Giallo - thriller - noir

MALAPUNTA

Perdinka Morgan

Descrizione: C'è una piccola isola tra la Toscana e la Corsica, simile a una lancia di granito, che fora il Mediterraneo e punta minacciosa il cielo. Su quell'isola si sogna. Un uomo che ha perso l'amore e desidera solo lasciarsi morire. Un gruppo di persone che fanno della sopravvivenza il loro credo. Un clandestino cresciuto nelle fogne di Bucarest. Uno scienziato visionario e uno strano esperimento. Un delitto orribile, tra le rovine degli antichi Druidi. E la Fine del Mondo. Il libro di Morgan Perdinka, scritto nel 2003 - quattro anni prima del misterioso suicidio dell'autore -, pubblicato riscoperto e presentato dal maestro Danilo Arona.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Edizioni XII

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788895733319

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Su quell’isola, ingegner Marcalli, e soltanto in alcuni luoghi (il Monastero, il Monte della Fortezza e Cala Nera) si sogna.  

Quell’isola è Malapunta, poco più di uno scoglio a forma di punta di freccia rovesciata nell’arcipelago toscano, tra la Corsica e l’Elba. Deve il nome a un promontorio roccioso che sembra tendere dita minacciose verso il cielo. Ma non solo. Deve il nome anche alle sventure che nei secoli si sono abbattute su chi l’ha vista e chi la abita.

L’ingegner Marcalli (di nome Nico) è, invece, il protagonista del romanzo dell’autore suicida Morgan Perdinka, altra interessante scoperta di  Edizioni XII. Nico Marcalli, ignaro di cosa lo attenda, giunge a Malapunta per lasciarsi morire in isolamento e solitudine. In preda all’alcol, ha provocato un incidente automobilistico in cui ha perso la vita Gabry, la donna della sua vita. Non ha più ragioni per continuare a vivere ma nemmeno il coraggio per suicidarsi. Per questo sceglie l’isola e, in particolare, una villa-bunker fatta costruire nel XIX secolo dall’inglese Lord Taylor e disabitata da decenni. Come unica compagnia, oltre alla bottiglia, Nico ha lo sparuto gruppo di abitanti di Malapunta: la coppia di custodi, Pietro e Serena; l’enigmatico pescatore, Gionata, e Carmine, che curava il misero locale di accoglienza dell’isola. In più ci sono le berte, che strillano ossessivamente. E le capre accudite da Hasany Dragan, un ragazzo rumeno clandestino, probabilmente buttato a mare da uno scafista senza scrupoli. O, almeno, questa è la visione di Malapunta che ha Nico Marcalli. Perché nulla è come sembra, sull’isola e nel  mondo.

Una minaccia incombe. In senso biblico, il Giorno del Giudizio si avvicinava. Ma per una causa spiegabilissima e in sé banale: la rotazione della Terra andava rallentando, con la controparte dell’aumento della sua frequenza risonante. In quella condizione geofisica che alcuni scienziati non distratti avevano da tempo definito come “Punto Zero”, il pianeta avrebbe arrestato la sua rotazione e nel giro di poche ore avrebbe cominciato a girare nella direzione opposta con l’inversione totale del proprio capo magnetico.

Ma non solo. La Terra avrebbe ripreso la rotazione, ma in senso opposto. La conseguenza? La più evidente sarebbe l’abbattimento della barriera tra realtà e sogno. Ciascuno di noi si troverebbe, quindi, a fronteggiare le proprie paure, le proprie speranze, le creature da incubo così come quelle da sogno. Chi sta davvero incontrando, allora, Nico Marcalli? Anzi, chi è davvero Nico Marcalli? E chi sono quelle figure incappucciate che appaiono nei sogni e rimandano a epoche lontane e misteriose, addirittura a uno scontro tra le truppe di Nerone e un pugno di druidi che abitavano sull’isola? Malapunta è un romanzo che mescola in modo sapiente generi diversi e spiazza spesso il lettore.

