Giallo - thriller - noir

Maigret

Descrizione:

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Maigret non somiglia ai poliziotti resi popolari dalle caricature. Non aveva né baffi né scarpe a doppia suola. Portava abiti di lana fine e di buon taglio. Inoltre si radeva ogni mattina e aveva mani curate. Ma la struttura era plebea. Maigret era enorme e di ossatura robusta. Muscoli duri risaltavano sotto la giacca e deformavano in poco tempo anche i pantaloni più nuovi“.

Con questa breve descrizione Georges Simenon introduce la figura di Maigret, lo presenta al pubblico dei lettori nel primo romanzo della serie, “Pietr il lettone”, nel quale il commissario tallona un pericoloso criminale conosciuto, appunto, col nome che dà il titolo alla storia. Indubbiamente, col senno di poi, si è trattata di una felice presentazione considerata la longevità del personaggio e la vasta produzione a lui dedicata: 75 romanzi scritti più una serie di racconti. Quello che piace è il suo atteggiamento apparentemente burbero, severo, pensieroso, ma sotto sotto estremamente umano e gioviale, addirittura pietoso nei confronti di uomini e donne non particolarmente fortunati. Ad esempio in “Maigret e il barbone” si ha a che fare con un commissario emotivamente coinvolto e dispiaciuto nei confronti di un emarginato, un barbone parigino vittima di tentato omicidio che sembra nascondere un passato nel quale ricercare le ragioni della violenza subita. Oppure ne “La trappola di Maigret”, durante l’interrogatorio che porta al riconoscimento dell’assassino seriale di diverse ragazze, lo si percepisce rattristato nel constatare che il serial killer in realtà è più vittima che carnefice, perché la follia omicida rappresenta una sorta di emancipazione e di catarsi dalla madre e dalla moglie, le donne della sua vita tiranniche, protettive e dominanti.
Allo stesso tempo però l’ispettore diventa una furia senza controllo quando incontra sulla sua strada personaggi privi di qualsiasi scrupolo: vigliacchi, imbroglioni, sfruttatori ed approfittatori, gente disposta anche a uccidere solo per denaro. Lo dimostra diverse volte, come ne “Il mio amico Maigret”, durante un’indagine condotta a Porquerrolles, un’isola del Mediterraneo vicina a St.Tropez sulla Costa Azzurra, quando esterna tutto il suo disprezzo nello smascherare una coppia di assassini, non lesinando nemmeno uno schiaffo sul volto di uno dei  colpevoli.
Le storie di Maigret non hanno nulla a che fare con la violenza a profusione ed il sangue che scorre a fiumi, elementi solitamente presenti in molti thriller-noir scandinavi oggi così apprezzati. Per Simenon è importante evidenziare il profilo psicologico dei personaggi, i drammi che si trascinano dietro da anni:  il protagonista è dotato della capacità di sapere interpretare e intuire le situazioni, di sapere leggere la mente tanto delle vittime quanto degli assassini.

Come nelle migliori tradizioni del romanzo giallo, un poliziotto non è completo se accanto a lui non si dà contemporaneamente ampio spazio alla location, all’ambientazione dove si muove. Ecco che Simenon, partendo da questo presupposto, descrive con dovizia la città di Parigi, come se si trattasse di un quadro d’autore. Il celebre Quai des Orfevrès sede della polizia giudiziaria e la vicina Brasserie Dauphine, che sazia gli appetiti diurni e notturni del commissario quando è impegnato negli estenuanti interrogatori,  il Boulevard Richard-Lenoir dove abita con la moglie, Place des Vosges temporanea casa di Simenon che fa da sfondo al romanzo “L’ombra cinese”,  la Senna che scorre placidamente, sono solo alcuni dei luoghi più ricorrenti. Una menzione a parte meritano poi i classici bistrot francesi, punti di ristoro dove lo stesso Maigret si ferma volentieri sorseggiando una birra o un Calvados, e i locali notturni in particolare quelli attorno a Montmartre o a Pigalle, luoghi solitamente ambigui e di dubbio gusto, frequentati dal commissario per parlare con presunti sospetti, testimoni o semplici avventori, come ad esempio avviene in “Maigret al Picratt’s”.

Un’ultima annotazione curiosa riguarda l’ordine cronologico dei romanzi scritti e pubblicati. A differenza di quello che si potrebbe pensare, il primo, “Pietr il lettone”, non rappresenta in assoluto l’indagine numero uno che invece viene descritta ne “La prima inchiesta di Maigret”, una delle tante storie pubblicate in seguito. Analogamente nell’ultimo libro, “Maigret e il Signor Charles” del 1972, non si legge di un protagonista che prende congedo dal proprio pubblico. Nell’opera intitolata semplicemente “Maigret e pubblicata nel bel mezzo della serie, si assiste invece a un salto temporale: lì troviamo un commissario già in pensione che si vede costretto a svolgere un’indagine non ufficiale per aiutare il nipote, giovane ispettore che viene incastrato e accusato di omicidio. Infine un altro excursus piuttosto celebre è raccontato ne “L’affaire St. Fiacre“: nella cittadina dell’infanzia e della prima giovinezza di Maigret  viene commesso un omicidio, e ciò costituisce un pretesto per narrare del passato…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luke è un ragazzo brillante e simpatico, ma è costretto a vivere chiuso in casa da quando è nato, perché è allergico alla luce del sole. Le sue uniche finestre sul mondo sono la TV, internet e le visite serali di Julie, la sua migliore amica. Luke, però, ha deciso che deve guarire e trovare una cura per la sua malattia, costi quel che costi. E quando un guru gli assicura che può risolvere il suo problema e lo invita a raggiungerlo in Galles, il ragazzo non ha più scuse per tirarsi indietro: dovrà uscire dalla sua stanza e fare i conti con il mondo esterno. A bordo di un furgoncino Volkswagen e in compagnia di Julie e altri quattro amici - Charlotte, David, Leanne e Chantel - Luke si mette in viaggio sulle stradine della campagna inglese, fasciato in un.improvvisata tuta spaziale, per proteggersi dal sole. Sotto un terribile nubifragio e con la loro vecchia vita finalmente alle spalle, Julie e Luke si lanciano in un'incredibile avventura che li cambierà per sempre.

