Letteratura francese

Madame Bovary

Flaubert Gustave

Descrizione: Madame Bovary, apparso a puntare sulla "Revue de Paris" nel 1856 e integralmente un anno dopo, incontrò subito un grande successo di pubblico - dovuto anche al clamore del processo a cui il suo autore, incriminato per oltraggio alla morale e alla religione, fu sottoposto -, imponendosi all'attenzione della critica come il capolavoro assoluto del romanzo moderno. Incentrato sulla superba figura di Madame Bovary - donna inquieta, insoddisfatta, simbolo di un'insanabile frustrazione sentimentale e sociale - e giocato su un antiromanticismo ideologico e formale di fondo, Madame Bovary, come ha scritto Vladimir Nabokov, "dal punto di vista stilistico è prosa che fa ciò che si suppone faccia la poesia. Senza Flaubert non ci sarebbe stato Marcel Proust in Francia, né un James Joyce in Irlanda. In Russia, Cechov non sarebbe stato Checov".

Categoria: Letteratura francese

Editore: Mondadori

Collana: Oscar grandi classici

Anno: 2001

ISBN: 9788804477754

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Il dolore, la solitudine, la corruzione… Nell’Ottocento come oggi. È questa la più grande forza delle pagine di Flaubert: sono eterne…

La mia copia di “Madame Bovary” reca un’introduzione firmata Mario Lunetta, molto ben scritta. Ma Emma per me non è un vampiro che si nutre del sangue altrui e del proprio…

Emma è una sognatrice infelice, una donna che tradisce perché tradita dai suoi desideri, che dice addio alla vita perché non ha saputo goderne, presa com’era dallo sforzo di dominare uno spirito smanioso d’innalzarsi.

E quando, a dispetto delle sue ambizioni, si ritrova a stringere tra le mani il niente che ha costruito, non sa che farsene della disillusione: decide di troncare e, per la prima volta, si sente in pace…

Madame Bovary” è il primo romanzo di Gustave Flaubert.

All’indomani della sua pubblicazione, lo scrittore fu incriminato per oltraggio alla morale pubblica e alla religione e, in effetti, la storia di Emma dovette apparire piuttosto scandalosa per quei tempi, oltre che fortemente critica nei confronti della classe borghese in ascesa. Un’opera contro tendenza, insomma, e molto schietta e cruda nel descrivere l’insofferenza di una vita condotta senza preoccupazioni ma anche senza stimoli.

Una vita di inedia a cui Emma non vuole rassegnarsi: lei cerca la felicità, la passione… Possibile che non esistano?

Prima di sposarsi, aveva creduto di essere innamorata. Ma la felicità che sarebbe dovuta nascere dall’amore non era venuta. Si era dunque sbagliata, pensava. E Emma cercava di sapere che cosa mai s’intendesse precisamente nella vita con le parole felicità, passione, ebbrezza, che le erano sembrate così belle nei libri

Forse avrebbe desiderato confidare a qualcuno tutte queste cose. Ma come esprimere un inafferrabile malessere che muta come le nuvole e turbina come il vento?”

“La credeva felice. Invece ella provava un intimo risentimento per quella calma ferma, per quella serena ottusità, per la stessa felicità che gli dava

I primi mesi del matrimonio, le passeggiate a cavallo nella foresta, il Visconte che ballava il walzer e Lagardy che cantava – tutto le passava di nuovo davanti agli occhi… E Lèon, anche lui, le apparve improvvisamente nella stessa lontananza degli altri.

– Però io lo amo – si diceva. Si, ma non era felice, non lo era mai stata. Di dove veniva quella insufficienza della vita, quell’istantaneo imputridirsi delle cose alle quali si appoggiava? Se in qualche parte del mondo c’era un essere forte e bello, un’anima coraggiosa, piena, a un tempo, d’esaltazione e di raffinatezza, un cuore di poeta sotto forma d’angelo, lira dalle corde di bronzo che mandasse verso il cielo epitalami elegiaci, perché, dunque, non dovrebbe incontrarlo? Oh, era impossibile! E niente valeva la pena di una ricerca. Tutto era menzogna! Ogni sorriso nascondeva uno sbadiglio di noia, ogni gioia celava una maledizione, ogni piacere il suo disgusto, e i migliori baci lasciavano sulle labbra soltanto l’irrealizzabile desiderio di una voluttà più alta

