Giallo - thriller - noir

L’uomo dello specchio

Kepler Lars

Descrizione: Una ragazza è stata uccisa nel parco giochi di un quartiere residenziale di Stoccolma, in piena notte. Sulla scena del crimine restano i chiari segni di un'esecuzione in piena regola. Ma chi può aver voluto infliggerle una morte così spettacolare e crudele? Se lo chiede il commissario Joona Linna mentre scopre che la vittima era sparita nel nulla un pomeriggio di cinque anni prima, e da allora non si era più saputo nulla di lei. Joona deve ricucire i pezzi di questa storia dai contorni sempre più inquietanti, trovare il colpevole e consegnarlo alla giustizia il prima possibile. Ma come fare? Da dove partire se nessuno sa, nessuno ha visto? Eppure qualcuno deve avere visto, qualcuno che forse non vuole parlare o non riesce a parlare. Qualcuno che per qualche oscuro motivo dev'essere aiutato a ricordare, perché il segreto è imprigionato nel buio della sua mente. Ed è per questo che Joona, bloccato in un labirinto di specchi, decide di infrangere ancora una volta le regole della polizia. Perché sa di non avere altra scelta, deve ricorrere all'aiuto di un professionista che in passato gli ha fornito la chiave per arrivare alla verità: il dottor Erik Maria Bark, meglio conosciuto come l'Ipnotista...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Longanesi

Collana: La gaja scienza

Anno: 2020

ISBN: 9788830454941

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

L’uomo dello specchio di Lars Kepler è uno spietato assassino che, vittima di un grave disturbo dissociativo della personalità, non vede l’identità terribile nascosta dietro alla personalità “buona”.

A Stoccolma viene ritrovata – dopo cinque anni del suo rapimento – Jenny (“Jenny Lind è stata giustiziata tramite impiccagione in un parco pubblico”).

Del delitto viene inizialmente sospettato Martin (“Un testimone oculare… un uomo rivolto verso l’area giochi, che ha assistito all’intera impiccagione”).

Martin è vittima di un grave disturbo da stress post traumatico (“una persona che soffre di PTSD”): nell’infanzia, ha perduto l’intera famiglia in un incidente; ha cercato di ricostruirsi una vita con Pamela ma – a causa di un’altra disgrazia in montagna – si sente colpevole della morte per annegamento di Alice, la figlia adolescente di Pamela, il cui cadavere non è mai stato ritrovato nelle gelide acque del lago. Per colmare il vuoto lasciato da Alice, Pamela pensa di adottare Mia, una ragazza problematica che presto scompare… anche lei…

Joona Linna è convinto che Martin conosca la verità sull’omicidio di Jenny, al quale ha assistito: questa verità, sepolta nella psiche traumatizzata (“Gli antipsicotici non funzionano perché i bambini esistono davvero”), richiede di essere riportata a galla grazie alla tecnica dell’ipnosi di Erik Maria Bark, il celebre ipnotista protagonista del romanzo omonimo che ha fatto conoscere Lars Kepler al grande pubblico.

Intanto, in Svezia, si verificano altri rapimenti di ragazze innocenti (“La marchiatura delle vittime non ha niente a che fare con l’identificazione, ma con il possesso”).

Chi è Caesar, il violento aguzzino che, grazie alla complicità di una madre che ricorda quella di Psycho, semina terrore e segrega le giovani donne in un ex allevamento di visoni?

Possibile che sia Dennis, l’amico psicologo innamorato di Pamela (“Dennis ha spiegato a Pamela in cosa consista la terapia elettroconvulsivante. Grazie alla corrente elettrica si scatena un attacco epilettico controllato, per ristabilire l’equilibrio tra i neurotrasmettitori presenti nel cervello”), che vorrebbe tenere Martin lontano dall’ipnosi (“Nel tuo caso l’ipnosi è da sconsigliare”)?

Qual è il ruolo di Primus, detto il Profeta, paziente della clinica ove Martin è in cura, che soffre della sindrome di Tourette e ha contatti con Caesar?

Quando Joona ha la folgorazione per identificare l’assassino (“Indovinello di Boolos. Nessuno può risolverlo. Ma poi per caso il commissario ha pescato la carta giusta”), la cui identità affonda nel manicomio criminale di Sater, tutto sembra precipitare in un finale convulso e incalzante.

Le matrici del romanzo si rifanno a Psycho, all’Ipnotista degli stessi autori, alla Psichiatra di WolfDorn, al filone splatter (“Ora non ti capiterà più di perderti, dice la nonna alzandosi, con la sega ancora in mano”) che non disdegna scene grevi e horror.