IL GIRO PIU’ PAZZO DEL MONDO

Thomas Scarlett

Perché una sacca di sangue costa 3 euro al Sant’Andrea di Vercelli e 12 al Gallicano di Cosenza? E perché la Regione Piemonte dispone di 700 dipendenti e la Sicilia di 6000? Ci sono tante cose che ci fanno arrabbiare: gli sprechi, le inefficienze e ognuna delle mille male-qualcosa che popolano le cronache quotidiane. Una volta si tratta di truffe. Un’altra volta è una partoriente che ci lascia la pelle a causa di un errore o di un disguido. Un’altra ancora sono i treni fermi in mezzo alla campagna per il sistema andato in tilt. Perché tutto questo? La risposta non viene da differenze culturali o caratteriali che, con facile qualunquismo, si potrebbero individuare. La ragione affonda le radici nella storia: proprio quella di 150 anni fa. Se oggi i cittadini si lamentano per l’eccessivo carico fiscale e per le troppe tasse che gravano sul singolo contribuente, diventa inevitabile rammentare che l’andazzo prese il via giusto un secolo e mezzo fa, quando ci si cominciò a inventare imposte con tanta fantasia e nessuna logica. Se adesso tutti parlano di federalismo (e pochi immaginano come farlo) è perché si riconosce implicitamente che sono stati commessi errori imperdonabili che adesso diventa urgente rettificare. Non un’Italia unita e nuova ma un regno sabaudo allargato, che annette, che conquista e che impone le sue regole e le sue misure. Un travisamento degli accordi e del progetto originario, che ha tradito il Nord danneggiando anche il Sud.

Polentoni

Del Boca Lorenzo

Ungheria, 1611. L'alba illumina l'imponente castello di Csejthe. Nella torre più alta, una donna elegante, austera e vestita completamente di nero è sveglia da ore. Sta fissando, attraverso una piccola feritoia nel muro, un pezzo di cielo che volge all'azzurro mentre le stelle lentamente scompaiono. Sa che quello squarcio di cielo è l'unica cosa che riuscirà a guardare per il resto della sua vita. L'ultima pietra che, per decreto del palatino, la condanna a essere murata viva in quella stanza è appena stata posata. Ma la contessa Erzsébet Bathory non ha nessuna intenzione di accettare supinamente il destino che le viene imposto. Non l'ha mai fatto nella sua vita. Erzsébet è solo una bambina innamorata dei libri quando, nella dimora in Transilvania dove vive insieme alla sua famiglia, assiste ad atti di violenza indicibili. Atti che la segnano nel profondo e che non potrà mai dimenticare. Neanche quando, a soli undici anni, è costretta a sposare l'algido, freddo e violento Ferenc Nadasdy; Un uomo sempre lontano, più interessato alla guerra e alle scorribande che a lei. Erzsébet è sola, la responsabilità dei figli e dell'ordine nel castello di Sarvar è tutta sulle sue spalle. Spetta a lei gestire alleanze politiche e lotte di potere. Questo le procura non pochi nemici e coincide con l'emergere dell'anima più nera della donna. Strane voci iniziano a spargersi sul suo conto. Sparizioni di serve torturate e uccise, nobildonne svanite nel nulla. Si tratta di una cospirazione? O siamo di fronte a una donna malvagia e perversa? O il male è l'unico modo per Erzsébet di sopravvivere e lottare in un mondo dominato dagli uomini?

La contessa nera

Johns Rebecca

Un pericoloso maniaco, detto il Collezionista di occhi, rapisce i bambini e li nasconde. Uccide la madre. Il padre ha quarantacinque ore a disposizione per scoprire il nascondiglio. Questo è il gioco. Quando l’ultimatum scade, la vittima muore. Ma l’orrore non finisce qui, perché al cadavere del bambino manca qualcosa: l’occhio sinistro. L’assassino però non vuole essere considerato un collezionista, ma un giocatore. E in questo gioco sinistro è intrappolato anche il reporter Alexander Zorbach, un ex poliziotto, narratore in prima persona, che man mano che la storia procede si rende conto che sta diventando sempre di più una pedina in un duello mortale. Il Collezionista di occhi finora non ha lasciato tracce. Ma improvvisamente compare una testimone misteriosa: Alina Gregoriev, una psicoterapeuta cieca, che sostiene di poter vedere nel passato dei suoi pazienti attraverso il semplice contatto fisico. E forse, ieri, ha avuto in terapia proprio il Collezionista di occhi…

IL GIOCO DEGLI OCCHI

Fitzek Sebastian