Giallo - thriller - noir

L’uomo nero

Poldelmengo Luca

Descrizione: Gabriele ha lavorato tanto per arrivare in cima, da cameriere a proprietario di una catena di alberghi di lusso. E ora che è a un passo dal traguardo, il matrimonio con una ricca ereditiera, è disposto a tutto, anche a uccidere la donna che ama. Filippo ha solo la sua famiglia, una moglie e una figlia che adora, per cui ha messo finalmente la testa a posto. Ma proprio per garantire loro un futuro migliore è costretto a sporcarsi le mani. Marco è sempre stato un debole, succube di un padre padrone, non ha mai scelto nulla nella sua vita, neanche il lavoro in polizia. Solo l'omicidio di sua sorella riesce a scuoterlo dal torpore, ma lo metterà di fronte a una parte di se stesso che lo terrorizza. Tre uomini, tre destini che si intrecciano lungo la discesa verso un luogo dove non ci sono vincitori: l'inferno.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Piemme

Collana: Piemme linea rossa

Anno: 2012

ISBN: 9788856622331

Recensito da Antonella Di Martino

Le Vostre recensioni

Impunità

Il romanzo è L’uomo nero, di Luca Poldelmengo.
A chi nasce guerriero l’amore piace, ma non basta. Vuole molto di più. Combatte con ferocia, calpesta le regole e conquista la sua fetta di mondo. A volte concede qualche briciola di ciò che ha, ma in cambio pretende molto, moltissimo.

Per chi nasce all’insegna del due di picche, invece, una famiglia e un lavoro valgono più di un regno. Al due di picche basta poco per essere felice, ma basta poco anche per cadere nella disperazione: una distrazione, un errore. Un solo errore, e il due di picche diventa l’uomo nero.

L’uomo nero si nutre di dolore, di umiliazione, di torti subiti mai restituiti. Si fa presto a dire che vive dentro ognuno di noi: noi umani, brutte bestie, siamo davvero tutti uguali, ma viviamo in mondi diversi. Per nutrire il nero ci vogliono le condizioni ambientali giuste. Questo romanzo è una fiaba nera come la pece, più reale della realtà. Racconta la disperazione e la vendetta, il degrado e il riscatto, l’amore e l’orrore.

Come in tutte le fiabe, l’eroe deve attraversare un bosco oscuro, popolato da mostri pericolosi, animali benevoli, poteri arcani, segreti gelosamente nascosti. Il nostro eroe è un principe diseredato, cacciato dal re per indegnità, costretto a vivacchiare nell’ombra come un brutto anatroccolo. Sua sorella, la principessa, è la legittima erede del regno. In un mondo perfetto, sposerebbe il suo principe azzurro. Nel nostro bosco oscuro, finisce assassinata sotto l’occhio solitario di una piccola strega innocente.

L’autore ha una scrittura cinematografica, che rende magnificamente (a volte con qualche goffaggine scontata, come nella descrizione del temporale) le ombre e le insidie di una Roma da incubo. Qui le miserie quotidiane della nostra Italia prosperano come un bosco crudele e mostrano il volto più assurdo. Qui gli oggetti nascondono poteri maligni: un’automobile consente di uccidere impunemente; ma una divisa è uno strumento di morte e di potere ancora più efficace. Esistono anche le magie buone: dai capelli e dagli indumenti sporchi le fate e i maghi scoprono un linguaggio arcano che svela la verità.

Se questo romanzo può essere letto anche come una fiaba, i suoi personaggi vanno ben oltre lo stereotipo fiabesco: l’autore ritrae con efficacia i desideri, i limiti e le possibilità di re e regine, principi e rospi, narrando con una sintesi mirabile le dinamiche familiari e i fili che muovono le loro gesta.
La narrazione a tinte forti intrappola il lettore e lo trascina di corsa fino alla fine. Riuscirà il nostro eroe diseredato a ritrovare il suo regno? E l’uomo nero? Il finale è lieto ma non troppo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luca

Poldelmengo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Poldelmengo Luca

2092. L'Europa mediterranea è sprofondata in un clima equatoriale, i suoi antichi Stati nazionali hanno ceduto all'egemonia cinese. Venezia abbandonata dopo una terribile alluvione, poi acquistata e ricostruita da un'azienda di Pechino - è la perversa Las Vegas del declino europeo. Piazza San Marco è stata trasformata in un'arena: il Colosseo del terzo millennio. Il carnevale si avvicina, i padroni cinesi preparano lussi sfrenati e spettacoli sanguinari. La popolazione autoctona è confinata nel Castello. Nessuno sembra più volersi sottrarre alla violenza e alla lussuria di questo bordello della fine dei tempi. Eppure, perfino in questo parco giochi orwelliano, ci sono due uomini in rivolta che si levano contro l'orgia del potere. "Il Maestro", guida dei nuovi gladiatori che addestra sull'isola di San Giorgio, e Spartaco, il suo allievo più valoroso. Ciascuno ha imboccato per proprio conto la via della ribellione ma vivono entrambi per il mondo che verrà, uno per divenire padre, l'altro per tornare libero. Antonio Scurati torna all'ispirazione degli esordi con un romanzo visionario e insieme realista. Una grande avventura epica, che si fa carico della crisi del nostro mondo narrando di uomini in marcia dentro e contro l'onda distruttrice della storia, in un libro non solo ambientato nel futuro ma rivolto al futuro.

La seconda mezzanotte

Scurati Antonio

Dettagli del prodotto Chi ha rapito l'ex cane poliziotto Ginko? È quasi Natale a Torino e Manuel, un ragazzo che frequenta le medie, con i compagni di scuola del Komitaten deve calarsi nei panni di un navigato detective alla ricerca del quattro zampe in pensione che vive con la nonna appena rimasta vedova. L'obiettivo è riportare Ginko a casa entro il venticinque dicembre. Tra vetrine natalizie e canti di Natale, i ragazzi indagano utilizzando ogni metodo per arrivare a scoprire un disegno malvagio perpetrato ai danni di esseri più deboli. False piste, colpi di scena che mettono Manuel e la sua amica Bea in serio pericolo, la nascita di nuove e profonde amicizie contribuiscono a costruire una storia avvincente dalle tinte fosche condita dalla sana ironia dei teenagers.

È Natale per tutti

Schembri Volpe Daniela

Menina, centenaria, unica erede dei potenti Carvalhais Medeiros, spadroneggia sulla famiglia e su tutta la città. Chiusa nella sua villa sontuosa, teme il sesso, la luce, i colori. Vive di minacce e rancore, della sua fredda intelligenza. Solo una giovane nipote, Marina, non si lascia intimidire. Con João, ha esplorato tutti gli angoli della città, i quartieri più poveri, le vie delle prostitute. Il suo amore per lui è nato a diciott'anni, sulla sabbia fine delle dune di Jaçaña. E adesso che João è in prigione, per aver scritto sui muri che la libertà è un passero blu,Marina non vede l'ora che venga il sabato, per andarlo a trovare con una scatola di biscotti fatti in casa.

LA LIBERTA’ E’ UN PASSERO BLU

Studart Heloneida

Le canzoni di Narayama

Fukazawa Scichirō