Raccolte

Lutto libero allo Scriptorium Cafè

AA. VV.

Descrizione: Si può ricordare l'estate di un lutto come la più bella di sempre? Si può tornare a sorridere dopo aver perso ciò che avevamo di più caro? Ventitré autori rispondono, cercando nuovi occhi per guardare la morte, senza nascondere le ferite, scegliendo non di dimenticarla, ma di accettarla e, semmai, assecondarla, esorcizzando il loro lutto in racconti piena di vitalità. Ci sono tanti modi per raccontare la morte, che sia essa la perdita di una persona cara o la fine di un amore. In «Lutto libero» c'è la volontà di rispondere alla morte con l'ironia, per liberarsi in modo catartico di un momento durissimo. E soprattutto con il desiderio di tornare a sorridere, di abbracciare un amico, di fare l'amore perché «l'unico modo che abbiamo per rispondere alla morte è la vita». Storie di: Ezio Azzollini, Donato Barile, Matteo Bianconi, Matteo Caccia, Ilaria Calamandrei, Cristiano Carriero, Giusy Cascio, Michele Dalai, Tommy Dibari, Fabio Fanelli, Virginia Gaspardo, Marco Maddaloni, Marco Napoletano, Giulia Olivi, Fulvio Paglialunga, Giuliano Pavone, Claudio Pellecchia, Lucia Perrucci, Alessandro Piemontese, Francesco Poroli, Ferdinando Sallustio, Ivan Tabanelli, Roberto Venturini.

Categoria: Raccolte

Editore: Gelsorosso

Collana: Fuori collana

Anno: 2018

ISBN: 9788898286621

Trama

Le Vostre recensioni

Lutto libero allo Scriptorium Cafè – 19 aprile 2018, magia di un tempo sospeso tra aperitivi solari e fuori salone del mobile. Con il conforto di un espresso cremoso è iniziata una serata apparentemente impegnativa allo Scriptorium Cafè, un luogo di coccole che sarebbe riduttivo chiamare bar, gestito dalla creatività sapiente e letteraria di Virginia e Pasquale. Questo cantuccio verde, ritagliato nel cuore di Milano, ha riservato il suo spazio speciale all’accoglienza di un’unione di anime. Così ama definirla Cristiano Carriero, ideatore e curatore di una raccolta di racconti dedicati al tema della perdita.

Parliamo del libro intitolato Lutto Libero, nato dalla riconoscenza di Cristiano per la fondazione ANT, che ha accompagnato amorevolmente la madre nell’ultimo periodo della sua vita. Si può ricordare l’estate di un lutto come la più bella di sempre? Si può tornare a sorridere dopo aver perso ciò che avevamo di più caro? Ventitré autori rispondono, cercando nuovi occhi per guardare la morte, senza nascondere le ferite, scegliendo di non dimenticarla, ma di accettarla e, semmai, assecondarla.

Una copertina strepitosa, che prende vita dall’arte evocativa e generosa di Francesco Poroli, e un girotondo di autori entusiasti, che oltre ad affrontare il dolore guardandolo negli occhi, rendono possibile un sostegno economico alla ANT. Fondazione che da quarant’anni offre assistenza domiciliare psiconcologica gratuita, e che ha appena inaugurato una nuova sede a Milano.

Per questo progetto Cristiano Carriero ha raccolto adesioni tra i suoi colleghi storyteller e tra gli amici dei social, che hanno compreso e saputo interpretare la finalità terapeutica di queste narrazioni. Ridere di una cosa tragica, o quantomeno riuscire a sorridere, raccontando episodi nati dall’esperienza personale.

Che non sempre attiene al tema della perdita di una persona cara. Sì, perché la declinazione del lutto deve essere rigorosamente libera, libera da ogni cliché e da qualsiasi giudizio esterno. Non esiste il lutto perfetto ci dice con semplicità Virginia, che ha smesso per un momento i panni della padrona di casa per vestire quelli dell’autrice di uno dei ventitré racconti. Si commuove profondamente, la Viz, commentando questa libertà che appartiene di diritto a ciascuno di noi e, in particolare, affermando che la perdita può essere anche una liberazione, un sollievo. Ci regala la sua storia vera, le sofferenze che la rendono simile a molti di noi, le ferite che avranno bisogno di tempo per generare cicatrici artistiche.

Altri autori hanno filtrato la loro esperienza personale con l’ausilio di narrazioni più visionarie, o nostalgiche, quasi surreali a volte, ma sempre capaci di mostrare il fianco della fragilità umana. Che poi è il lato più liberatorio in assoluto, la capacità di ammettere che la fragilità non nega per nulla, anzi esalta, la forza prorompente e coraggiosa, generatrice di novità, che la vita stessa e la nostra anima personale sono capaci di portare sempre alla luce.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vv.

