Letteratura femminile

MABEL DICE SI’

Ricci Luca

Descrizione: Un pianista che fa il portiere di notte. Un albergo e le sue stanze, perfette per nascondere i segreti. Un'enigmatica receptionist, con «un sorriso negli occhi» al quale è impossibile resistere. Un gioco di presenze e fughe, di sguardi e tradimenti. Un romanzo conturbante sul potere invincibile di chi sa dire al mondo - semplicemente - sí. Con una scrittura che intrappola il lettore nella medesima veglia forzata vissuta dal protagonista, Luca Ricci ci consegna il ritratto indimenticabile di una donna disposta a mettere da parte «quell'illusione di unicità che anche il legame piú abietto non è disposto a negoziare».

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Einaudi

Collana: L'Arcipelago Einaudi

Anno: 2012

ISBN: 9788806211769

Trama

Le Vostre recensioni

E più che altro la guardai. Non era una bellezza canonica. Bruna dall’incarnato chiaro, aveva curve trascurabili. Poco seno, pochi fianchi, nessuno slancio. Eppure, quando si muoveva – perfino nei movimenti impercettibili che si possono fare stando seduti – comunicava una morbidezza del tutto assente nelle sue forme“.

Mabel è solo la collega del turno di notte.

Il protagonista, lui, fa il portiere in un hotel. Un lavoro provvisorio con cui sopravvive da ex studente di conservatorio, sospeso tra il sogno di diventare un grande pianista e la scarsa consapevolezza di sé e del presente.

Mabel è la ragazza che non dice, ma i suoi gesti incatenano alla sedia e tolgono la pace.

Lui, il protagonista, la guarda senza comprendere i suoi silenzi e il segreto di quegli occhi che sorridono.

Il corpo di Mabel toglie il sonno e agli uomini, tanti, che le si avvicinano non dice mai di no.

Il protagonista, lui, è solo l’osservatore degli intrecci e dei tradimenti che Mabel, suo malgrado, lascia dietro di sé: Tommasini il direttore dell’albergo l’ha voluta e non smette di cercarla; Nicola, il collega, la incontra nella stanza 143; Saverio, il manutentore, ha bisogno di lei.

Mentre il protagonista di queste pagine, l’io narrante, è incapace di cogliere il ritmo della propria esistenza, imprigionato in un lavoro che fatica ad apprezzare e sprovvisto dello slancio ideale per realizzare  i propri sogni, Mabel è  artista della propria vita. E’ slancio autentico.
Mabel sceglie di amare e ama per necessità. La sua natura, come l’ossigeno, tende “ad occupare tutto lo spazio disponibile“. Mabel non ha bisogno di spiegare. Semplicemente vive. 

Luca Ricci, con il suo ultimo romanzo, narra la storia di una vita, una come tante: quella del giovane protagonista che, ormai “cresciuto”, ricorda l’incontro con Mabel avvenuto molti anni prima dietro il bancone di un hotel. Nell’apparente immobilismo di quei giorni rassegnati, troverà proprio nella vicinanza della ragazza l’ispirazione per ritrovarsi.

Mabel è il motore di questa storia, colei che – senza volerlo – trascina i  personaggi in un vortice crescente di pensieri ed emozioni.   
Un personaggio femminile insolito: sensuale ed arrendevole, accattivante ma non prorompente. Quella di Mabel sembra una missione: chi la incontra vi si rifugia e trova conforto, rimanendo soggiogato dalla sua generosità. Mabel si dona senza chiedere nulla in cambio. Mabel non si giudica, la si ama. Raramente si udirà la sua voce, Mabel parla con il suo corpo, con la sua presenza-assenza. Compare e ricompare nella scrittura di Ricci con note di bianco e nero, come i tasti noti di un pianoforte da cui scaturiscono melodie sconosciute. Mabel è una sola nota e in essa si nasconde la sua poesia. Mabel, semplicemente, dice sì.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luca

Ricci

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ricci Luca


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

IL DELFINO

Morelli Elettra

Quando facciamo una scelta - che si tratti di amore, lavoro, casa, figli - il più delle volte non è il 100% di noi a prendere la decisione. Una parte non piccola continua a essere innamorata dell'uomo che si sta lasciando, dell'appartamento da cui si sta traslocando, delle pause caffè con i colleghi di sempre. Queste cose non scompaiono come avviene nei film o nei romanzi. Lí, il protagonista sceglie di cambiare vita, si sposa o divorzia, emigra, butta all'aria la carriera, diventa un ladro o una spia. Ma comunque vadano le cose, quello che si è lasciato alle spalle rimane, appunto, alle spalle. Nella vita reale, invece, le scelte che non abbiamo fatto continuano a vivere accanto a noi, e non occorre provare rimpianto per volere un po' di bene a quelle vite scartate per un soffio. Il più delle volte scegliamo tra due opzioni che non sono vestite una di bianco e una di nero, sono due nuances di grigio. E finiamo per scegliere quella che convince di più una parte di noi, il 51%, ad esempio. E il restante 49%, quello rimasto in panchina, non scompare, rimane lì. Capita di rincontrarlo. O di andare a cercarlo, come succede in questo libro. Nelle facce e nelle storie delle persone che, invece, hanno scelto di fare proprio le cose a cui noi abbiamo rinunciato.

Le scelte che non hai fatto

Perosino Maria

In una particolarissima casa di appuntamenti, attempati gentiluomini si concedono il piacere di giacere accanto a splendide giovani donne addormentate. Un raffinato e inquietante racconto erotico che sa cogliere i profondi misteri dell'anima con tocchi luminosi e leggeri. Il romanzo più delicato e suggestivo di Kawabata (1899-1972), premio Nobel per la letteratura 1968.

LA CASA DELLE BELLE ADDORMENTATE

Kawabata Yasunari

Quando una coppia in divisa bussa alla sua porta, Manuel, scrittore di successo ossessivamente dedito alla stesura del prossimo bestseller, intuisce all'istante che dev'essere accaduto qualcosa di grave ad Alvaro, l'uomo che ama e al quale è sposato da anni. E infatti il corpo senza vita del marito è stato ritrovato al volante della sua auto, inspiegabilmente uscita di strada tra le vigne e i paesaggi scoscesi della Galizia, a chilometri di distanza dal luogo in cui Alvaro avrebbe dovuto trovarsi al momento dell'incidente. Sconvolto, Manuel parte per identificare la salma. Ma giunto a destinazione si ritrova invischiato in un intrico di menzogne, segreti e omissioni che ha al centro la ricca e arrogante famiglia d'origine del marito. Con l'aiuto di Nogueira, poliziotto in pensione dal carattere ruvido, e di Padre Lucas, il prete locale amico d'infanzia di Alvaro, Manuel indaga sulle molte ombre nel passato dei Muñiz Dávila e sulla vita segreta dell'uomo che si era illuso di conoscere quanto se stesso.

Tutto questo ti darò

Redondo Dolores