Letteratura femminile

LUSSURIA

Ribeiro João Ubaldo

Descrizione: Proprio mentre i giornali annunciano che Joào Ubaldo Ribeiro sta scrivendo un libro sulla lussuria, lo scrittore riceve un manoscritto. Sono gli originali del testo che viene pubblicato e permettono al pubblico di conoscere la storia di un personaggio eccezionale in tutti i sensi: CLB, una donna di 68 anni di Rio de Janeiro che nella sua vita non si è mai tirata indietro quando si è trattato dei piaceri e delle infinite possibilità del sesso. Impudico e provocatore, Joào Ubaldo Ribeiro (1941), il grande maestro della letteratura brasiliana, il celebre autore tradotto in più di sedici paesi, ha dedicato un libro alla lussuria, provando che sotto l’Equatore il peccato non esiste.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Beat

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788865590539

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Ecco le confessioni di una donna che ha vissuto la sessualità senza perdersi nulla e, se qualcosa si è perso, meriterebbe un’altra vita per essere degnamente vissuto.

Così lo scrittore baiano Joao Ubaldo Ribeiro, uno dei nomi più importanti della letteratura contemporanea, partendo da un manoscritto recapitato misteriosamente al suo studio dà forma alla voce di una donna sconosciuta, nota all’autore solo con le iniziali CLB, impressa su nastri registrati e poi trascritti.

La storia viene pubblicata con il nome dello scrittore e, su richiesta della donna, ne viene resa nota l’inconsueta origine e ciò “non per vanità […] ma perché è irresistibile lasciare le persone senza sapere in cosa credere”.

La pagina scritta riporta fedelmente l’oralità dell’originale, che narra la storia di una vita di una bellissima donna di Bahia la quale, a distanza di anni, non fa mistero della sua innata devozione per la sessualità più libera e sfrenata.

Da Bahia a Rio de Janeiro la protagonista di queste pagine racconta, con dovizia di particolari, le sue avventure amorose e sessuali, passando da professori navigati a zii lussuriosi, da rapporti incestuosi con l’amato fratello Rodolfo, a donne sensuali e pudiche per gioco.

Il ritmo della seduzione è incalzante. La dea dai fianchi e dalle cosce procaci capace di incarnare “tutte le dee dell’amore, tutte le diavolesse scatenate che popolano l’universo, la Lussuria con le sue ombre serpeggianti […] e il suo richiamo alla dissolutezza” parla alle donne invitandole a lasciarsi andare, a non perdere le occasioni di piacere puro che la vita può dare loro, abbandonando cliché e sensi di colpa, paure e falsi retaggi.

Tutte le donne […] hanno già sentito e sentono un momento in cui sono puramente sesso e pulsano sesso da tutti i pori e si spaventano di loro stesse e perdono il controllo e comprendono tutto sul sesso e vogliono tutto, è una sensazione soggiogante di assoluta sessualità, un momento in cui la libidine prende il sopravvento su tutto e loro si sentono femmine, sconce, puttane, farebbero tutto, tutto, vogliono fottere, vogliono fare tutto!

 

Il romanzo si snoda in provocazioni continue, in aggressioni ai fanatismi e agli “esclusivismi” e in una condanna aperta all’ipocrisia religiosa e borghese – non solo nei confronti della sessualità – di cui le menti, anche quelle apparentemente più emancipate, sono colme. La protagonista non fa mistero dello scopo della sua confessione pubblica: aiutare il mondo a crescere attraverso la verità, che può essere rivoluzionaria proprio a causa dell’arretratezza e dei preconcetti.

Le persone leggono romanzi, biografie, confessioni e memorie perché vogliono sapere se le altre persone sono come loro […] Vogliono sapere se quello che provano di vergognoso è provato anche dagli altri, vogliono proprio guardare dal buco della serratura e quanto più guardano, tanto più hanno bisogno di guardare”.

 

Che si tratti di realtà o più verosimilmente di uno stratagemma letterario, la scelta della confessione orale – poi dattilografata e servita ai lettori – di una sconosciuta emancipata ed esperta di cose della vita, è ben riuscita. Il linguaggio non asservito incalza il lettore conducendolo in un vortice di sensazioni deliranti al limite con l’eccitamento puro.

 

Non mi piace parlare di peccati, ma visto che di Lussuria si tratta il consiglio è di cedere liberamente all’invito di queste pagine. Se l’intenzione non è questa, allora è meglio non avventurarcisi, perché trattenersi – questo sì – sarebbe davvero un peccato.

