Narrativa

MALAMORE

De Gregorio Concita

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Strade Blu Saggi

Anno: 2008

ISBN: 9788804583653

Trama

Le Vostre recensioni

Tutti pensavano che mi sarei uccisa dopo il suo abbandono. Anche Picasso se lo aspettava. Il motivo principale per non farlo fu di privarlo della soddisfazione“.

Dora Maar nasce nell’anno in cui Pablo Picasso dipinge Les demoiselles D’Avignon. L’incontro tra la giovane Dora e il cinquantaquattrenne Picasso avviene nel 1936 a Parigi:  “Ci conoscemmo al bar […] Mi disse, a un certo punto: andiamo. Non era una domanda, era un ordine. Io allora alzai la testa e per la prima volta incrociai i suoi occhi. I suoi occhi non erano occhi: erano uno specchio dell’inferno. Gli dissi: dove? Lui mi rispose: in qualunque posto, signorina, purché non sia fuori di lei“.

Dora Maar è una delle tante amanti del pittore, ammaliata e soggiogata dalla forza creativa e passionale dell’uomo di successo. Lei, la figura femminile ritratta più e più volte nei suoi quadri, è solo la donna che piange. Presa, lusingata, umiliata e abbandonata, la fotografa e pittrice di origine croata, rimane per anni – nonostante tutto – legata all’uomo e “contagiata” dall’artista a cui riuscì tuttavia a sopravvivere. Ciò che rimane di questa donna è nell’eredità di oltre centocinquanta tele stipate nella sua casa parigina e ritrovate dopo la morte avvenuta nel 1997. Dora Maar non è stata solo una delle numerose donne –  creative ed intelligenti – di Pablo Picasso, ma una delle protagoniste mal- trattate del libro di Concita De Gregorio, Malamore.

Le storie raccontate dall’autrice parlano di donne strappate alla vita da orchi vestiti da gatto e trascinate nell’inferno della violenza. Hanno un nome e sono nomi belli: Dalia, Cristina, Lee, Marie, Franca. Sono vite reali, tragedie che si consumano tra le mura domestiche, non importa se quelle di una baracca o di un albergo, di un monolocale o di un attico. La violenza fisica e psicologica sulle donne è per ricchi e per poveri e, spesso,  è quella che si consuma nei luoghi di lavoro: una violenza di genere che si realizza con l’intimidazione, il ricatto e l’isolamento.    

Il mito, l’arte, le favole non sono da meno e ci raccontano di una “sudicia cultura” in cui la donna si può colpire, violare, uccidere, dove si tende spesso a giustificare la follia del carnefice e dove è ancora difficile impedire il massacro.

Circe è vittima del disamore e dell’abbandono dell’eroe, mentre Artemisia Gentileschi, figlia del noto pittore caravaggesco, per farsi strada in un mondo riservato agli uomini, verrà stuprata dal tutore scelto per lei dal padre, Agostino Tassi, rimasto poi impunito. Eva Kant, dopo essere sfuggita al tentato omicidio da parte del marito, diventerà complice e compagna di Diabolik, per ritrovarsi poi, ancora una volta,  preda della insicurezza e del giogo di un uomo. Le spose di Barbablù sono donne intrappolate nella tela del ragno intessuta dal marito, “il primo serial killer delle favole“.

E allora, che cosa spinge tante donne disinvolte, intelligenti, autonome ed emancipate tra le braccia dell’orco? Ce lo spiega la psicanalista venezuelana  Mariela Michelena che ci dà un’interpretazione di un antico racconto popolare catalano, La rateta que escombrava l’escaleta, (La topolina che scopava la scala). Michelena spiega che la topolina sceglie come marito il gatto – mellifluo, vellutato, seduttore, ma cattivo e irrequieto – per “dimostrare di essere diversa, forte, speciale“.  Il gatto è l’unico capace di dimostrare il suo valore e la sua capacità di sacrificio: è convinta di poterlo cambiare e di farlo innamorare di sé a tal punto che lui non la divorerà. Ma la verità – quella evidente a tutti gli altri – è un’altra. “Non lo cambierà grazie alle sue grandiose qualità. I gatti mangiano i topi e basta. […] La sapienza delle fiabe lo sa. Non si indossano uomini che ci fanno stare peggio. Non ci si mette addosso qualcosa, qualcuno che ci sciupa. Sappiatelo, bambine, e ora andate sole.

Concita De Gregorio, nonostante  la durezza del tema trattato, ci regala ritratti delicati e suggestivi: i nomi celebri e meno celebri contenuti in queste pagine appartengono a donne protagoniste delle loro vite, segnate dall’incontro fatale con uomini incapaci di amare. Si tratta di donne spesso consapevoli della propria scelta, ma inermi di fronte all’escalation naturale della brutale aggressione.

