Giallo - thriller - noir

L’uomo dello specchio

Kepler Lars

Descrizione: Una ragazza è stata uccisa nel parco giochi di un quartiere residenziale di Stoccolma, in piena notte. Sulla scena del crimine restano i chiari segni di un'esecuzione in piena regola. Ma chi può aver voluto infliggerle una morte così spettacolare e crudele? Se lo chiede il commissario Joona Linna mentre scopre che la vittima era sparita nel nulla un pomeriggio di cinque anni prima, e da allora non si era più saputo nulla di lei. Joona deve ricucire i pezzi di questa storia dai contorni sempre più inquietanti, trovare il colpevole e consegnarlo alla giustizia il prima possibile. Ma come fare? Da dove partire se nessuno sa, nessuno ha visto? Eppure qualcuno deve avere visto, qualcuno che forse non vuole parlare o non riesce a parlare. Qualcuno che per qualche oscuro motivo dev'essere aiutato a ricordare, perché il segreto è imprigionato nel buio della sua mente. Ed è per questo che Joona, bloccato in un labirinto di specchi, decide di infrangere ancora una volta le regole della polizia. Perché sa di non avere altra scelta, deve ricorrere all'aiuto di un professionista che in passato gli ha fornito la chiave per arrivare alla verità: il dottor Erik Maria Bark, meglio conosciuto come l'Ipnotista...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Longanesi

Collana: La gaja scienza

Anno: 2020

ISBN: 9788830454941

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

L’uomo dello specchio di Lars Kepler è uno spietato assassino che, vittima di un grave disturbo dissociativo della personalità, non vede l’identità terribile nascosta dietro alla personalità “buona”.

A Stoccolma viene ritrovata – dopo cinque anni del suo rapimento – Jenny (“Jenny Lind è stata giustiziata tramite impiccagione in un parco pubblico”).

Del delitto viene inizialmente sospettato Martin (“Un testimone oculare… un uomo rivolto verso l’area giochi, che ha assistito all’intera impiccagione”).

Martin è vittima di un grave disturbo da stress post traumatico (“una persona che soffre di PTSD”): nell’infanzia, ha perduto l’intera famiglia in un incidente; ha cercato di ricostruirsi una vita con Pamela ma – a causa di un’altra disgrazia in montagna – si sente colpevole della morte per annegamento di Alice, la figlia adolescente di Pamela, il cui cadavere non è mai stato ritrovato nelle gelide acque del lago. Per colmare il vuoto lasciato da Alice, Pamela pensa di adottare Mia, una ragazza problematica che presto scompare… anche lei…

Joona Linna è convinto che Martin conosca la verità sull’omicidio di Jenny, al quale ha assistito: questa verità, sepolta nella psiche traumatizzata (“Gli antipsicotici non funzionano perché i bambini esistono davvero”), richiede di essere riportata a galla grazie alla tecnica dell’ipnosi di Erik Maria Bark, il celebre ipnotista protagonista del romanzo omonimo che ha fatto conoscere Lars Kepler al grande pubblico.

Intanto, in Svezia, si verificano altri rapimenti di ragazze innocenti (“La marchiatura delle vittime non ha niente a che fare con l’identificazione, ma con il possesso”).

Chi è Caesar, il violento aguzzino che, grazie alla complicità di una madre che ricorda quella di Psycho, semina terrore e segrega le giovani donne in un ex allevamento di visoni?

Possibile che sia Dennis, l’amico psicologo innamorato di Pamela (“Dennis ha spiegato a Pamela in cosa consista la terapia elettroconvulsivante. Grazie alla corrente elettrica si scatena un attacco epilettico controllato, per ristabilire l’equilibrio tra i neurotrasmettitori presenti nel cervello”), che vorrebbe tenere Martin lontano dall’ipnosi (“Nel tuo caso l’ipnosi è da sconsigliare”)?