Bruno Elpis

Leggi il nostro commento a Nella mente dell’ipnotista di Lars Kepler cliccando su questo link 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lars

Kepler

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kepler Lars

Oltre che una meravigliosa romanziera, Irène Némirovsky è stata una eccellente autrice di racconti: ne scrisse per tutta la vita – fino alla vigilia dell’arresto. D’altronde, fra i suoi modelli letterari c’erano stati Cechov e Maupassant, di cui Irène amava l’asciuttezza, il cinismo venato di pietà, la bravura nel delineare in poche pagine un intero mondo. Qualità che ritroviamo nei racconti riuniti in questo volume – nove narrazioni folgoranti in cui la Némirovsky affronta i temi che le sono cari: il destino di attesa che segna la vita di molte donne, la solitudine astiosa in cui invecchiano molte altre, gli oltraggi che il tempo infligge alla bellezza, la nostalgia del passato, il rapporto tra madri e figlie.

L’orchessa

Némirovsky Irène

La presente opera intende "umanizzare" la figura del filosofo, calandolo in un contesto familiare e sociale, e lasciando emergere come il rapporto con le donne (madri, mogli, sorelle, figlie e amanti) finisca per influenzarne la visione del mondo. Scopriamo, infatti, nelle biografie dei grandi pensatori del passato, figure di donne che, nel bene o nel male, ne hanno condizionato la vita e le opere. A volte donne-angelo, a volte donne-diavolo, le immaginiamo ora attente e vigili nei confronti dei figli (Santa Monica con Sant'Agostino), ora scorbutiche verso mariti assorti in più elevati pensieri (Santippe e Socrate). La ricerca vuole dare luce a queste compagne di viaggio, senza la pretesa di esautorare i filosofi dal loro piedistallo e senza la presunzione di poter essere descrizione esaustiva delle loro vite. Ci si accontenterà di soffermarsi in modo più esauriente su alcuni, quando esaurienti saranno state le fonti reperite, e meno su altri, quando le fonti saranno state avare, sperando di far cosa gradita a chi ama non solo il pensiero del "filosofo", ma anche a chi è attento nel considerarne il tratto storico-biografico e il suo essere uomo con pregi, difetti, debolezze, fragilità.

Il volto femminile della filosofia

Rocca Miriam

"Un giorno ti innamorerai, Travis. E quando succederà, combatti per il tuo amore. Non smettere di lottare. Mai". Travis Maddox è solo un bambino quando sua madre, ormai con un filo di voce, gli lascia queste ultime parole. Parole che Travis conserva come un tesoro prezioso. Adesso Travis ha vent'anni e non conosce l'amore. Conosce le donne e sa che in molte sarebbero disposte a tutto per un suo bacio. Eppure nessuna di loro ha mai conquistato il suo cuore. Provare dei sentimenti significa diventare vulnerabili. E Travis ha scelto di essere un guerriero. Finché un giorno i suoi occhi scuri non incontrano quelli grigi di Abby Abernathy. E l'armatura di ghiaccio che si è scolpito intorno al cuore si scioglie come neve al sole. Abby è diversa da tutte le ragazze con cui è sempre uscito. Cardigan abbottonato, occhi bassi, taciturna. E soprattutto apparentemente per niente interessata a lui. Ma Travis riesce a vedere dietro il suo sorriso e la sua aria innocente quello che nessuno sembra notare. Un'ombra, un segreto che Abby non riesce a rivelare a nessuno, ma che pesa come un macigno. Solo lui può aiutarla a liberarsene, solo lui possiede le armi per proteggerla. L'ultima battaglia di Travis Maddox sta per cominciare e la posta in palio è troppo importante per potervi rinunciare. Solo combattendo insieme Abby e Travis potranno dare una casa al loro cuore sempre in fuga...

Il mio disastro sei tu

McGuire Jamie

Steve Campbell ha due cuori: uno lo conserva in salotto sotto formalina; l’altro pulsa nel suo torace. Se il primo gli ha impedito di diventare una stella del calcio inglese, i battiti del secondo scandiscono un'esistenza degradata nella East End londinese, con le partite del West Ham come unica ragione di vita. Quando Vincenzo Caligiuri, giovane immigrato italiano, se lo trova di là dal bancone mentre serve hamburger in un fast-food, non immagina certo come Steve sconvolgerà le sue giornate. I due si troveranno a convivere, fra una sosta al pub, un gruppo di strani amici, e tante partite di calcio del multietnico e coloratissimo Bari Football Club sui campi duri delle fredde domeniche mattina inglesi. Attraverso gli occhi del giovane mangiaspaghetti, Steve imparerà a guardarsi dentro, e a capire che – se ha avuto una seconda opportunità dalla vita – sarà per qualche ragione… Ma ci vorrà fegato per andare fino in fondo.

FEGATO E CUORE

Marchi Alessandro