

RACCONTI DEL GIORNO E DELLA NOTTE

Bonura Giuseppe

E’ colpa del cuore

Indro Pezzolla

LACRIME DI TENEBRA

Hamilton Laurell K.

I racconti e le confidenze di due donne sui loro 'attacchi amorosi', quasi una sorta di malattia. Oltre a ciò, seguono i racconti degli assalti maschili, un piccolo esercito di vogliosi e innamorati.

Attacchi d’amore

Idolina Landolfi - Ester Pes