Qual è il ruolo di Primus, detto il Profeta, paziente della clinica ove Martin è in cura, che soffre della sindrome di Tourette e ha contatti con Caesar?

Quando Joona ha la folgorazione per identificare l’assassino (“Indovinello di Boolos. Nessuno può risolverlo. Ma poi per caso il commissario ha pescato la carta giusta”), la cui identità affonda nel manicomio criminale di Sater, tutto sembra precipitare in un finale convulso e incalzante.

Le matrici del romanzo si rifanno a Psycho, all’Ipnotista degli stessi autori, alla Psichiatra di WolfDorn, al filone splatter (“Ora non ti capiterà più di perderti, dice la nonna alzandosi, con la sega ancora in mano”) che non disdegna scene grevi e horror.

Bruno Elpis

Leggi il nostro commento a Nella mente dell’ipnotista di Lars Kepler cliccando su questo link 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lars

Kepler

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kepler Lars

Un sabato sera come tanti in una cittadina della provincia italiana. La tv sintonizzata su uno show televisivo, nel lavandino i piatti della cena da lavare. Un infarto fulminante uccide il settantenne Pietro Polizzi, ma Ines Banchero, sua moglie da quasi quarant’anni, se ne accorge solo alla fine della serata. E non chiede aiuto a nessuno, neppure ai due figli, Vittorio e Riccarda. Comincia così, con un decesso di cui tutti sono tenuti all’oscuro, un viaggio di quattro giorni dentro l’inferno domestico di una coppia all’apparenza normale, ma di fatto marchiata a fuoco da un trauma inconfessato. E mentre giorno dopo giorno la morte si impadronisce della scena, il confine fra normalità e follia si fa labile. Il talento è la condanna e l’ossessione di Ines. Eccellente disegnatrice da ragazza, rinuncia a seguire la propria vocazione per una vita «al sicuro»: quella di moglie e madre modello. Ma Ines non riconosce neppure il talento e le più genuine aspirazioni dell’amatissimo figlio Vittorio, campione di nuoto. Né accetta il talento della libera e tenace Riccarda, attrice di successo, sua grande delusione. Ines vive tra i fantasmi - i demoni - del passato. E in questo limbo vaga da sola, cercando qualche frammento di senso e una luce di riscatto.

La figlia sbagliata

Romagnolo Raffaella

Le Mani della Madre

10 REGOLE PER VIVERE COL PARTNER – di Paola Capitani

Il ballo ha la perfezione esemplare di un piccolo classico, poiché riesce a mescolare, pur nella sua brevità, i temi più ardui: la rivalità madre-figlia, l’ipocrisia sociale, le goffe vertigini della ricchezza improvvisata, le vendette smisurate dell’adolescenza – che passano, in questo caso eccezionale, dall’immaginazione alla realtà. Perché è proprio una vendetta, quella della quattordicenne Antoinette nei confronti della madre: non premeditata, e per questo ancora più terribile. In poche pagine folgoranti, con la sua scrittura scarna ed essenziale, Irène Némirovsky condensa, senza nulla celare della sua bruciante crudeltà, un dramma di amore respinto, di risentimento e di ambizione. Nel 1929, quando Némirovsky pubblica David Golder, il suo primo romanzo (a cui l’anno dopo seguirà Il ballo), la critica manifesta tutta la sua sbalordita ammirazione di fronte a questa giovane donna elegante e mondana, appartenente a una ricca famiglia di émigré russi di origine ebrea, che si rivela una brillante scrittrice. Per tutti gli anni Trenta Irène Némirovsky continuerà a pubblicare con immutato successo. Nel dopoguerra, tuttavia, sulla sua opera cala il silenzio. Solo a partire dall’autunno del 2004 la critica, ma soprattutto i lettori, hanno cominciato a restituire a Irène Némirovsky il posto che le spetta fra i più grandi, e i più amati, narratori del Novecento.

Il ballo

Némirovsky Irène