Nelle pagine conclusive un vademecum della voce narrante:

Eterosessualità esclusiva, limitazione. Omosessualità esclusiva, limitazione. Bisessualità, normale, tanto che nell’infanzia si risveglia in tutti e tutte, senza eccezione. Pansessualità, il futuro, sempre che non ci estinguiamo come specie”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ubaldo

João

Ribeiro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ribeiro João Ubaldo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

LA LIBRAIA DI ORVIETO

Pattavina Valentina

Un segreto tenuto nascosto per lunghi anni, una scoperta sconvolgente, un uomo di successo e una donna in carriera, un artista squattrinato ma geniale, autore di un quadro misterioso. Immersa nelle atmosfere di una Trieste nebulosa e di una Venezia dal fascino liquido, si agita l’intrigante storia di Eugenio e Francesca, amanti sanguigni, dolci quanto irascibili. “Amata tela” è un romanzo in cui le vicende dei protagonisti si tingono di passioni travolgenti, in un vortice senza fine che si abbatterà inesorabilmente sulle loro vite. Amore, sesso e arte, si mescolano nei luoghi del sogno e del sentimento. “Amata tela” costruisce un’epica di esperienze umane, tra gioie e paure, attraverso un disegno sapientemente tracciato dalla penna di Giulia Madonna.

Amata tela

Madonna Giulia

Avremo mai il coraggio di essere noi stessi? Si chiedono i protagonisti di questo romanzo. Due ragazzi, due uomini, due incredibili destini. Uno eclettico e inquieto, l’altro sofferto e carnale. Un legame assoluto che s’impone, violento e creativo, insieme al sollevarsi della propria natura. I due protagonisti si allontanano, crescono geograficamente distanti, stabiliscono nuovi legami, ma il bisogno dell’altro resiste in quel primitivo abbandono che li riporta a se stessi. Nel luogo dove hanno imparato l’amore. Un luogo fragile e virile, tragico come il rifiuto, ambizioso come il desiderio. L’iniziazione sentimentale di Guido e Costantino attraversa le stagioni della vita, l’infanzia, l’adolescenza, il ratto dell’età adulta. Mettono a repentaglio tutto, ogni altro affetto, ogni sicurezza conquistata, la stessa incolumità personale. E ogni fase della vita rende più struggente la nostalgia per quell’età dello splendore che i due protagonisti, guerrieri con la lancia spezzata, attraversano insieme. La voce narrante del protagonista ha la limpidezza poetica, l’ingenua epicità dei grandi inetti della letteratura, s’impenna funambolica, s’immerge tragica e gioiosa nelle mille insenature di questo romanzo che è insieme classico e sperimentale. Un romanzo che non somiglia a nessun romanzo, perché una storia d’amore non somiglia a nessun’altra storia d’amore. Margaret Mazzantini ci affida un romanzo ipnotico, dotato di una luce che ti fucila alle spalle, che avanza con l’urgenza folle e anticonformista di un narratore che rivendica il diritto di trasformare la vergogna in bellezza. Il diritto della letteratura, quello di risvegliarci lasciandoci nello stupore di un fragoroso sogno. Perché il vero scandalo sarebbe non aver cercato se stessi. E alla fine sappiamo che ognuno di noi può essere soltanto quello che è. E che il vero splendore è la nostra singola, sofferta, diversità.

Splendore

Mazzantini Margaret

Siamo nel 1992, tra maggio e luglio. A Bari, come altrove, sono giorni di fuoco, fra agguati, uccisioni, casi di lupara bianca. Quando arriva la notizia che un bambino, figlio di un capo clan, è stato rapito, il maresciallo Pietro Fenoglio capisce che il punto di non ritorno è stato raggiunto. Adesso potrebbe accadere qualsiasi cosa. Poi, inaspettatamente, il giovane boss che ha scatenato la guerra, e che tutti sospettano del sequestro, decide di collaborare con la giustizia. Ma le dichiarazioni del pentito non basteranno a far luce sulla scomparsa del bambino. Per scoprire la verità Fenoglio sarà costretto a inoltrarsi in quel territorio ambiguo dove è più difficile distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato. Ambientato al tempo delle stragi di Palermo, L’estate fredda offre uno sguardo pauroso sulla natura umana, ma ci regala anche un protagonista di straordinaria, commovente dignità. E, alla fine, un inatteso bagliore di speranza.

L’estate fredda

Carofiglio Gianrico