Aa.

Libri dallo stesso autore

Intervista a AA. VV.

Quando "nel mezzo del cammin della propria vita ci si ritrova per una selva oscura ché la diritta via era smarrita" è un buon momento per capire cosa si vuole dal proprio futuro. Ed è in uno di questi momenti che la protagonista si ferma un istante a riflettere sulla propria vita, comincia a prendere consapevolezza di sé e cerca di svincolarsi dalle pressioni sociali ritrovando così i suoi desideri che pian piano comincia a perseguire. Vuole ritrovare la magia di un sogno che si tramuta in realtà e rimettere equilibrio nelle amicizie. Scopre il potere del no, e di quanto a volte possa essere una parolina positiva. Così nel suo cambiamento ritrova il suo essere e l'amore.

POI, HO SMESSO

Green Sofia

Ambientato in una borghesia ricca e annoiata, Un anno fa domani si apre con un incidente d’auto in cui la moglie di Vittorio Congedo, medico affermato e protagonista della storia, muore. Molti dubbi restano sulle dinamiche dell’avvenimento che trasformerà completamente la vita del dottore: oltre a scoprire un’inattesa eredità milionaria lasciata dalla moglie, infatti, molto presto Vittorio si risposerà con una giovanissima paziente dalla quale avrà una figlia. Attorno a questo personaggio ossessionato e cinico si intrecceranno storie di sesso e amanti, denaro e lusso, di uomini imprigionati in un’infelicità dorata in cui la famiglia ha perso ogni valore consolatorio. La vicenda, che alterna al racconto principale le immagini delle vite dei suoi protagonisti, si snoda su più livelli temporali, animando un brillante mosaico in cui la capacità di scrittura di Mondadori affonda la lama nelle ipocrisie dei nostri giorni.

UN ANNO FA DOMANI

Mondadori Sebastiano

Un genio della letteratura che però ha smesso di scrivere. Un lettore molto arrabbiato che ha deciso di punirlo. Un manoscritto rubato e una vendetta da gustare fredda. Poche tracce per il detective Hodges, l’eroe di Mr Mercedes. Abbastanza per scatenare una nuova caccia all’uomo.

Chi perde paga

King Stephen

Nella vivace Istanbul, la vita della libraia turco-tedesca Kati Hirschel scorre fin troppo tranquilla. Il nuovo appartamento che condivide con lo spagnolo Fofo è ormai sistemato, tutti i debiti sono stati pagati e la libreria di cui va tanto fiera - l’unica in tutta la città specializzata in libri gialli - è ben frequentata da locali e turisti. Forse per noia, o per la mancanza di un fidanzato che la tenga occupata, Kati si lascia trascinare da una chiaroveggente che dovrebbe aiutare Fofo a risolvere i suoi problemi di cuore. Le cose prendono una piega inaspettata quando la lettrice di fondi di caffè «vede» la morte di una giovane donna. Temendo che possa trattarsi della fidata collaboratrice Pelin, la libraia corre in ospedale e scopre che la vita in pericolo è un’altra: quella di Nil, ricoverata in terapia intensiva dopo un misterioso malore. Com’è possibile che una donna di neanche trent’anni, in perfetta salute, sia improvvisamente colpita da un attacco cardiaco? E perché aveva la schiuma alla bocca? Il caso è decisamente sospetto e risveglia subito la proverbiale curiosità di Kati, che insieme a Hakan, fratello della «vittima», comincia a scavare nella vita di Nil e a notare altre stranezze. Ad esempio che la giovane, pur essendo disoccupata da sei mesi, poteva permettersi oggetti costosi e una lussuosa abitazione in uno dei quartieri più eleganti di Istanbul. Ce n’è abbastanza per ipotizzare un coinvolgimento in affari loschi. O la presenza di un ricco amante, magari sposato e interessato a sbarazzarsi di lei. Ancora più singolare risulta però la passione di Nil per il tango, legata probabilmente alla decisione di scrivere un romanzo ambientato tra Turchia e Argentina, due paesi accomunati da anni di dittatura militare, da violenze e ingiustizie nei confronti di oppositori e minoranze. E così, grazie al solito mix di intuito, faccia tosta e conoscenza della società turca, Kati porterà avanti anche quest’indagine a modo suo, tra chiacchiere e bicchieri di tè.

Tango a Istanbul

Aykol Esmahan