Classici

L’uomo senza qualità

Musil Robert

Descrizione: L'uomo senza qualita, il romanzo al quale Musil lavoro per gran parte della vita, e una delle massime costruzioni letterarie del Novecento e un'insuperabile rappresentazione delle grandi crisi del nostro secolo. Nella Vienna alle soglie del primo conflitto mondiale, il protagonista Ulrich, per una sorta di malattia dell'anima o del carattere, non sa ne vuole dare corpo e forme alle proprie inclinazioni. Preda di un'intelligenza affascinata dall'esattezza scientifica e dall'infinita indeterminatezza del reale, Ulrich si presta con lucida ironia a quell'infinito gioco di simulazioni e dissoluzioni che Musil orchestra con vertiginosa intelligenza.La presente edizione dell'Uomo senza qualita, prototipo dell'opera di immense ambizioni destinata per sua stessa natura a restare idealmente inconclusa, riordina e seleziona sulla scorta dell'ultima edizione critica tedesca a cura di Adolf Frise (1978) una vastissima mole di materiali inediti, chiarendo le linee di sviluppo della complesa architettura del progetto musiliano.

Categoria: Classici

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2005

ISBN: 9788806173821

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

Se ne “La nausea” di Sartre arrivati a pagina venti ci si pone il dilemma se proseguire o meno nella lettura, ne “L’uomo senza qualità” di Musil il problema si pone intorno a pagina cento.

Personalmente mi sono arreso con Sartre, e invece sono stato stoico con il secondo.

Descrivere quello che viene considerato come uno dei capolavori della letteratura mondiale, per quanto riguarda i fatti, è un’impresa non da poco.

Non c’è un discorso narrativo avvincente che tiene incollati alla pagina per scoprire come va a finire. È tutta una descrizione di elementi della quotidianità senza particolare presa emotiva, tranne che nel finale dove viene abbattuto il tabù. Quello.

Ma non c’è nemmeno il finale, in realtà, poiché il libro è incompiuto.

“Meno male”.

Chi l’ha detto? Esca immediatamente colui il quale non apprezza questo genio dell’arte letteraria! Proseguiamo…

Il personaggio principale si chiama Ulrich, ed è stato educato altrove, dopo aver scritto una frase offensiva sulla monarchia e Dio. Ritornato nel posto di origine, frequenta donne vergognandosi alquanto di esse, aderisce a una sorta di circolo di illuminati che tenta di redimere un pericoloso assassino. Si cerca anche di costituire un Comitato per festeggiare, con un evento che non si appalesa mai, la grandezza dell’Impero Austroungarico.

Musil stesso ha affermato: “Non ci sono fatti, bensì solo interpretazioni“.

Effettivamente il testo è un insieme di considerazioni filosofiche, sociali, psicologiche, su storie quotidiane banali.

C’è Nietzsche sparso a piene mani, come fanno i seminatori con i chicchi lanciati nel terreno dissodato. Volontà di potenza contro l’apparente carenza della qualità delle persone delineate.

C’è Decadentismo aleggiante ovunque.  E Nichilismo. E Positivismo.

Vi si afferma che la realtà non esiste, ma dipende dall’interpretazione che ne fa l’uomo. Ma si afferma anche che la realtà si svolge indipendentemente dall’uomo, dalle sue qualità.

C’è qualunque interpretazione possibile. Il vero e il suo contrario. E sono veri entrambi.

L’Io è un insieme di cellule che hanno raggiunto un certo grado di consapevolezza. Così come la realtà dipende unicamente dal contesto.

Per lui nulla è saldo, tutto è trasformabile, parte di un intero, di innumerevoli interi che presumibilmente appartengono a un superintero, il quale però gli è del tutto ignoto. Così ogni sua risposta è una risposta parziale, ognuno dei suoi sentimenti è soltanto un punto di vista, di ogni cosa non gli preme di sapere che cos’è, ma solo di scoprire un secondario com’è , un accessorio qualunque“.

