Narrativa

MALAMORE

De Gregorio Concita

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Strade Blu Saggi

Anno: 2008

ISBN: 9788804583653

Trama

Le Vostre recensioni

Tutti pensavano che mi sarei uccisa dopo il suo abbandono. Anche Picasso se lo aspettava. Il motivo principale per non farlo fu di privarlo della soddisfazione“.

Dora Maar nasce nell’anno in cui Pablo Picasso dipinge Les demoiselles D’Avignon. L’incontro tra la giovane Dora e il cinquantaquattrenne Picasso avviene nel 1936 a Parigi:  “Ci conoscemmo al bar […] Mi disse, a un certo punto: andiamo. Non era una domanda, era un ordine. Io allora alzai la testa e per la prima volta incrociai i suoi occhi. I suoi occhi non erano occhi: erano uno specchio dell’inferno. Gli dissi: dove? Lui mi rispose: in qualunque posto, signorina, purché non sia fuori di lei“.

Dora Maar è una delle tante amanti del pittore, ammaliata e soggiogata dalla forza creativa e passionale dell’uomo di successo. Lei, la figura femminile ritratta più e più volte nei suoi quadri, è solo la donna che piange. Presa, lusingata, umiliata e abbandonata, la fotografa e pittrice di origine croata, rimane per anni – nonostante tutto – legata all’uomo e “contagiata” dall’artista a cui riuscì tuttavia a sopravvivere. Ciò che rimane di questa donna è nell’eredità di oltre centocinquanta tele stipate nella sua casa parigina e ritrovate dopo la morte avvenuta nel 1997. Dora Maar non è stata solo una delle numerose donne –  creative ed intelligenti – di Pablo Picasso, ma una delle protagoniste mal- trattate del libro di Concita De Gregorio, Malamore.

Le storie raccontate dall’autrice parlano di donne strappate alla vita da orchi vestiti da gatto e trascinate nell’inferno della violenza. Hanno un nome e sono nomi belli: Dalia, Cristina, Lee, Marie, Franca. Sono vite reali, tragedie che si consumano tra le mura domestiche, non importa se quelle di una baracca o di un albergo, di un monolocale o di un attico. La violenza fisica e psicologica sulle donne è per ricchi e per poveri e, spesso,  è quella che si consuma nei luoghi di lavoro: una violenza di genere che si realizza con l’intimidazione, il ricatto e l’isolamento.    

Il mito, l’arte, le favole non sono da meno e ci raccontano di una “sudicia cultura” in cui la donna si può colpire, violare, uccidere, dove si tende spesso a giustificare la follia del carnefice e dove è ancora difficile impedire il massacro.

Circe è vittima del disamore e dell’abbandono dell’eroe, mentre Artemisia Gentileschi, figlia del noto pittore caravaggesco, per farsi strada in un mondo riservato agli uomini, verrà stuprata dal tutore scelto per lei dal padre, Agostino Tassi, rimasto poi impunito. Eva Kant, dopo essere sfuggita al tentato omicidio da parte del marito, diventerà complice e compagna di Diabolik, per ritrovarsi poi, ancora una volta,  preda della insicurezza e del giogo di un uomo. Le spose di Barbablù sono donne intrappolate nella tela del ragno intessuta dal marito, “il primo serial killer delle favole“.

E allora, che cosa spinge tante donne disinvolte, intelligenti, autonome ed emancipate tra le braccia dell’orco? Ce lo spiega la psicanalista venezuelana  Mariela Michelena che ci dà un’interpretazione di un antico racconto popolare catalano, La rateta que escombrava l’escaleta, (La topolina che scopava la scala). Michelena spiega che la topolina sceglie come marito il gatto – mellifluo, vellutato, seduttore, ma cattivo e irrequieto – per “dimostrare di essere diversa, forte, speciale“.  Il gatto è l’unico capace di dimostrare il suo valore e la sua capacità di sacrificio: è convinta di poterlo cambiare e di farlo innamorare di sé a tal punto che lui non la divorerà. Ma la verità – quella evidente a tutti gli altri – è un’altra. “Non lo cambierà grazie alle sue grandiose qualità. I gatti mangiano i topi e basta. […] La sapienza delle fiabe lo sa. Non si indossano uomini che ci fanno stare peggio. Non ci si mette addosso qualcosa, qualcuno che ci sciupa. Sappiatelo, bambine, e ora andate sole.

Concita De Gregorio, nonostante  la durezza del tema trattato, ci regala ritratti delicati e suggestivi: i nomi celebri e meno celebri contenuti in queste pagine appartengono a donne protagoniste delle loro vite, segnate dall’incontro fatale con uomini incapaci di amare. Si tratta di donne spesso consapevoli della propria scelta, ma inermi di fronte all’escalation naturale della brutale aggressione.