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gustave

Flaubert

Libri dallo stesso autore

Intervista a Flaubert Gustave


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Non ci pensa due volte la terribile, dispotica signora Pontreau a spingere giù dalla finestrella del granaio il genero immobilizzato da una crisi di epilessia. La morte di quel buono a nulla, di quella «marionetta» dalle gambe molli, le permetterà di annettersi la sua proprietà e soprattutto di riprendere il controllo sulle tre figlie. Ma c’è un’altra donna, altrettanto terribile, una vecchia domestica rancorosa, che ha dei sospetti e che potrebbe parlare, o ricattarla. Il prezzo da pagare perché tutto venga soffocato, perché una greve cappa di silenzio scenda sulle vittime e i colpevoli, e perché ogni cosa – il paese come la grande casa dalle finestre sprangate – ripiombi in una calma sinistra, sarà altissimo.

Il grande male

Simenon Georges

La storia di Cicikov, geniale artista del raggiro, antieroe plebeo che insegue il pallido miraggio degli ideali borghesi: il suo viaggio alla ricerca di "anime morte" per ottenere aiuti finanziari dallo Stato è, come ha scritto Michail Bachtin, "un'allegra marcia carnevalesca nell'inferno", in cui tutti i valori sono capovolti in un avvolgente e paradossale realismo negativo: il benessere, la famiglia, la rispettabilità, ciò cui Cicikov aspira di più si tingono di grottesco, e la sua storia e quella dei personaggi da lui incontrati si rivelano come altrettante tappe di un epos mancato, di una gigantesca parodia omerica che anticipa le avventure di altri illustri antieroi del romanzo moderno.

Le anime morte

Gogol' Nikolaj Vasil'evič

Storie individuali e vicende nazionali si intrecciano nell'appassionata narrazione di Letizia Vicidomini, che coinvolge generazioni di anime e personaggi a partire dalla capostipite, la centenaria Ernestina. Dalla scuola per signorine nel cuore di Napoli, dove si consuma la prima esperienza d'amore, all'inserimento difficile nella casa dei suoceri, a Sorrento, il romanzo viaggia attraverso ritratti di figli, nuore, cognate e nipoti, che hanno vissuto la recente storia italiana: la guerra, con la sua scia di morti, le Quattro Giornate, la ripresa del mondo del lavoro, finalmente aperto anche alle donne.L a saga familiare confluisce nella figura di Angel, il nipote preferito di Ernestina, dotato di una personalità complessa e di un "dono" speciale, che sa di magia.

La poltrona di seta rossa

Vicidomini Letizia

La Sardegna degli anni Cinquanta è un mondo antico sull’orlo del precipizio. Maria ha sei anni ed è appena diventata «figlia d’anima» dell’anziana Bonaria Urrai, secondo l’uso campidanese che consente alle famiglie numerose di compensare le sterilità altrui attraverso una adozione sulla parola; il patto tacito è che la figlia acquisirà lo status di erede, ma in cambio promette di prendersi cura della madre adottiva nei bisogni della vecchiaia. La bambina è inizialmente convinta che Bonaria Urrai faccia la sarta, e infatti le giornate sono segnate dallo scorrere nella bottega casalinga di una umanità paesana, fatta di piccole miserie e di relazioni costruite di gesti e di sguardi, molto piú che di parole. Accettata come normale dal paese, l’adozione solidale tra la vecchia e la bambina si consolida malgrado lo sfaldarsi circostante delle antiche certezze. Attraverso lo sguardo privilegiato della bambina che cresce, le contraddizioni tra il vecchio e il nuovo emergono via via piú evidenti: nell’esperienza della scuola dell’obbligo, e in quella del confronto tra la fede cristiana e i retaggi di una religiosità assai piú antica nel tempo. Sarà l’imprevista rivelazione del segreto peccato collettivo dell’accabadura – la fine violenta e pietosa a cui Bonaria è incaricata di sottoporre gli agonizzanti in fin di vita – a infrangere l’armonia tra le due donne, costringendo entrambe a fare i conti tra l’etica millenaria di una società morente e i nuovi valori che l’incalzano.

Accabadora

Murgia Michela