Parallelamente alla struttura principale, si spiana l’Azione Parallela, cioè il comitato che dovrà celebrare l’anniversario di Francesco Giuseppe: inconcludente, inutile, senza uno scopo preciso. Come l’atmosfera che regnava nel tardo impero, con conservatorismo e liberalità al contempo. Una società stanca, quasi finita, con un miscuglio di razze, movimenti, politiche. Un’allegoria del disfacimento dell’Impero asburgico. La celebrazione è incerta. Per cosa la si dovrebbe fare? Per festeggiare che? Un gran casino.

Leggerlo risulta faticoso all’inizio, dopo non più. Insieme all’Ulisse di Joyce e a Proust, è un libro che a volte fa venir voglia di intercalarlo con una bella storiella di zio Paperone e Nonna Papera.

Però vuoi mettere la soddisfazione di arrivare alla fine? E dire di aver letto L’uomo senza qualità? Un figurone, insomma.

Lo stile è meno discorsivo dell’altra opera di Musil, I turbamenti del giovane Torless, che a tratti si avvicina per molti motivi a Il Giovane Holden di Salinger. È un po’ un saggio, un po’ un romanzo, un po’ un’enciclopedia.

Nella seconda parte Ulrich, alter ego di Musil, si ricongiunge con la sorella gemella che era scomparsa da un bel pezzo. E, come è scientificamente provato, che consanguinei che si incontrano dopo molti anni spesso provano pulsioni sessuali reciproche, i due si innamorano e finiscono a letto. Con lampi e tuoni fuori dalla casa a sublimare la catastrofe.

Non poteva essere diversamente: secondo Musil l’uomo è solo con sé stesso. Quindi anche il rapporto con l’altro sesso non può che essere speculare, verso di sé. Ecco l’unione di un uomo con l’altra parte di Sé, cioè la sorella gemella: Agathe. Ma potrebbe essere Ulrich due.

Non amerà un’altra donna dopo di me, perché questa non è più una storia d’amore: è addirittura l’ultima storia d’amore che vi possa mai essere!

L’uomo senza qualità è un testo da leggere concentrati, con i gomiti sul tavolo e le mani sulle tempie, senza sbirciare gli altri libri sullo scaffale di fronte: tanto, il commissario Santamaria alla fine dovrà fare attenzione a una delle sorelle Tabusso per risolvere il caso della Donna della Domenica. Ecco, ve l’ho detto.

Vi sono descritti minuziosamente processi mentali mentre si svolgono, con le successive deduzioni, e si capisce la fatica immane fatta da Musil che ha impiegato venti anni per scriverlo, senza ultimarlo.

Ma terminata l’impresa, la lettura cioè, ci si accorge di aver letto un capolavoro.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Robert

Musil

Libri dallo stesso autore

Intervista a Musil Robert

Milo Molteni è un pubblicitario e insieme all’amico Pietro Carminati ha aperto «La Moca», un’agenzia che sforna idee, slogan e campagne pubblicitarie per aziende. Soffre di insonnia, che lui chiama «la mia signora e tiranna» e si è separato dalla compagna Elisa con la quale non è riuscito ad avere un figlio. Tutto cambia quando una notte, alle quattro e sette minuti, i coniugi Mattei, i due anziani inquilini che vivono nell’appartamento sopra il suo, muoiono. Avvelenamento da funghi. Il figlio Gianluca, sconvolto, vuole liberarsi in fretta della casa e quando incrocia Milo il mattino seguente gli confida che i due anziani genitori avevano sempre desiderato vendere il loro appartamento a lui, che negli anni era stato così gentile e affettuoso. Nonostante le cose non stiano esattamente come Gianluca le ha percepite, secondo Milo i due vecchi non erano delle belle persone e l’età da sola non poteva bastare ad assolvere dalla meschinità o dall’idiozia, accetta di buon grado. Nel giro di pochi giorni fa sgombrare l’appartamento ed è proprio in quel momento, mentre i ragazzi di una onlus stanno portando via i mobili dei Mattei, che Milo scopre una seconda porta, nascosta nello sgabuzzino. Una porta che conduce a delle scale e poi giù, verso il cortile. Che senso ha? Perché qualcuno avrebbe dovuto tenere aperto quell’accesso? Quella stessa notte, Milo sente dei passi e dei rumori provenienti dal piano di sopra che non fanno presagire nulla di buono. Che qualcuno possa essere entrato proprio da quella porta? Quando decide di andare a controllare di persona, la sua vita cambia. C’è una persona che dorme sul materasso, l’unica cosa lasciata lì dopo lo sgombero. Milo Molteni non sa ancora quanto l’incontro con Adam, il bellissimo ragazzino migrante che ha preso possesso momentaneo del suo piccolo appartamento, gli cambierà la vita.

