Romanzo storico

L’uranio di Mussolini

Forte Franco, Vizzini Vincenzo

Descrizione: Ragusa, 1934. Il commissario Vincenzo Ibla, investigatore all’apparenza indolente ma acuto osservatore, viene spedito sotto il sole di luglio alle cave di Spaccaforno: tra le rocce è stato rinvenuto un cadavere...

Categoria: Romanzo storico

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus italiani

Anno: 2021

ISBN: 9788804737407

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

 Il 6 luglio 2021,  Mondadori pubblicherà L’uranio di Mussolini, un giallo ambientato nella Sicilia del 1934, in pieno Ventennio fascista, scritto a quattro mani da Franco ForteVincenzo Vizzini.

Questo è un romanzo che mette insieme il fascino di una scienza che sembrava ancora magia, gli intrighi e i misteri del Ventennio più oscuro della nostra storia, e due detective degni della migliore tradizione di giallo, thriller e spy-story. In una terra avventurosa e spietata.” – Carlo Lucarelli

Lo spunto che dà avvio alla vicenda è un fatto poco noto: la promessa da parte di Enrico Fermi di fornire a Mussolini la bomba atomica. Ma per farlo aveva bisogno dell’Uranio, che si trovava in abbondanza in Ciad, e dunque venne organizzata un’operazione segreta, denominata Operazione Ausonia, per una campagna d’Africa che avrebbe avuto come risvolto la conquista di una parte del Ciad. Sennonché, un omicidio sconvolge i piani di Mussolini e Fermi, e un funzionario dei Servizi Segreti del Partito, Franco Durante, viene mandato in Sicilia per cercare di capire cosa sia successo e chi ci sia dietro. A Ragusa troverà il commissario della polizia regia Vincenzo Ibla, amico della vittima su cui i due dovranno indagare, che non sa nulla dell’Operazione Ausonia e si preoccupa solo di capire chi, fra criminalità locale, mafia, Servizi stranieri, può avere ucciso Vittorio Borgia.

Anche Massimo Carlotto ha detto la sua sul romanzo, con queste parole:

“È facile, oggi, infilare Mussolini in una storia. È meno facile riuscire a scrivere qualcosa di originale che in qualche modo abbia a che fare con Mussolini e il Ventennio fascista. In questo romanzo gli ingredienti ci sono tutti. Il periodo storico, le ambientazioni, la trama ricca di intrighi e indagini complesse, ma soprattutto due protagonisti ben riusciti, che non si dimenticano tanto facilmente.” – Massimo Carlotto

__________________________________________________________________

L’URANIO DI MUSSOLINI
Un romanzo di Franco Forte e Vincenzo Vizzini

Un thriller mozzafiato nella Sicilia del ventennio, sullo sfondo dell’incontro/scontro tra il regime fascista, la mafia, le più grandi potenze mondiali e il progetto per la bomba atomica.

Ragusa, 1934. Il commissario Vincenzo Ibla, investigatore all’apparenza indolente ma acuto osservatore, viene spedito sotto il sole di luglio alle cave di Spaccaforno: tra le rocce è stato rinvenuto un cadavere, ma è al confine di due giurisdizioni, e le rispettive questure sono già pronte a rimbalzarsi a vicenda la responsabilità delle indagini. Appena vede la salma, però, Ibla capisce che il caso è suo, perché la vittima è Vittorio Borgia, un suo vecchio compagno d’armi, ora miliziano fascista. Sembra un semplice omicidio passionale, ed è quindi con una certa sorpresa che il commissario apprende dell’imminente arrivo da Milano di un certo Franco Durante, un funzionario fascista che, pare, Mussolini in persona ha inviato a Ragusa per coadiuvarlo nella ricerca dell’assassino di Vittorio. Uomo del nord tutto d’un pezzo, Durante segue con impazienza il lavoro di Ibla, che da parte sua ricambia con tutto il sospetto per un uomo di una cultura così lontana dalla Sicilia. Presto, però, i possibili moventi dietro l’omicidio di Vittorio raddoppiano e si ramificano verso mondi e intrighi sempre più oscuri e complessi, costringendo i due a proteggersi e sostenersi a vicenda, solo per scoprire che la combinazione delle loro peculiarità a prima vista incompatibili può rivelarsi la chiave per sciogliere l’enigma. Vittorio non è l’unico a nascondere una doppia vita, perché anche Durante ha i suoi segreti, e sono legati a filo doppio con il suo arrivo sull’isola: lo scienziato Enrico Fermi ha promesso a Mussolini un’arma straordinaria e terribile, ma per svilupparla ha bisogno di uranio, quello che il Duce ha in mente di estrarre in Ciad dopo averlo conquistato con la campagna d’Africa, per poi trasbordarlo in Italia.

