Saggi

L’utopia sostenibile

Giovannini Enrico

Descrizione: Il 25 settembre 2015 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite fissava per tutto il mondo 17 obiettivi di sviluppo sostenibile, da raggiungere entro il 2030. Obiettivi concreti, relativi all’eliminazione della povertà e della fame, all’istruzione di qualità e alla parità tra i sessi, alla salute a tutte le età, all’acqua, all’energia, all’occupazione, alla crescita economica e alle disuguaglianze, alle infrastrutture e alle città, al consumo e alla produzione, alla lotta contro il cambiamento climatico, alla flora e alla fauna, alla pace e alle istituzioni. I grandi della terra hanno convenuto che le importanti trasformazioni in corso sono connesse tra loro. Le ‘primavere arabe’ sono state anche il frutto di carestie e crisi alimentari indotte dai cambiamenti climatici, così come le innovazioni tecnologiche sono indispensabili per la transizione ecologica ma possono generare disoccupazione e tensioni sociali. E così via. Per affrontare questi problemi complessi serve dunque un pensiero integrato e profondamente innovativo. E un larghissimo concorso di forze politiche, economiche e sociali che lo metta in pratica. E’ questa l’idea alla base dell’ASVIS, l’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile, promossa da Enrico Giovannini nel febbraio del 2016 e che oggi raccoglie più di 170 soggetti tra associazioni imprenditoriali, sindacati, volontariato, fondazioni e università. Lo scopo è quello di elaborare idee nuove per rendere lo sviluppo equo e sostenibile e incalzare chi può concorrere alla realizzazione dei 17 obiettivi dell’ONU: in primo luogo il governo italiano, ma anche le imprese e gli altri attori della vita economica e sociale, fino ai singoli cittadini. In questo saggio si affrontano le ragioni, le caratteristiche e gli obiettivi di una utopia sostenibile. E indispensabile per le donne e gli uomini del XXI secolo.

Categoria: Saggi

Editore: Laterza

Collana: Saggi tascabili Laterza

Anno: 2018

ISBN: 9788858130766

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

L’utopia sostenibile di Enrico Giovannini

«Chiudete gli occhi e pensate a come dovrebbe essere il Paese in cui vorreste vivere.»

Per lunghi decenni, con un andamento crescente che non si è concluso, l’uomo ha creduto di potere e di dovere crescere a ritmi esponenziali, tenendo ben presente un unico fattore: l’economia. Le diverse Rivoluzioni industriali, che pure ci hanno permesso di raggiungere vantaggi altrimenti inarrivabili, ci hanno immerso in una smania produttiva senza pari che ha attuato un sistema capitalista estremo e alienante. Se questo unico scopo, nevrotico e monoculare, ha permesso dalla fine del Settecento in avanti la messa in moto di una macchina gigantesca ed efficiente, tanto da permeare, in meno di un secolo, qualsiasi settore, è anche vero che col tempo, con un’ossessività imperante e con la progressiva globalizzazione del mondo, ha raggiunto proporzioni che superano di gran lunga la resistenza terrestre. Ed è per questo che Enrico Giovannini, fondatore dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, docente di Statistica economica all’Università di Roma Tor Vergata e Public management alla LUISS, già presidente delle Statistiche OCSE, dell’Istat e Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha dedicato gran parte della sua vita professionale allo studio di questi fenomeni. Il suo ultimo lavoro, L’utopia sostenibile, edito da Laterza nella collana Saggi Tascabili, affronta con emozione e speranza il tema che pone al centro un mondo che può e deve diventare sostenibile. Utopia? Forse, eppure la sola nostra via di salvezza: «La strada verso lo sviluppo sostenibile è non solo possibile, ma anche l’unico modo per evitare i rischi di quel collasso socio-economico riconosciuti come reali dai leader dei Paesi dell’Onu».

I dati che abbiamo non sono incoraggianti, i ritmi martellanti dell’attuale modello di sviluppo consumano inesorabilmente la Terra, ne cambiano la conformazione, la geografia, e se prima si poteva parlare di una distruzione del futuro dei nostri discendenti, l’accelerazione di questo processo, pur prevista da lungo tempo, ci ha portato in breve tempo a una visione di distruzione già solo del nostro futuro. Le politiche economiche da attuare sono incombenti, non procrastinabili ulteriormente. Dall’Olocene, periodo durato all’incirca dodicimila anni, nel quale lo sfruttamento senza limiti della natura ha portato allo sviluppo delle nostre civiltà, siamo passati all’Antropocene (definizione di Paul Crutzen, 2005), cioè nell’era in cui «è l’uomo, con i suoi comportamenti, a determinare lo stato e l’evoluzione dell’intero Pianeta», e dunque ad avere l’obbligo morale, civile e anche pratico di salvaguardarlo. Il radicale cambio di rotta ha costretto l’uomo a riunirsi. Il primo capitolo si è svolto nel 1972, anno della Conferenza delle Nazioni Unite sull’Ambiente Umano di Stoccolma, dove si è discusso per la prima volta dell’esaurimento delle risorse naturali disponibili. Da questo momento in poi dibattiti, incontri, conferenze, impegni internazionali non hanno mai abbandonato la discussione politica ed economica internazionale, una storia che ha attraversato la Conferenza Onu su ambiente e sviluppo del 1992, quando è stata approvata l’Agenda 21 (obiettivi per il XXI secolo), la Firma del Protocollo di Kyoto del 1997, il Vertice di Johannesburg del 2002, la Conferenza di Rio del 2012, fino ad arrivare all’ultimo capitolo che più ci riguarda d vicino, l’approvazione dell’Agenda 2030 nel 2015.