La seconda porta

Montanari Raul

A Parigi, in una scuola internazionale per i rampolli di famiglie facoltose, si incrociano e si compiono i destini di William Silver, professore di letteratura, Gilad Fisher, alunno di un suo seminario, e Marie de Cléry, un'altra giovane studentessa. E il lettore assiste a questo affascinante processo guardando attraverso il caleidoscopio delle loro tre visioni gli eventi che lo determinano. Le lezioni del prof, adorato dagli studenti e profondamente innamorato del proprio mestiere nonché di se stesso nell'atto di svolgerlo. La difficile vita del giovane Gilad, alle prese con una famiglia disfunzionale e con l'assoluta difficoltà a integrarsi nei contesti sempre diversi dove la carriera diplomatica del padre lo porta di volta in volta a trasferirsi. Il rapporto di Marie con se stessa, col proprio e l'altrui sesso e con la mescolanza di invidia, odio e insofferenza che la lega alla sua "migliore amica" Ariel. L'amore tanto totalitario quanto impossibile che Gilad finirà col provare per Will, quello più titubante ma vissuto anche nella sua componente fisica che legherà la diciassettenne Marie al professore, il modo in cui quest'ultimo finisce per svilire l'eroe coraggioso e anticonformista che interpreta nelle aule di scuola sono tutte bombe silenziose. Esplodono senza fragore pagina dopo pagina sbriciolando le illusioni, le ipocrisie, i sogni e gli incubi dei personaggi e restituendo al lettore il vivido squarcio della vita di un ragazzo, di un uomo e di una giovane nell'atto di farsi donna.

NON TI MERITI NULLA

Maksik Alexander

Questa è una storia inedita, in parte realmente accaduta. Dal 1971 al 1989 sono state uccise a Udine e dintorni 15 donne, la maggior parte prostitute. Soltanto nel 1995, tramite un'analisi del medico legale, si è arrivati a ipotizzare che 4 di questi delitti siano stati effettuati da un'unica mano. Le vittime erano donne dimenticate dalla società, abbandonate a se stesse. Questa vicenda è rimasta sepolta per anni, perché non è facile avere a che fare con il male come vicino di casa. A guidare le operazioni di investigazione c'è Agata Est, personaggio di fantasia, che ci conduce, come fosse un moderno - e dubbioso - Virgilio, nei meandri di questo mistero irrisolto.

Femmine un giorno

Commessatti Elena

Ventisette storie piemontesi, storie ambientate in quella meravigliosa terra ai piedi delle Alpi, dal Monviso al Po, dalle colline al mare. Racconti dove i protagonisti si chiamano Gelindo, Maria Giuana, Giraudo, Micilina, ma portano anche nomi lontani, nati da tutt'altra parte. Nel libro, divertente, dissacrante, grottesco, ma anche serio, malinconico, riflessivo, vivono personaggi di ogni dove che in Piemonte han trovato, o da secoli, o da pochi mesi, un luogo dove lavorare, combattere, amare. Pellegrini, mummie, contadini, masche, pastori, operai, viaggiatori, studenti, sul palcoscenico della vita, sospesa fra tradizione e futuro. Tutti insieme appassionatamente. Uno sguardo spudorato sull'Italia di ieri, di oggi e di domani.

Storie piemontesi

Dutto Alessandro