Narrativa

Mai visto il mare

Berardi Lucia

Descrizione: Tra gli anni '50 e '60, l'Alta Langa era un luogo fuori del tempo: piccole frazioni, nascoste tra roveri e castagni, dove si viveva come all'inizio del secolo, seguendo ritmi antichi e riscaldando una sola stanza. Vinx, figlio di contadini, e Mara, trovatella presa in affido per il sussidio - come ancora accadeva, tra quelle colline - sono uniti e complici, più che fratelli, in un ambiente che ignora talenti e aspirazioni. Giovanissimi, dopo un fatto che li coglie di sorpresa e li sconvolge, prendono strade diverse. Lui viaggia, diventa un artista. Lei, a Torino, cresce un figlio con un difetto fisico, vive le lotte in fabbrica e un faticoso riscatto, attraverso il femminismo. Vite che si perdono e si rincorrono in una grande storia d'amore.

Categoria: Narrativa

Editore: Editrice Tipografia Baima-Ronchetti

Collana: Biblioteca degli scrittori piemontesi

Anno: 2020

ISBN: 9788831934404

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Mai visto il mare di Lucia Berardi

Mai visto il mare di Lucia Berardi è il libro vincitore del concorso letterario La Quercia del Myr, edizione 2021. Un romanzo d’esordio che non solo colpisce nel profondo l’animo di chi lo legge, ma che, attraverso uno stile pulito e fluido, narra molto della storia italiana degli anni ’50.

Mai visto il mare racconta la storia di due ragazzi, Censin, ovvero Vincenzo, figlio di contadini, e Mara. Lei è una “venturina”, ossia una bambina trovatella che viene data in affido a una famiglia, in cambio di un sussidio statale. Spesso, in quegli anni, in Alta Langa questo era un modo per sostenere e migliorare le condizioni di vita di una famiglia. Inoltre questi bambini diventavano forza lavoro nei campi e nelle cascine (e di amore, non se ne parlava proprio). Tra i due, che pure avevano molte differenze, nasce un sentimento di affetto e di simpatia reciproca, oltre che di mutuo soccorso nell’affrontare le avversità di una vita grama. Un giorno, però, Vincenzo è chiamato alle armi e nel 1967 quando torna, lo aspetta una sgradita sorpresa. Di Mara non c’è più traccia. Riuscirà a ritrovarla?

Il romanzo è intrigante, ma non solo. Racchiude in sé tematiche importanti, che hanno caratterizzato un’epoca: il femminismo, le lotte in fabbrica, le condizioni di vita dei contadini. Si tratta di un esordio potente, per un romanzo di formazione scritto con sapienza narrativa. Il quadro sociale è dipinto con rara maestria e rivela, della scrittrice, una dote: quella di saper narrare con realismo e sobrietà valori di un tempo lontano che affascinano e coinvolgono, affinché il passato possa tramutarsi in un presente sereno e compatto. Forse una chimera? Chissà…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lucia

Berardi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Berardi Lucia

Costanza Rizzacasa d'Orsogna ci porta al cuore del dibattito sulla cancel culture che infuria nella società non solo americana ma ormai anche europea...

Scorrettissimi

Rizzacasa D'Orsogna Costanza

Virus

Canassa Vigliani Alessandro

Tamara nasce in una ricca famiglia di Varsavia – nel 1898, dicono i suoi biografi, ma le date non sono fatte per le signore: Tamara è sempre giovane e sempre moderna, sempre bella e spregiudicata. A nove anni, crea dei fiori finti che vende fuori dalla porta di casa perchè è decisa a mantenersi da sola. Il giorno dopo le nozze con un nobile playboy, si lascia corteggiare da un diplomatico siamese. Incontra Marinetti e decide di andare a bruciare il Louvre. Questi e altri brillanti episodi hanno fatto di Tamara un’icona straordinaria dei ruggenti anni Venti, armata di fascino, pennelli e sigarette: la matita e gli acquarelli di Vanna Vinci ne restituiscono perfettamente l’eleganza sfrontata, la sensualità irrequieta, il talento precoce e inesausto. Una graphic novel interamente dedicata alla romanzesca vicenda di Tamara de Lempicka, protagonista del bel mondo di San Pietroburgo, Parigi, Hollywood, New York, e pittrice talentuosa di inconfondibili figure di donne, ricche, emancipate e malinconiche come lei.

Tamara De Lempicka

Vinci Vanna

Buffo, vitale, appassionato. Superstizioso, paziente ascoltatore, imbranato. È Jeremy Davenant, l'ultimo dei cavalieri di ventura. La sua forza? La sua normalità. La capacità di convivere con le proprie debolezze, di accogliere quelle altrui. Il fatto è che Jeremy è completamente andato, partito, per quella che ritiene la donna del destino, e sembra invece l'incarnazione della donna di picche: Milena. Metà indiana, metà zingara, intelligente e sovversiva, Milena appare selvatica e irraggiungibile. Irraggiungibile? Jeremy è convinto che la loro unione sia predestinata, profondamente voluta dal fato. Lo dice anche la Pagina magica! Un foglio strappato da un'enciclopedia, ragalatogli molti anni prima da zio Gerard durante un gioco a mosca cieca.

UNA CATENA DI ROSE

Moore Jeffrey