Raccolte

Lutto libero allo Scriptorium Cafè

AA. VV.

Descrizione: Si può ricordare l'estate di un lutto come la più bella di sempre? Si può tornare a sorridere dopo aver perso ciò che avevamo di più caro? Ventitré autori rispondono, cercando nuovi occhi per guardare la morte, senza nascondere le ferite, scegliendo non di dimenticarla, ma di accettarla e, semmai, assecondarla, esorcizzando il loro lutto in racconti piena di vitalità. Ci sono tanti modi per raccontare la morte, che sia essa la perdita di una persona cara o la fine di un amore. In «Lutto libero» c'è la volontà di rispondere alla morte con l'ironia, per liberarsi in modo catartico di un momento durissimo. E soprattutto con il desiderio di tornare a sorridere, di abbracciare un amico, di fare l'amore perché «l'unico modo che abbiamo per rispondere alla morte è la vita». Storie di: Ezio Azzollini, Donato Barile, Matteo Bianconi, Matteo Caccia, Ilaria Calamandrei, Cristiano Carriero, Giusy Cascio, Michele Dalai, Tommy Dibari, Fabio Fanelli, Virginia Gaspardo, Marco Maddaloni, Marco Napoletano, Giulia Olivi, Fulvio Paglialunga, Giuliano Pavone, Claudio Pellecchia, Lucia Perrucci, Alessandro Piemontese, Francesco Poroli, Ferdinando Sallustio, Ivan Tabanelli, Roberto Venturini.

Categoria: Raccolte

Editore: Gelsorosso

Collana: Fuori collana

Anno: 2018

ISBN: 9788898286621

Trama

Le Vostre recensioni

Lutto libero allo Scriptorium Cafè – 19 aprile 2018, magia di un tempo sospeso tra aperitivi solari e fuori salone del mobile. Con il conforto di un espresso cremoso è iniziata una serata apparentemente impegnativa allo Scriptorium Cafè, un luogo di coccole che sarebbe riduttivo chiamare bar, gestito dalla creatività sapiente e letteraria di Virginia e Pasquale. Questo cantuccio verde, ritagliato nel cuore di Milano, ha riservato il suo spazio speciale all’accoglienza di un’unione di anime. Così ama definirla Cristiano Carriero, ideatore e curatore di una raccolta di racconti dedicati al tema della perdita.

Parliamo del libro intitolato Lutto Libero, nato dalla riconoscenza di Cristiano per la fondazione ANT, che ha accompagnato amorevolmente la madre nell’ultimo periodo della sua vita. Si può ricordare l’estate di un lutto come la più bella di sempre? Si può tornare a sorridere dopo aver perso ciò che avevamo di più caro? Ventitré autori rispondono, cercando nuovi occhi per guardare la morte, senza nascondere le ferite, scegliendo di non dimenticarla, ma di accettarla e, semmai, assecondarla.

Una copertina strepitosa, che prende vita dall’arte evocativa e generosa di Francesco Poroli, e un girotondo di autori entusiasti, che oltre ad affrontare il dolore guardandolo negli occhi, rendono possibile un sostegno economico alla ANT. Fondazione che da quarant’anni offre assistenza domiciliare psiconcologica gratuita, e che ha appena inaugurato una nuova sede a Milano.

Per questo progetto Cristiano Carriero ha raccolto adesioni tra i suoi colleghi storyteller e tra gli amici dei social, che hanno compreso e saputo interpretare la finalità terapeutica di queste narrazioni. Ridere di una cosa tragica, o quantomeno riuscire a sorridere, raccontando episodi nati dall’esperienza personale.

Che non sempre attiene al tema della perdita di una persona cara. Sì, perché la declinazione del lutto deve essere rigorosamente libera, libera da ogni cliché e da qualsiasi giudizio esterno. Non esiste il lutto perfetto ci dice con semplicità Virginia, che ha smesso per un momento i panni della padrona di casa per vestire quelli dell’autrice di uno dei ventitré racconti. Si commuove profondamente, la Viz, commentando questa libertà che appartiene di diritto a ciascuno di noi e, in particolare, affermando che la perdita può essere anche una liberazione, un sollievo. Ci regala la sua storia vera, le sofferenze che la rendono simile a molti di noi, le ferite che avranno bisogno di tempo per generare cicatrici artistiche.

