Letteratura francese

Madame Bovary

Flaubert Gustave

Descrizione: Madame Bovary, apparso a puntare sulla "Revue de Paris" nel 1856 e integralmente un anno dopo, incontrò subito un grande successo di pubblico - dovuto anche al clamore del processo a cui il suo autore, incriminato per oltraggio alla morale e alla religione, fu sottoposto -, imponendosi all'attenzione della critica come il capolavoro assoluto del romanzo moderno. Incentrato sulla superba figura di Madame Bovary - donna inquieta, insoddisfatta, simbolo di un'insanabile frustrazione sentimentale e sociale - e giocato su un antiromanticismo ideologico e formale di fondo, Madame Bovary, come ha scritto Vladimir Nabokov, "dal punto di vista stilistico è prosa che fa ciò che si suppone faccia la poesia. Senza Flaubert non ci sarebbe stato Marcel Proust in Francia, né un James Joyce in Irlanda. In Russia, Cechov non sarebbe stato Checov".

Categoria: Letteratura francese

Editore: Mondadori

Collana: Oscar grandi classici

Anno: 2001

ISBN: 9788804477754

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Il dolore, la solitudine, la corruzione… Nell’Ottocento come oggi. È questa la più grande forza delle pagine di Flaubert: sono eterne…

La mia copia di “Madame Bovary” reca un’introduzione firmata Mario Lunetta, molto ben scritta. Ma Emma per me non è un vampiro che si nutre del sangue altrui e del proprio…

Emma è una sognatrice infelice, una donna che tradisce perché tradita dai suoi desideri, che dice addio alla vita perché non ha saputo goderne, presa com’era dallo sforzo di dominare uno spirito smanioso d’innalzarsi.

E quando, a dispetto delle sue ambizioni, si ritrova a stringere tra le mani il niente che ha costruito, non sa che farsene della disillusione: decide di troncare e, per la prima volta, si sente in pace…

Madame Bovary” è il primo romanzo di Gustave Flaubert.

All’indomani della sua pubblicazione, lo scrittore fu incriminato per oltraggio alla morale pubblica e alla religione e, in effetti, la storia di Emma dovette apparire piuttosto scandalosa per quei tempi, oltre che fortemente critica nei confronti della classe borghese in ascesa. Un’opera contro tendenza, insomma, e molto schietta e cruda nel descrivere l’insofferenza di una vita condotta senza preoccupazioni ma anche senza stimoli.

Una vita di inedia a cui Emma non vuole rassegnarsi: lei cerca la felicità, la passione… Possibile che non esistano?

Prima di sposarsi, aveva creduto di essere innamorata. Ma la felicità che sarebbe dovuta nascere dall’amore non era venuta. Si era dunque sbagliata, pensava. E Emma cercava di sapere che cosa mai s’intendesse precisamente nella vita con le parole felicità, passione, ebbrezza, che le erano sembrate così belle nei libri

Forse avrebbe desiderato confidare a qualcuno tutte queste cose. Ma come esprimere un inafferrabile malessere che muta come le nuvole e turbina come il vento?”

“La credeva felice. Invece ella provava un intimo risentimento per quella calma ferma, per quella serena ottusità, per la stessa felicità che gli dava

I primi mesi del matrimonio, le passeggiate a cavallo nella foresta, il Visconte che ballava il walzer e Lagardy che cantava – tutto le passava di nuovo davanti agli occhi… E Lèon, anche lui, le apparve improvvisamente nella stessa lontananza degli altri.

– Però io lo amo – si diceva. Si, ma non era felice, non lo era mai stata. Di dove veniva quella insufficienza della vita, quell’istantaneo imputridirsi delle cose alle quali si appoggiava? Se in qualche parte del mondo c’era un essere forte e bello, un’anima coraggiosa, piena, a un tempo, d’esaltazione e di raffinatezza, un cuore di poeta sotto forma d’angelo, lira dalle corde di bronzo che mandasse verso il cielo epitalami elegiaci, perché, dunque, non dovrebbe incontrarlo? Oh, era impossibile! E niente valeva la pena di una ricerca. Tutto era menzogna! Ogni sorriso nascondeva uno sbadiglio di noia, ogni gioia celava una maledizione, ogni piacere il suo disgusto, e i migliori baci lasciavano sulle labbra soltanto l’irrealizzabile desiderio di una voluttà più alta

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gustave

Flaubert

Libri dallo stesso autore

Intervista a Flaubert Gustave


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Laura Monteleone presenta Nidi di periferia. Milano, 11 marzo 2017

Negli anni '30 lo stato di Bahia, terra di cacao e di grandi latifondisti, diviene il miraggio per migliaia di diseredati che accorrono alla ricerca di un lavoro. Amado ha visto, ha studiato quella realtà con l'intelligenza di un etnologo o di un antropologo, e ha poi trasfuso in queste pagine tutta la sua capacità di raccontare, da autentico cantastorie della vita brasiliana. Mettendosi lui stesso nella parte di un bracciante, alfabetizzato ma incolto, nato da famiglia benestante però costretto da un rovescio finanziario a cercare lavoro, Amado racconta di fatiche disumane e di amori travolgenti e sensuali, di crudele violenza e di altruismo, di ingenuità e di fede, di morte e di sofferenza, di prepotenze dei fazendeiros e di spensierata allegria dei giovani, dipingendo con i suoi forti e coinvolgenti colori il quadro di un mondo e di tante vite.

Cacao

Amado Jorge

Fernanda Pivano incontra Charles Bukowski e lo fa parlare, quasi a ruota libera. Ne esce un ritratto incisivo di uomo e di artista. Precedute da una biografia dell'autore, la Pivano pone le sue domande, oscillando tra le questioni fondamentali e le piccole cose che fanno la vita di tutti i giorni.

Quello che importa è grattarmi sotto le ascelle

Bukowski Charles

Una giovane donna va in anni recenti alla ricerca del misterioso passato dei reclusi di un enorme lager in un'isola greca dove il regime dei colonnelli confinò insieme folli, poeti e oppositori politici. E sprofonda, come il coniglio di Alice, seguendo tracce semicancellate archivi polverosi e segni magici, in una catena imprevista di orrori e segreti dove la pazzia sempre più si mostra come eterno segno dell'opposizione e della ribellione e il passato rivive in storie miracolose, in una festa del linguaggio e della parola. Nella seconda parte del romanzo la detection su follia, normalità e violenza della giovane donna si allarga al mondo contemporaneo e finisce col diventare inevitabile, sconvolgente autobiografia dell'autrice, dove il nodo del rapporto con la madre e la scoperta del fantasma della propria follia (e di quella materna) si aprono in immagini di rara forza. Unica salvezza è la parola poetica, la passione di dire e raccontare che unisce i mondi nel gesto individuale di chi ha il coraggio di cercare ancora "la prima verità".

La prima verità

Vinci Simona