Letteratura femminile

LUSSURIA

Ribeiro João Ubaldo

Descrizione: Proprio mentre i giornali annunciano che Joào Ubaldo Ribeiro sta scrivendo un libro sulla lussuria, lo scrittore riceve un manoscritto. Sono gli originali del testo che viene pubblicato e permettono al pubblico di conoscere la storia di un personaggio eccezionale in tutti i sensi: CLB, una donna di 68 anni di Rio de Janeiro che nella sua vita non si è mai tirata indietro quando si è trattato dei piaceri e delle infinite possibilità del sesso. Impudico e provocatore, Joào Ubaldo Ribeiro (1941), il grande maestro della letteratura brasiliana, il celebre autore tradotto in più di sedici paesi, ha dedicato un libro alla lussuria, provando che sotto l’Equatore il peccato non esiste.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Beat

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788865590539

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Ecco le confessioni di una donna che ha vissuto la sessualità senza perdersi nulla e, se qualcosa si è perso, meriterebbe un’altra vita per essere degnamente vissuto.

Così lo scrittore baiano Joao Ubaldo Ribeiro, uno dei nomi più importanti della letteratura contemporanea, partendo da un manoscritto recapitato misteriosamente al suo studio dà forma alla voce di una donna sconosciuta, nota all’autore solo con le iniziali CLB, impressa su nastri registrati e poi trascritti.

La storia viene pubblicata con il nome dello scrittore e, su richiesta della donna, ne viene resa nota l’inconsueta origine e ciò “non per vanità […] ma perché è irresistibile lasciare le persone senza sapere in cosa credere”.

La pagina scritta riporta fedelmente l’oralità dell’originale, che narra la storia di una vita di una bellissima donna di Bahia la quale, a distanza di anni, non fa mistero della sua innata devozione per la sessualità più libera e sfrenata.

Da Bahia a Rio de Janeiro la protagonista di queste pagine racconta, con dovizia di particolari, le sue avventure amorose e sessuali, passando da professori navigati a zii lussuriosi, da rapporti incestuosi con l’amato fratello Rodolfo, a donne sensuali e pudiche per gioco.

Il ritmo della seduzione è incalzante. La dea dai fianchi e dalle cosce procaci capace di incarnare “tutte le dee dell’amore, tutte le diavolesse scatenate che popolano l’universo, la Lussuria con le sue ombre serpeggianti […] e il suo richiamo alla dissolutezza” parla alle donne invitandole a lasciarsi andare, a non perdere le occasioni di piacere puro che la vita può dare loro, abbandonando cliché e sensi di colpa, paure e falsi retaggi.

Tutte le donne […] hanno già sentito e sentono un momento in cui sono puramente sesso e pulsano sesso da tutti i pori e si spaventano di loro stesse e perdono il controllo e comprendono tutto sul sesso e vogliono tutto, è una sensazione soggiogante di assoluta sessualità, un momento in cui la libidine prende il sopravvento su tutto e loro si sentono femmine, sconce, puttane, farebbero tutto, tutto, vogliono fottere, vogliono fare tutto!

 

Il romanzo si snoda in provocazioni continue, in aggressioni ai fanatismi e agli “esclusivismi” e in una condanna aperta all’ipocrisia religiosa e borghese – non solo nei confronti della sessualità – di cui le menti, anche quelle apparentemente più emancipate, sono colme. La protagonista non fa mistero dello scopo della sua confessione pubblica: aiutare il mondo a crescere attraverso la verità, che può essere rivoluzionaria proprio a causa dell’arretratezza e dei preconcetti.

Le persone leggono romanzi, biografie, confessioni e memorie perché vogliono sapere se le altre persone sono come loro […] Vogliono sapere se quello che provano di vergognoso è provato anche dagli altri, vogliono proprio guardare dal buco della serratura e quanto più guardano, tanto più hanno bisogno di guardare”.

 

Che si tratti di realtà o più verosimilmente di uno stratagemma letterario, la scelta della confessione orale – poi dattilografata e servita ai lettori – di una sconosciuta emancipata ed esperta di cose della vita, è ben riuscita. Il linguaggio non asservito incalza il lettore conducendolo in un vortice di sensazioni deliranti al limite con l’eccitamento puro.

 

Non mi piace parlare di peccati, ma visto che di Lussuria si tratta il consiglio è di cedere liberamente all’invito di queste pagine. Se l’intenzione non è questa, allora è meglio non avventurarcisi, perché trattenersi – questo sì – sarebbe davvero un peccato.

Nelle pagine conclusive un vademecum della voce narrante:

Eterosessualità esclusiva, limitazione. Omosessualità esclusiva, limitazione. Bisessualità, normale, tanto che nell’infanzia si risveglia in tutti e tutte, senza eccezione. Pansessualità, il futuro, sempre che non ci estinguiamo come specie”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ubaldo

João

Ribeiro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ribeiro João Ubaldo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Antonio Ligabue, Poe e i delitti della Rue Morgue

Viaggiatrice nel passato suo malgrado per un dono di famiglia, Gwen, giovane londinese che vorrebbe avere a che fare con i problemi tipici della sua età e dei suoi compagni di scuola, si trova catapultata da un secolo all'altro con una pericolosa missione da compiere. Peccato che non sappia di chi può fidarsi, dei Guardiani del Tempo o del terribile Conte di Saint Germain, dell'affascinante ma scostante Gideon o dell'invidiosa cugina Charlotte. A un certo punto l'unico vero amico sembra essere Xemerius... un gargoyle col muso di gatto.

BLUE

Gier Kerstin

Un genio della letteratura che però ha smesso di scrivere. Un lettore molto arrabbiato che ha deciso di punirlo. Un manoscritto rubato e una vendetta da gustare fredda. Poche tracce per il detective Hodges, l’eroe di Mr Mercedes. Abbastanza per scatenare una nuova caccia all’uomo.

Chi perde paga

King Stephen

L'Exposition Universelle et Internationale de Bruxelles del 1958 è il primo evento del genere dopo la Seconda guerra mondiale. La tensione politica tra la Nato e i paesi del blocco sovietico è al suo culmine. In piena Guerra fredda, dietro la facciata di una manifestazione che si propone di avvicinare i popoli della Terra, fervono operazioni d'intelligence in cui le grandi potenze si spiano a vicenda. Incaricato di sovrintendere alla gestione del pub Britannia nel padiglione inglese è un giovane copywriter del Central Office of Information di Londra, Thomas Foley, che si trova così catapultato al centro di un mondo d'intrighi internazionali di cui diventa un'inconsapevole pedina.

EXPO 58

Coe Jonathan