Altri autori hanno filtrato la loro esperienza personale con l’ausilio di narrazioni più visionarie, o nostalgiche, quasi surreali a volte, ma sempre capaci di mostrare il fianco della fragilità umana. Che poi è il lato più liberatorio in assoluto, la capacità di ammettere che la fragilità non nega per nulla, anzi esalta, la forza prorompente e coraggiosa, generatrice di novità, che la vita stessa e la nostra anima personale sono capaci di portare sempre alla luce.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vv.

Aa.

Libri dallo stesso autore

Intervista a AA. VV.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Varsavia, 1940. Adam aveva nove anni ed era alto un metro e ventisei; misurare la sua altezza era uno dei passatempi con cui lui e lo zio ingannavano la monotonia della vita nel ghetto. È nel filo spinato che separa quell'isola dimenticata nel cuore della città dal mondo esterno che, all'alba di un gelido mattino d'inverno, viene ritrovato il suo corpo senza vita: nudo, la gamba destra amputata sotto il ginocchio. Poi è la volta di Anna, quindici anni: anche lei è stata gettata nel filo spinato, ma a mancarle è la mano destra. In entrambi i casi, nelle parti mutilate la pelle presentava macchie o strane anomalie. La lotta quotidiana per la sopravvivenza non dà il tempo di soffermarsi sulle analogie che legano i due delitti: quando l'orrore è all'ordine del giorno, analizzarne i dettagli è una pratica che può condurre alla follia. Eppure, proprio nei particolari si scorge la strada verso la verità, e solo la ricerca della verità può in qualche modo placare il dolore e il senso di colpa di Erik Cohen, zio di Adam nonché psichiatra nella precedente vita da uomo libero. Quando Adam è scomparso, era lui a doverlo tenere d'occhio; è stato lui, dietro tanta insistenza da parte del bambino, che si annoiava in casa, a dargli il permesso di uscire a giocare, facendogli promettere di non allontanarsi dalla strada, neanche se i marziani fossero atterrati sulla sinagoga e avessero chiesto a lui in persona di negoziare un trattato di pace. L'uomo inizia un'indagine personale.

Gli anagrammi di Varsavia

Zimler Richard

In una Palermo sporca e violenta, un bambino di nove anni, cresciuto in una famiglia di pugili, sale per la prima volta sul ring. Nel suo formidabile esordio, Davide Enia racconta cinquant’anni di storia, dalla campagna italiana in Africa durante il secondo conflitto mondiale al tragico 1992 - quando nel capoluogo siciliano tornano a esplodere le bombe - passando per il periodo della ricostruzione post bellica, gli anni del «sacco di Palermo» e quelli della mattanza di mafia. Usando con una maestria da togliere il fiato tutti i registri narrativi, dal tragico all’onirico al comico al sentimentale, Enia restituisce un impietoso ritratto di un mondo ricolmo di ironia e violenza, con una scrittura carnale, epica, dolce e feroce.

COSI’ IN TERRA

Enia Davide

Napoli, marzo 1931, mentre un inverno particolarmente rigido tiene la città stretta in una morsa di gelo, un assassinio scuote l'opinione pubblica per la ferocia con cui il crimine è perpetrato e per la notorietà del morto. Il grande tenore Arnaldo Vezzi viene trovato cadavere nel suo camerino al Teatro San Carlo prima della rappresentazione de "I Pagliacci", la gola squarciata da un frammento acuminato dello specchio andato in pezzi. Artista di fama mondiale, amico del Duce, uomo egoista e meschino: a ricostruire la personalità della vittima e a risolvere il caso è chiamato il commissario Luigi Alfredo Ricciardi, in forza alla Squadra Mobile della Regia Questura di Napoli. Investigatore anomalo, mal sopportato dai superiori per la sua insofferenza agli ordini e temuto dai sottoposti per il suo carattere chiuso ed enigmatico, Ricciardi coltiva nel suo animo tormentato un segreto inconfessabile: fin da bambino "vede i morti" - ma solo chi muore di morte violenta - , coglie la loro immagine nell'ultimo momento di vita e ascolta le ultime parole, "il Fatto" come lo chiama lui, lo aiuta nelle indagini. Affiancato dal brigadiere Maione, il commissario interroga il personale del San Carlo, incontra l'affascinante Livia e ascolta le considerazioni di Don Pierino; comprende che molti avrebbero avuto un buon movente per uccidere Vezzi. Interprete del disagio della città, attento alle esigenze dei più deboli, Ricciardi risolve brillantemente il caso seguendo il suo senso di giustizia.

Il senso del dolore

De Giovanni Maurizio

Onça-pintada