Vince chi sa aprire la porta e guardare con occhi più grandi. Non chi rifiuta di vedere, non chi per paura o per soggezione non apre neppure, non vuol sapere né sentire. Vince chi apre, chi guarda, […] poi richiude, torna su per le scale. Vince chi va all’inferno e ritorna

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Concita

Gregorio

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Gregorio Concita


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Catania, Sicilia, sedici anni. Un diario, la scoperta di un mondo nuovo e diverso: il proprio corpo di adolescente, un viaggio, una ricerca. Il desiderio di afferrare quel sentimento che è l'amore, imprendibile, inafferrabile. L'illusione di trovarlo in molti letti, in molti corpi. L'ingenuità, la segretezza, il dolore, l'umiliazione. Sedici anni. Per Melissa tutto comincia con la sua prima volta: lì capisce (o si illude di capire) che gli uomini non desiderano gustare l'essenza, non sono in grado di amare prescindendo dal corpo. Per questo lo concede a chiunque lo chieda, per questo si dà speranzosa che qualcuno, guardandola negli occhi, si accorga della sua sete d'amore. Nel CD esclusivo, l'intero libro letto da Melissa P.

100 COLPI DI SPAZZOLA PRIMA DI ANDARE A DORMIRE

P. Melissa

A diciotto anni, Imi ha finalmente realizzato il suo sogno di vivere a Londra. A bordo di un vecchio treno malandato ha lasciato l'orfanotrofio ungherese dove ha sempre vissuto e, nella metropoli inglese, si è impiegato in una caffetteria della catena Proper Coffee. Il suo sguardo è puro, ingenuo e pieno di entusiasmo: come gli altri orfani del villaggio di Landor, anche lui non permette mai al passato di rattristarlo, né si preoccupa troppo di ciò che il futuro potrebbe riservargli. Ha imparato a vivere nel presente, a godersi ogni più piccola emozione e si impegna di giorno in giorno, con costanza, a preparare un cappuccino sempre più delizioso. Le tante e minuziose regole che disciplinano la vita all'interno della caffetteria - riassunte nel Manuale del caffè cui i dirigenti della Proper Coffee alludono con la deferenza riservata ai testi sacri - gli sembrano scritte da mani illuminate capaci di individuare in anticipo la soluzione a qualsiasi problema pur di garantire il completo benessere di impiegati e clienti. La piramide gerarchica che ordina la Proper Coffee sembra a Imi assai più chiara e rassicurante del complesso reticolo di strade londinesi: che nascondono meraviglie, ma nelle quali è facile perdersi e disorientarsi. Dovrà passare molto tempo prima che Imi - grazie al cinismo di un collega spagnolo e ai saggi consigli della sua spensierata padrona di casa Lynne - cominci a capire la durezza di Londra e l'impietosa strategia delle regole riassunte nel Manuale del caffè. Tanto candore finirà per metterlo in pericolo: e sarà allora Morgan, il libraio iraniano dagli occhi profondi, a prendersi a cuore il destino di Imi - coinvolgendo nel suo audace progetto Margaret, vincitrice del premio Nobel per la letteratura: anziana e ormai stanca di tutto, ma ancora capace di appassionarsi alle piccole storie nascoste tra le pieghe della vita. Con la scrittura ferma, cesellata e limpidissima che da sempre è la cifra del suo stile, Nicola Lecca crea un'elegante fiaba contemporanea capace di affondare lo sguardo nei paradossi, nelle ipocrisie della società dei consumi e nell'affollata solitudine in cui ogni nostro bisogno ci consegna a una rete, appositamente tesa da altri per trarne profitto. La scelta di uno sguardo umile e "spoglio di tutto" come quello di un orfano pieno soltanto dei suoi desideri dà vita a pagine scintillanti, ironiche, capaci di illuminare la complessità del mondo e di emozionarci profondamente.

LA PIRAMIDE DEL CAFFE’

Lecca Nicola

Rebecca è nata irreparabilmente brutta. Sua madre l’ha rifiutata dopo il parto, suo padre è un inetto. A prendersi cura di lei, la zia Erminia, il cui affetto però nasconde qualcosa di terribile, e la tata Maddalena, affettuosa e piangente. Ma Rebecca ha mani bellissime e talento per il piano. Grazie all’anziana signora De Lellis, Rebecca recupera un rapporto con la complessa figura della madre, scoprendo i meccanismi perversi della sua famiglia. E nella musica trova un suo modo singolare di riscatto, una vita forse possibile. La Veladiano racconta senza sconti l’ipocrisia, l’intolleranza, la crudeltà della natura, la prevaricazione degli uomini sulle donne, l’incapacità di accettare e di accettarsi, la potenza delle passioni e del talento. E lo fa con una scrittura limpida, godibilissima, con personaggi buffi, comici, memorabili, e con la sapiente leggerezza di una favola.

La vita accanto

Veladiano Mariapia

La poesia è un bisogno universale, com’è universale il bisogno di scoprire sfumature inedite dei sentimenti, per dare più profondità a quelli che ci portiamo dentro. Questo volume di Walter Siti – nato da una serie di 52 articoli scritti per “la Repubblica” nel 2014 – è un percorso tra autori e testi di tutti i Paesi e di ogni epoca, raccontati senza timori reverenziali o accademici, alla ricerca di emozioni, ossessioni, paure e virtù che attraversano i secoli e ci appartengono ancora oggi. Dante, Petrarca, Shakespeare, Whitman, Szymborska e molti altri autori in cui qualunque tipo di lettore, anche quello non specializzato, troverà qualcosa che parla di lui.

La voce verticale

Siti Walter