L’Italia è perfettamente inserita in questa discussione, con impegni urgenti da risolvere quanto prima. Eppure, nonostante diversi parametri facciano segnare un incremento positivo, la crescita e la svolta verso un sistema sostenibile è ancora lontana dall’essere davvero attuata. «Alla luce delle valutazioni effettuate da alcuni centri internazionali di ricerca e dell’analisi degli indicatori disponibili per il caso italiano, il Rapporto ASviS [Alleanaza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile] di settembre 2016 aveva espresso un giudizio chiaro e netto sulla non sostenibilità della condizione dell’Italia»; tutti gli indicatori offerti dall’Agenda 2030 segnano una battuta d’arresto sul nostro suolo, con percentuali imbarazzanti se paragonate a quelle europee. Il vecchio modello non funziona più, il nuovo è bloccato: cosa fare? Questa è la domanda centrale posta da Enrico Giovannini, articolata per una Nazione, la nostra, inserita in un mondo connesso e complesso, che interroga il lettore in primis ma senza abbandonarlo. La crisi generata dalla lettura non ha un compito terroristico, ma dialogico, come momento fondamentale in cui discutere e far discutere. La presa di posizione dell’autore è netta, non priva di supporti scientifici: «Mettere lo sviluppo sostenibile al centro dell’azione politica», «inserire lo sviluppo sostenibile nella Costituzione», «rafforzare il ruolo del presidente del Consiglio per assicurare la coerenza delle politiche orientate allo sviluppo sostenibile», ma soprattutto «aumentare il livello di partecipazione dei cittadini alle decisioni pubbliche».

L’utopia sostenibile, volume di poco più di 150 pagine, è un obiettivo davvero concreto (l’ossimorica utopia concreta non è realmente posta, ma solo un pretesto per rilanciare la tematica urgente al vero motore di una nazione, i suoi abitanti), giusto, essenziale, da perseguire e da conseguire, utopico davvero solo se lasciato scorrere nei vari dibattiti come ordinaria burocrazia europea. In un saggio esplicativo, sincero, in parte accorato ma forte di un’incrollabile speranza, Enrico Giovannini si rivolge a chi può davvero realizzare tutto questo. Le soluzioni fornite, sostenute da una serie di dati economici e statistici, persuadono; il linguaggio divulgativo sensibilizza e rende chiaro un progetto realmente fattibile, reso inarrivabile da troppa impazienza o indifferenza colpevole. Il saggio mette in mostra quanto c’è da fare, ma è anche una testimonianza fondamentale di quanto si è fatto, di quanto si è discusso, di un progetto nato in Europa (e anzi, in Italia, visti i primi allarmi arrivati nel 1972 da un team di statisti di Roma) e di cui dobbiamo essere fieri, prima ancora che ferventi sostenitori. E allora l’appello è a collaborare, a comprendere cosa accade intorno a noi, verso dove ci dirigiamo e a seguire chi lavora costantemente per il nostro futuro. Ha ancora senso pensarci al di fuori di questo meccanismo?

Luigi Bianco

Il blog di Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Luigi Bianco, «Recensioni». “L’utopia sostenibile” di Enrico Giovannini – Louis Book World

[…] Pubblicazione I-Libri […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Enrico

Giovannini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Giovannini Enrico


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Evie sogna una vita normale, ma quando a sedici anni si ha il dono di vedere i mostri e si è un'agente del Centro Internazionale del Contenimento del Paranormale anche la ricerca della normalità può essere un'avventura. Se poi ci si mette una sirena come amica del cuore, una fata dei boschi maschio come ex e una cotta per un aitante mutaforma, la missione diventa quasi impossibile... Ma fra mille avventure e qualche momento di romanticismo, dopo aver sconfitto un'oscura profezia delle fate, aver salvato il mondo del paranormale e aver fatto i conti con la sua vera identità, Evie, accoccolata sotto una coperta con Preston, il suo mutaforma, sentirà le loro anime fondersi e l'amore trionferà su tutto, nel mondo normale, e anche in quello un po' più strano. Ironico e dissacrante, ''Paranormalmente'' è un romanzo pieno di azione e di fantasmagorici colpi di scena. Una lettura divertente e originale che sfata i miti fantasy più in voga ridicolizzando i vampiri e ingentilendo i lupi mannari. Titolo originale: ''Paranormalcy'' (2010).

