Fumetti

Maestri del fumetto

Barbieri Daniele

Descrizione: Chi sono i protagonisti di questa epopea dell'immaginario se non i grandi maestri e le loro opere? Hugo Pratt, Moebius, Will Eisner, Enrique Breccia, Frank Miller, Andrea Pazienza, Josè Muñoz… e tanti altri grandi autori. Questo volume narra storie di vita e professionali di quarantuno maestri del fumetto occidentale, raccontati in un volume che arricchisce la nostra esperienza del fumetto indagando le ragioni e lo stile dei grandi autori. Perché capire più cose di quello che leggiamo è sempre anche un modo per goderne di più. Scritta con un linguaggio accessibile a tutti, la stimolante panoramica storico-critica attraversa la storia e i generi della nona arte. Il volume è organizzato per aree linguistiche: Inglese (britannici e statunitensi), francese (belgi e francesi), spagnola (argentini) e italiana.

Categoria: Fumetti

Editore: Tunué

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Nuova uscita della collana Lapilli, diretta da Marco Pellitteri per l’editrice Tunuè. Questa volta non si tratta di un’opera inedita ma della ripubblicazione, riveduta e corretta, di quarantuno introduzioni che Daniele Barbieri, uno dei più eminenti studiosi italiani del fumetto, aveva scritto per la serie I Maestri del fumetto, pubblicata da Mondadori come supplemento a Il Sole-24Ore e a Panorama. Il libro comprende alcune tavole delle opere trattate e anche un paio di saggi inediti, dedicati a Crepax e alla coppia Gaiman/McKean oltre a quelli dedicati a Mignola, Bunker, Crumb, Kubert, Bilal, Kurtzman, Breccia, Gimenéz, Giraud, Castelli e Pazienza, solo per citarne alcuni in ordine rigorosamente sparso e casuale.

Il volume è diviso in quattro sezioni corrispondenti a quattro idiomi: inglese, francese, spagnolo e italiano ed è dedicato ad approfondire l’opera degli autori piuttosto che dei semplici disegnatori. Una piccola pecca, ammessa nell’introduzione, è la mancanza di una sezione nipponica e di qualche autrice femminile. Nonostante queste limitazioni, dovute probabilmente alla natura dell’operazione commerciale, Maestri del fumetto si rivela un agile vademecum che per chi sia già appassionato di questo media o per chi intenda avvicinarsi alle storie illustrate. Non è un caso che lo stesso Barbieri lo definisca come un’integrazione alla sua Breve storia della letteratura a fumetti.

Il libro non si limita, però, a essere una storia del fumetto e neanche aspira ad esserla, la prosa dell’autore è coinvolgente quanto un romanzo e svela i retroscena culturali dei singoli autori e le influenze che li intrecciano in quella ghirlanda che è definita la Nona Arte. Scopriamo quindi che uno dei grandi rivoluzionari statunitensi delle storie illustrate, Frank Miller, deve il suo particolare tratto alle influenze della scuola francese, italiana, argentina e giapponese o che la rivista spagnola Creepy, debba essere una vera chicca da intenditore. Altri invece saranno ancor più fortunati e, oltre ad approfondire la loro conoscenza, potranno riprovare le ebbrezze che li colpivano quando da bambini, ancora ignari del tesoro che avevano tra le mani, in un’età in cui si è vittima di grandi suggestioni, sfogliavano gli Alter Linus dei genitori e si perdevano in quelle stupefacenti vignette.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Daniele

Barbieri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Barbieri Daniele

Davide ha nove anni e proprio non ne vuole sapere di andare a comprare le cose per la scuola : la mamma insiste e quel banale tragitto tra la casa e il negozio si rivelerà fatale. In coma,tra il sonno e la veglia in cui è costretto, Davide sente e “vede” le persone, distraendosi con le storie degli altri: storie di ospedale, di infermiere e lotte fra medici, come quel “dottore antipatico” che tenterà l’impossibile per salvarlo. Un rapporto speciale fatto di empatia e sensazioni che superano l’apparenza si formerà fra il medico e il ragazzino. Eppure il primo è un uomo schivo, scorbutico, un dio nel proprio lavoro ma incapace di gestire i rapporti umani; l’altro è immobile sul un letto, in condizioni disperate.

MANI CALDE

Zucca Giovanna

Una giovane donna turca cammina nell'oscurità della notte, lungo le vie solitarie e misteriose della Città Vecchia di Ginevra. Dopo la partenza del suo amato passa le serate nei caffè. In questi luoghi troppo luminosi, fumosi, qualche volta accoglienti, scrive e riflette sulla gioventù sprecata, ripercorre la propria vita fino al luogo delle origini, sulle rive del Bosforo, lì dove la paura è cominciata. Perché nella sua terra natia essere libera significava infrangere i divieti e le restrizioni, e l'unico modo per farcela era andar via... Una storia di emigrazione, di identità perse e ritrovate, di spaesamento. Una novella iniziale e una manciata di brevi racconti per farci conoscere la voce originale di una scrittrice che si pone a cavallo di continenti e culture tra loro molto diversi. Unanimemente definita come una delle autrici più interessanti di questi ultimi anni, è stata inserita dal magazine francese «Lire» nella classifica dei 50 Writers of Future.

Il mandarino meraviglioso

Erdogan Asli

"... La noia implica un'analisi sconsolata dei danni causati all'uomo dalla tecnologia e, sembra, insanabili politicamente e clinicamente..." (dall'introduzione di Michel David) Considerato come il cardine di una ideale trilogia iniziatasi con i memorabili Indifferenti e conclusa con La vita interiore, La noia (1960) ci offre un ritratto profondo e spietato di un individuo senza strutture, senza appoggi, alienato dalla vita sociale. E' una storia di crisi, di fallimenti, di delusioni. Analizzato nei suoi tre aspetti, di artista, di uomo, di amante, il protagonista finisce per scontrarsi inevitabilmente con la realtà; una realtà che in modo tautologico si nega, perche a conclusione di ogni tentativo (ad esempio di raggiungere la donna amata) si erge sempre lo stesso assioma: la realtà è la realtà.

La noia

Moravia Alberto

Un tempo Jared e Tate erano grandi amici: sono cresciuti insieme, si sono arrampicati insieme sugli alberi, si sono aiutati a vicenda nei momenti difficili. Ora invece Jared è cambiato. Il bambino dolce di una volta si è trasformato in un ragazzo difficile e astioso, sempre pronto a offendere e deridere Tate di fronte a tutta la classe. A scuola le ha reso la vita un inferno, e Tate non sa più come difendersi. A volte invece è incredibilmente dolce con lei, e sembra volerla proteggere... Tate vorrebbe odiarlo eppure non ci riesce: sente che il suo vecchio amico è disperato e vorrebbe scoprire il motivo della sua rabbia: raggiungere il suo cuore e carpire il segreto che nasconde in fondo all'anima...

Mai per amore

Douglas Penelope