Classici

L’uomo senza qualità

Musil Robert

Descrizione: L'uomo senza qualita, il romanzo al quale Musil lavoro per gran parte della vita, e una delle massime costruzioni letterarie del Novecento e un'insuperabile rappresentazione delle grandi crisi del nostro secolo. Nella Vienna alle soglie del primo conflitto mondiale, il protagonista Ulrich, per una sorta di malattia dell'anima o del carattere, non sa ne vuole dare corpo e forme alle proprie inclinazioni. Preda di un'intelligenza affascinata dall'esattezza scientifica e dall'infinita indeterminatezza del reale, Ulrich si presta con lucida ironia a quell'infinito gioco di simulazioni e dissoluzioni che Musil orchestra con vertiginosa intelligenza.La presente edizione dell'Uomo senza qualita, prototipo dell'opera di immense ambizioni destinata per sua stessa natura a restare idealmente inconclusa, riordina e seleziona sulla scorta dell'ultima edizione critica tedesca a cura di Adolf Frise (1978) una vastissima mole di materiali inediti, chiarendo le linee di sviluppo della complesa architettura del progetto musiliano.

Categoria: Classici

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2005

ISBN: 9788806173821

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

Se ne “La nausea” di Sartre arrivati a pagina venti ci si pone il dilemma se proseguire o meno nella lettura, ne “L’uomo senza qualità” di Musil il problema si pone intorno a pagina cento.

Personalmente mi sono arreso con Sartre, e invece sono stato stoico con il secondo.

Descrivere quello che viene considerato come uno dei capolavori della letteratura mondiale, per quanto riguarda i fatti, è un’impresa non da poco.

Non c’è un discorso narrativo avvincente che tiene incollati alla pagina per scoprire come va a finire. È tutta una descrizione di elementi della quotidianità senza particolare presa emotiva, tranne che nel finale dove viene abbattuto il tabù. Quello.

Ma non c’è nemmeno il finale, in realtà, poiché il libro è incompiuto.

“Meno male”.

Chi l’ha detto? Esca immediatamente colui il quale non apprezza questo genio dell’arte letteraria! Proseguiamo…

Il personaggio principale si chiama Ulrich, ed è stato educato altrove, dopo aver scritto una frase offensiva sulla monarchia e Dio. Ritornato nel posto di origine, frequenta donne vergognandosi alquanto di esse, aderisce a una sorta di circolo di illuminati che tenta di redimere un pericoloso assassino. Si cerca anche di costituire un Comitato per festeggiare, con un evento che non si appalesa mai, la grandezza dell’Impero Austroungarico.

Musil stesso ha affermato: “Non ci sono fatti, bensì solo interpretazioni“.

Effettivamente il testo è un insieme di considerazioni filosofiche, sociali, psicologiche, su storie quotidiane banali.

C’è Nietzsche sparso a piene mani, come fanno i seminatori con i chicchi lanciati nel terreno dissodato. Volontà di potenza contro l’apparente carenza della qualità delle persone delineate.

C’è Decadentismo aleggiante ovunque.  E Nichilismo. E Positivismo.

Vi si afferma che la realtà non esiste, ma dipende dall’interpretazione che ne fa l’uomo. Ma si afferma anche che la realtà si svolge indipendentemente dall’uomo, dalle sue qualità.

C’è qualunque interpretazione possibile. Il vero e il suo contrario. E sono veri entrambi.

L’Io è un insieme di cellule che hanno raggiunto un certo grado di consapevolezza. Così come la realtà dipende unicamente dal contesto.

Per lui nulla è saldo, tutto è trasformabile, parte di un intero, di innumerevoli interi che presumibilmente appartengono a un superintero, il quale però gli è del tutto ignoto. Così ogni sua risposta è una risposta parziale, ognuno dei suoi sentimenti è soltanto un punto di vista, di ogni cosa non gli preme di sapere che cos’è, ma solo di scoprire un secondario com’è , un accessorio qualunque“.

