Fumetti

Maestri del fumetto

Barbieri Daniele

Descrizione: Chi sono i protagonisti di questa epopea dell'immaginario se non i grandi maestri e le loro opere? Hugo Pratt, Moebius, Will Eisner, Enrique Breccia, Frank Miller, Andrea Pazienza, Josè Muñoz… e tanti altri grandi autori. Questo volume narra storie di vita e professionali di quarantuno maestri del fumetto occidentale, raccontati in un volume che arricchisce la nostra esperienza del fumetto indagando le ragioni e lo stile dei grandi autori. Perché capire più cose di quello che leggiamo è sempre anche un modo per goderne di più. Scritta con un linguaggio accessibile a tutti, la stimolante panoramica storico-critica attraversa la storia e i generi della nona arte. Il volume è organizzato per aree linguistiche: Inglese (britannici e statunitensi), francese (belgi e francesi), spagnola (argentini) e italiana.

Categoria: Fumetti

Editore: Tunué

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Nuova uscita della collana Lapilli, diretta da Marco Pellitteri per l’editrice Tunuè. Questa volta non si tratta di un’opera inedita ma della ripubblicazione, riveduta e corretta, di quarantuno introduzioni che Daniele Barbieri, uno dei più eminenti studiosi italiani del fumetto, aveva scritto per la serie I Maestri del fumetto, pubblicata da Mondadori come supplemento a Il Sole-24Ore e a Panorama. Il libro comprende alcune tavole delle opere trattate e anche un paio di saggi inediti, dedicati a Crepax e alla coppia Gaiman/McKean oltre a quelli dedicati a Mignola, Bunker, Crumb, Kubert, Bilal, Kurtzman, Breccia, Gimenéz, Giraud, Castelli e Pazienza, solo per citarne alcuni in ordine rigorosamente sparso e casuale.

Il volume è diviso in quattro sezioni corrispondenti a quattro idiomi: inglese, francese, spagnolo e italiano ed è dedicato ad approfondire l’opera degli autori piuttosto che dei semplici disegnatori. Una piccola pecca, ammessa nell’introduzione, è la mancanza di una sezione nipponica e di qualche autrice femminile. Nonostante queste limitazioni, dovute probabilmente alla natura dell’operazione commerciale, Maestri del fumetto si rivela un agile vademecum che per chi sia già appassionato di questo media o per chi intenda avvicinarsi alle storie illustrate. Non è un caso che lo stesso Barbieri lo definisca come un’integrazione alla sua Breve storia della letteratura a fumetti.

Il libro non si limita, però, a essere una storia del fumetto e neanche aspira ad esserla, la prosa dell’autore è coinvolgente quanto un romanzo e svela i retroscena culturali dei singoli autori e le influenze che li intrecciano in quella ghirlanda che è definita la Nona Arte. Scopriamo quindi che uno dei grandi rivoluzionari statunitensi delle storie illustrate, Frank Miller, deve il suo particolare tratto alle influenze della scuola francese, italiana, argentina e giapponese o che la rivista spagnola Creepy, debba essere una vera chicca da intenditore. Altri invece saranno ancor più fortunati e, oltre ad approfondire la loro conoscenza, potranno riprovare le ebbrezze che li colpivano quando da bambini, ancora ignari del tesoro che avevano tra le mani, in un’età in cui si è vittima di grandi suggestioni, sfogliavano gli Alter Linus dei genitori e si perdevano in quelle stupefacenti vignette.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Daniele

Barbieri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Barbieri Daniele


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Siamo arrivati in nove. In apparenza, siamo uguali a voi: vestiamo come voi, parliamo come voi, viviamo come voi. Ma non siamo affatto come voi. Siamo più forti, più veloci e più abili di qualsiasi essere vivente del vostro pianeta. Avete presente i supereroi dei fumetti e quelli che ammirate al cinema? Una cosa del genere, però con una grossa differenza: noi siamo reali. Ci siamo rifugiati sulla Terra e ci siamo divisi per prepararci: dovevamo allenarci, scoprire tutti i nostri poteri e imparare a usarli. Poi ci saremmo riuniti, tutti e nove, e saremmo stati pronti. A combatterli. Ma loro hanno scoperto che siamo qui e adesso ci stanno dando la caccia. Così siamo costretti a scappare, a spostarci in continuazione. Attualmente mi faccio chiamare John Smith, e mi nascondo a Paradise, in Ohio. Credevo di essere al sicuro, ma ho commesso un errore gravissimo: mi sono innamorato di una mia compagna di scuola. E non potevo scegliere un momento peggiore. Perché loro hanno preso il Numero Uno in Malesia Il Numero Due in Inghilterra. Il Numero Tre in Kenya. E li hanno uccisi. Io sono il Numero Quattro. Io sono il prossimo...

SONO IL NUMERO QUATTRO

Lore Pittacus

"La memoria custodisce ciò che sceglie di custodire. Come il sogno, anche la memoria cerca di attribuire agli eventi un qualche significato." Aharon Appelfeld in questo libro autobiografico accetta infine il confronto con la propria memoria. Impresa dolorosa che scortica l'anima perché la sua memoria nasconde l'esperienza di un'infanzia spezzata dall'orrore della Storia, nasconde la solitudine di un bambino costretto a vagare da solo per mesi nei boschi con l'incubo di essere riconosciuto, nasconde il suo peregrinare per mezza Europa fino all'arrivo in Israele e il suo difficile inserimento in una nuova realtà. Appelfeld sfida il dolore e disseppellisce quei ricordi che per poter continuare a vivere aveva spinto nelle zone buie e cieche della propria memoria, ci racconta la lotta di un ragazzo che ricostruisce la propria identità a partire dallo sradicamento degli affetti, della cultura, della lingua.

STORIA DI UNA VITA

Appelfeld Aharon

Tre personaggi in cerca d’amore. A modo loro, ognuno in fuga dal destino, che riuscirà comunque a scegliere per tutti, a discapito dei progetti e delle ambizioni personali. Un romanzo scritto a più voci, che racconta i tortuosi e imprevedibili percorsi che la vita a volte riserva. L’autore ci regala uno spaccato di vita italiana lungo vent’anni, nelle esistenze di Matteo, Lorenza e Ferdinando, una “Meglio gioventù” che tenta di sopravvivere nelle complesse evoluzioni dell’ esistenza.

Il destino trova sempre la sua strada

Florio Gianfabio

ome si gioca a nascondino da soli? Un bambino ricerca un riparo dalla morte del padre e trova nell'aria le voci dei matti, degli animali, dei vecchi e delle donne che popolano i luoghi marginali di una sperduta valle di montagna. Riti collettivi di addio all'inverno, campane ferme, racconti orali, cadute, incantamenti e ossessioni animano il romanzo d'esordio di Sergio Peter che, ispirandosi alla lezione del Celati di "Narratori delle pianure" e del Calvino delle "Città invisibili", dà vita a un ritorno a casa che è anche viaggio iniziatico nei territori della memoria.

Dettato

Peter Sergio