Ogni volta che penserete di avere la soluzione dell’enigma in mano, lo scenario verrà ribaltato. Ogni avvenimento ha più chiavi di lettura. Anzi, ogni avvenimento… avviene più volte. Quale è quella reale? Impossibile dirlo. Chiudo con una nota: davvero gustoso il racconto a firma Morgan Perdinka che introduce il romanzo vero e proprio. Spendeteci qualche minuto, ne vale la pena.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Morgan

Perdinka

Libri dallo stesso autore

Intervista a Perdinka Morgan


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tre topolini ciechi

Christie Agatha

Guidata dal vecchio giardiniere che curava in Persia le terre della sua casa d’infanzia, Marjan Aminpour ha imparato sin da bambina a coltivare le piante. A Ballinacroagh, il villaggio dell’Irlanda occidentale dove, dopo essere scappata dall’Iran khomeinista, si è stabilita assieme a Bahar e Layla, le sue sorelle più piccole, Marjan ha aperto il Caffè Babilonia, un locale ricavato dall’ex panetteria di Estelle Delmonico, la vedova di un fornaio italiano. Col cardamomo e l’acqua di rose, il basmati, il dragoncello e la santoreggia, Marjan prepara le sue speziate ricette persiane, e la gente di Ballinacroagh accorre ogni giorno numerosa al Caffè Babilonia, attratta dalle pareti vermiglie, dalle zuppe di melagrana e dal samovar del tè sempre pronto. Marjan potrebbe finalmente godere dei suoi meritati piccoli trionfi se un perfido scherzo del destino non si fosse preso la briga di turbarla profondamente: Layla, la sorellina che si è conquistata subito la simpatia dell’intera Ballinacroagh, si è innamorata, ricambiata, di Malachy McGuire, uno dei figli di Thomas McGuire, il boss del villaggio che possiede un’infinità di pub e ambirebbe volentieri a mettere le mani sul Caffè Babilonia...

CAFFE’ BABILONIA

Mehran Marsha

Dal 12 dicembre 1969, quando esplode la filiale della Banca Nazionale dell'Agricoltura di piazza Fontana a Milano, fino all'assassinio di Roberto Ruffilli da parte delle Brigate Rosse il 16 aprile 1988, in Italia sono state ammazzate quasi quattrocento persone, e oltre mille ferite e rese invalide. Sono gli anni di «piombo e di tritolo», la stagione degli attentati a mano armata del terrorismo «rosso» - che uccide magistrati come Emilio Alessandrini, operai come Guido Rossa, giornalisti come Carlo Casalegno e Walter Tobagi, che sequestra e condanna a morte il presidente della Dc Aldo Moro - e delle stragi «nere», con gli ordigni esplosivi di piazza della Loggia, del treno Italicus e della stazione di Bologna. Quale intreccio si stabilisce tra questi due fenomeni di segno ideologico opposto? Come si inseriscono le violenze nella storia dell'Italia sospesa tra modernizzazione e democrazia bloccata? In un racconto articolato e drammatico, Gianni Oliva ripercorre i fatti di quegli anni. E ricostruisce l'Italia dei due decenni precedenti, un paese a due velocità, stretto tra le aperture della Costituzione e le rigidità del Codice Rocco: da un lato conservatrice e retrograda (nel 1954 condanna al carcere la «Dama Bianca» di Fausto Coppi per adulterio), dall'altro Paese del miracolo economico, che si sposta con la Vespa o la Seicento, compra il frigorifero e il televisore e rimescola le sue culture con milioni di lavoratori trasferiti dal Meridione al Nord...

Anni di piombo e di tritolo

Oliva Gianni

Storia di Ciccio Pesce e dei suoi quattordici, quindici e sedici anni, un tempo letterario sufficiente a fare conoscenza con due asfissianti genitori che lo credono afflitto dalla sindrome di Asperger, con le sue quattro ragazze morte, con alcuni poliziotti e carabinieri che gli girano attorno senza che lui riesca a spiegarsene il motivo, con un’amica invisibile che ha occupato la sua testa e non c’è modo di sfrattarla, con uno zio erotomane che ha l’ossessione di battere un record che lo faccia entrare nel Guinness Book of Sexual Records. Francesco consiglia come cura un’unica compressa da 49.592 parole a base di eros e comicità, materie che hanno dimostrato di possedere una spiccata attività antidepressiva, stimolante e disinibitoria. Ingredienti: Emozioni primarie: rabbia, paura, tristezza, gioia. Emozioni secondarie: allegria, ansia, rassegnazione, gelosia, speranza. Indicazioni terapeutiche: Terapia sintomatica della noia acuta e cronica. Effetti indesiderati: Sono stati segnalati casi di Ilarità fatale (Fatal hilarity). Modalità d’uso: Si consiglia di assumerlo dopo una litigata con il partner o prima di un rapporto sessuale, con effetto stimolante.

LE MOLECOLE AFFETTUOSE DEL LECCA LECCA

Consiglio Francesco