Parallelamente alla struttura principale, si spiana l’Azione Parallela, cioè il comitato che dovrà celebrare l’anniversario di Francesco Giuseppe: inconcludente, inutile, senza uno scopo preciso. Come l’atmosfera che regnava nel tardo impero, con conservatorismo e liberalità al contempo. Una società stanca, quasi finita, con un miscuglio di razze, movimenti, politiche. Un’allegoria del disfacimento dell’Impero asburgico. La celebrazione è incerta. Per cosa la si dovrebbe fare? Per festeggiare che? Un gran casino.

Leggerlo risulta faticoso all’inizio, dopo non più. Insieme all’Ulisse di Joyce e a Proust, è un libro che a volte fa venir voglia di intercalarlo con una bella storiella di zio Paperone e Nonna Papera.

Però vuoi mettere la soddisfazione di arrivare alla fine? E dire di aver letto L’uomo senza qualità? Un figurone, insomma.

Lo stile è meno discorsivo dell’altra opera di Musil, I turbamenti del giovane Torless, che a tratti si avvicina per molti motivi a Il Giovane Holden di Salinger. È un po’ un saggio, un po’ un romanzo, un po’ un’enciclopedia.

Nella seconda parte Ulrich, alter ego di Musil, si ricongiunge con la sorella gemella che era scomparsa da un bel pezzo. E, come è scientificamente provato, che consanguinei che si incontrano dopo molti anni spesso provano pulsioni sessuali reciproche, i due si innamorano e finiscono a letto. Con lampi e tuoni fuori dalla casa a sublimare la catastrofe.

Non poteva essere diversamente: secondo Musil l’uomo è solo con sé stesso. Quindi anche il rapporto con l’altro sesso non può che essere speculare, verso di sé. Ecco l’unione di un uomo con l’altra parte di Sé, cioè la sorella gemella: Agathe. Ma potrebbe essere Ulrich due.

Non amerà un’altra donna dopo di me, perché questa non è più una storia d’amore: è addirittura l’ultima storia d’amore che vi possa mai essere!

L’uomo senza qualità è un testo da leggere concentrati, con i gomiti sul tavolo e le mani sulle tempie, senza sbirciare gli altri libri sullo scaffale di fronte: tanto, il commissario Santamaria alla fine dovrà fare attenzione a una delle sorelle Tabusso per risolvere il caso della Donna della Domenica. Ecco, ve l’ho detto.

Vi sono descritti minuziosamente processi mentali mentre si svolgono, con le successive deduzioni, e si capisce la fatica immane fatta da Musil che ha impiegato venti anni per scriverlo, senza ultimarlo.

Ma terminata l’impresa, la lettura cioè, ci si accorge di aver letto un capolavoro.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Robert

Musil

Libri dallo stesso autore

Intervista a Musil Robert


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Platone è un bassotto dal pelo duro e la coda a pennello. Un cane da salotto, di quelli nati per fare compagnia agli uomini. A Yuri, per esempio, studente di filosofia «con gli occhiali perennemente appannati». Ma durante le vacanze Yuri segue la sua Ada su una nave da crociera, lasciando il bassotto alle cure del portiere. E proprio nella solitudine della notte di Natale avviene per Platone l'incontro che gli cambierà la vita. Nella cantina del palazzo, il Tatuato - cranio rasato e muscoli da sollevatore di pesi - nasconde scatoloni pieni di animali di contrabbando: scimmie, iguane, serpenti a sonagli, una saggia tartaruga leopardo di nome Leo, e lei, la Regina, una giovanissima levriera afghana, «poco piú che un gomitolo di neve». Per Platone è il colpo di fulmine. Ma il cuore della Regina è altezzoso, e neanche le canzoni che il bassotto intona giorno e notte per tenerle compagnia riescono a conquistarla. A raccontarci questa storia tenera e profonda, dal suo osservatorio speciale tra le foglie di un albero, un pappagallo che conosce tutte le lingue del mondo, e tutte le pieghe dell'anima. Melania Mazzucco ci appassiona e ci commuove col piú classico dei generi, regalandoci una favola intensa e luminosa sul coraggio dei propri sogni e sulla magia che a volte la vita regala - come a Laika, il cane astronauta che diventò una stella.