Ispirandosi a eventi attestati ma poco conosciuti, Franco Forte e Vincenzo Vizzini tessono un thriller mozzafiato nell’Italia del Ventennio, sullo sfondo dell’incontro-scontro tra il regime fascista, le più grandi potenze mondiali e il progetto di quella bomba atomica destinata a segnare le sorti del Secondo conflitto mondiale, le pagine di Storia e l’anima di tutti noi.

L’uranio di Mussolini
Omnibus Mondadori
Pag 511 – 20.00 euro
In libreria dal 6 luglio 2021

______________________________________________

Visita il sito web di Franco Forte cliccando qui

Leggi le nostre recensioni ai romanzi di Franco Forte cliccando sui titoli:

Caligola

Carthago

Il segno dell’untore

Romolo

Cesare l’immortale

La bambina e il nazista

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vizzini

Franco,

Forte

Libri dallo stesso autore

Intervista a Forte Franco, Vizzini Vincenzo

Il romanzo, pubblicato nel 1904, narra la storia di un timido provinciale, Mattia Pascal, che si allontana di casa dopo una delle solite liti con la moglie Romilda e la suocera, e, arrivato a Montecarlo, vince, giocando a caso, diverse decine di migliaia di lire. Il possesso di una grossa somma e la lettura di una notizia di cronaca che annuncia la sua morte (si tratta di un'erronea identificazione del cadavere di un disperato che si è ucciso gettandosi nel pozzo di casa Pascal), lo inducono a simulare davvero la morte e a tentare di cominciare una nuova vita. Mattia Pascal diventa così il signor Adriano Meis, e va a stabilirsi a Roma.

Il fu Mattia Pascal

Pirandello Luigi

Una famiglia al vetriolo, emblema della moda made in Italy nel mondo, che ha bruciato sé stessa e un'immensa fortuna, insieme al suo ultimo erede, Maurizio: questi sono i Gucci. I protagonisti sono più che noti, e sebbene la giustizia abbia avuto le sue risposte individuando in Patrizia Reggiani, l'ambiziosa e avida ex moglie dell'imprenditore, la mandante dell'omicidio, i moventi superano i confini nazionali, entrano nella storia della casa di moda, e coinvolgono tutto l'entourage della celebre maison. Stilisti, imprenditori, finanzieri sfilano tutti sulla passerella di questo avvincente libro inchiesta, che porta sotto i riflettori il lusso estremo e inaccessibile dei protagonisti della "Milano da bere". Frutto di numerosi anni di lavoro da parte dei due giornalisti Maurizio Tortorella e Angelo Pergolini, questo libro è la ricostruzione più completa e particolareggiata di uno dei misteri di cronaca nera più intricati degli ultimi decenni, l'omicidio che pose la parola fine alla dinastia Gucci. Un testo che è stato fondamentale per tutti gli autori che hanno voluto raccontare questa vicenda, il lato oscuro delle vite patinate dei Gucci, con un aggiornamento imperdibile sui retroscena di uno degli omicidi più chiacchierati degli ultimi anni.

L’ultimo dei Gucci

Pergolini Angelo, Tortorella Maurizio

Il fascino e la modernità del personaggio di Sofocle recano in sé una carica di suggestione tale da spingere Sannipoli a farne una riscrittura, suddivisa in atti teatrali, che ripercorre la forza di questa tragica eroina, nel cui incestuoso concepimento risiede già un destino avverso, segnato.

Antigone. Una riscrittura

Sannipoli Daniele

IL SISTEMA

Olsberg Karl