Vince chi sa aprire la porta e guardare con occhi più grandi. Non chi rifiuta di vedere, non chi per paura o per soggezione non apre neppure, non vuol sapere né sentire. Vince chi apre, chi guarda, […] poi richiude, torna su per le scale. Vince chi va all’inferno e ritorna

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Concita

Gregorio

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Gregorio Concita


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Scrivere un racconto sulla paternità è come scriverne uno sulla vecchiaia: puoi immaginartela anche a vent'anni, ma non ti scricchiolano le ossa. Per questo motivo fanno parte di "Scena padre" soltanto scrittori che genitori lo sono davvero. Di fronte ai figli "di carta" non c'è bisogno di ricalibrare costantemente le proprie aspettative, o di reinventarsi ogni giorno. Nella vita invece può capitare che, superato lo stupore della prima notte passata in casa con la figlia appena nata, ci si domandi chi diventerà quel fagotto che dorme nella culla. Magari qualcuno con cui non sarà facile parlare, se non con brevi comunicazioni di servizio appiccicate sul frigorifero ("A che ora devo accompagnarti in palestra?", "Ho lasciato il pollo nel forno", "Anche oggi un'altra nota?") cercando di far passare fra le righe prima di tutto l'affetto. In quest'antologia di racconti inediti, otto scrittori affrontano la meraviglia e il divertimento nel constatare quanto un figlio possa esserti alleato e rivale in parti uguali. E mentre affini la creatività e l'ironia necessarie a parare i colpi, ti accorgi dello scarto tra la potenza del generare e l'impotenza dell'allevare, davanti a qualcuno che riesce sempre a spiazzarti. E allora diventare padri può significare anche rimettersi in discussione come figli.

Scena padre

Magrelli Valerio, Fois Marcello, De Silva Diego...

Boston, 1975. In un quartiere popolare della città tre ragazzini – Sean, Jimmy e Dave – fanno a botte in mezzo alla strada. Una macchina con a bordo due uomini, due poliziotti all’apparenza, accosta, fermandosi a un passo da loro. Quando uno degli agenti gli ordina di salire, Dave non ha il coraggio di rifiutarsi e, singhiozzando, prende posto sul sedile posteriore. E scompare. Per quattro, terribili giorni. Venticinque anni dopo Dave è accusato di omicidio. La vittima è la figlia di Jimmy, e Sean è incaricato delle indagini. Per loro è giunto il momento di fare i conti con un passato ingiusto e con l’agghiacciante episodio che ha sfregiato per sempre le loro anime.

MYSTIC RIVER

Lehane Dennis

“Con Cairo Automobile Club, ‘Ala al-Aswani firma il suo terzo romanzo e senza dubbio la sua opera più riuscita. Fedele al principio che ha fatto il successo dei suoi libri precedenti, dipinge con maestria, tenerezza e humour un mondo che cambia e stravolge i destini individuali che, a loro volta, trasformano il mondo.” Marwan Chahine, Libération

Cairo Automobile Club

Al-Aswani Ala

Ninella ha cinquant'anni e un grande amore, don Mimì, con cui non si è potuta sposare. Ma il destino le fa un regalo inaspettato: sua figlia si fidanza proprio con il figlio dell'uomo che ha sempre sognato, e i due ragazzi decidono di convolare a nozze. Il matrimonio di Chiara e Damiano si trasforma così in un vero e proprio evento per Polignano a Mare, paese bianco e arroccato in uno degli angoli più magici della Puglia. Gli occhi dei 287 invitati non saranno però puntati sugli sposi, ma sui loro genitori. Ninella è la sarta più bella del paese, e da quando è rimasta vedova sta sempre in casa a cucire, cucinare e guardare il mare. In realtà è un vulcano solo temporaneamente spento. Don Mimì, dietro i baffi e i silenzi, nasconde l'inquieto desiderio di riavere quella donna solo per sé. A sorvegliare la situazione c'è sua moglie, la futura suocera di Chiara, che a Polignano chiamano la "First Lady". È lei a controllare e a gestire una festa di matrimonio preparata da mesi e che tutti vogliono indimenticabile: dal bouquet "semicascante" della sposa al gran buffet di antipasti, dall'assegnazione dei posti alle bomboniere - passando per l'Ave Maria -, nulla è lasciato al caso. Ma è un attimo e la situazione può precipitare nel caos, grazie a un susseguirsi di colpi di scena e a una serie di personaggi esilaranti: una diciassettenne che deve perdere cinque chili e la verginità; un testimone gay che si presenta con una finta fidanzata; una zia che da quando si è trasferita in Veneto dice "voi meridionali" e un truccatore che obbliga la sposa a non commuoversi per non rovinare il make-up. Io che amo solo te è un romanzo sulle gioie segrete, sull'arte di attendere e sulle paure dell'ultimo minuto. Tra ironia e commozione, quello di Luca Bianchini è un avventuroso viaggio sull'amore, che arriva - o ritorna - quando meno te lo aspetti, ti rimette in gioco e ti porta dove decide lui. Come il maestrale, che accompagna i tre giorni di questa storia, sullo sfondo di una Puglia dove regnano ancora antichi valori e tanta bellezza.

IO CHE AMO SOLO TE

Bianchini Luca