IL BASSOTTO E LA REGINA

Mazzucco Melania G.

Buenos Aires, 2001. Perla Correa è sempre riuscita a ingannare tutti quelli che la circondano. Ogni mattina si sveglia e lucida la sua superficie di studentessa modello, bella ragazza radiosa, irreprensibile figlia di buona famiglia. Sua madre è avvolta di bellezza e foulard importati e suo padre è un uomo forte e fiero nella sua uniforme militare perfettamente stirata. Perla è sempre stata considerata molto fortunata ad averli come genitori. Eppure questa è solo una maschera che la ragazza indossa per nascondere il dubbio che le si agita dentro, e sul quale invano tenta di chiudere gli occhi. Un dubbio che si nutre di mezze frasi delle compagne di classe, sguardi impauriti dei vicini, libri di storia sui "desaparecidos" che suo padre le ha tassativamente proibito di leggere. Ma una notte, mentre è sola in casa, un uomo entra nel suo salotto. Sembra solo, disperato e affamato. È lì per raccontarle una storia. Una storia che narra di due ragazzi giovani che si amavano, di pesanti stivali neri che sfondano la porta di casa, di un carcere senza scampo e di un ultimo volo sul Rio de La Piata. E che incendia la vita perfetta di Perla riducendola in fumo. Inizia così un viaggio che la costringe a confrontarsi con la vera sé stessa e con la storia più dolorosa del suo paese. Dove solo il fuoco del coraggio che ha sempre nascosto tra le pieghe di una falsa tranquillità l'aiuterà a rinascere una seconda volta dalle sue ceneri.

LA RAGAZZA DAI CAPELLI DI FIAMMA

De Robertis Carolina

Orano è colpita da un'epidemia inesorabile e tremenda. Isolata con un cordone sanitario dal resto del mondo, affamata, incapace di fermare la pestilenza, la città diventa il palcoscenico e il vetrino da esperimento per le passioni di un'umanità al limite tra disgregazione e solidarietà. La fede religiosa, l'edonismo di chi non crede alle astrazioni, ma neppure è capace di "essere felice da solo", il semplice sentimento del proprio dovere sono i protagonisti della vicenda; l'indifferenza, il panico, lo spirito burocratico e l'egoismo gretto gli alleati del morbo. Scritto da Camus secondo una dimensione corale e con una scrittura che sfiora e supera la confessione, "La peste" è un romanzo attuale e vivo, una metafora in cui il presente continua a riconoscersi. Cronologia di Annalisa Ponti

La peste

Camus Albert

È estate, fa caldo, i turisti sono arrivati e, al commissariato di Perpignan nel sud della Francia, Sebag e Molina, poliziotti disillusi divorati dalla routine, si occupano dei casi in corso senza grande entusiasmo. Ma all'improvviso una giovane olandese viene brutalmente ammazzata su una spiaggia ad Argelès e un'altra sparisce a Perpignan senza lasciar traccia. Ritrovatosi suo malgrado al centro di un gioco diabolico, l’ispettore Sebag, alla mercé di uno psicopatico, metterà da parte preoccupazioni, problemi di cuore e interrogativi esistenziali per salvare ciò che ancora può essere salvato, in special modo la vita della ragazza che sembra essere stata sequestrata da un serial killer. Dovrà dissipare la cortina di fumo formata dai falsi indizi disseminati dal rapitore che lo ha invischiato in un sottile e inquietante gioco del gatto col topo. Con stile serrato e asciutto Philippe Georget riesce a delineare i contorni di una storia appassionante per i meccanismi psicologici che vi sono in gioco e di un personaggio umanissimo (molto bella la sua storia d’amore con la moglie), lontano dal cliché del poliziotto pronto a sacrificare tutto per il proprio lavoro, sullo sfondo della regione del Roussillon, gioiello naturalistico della Francia del sud.

D’ESTATE I GATTI SI ANNOIANO

Georget Philippe