PARANORMALMENTE

White Kiersten

Al BarLume, in un paese della costa intorno a Livorno, tra un caffè e una briscola in cinque, quattro vecchietti e il barista si ritrovano a chiacchierare, discutere, contendere, litigare e infine indagare sul delitto di una giovane ragazza. E sotto all’intrigo giallo, la vita di una provincia ricca che sopravvive testarda alla devastazione del consumismo turistico. La rivalsa dei pensionati. Da un cassonetto dell’immondizia in un parcheggio periferico, sporge il cadavere di una ragazza giovanissima. Siamo in un paese della costa intorno a Livorno, l’immaginaria Pineta, «diventata località balneare di moda a tutti gli effetti, e quindi la Pro Loco sta inesorabilmente estinguendo le categorie dei vecchietti rivoltandogli contro l’architettura del paese: dove c’era il bar con le bocce hanno messo un discopub all’aperto, in pineta al posto del parco giochi per i nipoti si è materializzata una palestra da body-building all’aperto, e non si trova più una panchina, solo rastrelliere per le moto». L’omicidio ha l’ovvio aspetto di un brutto affare tra droga e sesso, anche a causa della licenziosa condotta che teneva la vittima, viziata figlia di buona famiglia. E i sospetti cadono su due amici della ragazzina nel giro delle discoteche. Ma caso vuole che, per amor di maldicenza e per ammazzare il tempo, sul delitto cominci a chiacchierare, discutere, contendere, litigare e infine indagare il gruppo dei vecchietti del BarLume e il suo barista. In realtà è quest’ultimo il vero svogliato investigatore. I pensionati fanno da apparato all’indagine, la discutono, la spogliano, la raffinano, passandola a un comico setaccio di irriverenze. Sicché, sotto all’intrigo giallo, spunta la vita di una provincia ricca, civile, dai modi spicci e dallo spirito iperbolico, che sopravvive testarda alla devastazione del consumismo turistico modellato dalla televisione. Un giallo in toscanaccio.

LA BRISCOLA IN CINQUE

Malvaldi Marco

Maya Vidal, l’adolescente protagonista del nuovo romanzo di Isabel Allende, caduta nel circuito dell’alcol e della droga riesce a riemergere dai bassifondi di Las Vegas e in fuga da spacciatori e agenti dell’Fbi approda nell’incontaminato arcipelago di Chiloé, nel sud del Cile. Amori difficili, frammenti di storia cilena ancora carichi di sofferenza, famiglie disgregate, disagio giovanile, marginalità e degrado trovano come contraltare il valore delle tradizioni locali, il rispetto per l’ambiente e un modello di vita comunitaria nell’affermazione del valore della diversità e del rispetto reciproco. Isabel Allende torna a raccontare la vita di una grande donna, la storia di Maya, in un romanzo che affronta con grande delicatezza le relazioni umane: le amicizie incondizionate, le storie d’amore palpabili come quelle più invisibili, gli amori adolescenziali e quelli lunghi una vita. Un ritmo incalzante, una prosa disincantata e ironica per questa nuova prova narrativa che si tinge di noir e per l’ennesima eccezionale galleria di donne volitive e uomini capaci di amare.

IL QUADERNO DI MAYA

Allende Isabel

La vita di Agapitu, detto "Matoforu", il contastorie di Thilipirches, in Barbagia: il venditore di metafore. Dalla sua nascita avvolta nel mistero, fino a quando, oramai adulto e tra i pochi sopravvissuti alla Grande Carestia che ha colpito il suo paese, decide di vivere raccontando le vite degli altri. Il romanzo è l'insieme di tutte queste vite: quella del becchino, del nano, di Giovanna Garofano, dell'inventore della macchina cancellapeccati, dell'aggiustaossa e del mai cresciuto... Matoforu racconta sulla piazza o davanti al sagrato di un paese che cambia ad ogni racconto. Eppure, pur essendo coinvolto da queste esistenze comuni e prodigiose, il lettore si appassiona anche alla vita di colui che narra, dall'incontro col cane che lo accompagna nel corso dei suoi viaggi, ai carabinieri che lo minacciano e gli impongono di smettere di fare il contastorie perché disturba l'ordine pubblico, ai mesi trascorsi nascosto in una grotta come un latitante, all'amore per Anzelina la contadora, la donna con la quale trascorrerà il tempo che gli è rimasto da vivere...

Il venditore di metafore

Niffoi Salvatore