Letteratura femminile

MABEL DICE SI’

Ricci Luca

Descrizione: Un pianista che fa il portiere di notte. Un albergo e le sue stanze, perfette per nascondere i segreti. Un'enigmatica receptionist, con «un sorriso negli occhi» al quale è impossibile resistere. Un gioco di presenze e fughe, di sguardi e tradimenti. Un romanzo conturbante sul potere invincibile di chi sa dire al mondo - semplicemente - sí. Con una scrittura che intrappola il lettore nella medesima veglia forzata vissuta dal protagonista, Luca Ricci ci consegna il ritratto indimenticabile di una donna disposta a mettere da parte «quell'illusione di unicità che anche il legame piú abietto non è disposto a negoziare».

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Einaudi

Collana: L'Arcipelago Einaudi

Anno: 2012

ISBN: 9788806211769

Trama

Le Vostre recensioni

E più che altro la guardai. Non era una bellezza canonica. Bruna dall’incarnato chiaro, aveva curve trascurabili. Poco seno, pochi fianchi, nessuno slancio. Eppure, quando si muoveva – perfino nei movimenti impercettibili che si possono fare stando seduti – comunicava una morbidezza del tutto assente nelle sue forme“.

Mabel è solo la collega del turno di notte.

Il protagonista, lui, fa il portiere in un hotel. Un lavoro provvisorio con cui sopravvive da ex studente di conservatorio, sospeso tra il sogno di diventare un grande pianista e la scarsa consapevolezza di sé e del presente.

Mabel è la ragazza che non dice, ma i suoi gesti incatenano alla sedia e tolgono la pace.

Lui, il protagonista, la guarda senza comprendere i suoi silenzi e il segreto di quegli occhi che sorridono.

Il corpo di Mabel toglie il sonno e agli uomini, tanti, che le si avvicinano non dice mai di no.

Il protagonista, lui, è solo l’osservatore degli intrecci e dei tradimenti che Mabel, suo malgrado, lascia dietro di sé: Tommasini il direttore dell’albergo l’ha voluta e non smette di cercarla; Nicola, il collega, la incontra nella stanza 143; Saverio, il manutentore, ha bisogno di lei.

Mentre il protagonista di queste pagine, l’io narrante, è incapace di cogliere il ritmo della propria esistenza, imprigionato in un lavoro che fatica ad apprezzare e sprovvisto dello slancio ideale per realizzare  i propri sogni, Mabel è  artista della propria vita. E’ slancio autentico.
Mabel sceglie di amare e ama per necessità. La sua natura, come l’ossigeno, tende “ad occupare tutto lo spazio disponibile“. Mabel non ha bisogno di spiegare. Semplicemente vive. 

Luca Ricci, con il suo ultimo romanzo, narra la storia di una vita, una come tante: quella del giovane protagonista che, ormai “cresciuto”, ricorda l’incontro con Mabel avvenuto molti anni prima dietro il bancone di un hotel. Nell’apparente immobilismo di quei giorni rassegnati, troverà proprio nella vicinanza della ragazza l’ispirazione per ritrovarsi.

Mabel è il motore di questa storia, colei che – senza volerlo – trascina i  personaggi in un vortice crescente di pensieri ed emozioni.   
Un personaggio femminile insolito: sensuale ed arrendevole, accattivante ma non prorompente. Quella di Mabel sembra una missione: chi la incontra vi si rifugia e trova conforto, rimanendo soggiogato dalla sua generosità. Mabel si dona senza chiedere nulla in cambio. Mabel non si giudica, la si ama. Raramente si udirà la sua voce, Mabel parla con il suo corpo, con la sua presenza-assenza. Compare e ricompare nella scrittura di Ricci con note di bianco e nero, come i tasti noti di un pianoforte da cui scaturiscono melodie sconosciute. Mabel è una sola nota e in essa si nasconde la sua poesia. Mabel, semplicemente, dice sì.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luca

Ricci

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ricci Luca

La promessa di un viaggio è sempre la speranza di una rinascita. Non serve andare troppo lontano. Per riscoprirsi a volte basta solo staccarsi un po' da sé stessi. Due donne e un uomo, estranei l'uno all'altro eppure indissolubilmente legati, incroceranno i loro destini sulle orme di un padre fantastico da chi odiato, da chi sognato, da chi semplicemente amato come Natura vuole che il figlio ami il padre in giro fra la vecchia Europa e i sogni che non hanno confini. Solo così rinasceranno una seconda volta. Solo così saranno liberi.

IL VIAGGIO DI JOËLLE

Sacco Vanessa

Un segreto tenuto nascosto per lunghi anni, una scoperta sconvolgente, un uomo di successo e una donna in carriera, un artista squattrinato ma geniale, autore di un quadro misterioso. Immersa nelle atmosfere di una Trieste nebulosa e di una Venezia dal fascino liquido, si agita l’intrigante storia di Eugenio e Francesca, amanti sanguigni, dolci quanto irascibili. “Amata tela” è un romanzo in cui le vicende dei protagonisti si tingono di passioni travolgenti, in un vortice senza fine che si abbatterà inesorabilmente sulle loro vite. Amore, sesso e arte, si mescolano nei luoghi del sogno e del sentimento. “Amata tela” costruisce un’epica di esperienze umane, tra gioie e paure, attraverso un disegno sapientemente tracciato dalla penna di Giulia Madonna.

Amata tela

Madonna Giulia

Willie Black è un giornalista vecchio stampo: ama il suo lavoro e cerca di svolgerlo nel migliore dei modi, nel rispetto di un codice etico che ormai è retaggio di un'altra epoca. I giornali infatti sono in crisi, i colleghi svogliati e disattenti, e Willie, dopo venticinque anni di carriera nella cronaca politica, viene retrocesso al turno "crimini di notte", l'ultima sponda prima del licenziamento. La predisposizione a ficcarsi nei guai, il vizio dell'alcol e il difetto di dire sempre quello che pensa non gli sono di aiuto. E così, quando il corpo di una diciannovenne viene trovato senza testa nelle acque del South Anna River e la polizia archivia velocemente il caso dopo la confessione sospetta di un uomo, Willie si ritrova solo contro tutti: una crociata solitaria a Oregon Hill, un quartiere storico della città di Richmond, Virginia, dove un clima di razzismo, corruzione e menzogne si mette di traverso nella sua ostinata ricerca della verità per quella ragazza senza vita.

Oregon Hill

Owen Howard

IL CICLISTA IMPENITENTE – di Giancarlo Pauletto