Giallo - thriller - noir

Made in Sweden

Roslunf Anders, Thunberg Stefan

Descrizione: In un elastico spettacolare di azzardi e tradimenti, di inseguimenti e azione, di disperazione e visionarietà, questo "romanzo criminale" scandinavo viene consegnato al lettore come un pacco che non si può mandare indietro, e la storia (realmente accaduta) dei tre ragazzi "uniti contro il mondo", il loro legame unico segnato dalla violenza, la loro reazione a un destino sfortunato ci rivela una volta per tutte quanto sia sottile la linea di demarcazione tra condanna e assoluzione. Scritto da Anders Roslund (autore, assieme a Börge Hellström, di bestseller mondiali come Tre secondi) e da Stefan Thunberg, sceneggiatore all'esordio narrativo e fratello di Carl, Johan Alin e Lennart Sumonja, i veri autori delle rapine sulla cui storia è basato il romanzo, Made in Sweden è stato salutato come una miracolosa sintesi tra Stieg Larsson e Romanzo criminale. Il libro è in via di traduzione in tutti i paesi del mondo, i diritti cinematografici sono stati acquistati dalla DreamWorks e, appena uscito, ha raggiunto in Svezia il primo posto in classifica.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Strade Blu

Anno: 2015

ISBN: 9788804647584

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“Made in Sweden” di Anders Roslunf e Stefan Thunberg è un altro capitolo dell’ormai sterminata produzioni di romanzi nordici a sfondo criminale.

L’opera propone in forma romanzata le tristi gesta di tre fratelli che negli anni ‘90 misero a segno un colpo dietro l’altro. Nel plot, Johan Alin e Lennart Sumonja si chiamano Leo, Felix e Vincent, e sono i figli di un immigrato slavo  che rappresenta il loro precettore in una scuola di violenza che nella famiglia trova il proprio humus.
Con la complicità dell’amico Jasper, i tre fratelli s’impadroniscono di un arsenale militare, assaltano un portavalori (“Un trasporto valori a Farsta Centrum. Poco più di un milione. Armi automatiche, spari. Hanno sequestrato il furgone e l’hanno portato su una spiaggia a Sköndal. Altri spari; i rapinatori mascherati, due, hanno provato ad aprire il portello blindato”), rapinano banche…

I narratori cercano di contestualizzare l’istinto criminale dei protagonisti: in un infanzia nella quale predomina la figura di Ivan, padre violento che li educa alla visione di un mondo ove “homo homini lupus”; in un ambiente imbevuto di timori e pregiudizi xenofobi; in una concezione difensiva dell’individualità che ben presto si trasforma in aggressività.
Un po’ come “… la danza dell’orso, Leo. Per prima cosa scegli l’orso più grande e lo colpisci sul muso: gli altri si mettono a correre. Balla e colpisci, balla e colpisci! Devi danzargli attorno e devi andare a segno, può sembrarti una cosa da niente ma lo sfiancherai, e quando sarà stordito e impaurito, colpisci di nuovo. Puoi sconfiggere l’orso, basta saltellare e colpire nel punto giusto.”

Ma  John Broncks, il commissario incaricato delle indagini, è uomo attento, pronto a cogliere ogni indizio per individuare la pericolosa simbiosi che sta alla base dell’operato della banda.

Il romanzo è enciclopedico per mole e dovizia di particolari, ma nel lettore rimane la sensazione del “nihil sub sole novi”.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Thunberg

Anders,

Roslunf

Libri dallo stesso autore

Intervista a Roslunf Anders, Thunberg Stefan


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

GENTE DI DUBLINO – di James Joyce

È notte e la nebbia è illuminata a tratti dai fari delle macchine che sfrecciano accanto a lei. Letty si asciuga l’ennesima lacrima e preme ancora più forte il piede sull’acceleratore. Deve correre il più lontano possibile, fuggire da tutti i suoi sbagli, è la cosa migliore per tutti. Perché la sua vita è stata difficile, ha inanellato una serie di errori uno dietro l’altro e adesso tutte le sue paure sono tornate a tormentarla, senza lasciarle una via di scampo. Intanto, ormai molte miglia lontano, i suoi due figli, Alex e la piccola Luna, stanno dormendo serenamente. Non sanno che la mamma li ha lasciati da soli nel loro letto, schiacciata dal terrore di non essere una buona madre. Convinta che senza di lei Alex e Luna saranno più felici. Quando Alex si sveglia e si accorge che Letty non c’è più, capisce che non deve farsi prendere dal panico. Deve occuparsi della sorellina e seguire le regole. Perché Alex ha quindici anni ed è solo un ragazzino, ma è dovuto crescere in fretta per aiutare sua madre Letty e i suoi occhi troppo spesso tristi. A volte guarda verso il cielo e sogna di volare via, in un posto dove l’azzurro del cielo li possa di nuovo colorare di felicità. La sua passione sono la matematica e lo studio delle rotte migratorie degli uccelli. Da loro ha imparato che non importa quanto voli lontano, c’è sempre un modo per tornare a casa. Alex sa che deve trovare il modo di far tornare anche la sua mamma. Solo lui può farlo, solo lui può curare le sue ali ferite e farle spiccare di nuovo il volo. Perché anche quando l’orientamento è perso, l’amore può farci ritrovare la rotta verso il nostro cuore. Questa è la storia di un amore immenso e imperfetto, come la vita. Questa è la storia della paura di una madre e del coraggio di un figlio. Questa è la storia di come anche un solo abbraccio può scacciare dal cuore la solitudine.

Le ali della vita

Diffenbaugh Vanessa

Croce rossa

Puliafito Alberto

Questo libro rappresenta prima di tutto la narrazione della vita di una donna decisamente fuori dal comune, Else Kirschner. Vivacissima e trasgressiva, nella Germania della prima metà del Novecento, Else, figlia di genitori ebrei, cresce tenendo fede a due promesse fatte a se stessa: vivere la vita fino in fondo, da protagonista, e avere un figlio da ogni uomo che ama. Ecco allora Fritz, Hans ed Erich, mariti, compagni, amanti, padri rispettivamente di Peter, Bettina e Angelika, tre facce diverse dell'universo maschile egoista, debole e inadeguato. Ed ecco la Prima guerra mondiale, i favolosi anni '20 trascorsi in un frenetico girotondo di concerti, teatri e feste, gli anni '30 e il nazismo, le leggi razziali e l'esilio in Bulgaria. In quegli anni si sperimentano tutte le possibili combinazioni nei rapporti e tutte le possibili trasgressioni. Mille tessere di un puzzle tenute insieme da una donna prorompente, per certi aspetti quasi mitica, sicuramente memorabile. Intellettuali e sognatori, anche gli altri personaggi hanno grande forza realistica, ed è affascinante riconoscere il meccanismo di rimozione della realtà contro qualsiasi evidenza che tanti tedeschi hanno messo in atto durante la dominazione nazista e la guerra. Else cerca in tutti i modi di nascondere ai figli la reale entità della tragedia e così facendo produce disastri. Commosso, il lettore vorrebbe quasi intervenire nella storia per riparare i guasti di una vita spericolata in un mondo tragico.

TU NON SEI COME LE ALTRE MADRI

Schrobsdorff Angelica