Giallo - thriller - noir

Made in Sweden

Roslunf Anders, Thunberg Stefan

Descrizione: In un elastico spettacolare di azzardi e tradimenti, di inseguimenti e azione, di disperazione e visionarietà, questo "romanzo criminale" scandinavo viene consegnato al lettore come un pacco che non si può mandare indietro, e la storia (realmente accaduta) dei tre ragazzi "uniti contro il mondo", il loro legame unico segnato dalla violenza, la loro reazione a un destino sfortunato ci rivela una volta per tutte quanto sia sottile la linea di demarcazione tra condanna e assoluzione. Scritto da Anders Roslund (autore, assieme a Börge Hellström, di bestseller mondiali come Tre secondi) e da Stefan Thunberg, sceneggiatore all'esordio narrativo e fratello di Carl, Johan Alin e Lennart Sumonja, i veri autori delle rapine sulla cui storia è basato il romanzo, Made in Sweden è stato salutato come una miracolosa sintesi tra Stieg Larsson e Romanzo criminale. Il libro è in via di traduzione in tutti i paesi del mondo, i diritti cinematografici sono stati acquistati dalla DreamWorks e, appena uscito, ha raggiunto in Svezia il primo posto in classifica.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Strade Blu

Anno: 2015

ISBN: 9788804647584

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“Made in Sweden” di Anders Roslunf e Stefan Thunberg è un altro capitolo dell’ormai sterminata produzioni di romanzi nordici a sfondo criminale.

L’opera propone in forma romanzata le tristi gesta di tre fratelli che negli anni ‘90 misero a segno un colpo dietro l’altro. Nel plot, Johan Alin e Lennart Sumonja si chiamano Leo, Felix e Vincent, e sono i figli di un immigrato slavo  che rappresenta il loro precettore in una scuola di violenza che nella famiglia trova il proprio humus.
Con la complicità dell’amico Jasper, i tre fratelli s’impadroniscono di un arsenale militare, assaltano un portavalori (“Un trasporto valori a Farsta Centrum. Poco più di un milione. Armi automatiche, spari. Hanno sequestrato il furgone e l’hanno portato su una spiaggia a Sköndal. Altri spari; i rapinatori mascherati, due, hanno provato ad aprire il portello blindato”), rapinano banche…

I narratori cercano di contestualizzare l’istinto criminale dei protagonisti: in un infanzia nella quale predomina la figura di Ivan, padre violento che li educa alla visione di un mondo ove “homo homini lupus”; in un ambiente imbevuto di timori e pregiudizi xenofobi; in una concezione difensiva dell’individualità che ben presto si trasforma in aggressività.
Un po’ come “… la danza dell’orso, Leo. Per prima cosa scegli l’orso più grande e lo colpisci sul muso: gli altri si mettono a correre. Balla e colpisci, balla e colpisci! Devi danzargli attorno e devi andare a segno, può sembrarti una cosa da niente ma lo sfiancherai, e quando sarà stordito e impaurito, colpisci di nuovo. Puoi sconfiggere l’orso, basta saltellare e colpire nel punto giusto.”

Ma  John Broncks, il commissario incaricato delle indagini, è uomo attento, pronto a cogliere ogni indizio per individuare la pericolosa simbiosi che sta alla base dell’operato della banda.

Il romanzo è enciclopedico per mole e dovizia di particolari, ma nel lettore rimane la sensazione del “nihil sub sole novi”.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Thunberg

Anders,

Roslunf

Libri dallo stesso autore

Intervista a Roslunf Anders, Thunberg Stefan


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Febbre e abbandono come distinzione e “vigore nuovo” per ricominciare in quella giostra dei sensi che non ha fine...

Dio dell’abbandono

Gori Ignazio

Moby Dick, pubblicato nel 1851, è considerato il capolavoro di Melville e uno dei più noti libri della letteratura americana e mondiale. Vi narra in prima persona la sua avventura Ismaele, che si imbarca come marinaio assieme a un ramponiere indiano sulla baleniera Pequod. Il capitano della nave, Achab, un personaggio cupo che incute rispetto e timore nei suoi uomini, ha perso una gamba per colpa della balena bianca Moby Dick e ora vuole vendicarsene, a qualunque costo. Inizia così una lunga caccia. La snervante attesa dell'incontro con il cetaceo che sfugge al capitano offrirà al narratore l'occasione di meditazioni scientifiche, religiose, filosofiche e artistiche, all'interno della struttura del romanzo d'avventura per mare. Intanto l'immenso oceano, con i suoi mostri e le sue profondità, si erge in tutta la propria potenza e imperscrutabilità dinanzi all'uomo, che gli può contrapporre solo una fragile esistenza, oscillante tra il bene e il male. Fino a che sopraggiunge la catastrofe finale, fatalmente presentita, quando Moby Dick distruggerà la baleniera e tutto l'equipaggio trascinando con sé Achab e il suo arpione. Solo Ismaele si salverà e potrà così raccontare la loro folle, ambiziosa quanto disperata, impresa.

Moby Dick

Melville Herman

I morti tentano di consolarci/ ma il loro tentativo è incomprensibile;/ sono i lapsus, gli inciampi, l’indicibile/ della conversazione. Sanno amarci/ con una mano – e l’altra all’Invisibile.

In che luce cadranno

Galloni Gabriele

Amleto

Shakespeare William