Giallo - thriller - noir

MALAPUNTA

Perdinka Morgan

Descrizione: C'è una piccola isola tra la Toscana e la Corsica, simile a una lancia di granito, che fora il Mediterraneo e punta minacciosa il cielo. Su quell'isola si sogna. Un uomo che ha perso l'amore e desidera solo lasciarsi morire. Un gruppo di persone che fanno della sopravvivenza il loro credo. Un clandestino cresciuto nelle fogne di Bucarest. Uno scienziato visionario e uno strano esperimento. Un delitto orribile, tra le rovine degli antichi Druidi. E la Fine del Mondo. Il libro di Morgan Perdinka, scritto nel 2003 - quattro anni prima del misterioso suicidio dell'autore -, pubblicato riscoperto e presentato dal maestro Danilo Arona.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Edizioni XII

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788895733319

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Su quell’isola, ingegner Marcalli, e soltanto in alcuni luoghi (il Monastero, il Monte della Fortezza e Cala Nera) si sogna.  

Quell’isola è Malapunta, poco più di uno scoglio a forma di punta di freccia rovesciata nell’arcipelago toscano, tra la Corsica e l’Elba. Deve il nome a un promontorio roccioso che sembra tendere dita minacciose verso il cielo. Ma non solo. Deve il nome anche alle sventure che nei secoli si sono abbattute su chi l’ha vista e chi la abita.

L’ingegner Marcalli (di nome Nico) è, invece, il protagonista del romanzo dell’autore suicida Morgan Perdinka, altra interessante scoperta di  Edizioni XII. Nico Marcalli, ignaro di cosa lo attenda, giunge a Malapunta per lasciarsi morire in isolamento e solitudine. In preda all’alcol, ha provocato un incidente automobilistico in cui ha perso la vita Gabry, la donna della sua vita. Non ha più ragioni per continuare a vivere ma nemmeno il coraggio per suicidarsi. Per questo sceglie l’isola e, in particolare, una villa-bunker fatta costruire nel XIX secolo dall’inglese Lord Taylor e disabitata da decenni. Come unica compagnia, oltre alla bottiglia, Nico ha lo sparuto gruppo di abitanti di Malapunta: la coppia di custodi, Pietro e Serena; l’enigmatico pescatore, Gionata, e Carmine, che curava il misero locale di accoglienza dell’isola. In più ci sono le berte, che strillano ossessivamente. E le capre accudite da Hasany Dragan, un ragazzo rumeno clandestino, probabilmente buttato a mare da uno scafista senza scrupoli. O, almeno, questa è la visione di Malapunta che ha Nico Marcalli. Perché nulla è come sembra, sull’isola e nel  mondo.

Una minaccia incombe. In senso biblico, il Giorno del Giudizio si avvicinava. Ma per una causa spiegabilissima e in sé banale: la rotazione della Terra andava rallentando, con la controparte dell’aumento della sua frequenza risonante. In quella condizione geofisica che alcuni scienziati non distratti avevano da tempo definito come “Punto Zero”, il pianeta avrebbe arrestato la sua rotazione e nel giro di poche ore avrebbe cominciato a girare nella direzione opposta con l’inversione totale del proprio capo magnetico.

Ma non solo. La Terra avrebbe ripreso la rotazione, ma in senso opposto. La conseguenza? La più evidente sarebbe l’abbattimento della barriera tra realtà e sogno. Ciascuno di noi si troverebbe, quindi, a fronteggiare le proprie paure, le proprie speranze, le creature da incubo così come quelle da sogno. Chi sta davvero incontrando, allora, Nico Marcalli? Anzi, chi è davvero Nico Marcalli? E chi sono quelle figure incappucciate che appaiono nei sogni e rimandano a epoche lontane e misteriose, addirittura a uno scontro tra le truppe di Nerone e un pugno di druidi che abitavano sull’isola? Malapunta è un romanzo che mescola in modo sapiente generi diversi e spiazza spesso il lettore.

Ogni volta che penserete di avere la soluzione dell’enigma in mano, lo scenario verrà ribaltato. Ogni avvenimento ha più chiavi di lettura. Anzi, ogni avvenimento… avviene più volte. Quale è quella reale? Impossibile dirlo. Chiudo con una nota: davvero gustoso il racconto a firma Morgan Perdinka che introduce il romanzo vero e proprio. Spendeteci qualche minuto, ne vale la pena.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Morgan

Perdinka

Libri dallo stesso autore

Intervista a Perdinka Morgan


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Come Zeus, sotto forma di toro bianco, rapì la principessa Europa; come Teseo abbandonò Arianna; come Dioniso violò Aura; come Apollo fu servo di Admeto, per amore; come il simulacro di Elena si ritrovò, insieme a quello di Achille, nell’isola di Leukè; come Erigone si impiccò; come Coronis, incinta di Apollo, lo tradì con un mortale; come le Danaidi tagliarono la testa ai loro sposi; come Achille uccise Pentesilea e si congiunse con lei; come Oreste lottò con la follia; come Demetra vagò alla ricerca della figlia Core; come Core guardò Ade e si vide riflessa negli occhi di lui; come Giasone morì, colpito da una trave della nave Argo; come Fedra smaniò invano per Ippolito; come Atena accolse nella sua egida il fanciullo Erittonio, dalla coda di serpente; come Fanes si lasciò inghiottire da Zeus; come i Cercopi risero delle natiche di Eracle; come Zeus decise di sterminare gli eroi; come gli Olimpi scesero a Tebe per partecipare alle nozze di Cadmo e Armonia...

LE NOZZE DI CADMO E ARMONIA

Calasso Roberto

«Mi chiamo Vince Corso. Ho quarantacinque anni, sono orfano e per campare prescrivo libri alla gente». Insegnante precario e lettore come pochi, si è inventato un nuovo lavoro, quello di biblioterapeuta; ha casa e ufficio in via Merulana, un monolocale con soppalco e angolo cottura più da studente fuorisede che da medico delle anime, dove accoglie le sue pazienti - sì, sono donne in prevalenza. Vince le ascolta e poi trova per loro il libro adatto, le pagine che possono lenire, la letteratura insomma come medicina dell’anima e, perché no?, anche del corpo. A rivolgersi al suo pronto soccorso letterario un giorno arriva Giovanna; il fratellastro Fabrizio, sinologo, collezionista di libri, esperto di lingue e di molto altro, ha smarrito il senno e ricoverato in una casa di riposo per malati di Alzheimer ripete ossessivamente poche e smozzicate frasi, sempre le stesse. La donna è convinta di un possibile miglioramento del fratello se solo potesse ritrovare il libro da cui quelle parole sono tratte: sembra proprio il terreno in cui Vince Corso si trova più a suo agio. Così accetta la sfida e visita la biblioteca del professore, ma si trova ben presto a indossare i panni dell’investigatore, a svelare l’enigma che si cela dietro quel labirinto di volumi, una autentica biblioteca di Babele. Un libro sulla memoria, sull’importanza del ricordo, sulla lettura come terapia.

Ogni coincidenza ha un’anima

Stassi Fabio

Lazzaro è un uomo quasi cinquantenne che ritorna a casa, nella terra natia di Puglia, dopo trent'anni di esilio volontario in Argentina. A riportarlo a casa è un omicidio e un'ingiustizia, di cui è stato testimone. Nel ritornare in Italia, Lazzaro ricava una nuova consapevolezza di sé pacificando i fantasmi del passato e le incognite del futuro. Un romanzo avvincente, una storia che emozionerà il lettore e lo trascinerà in un mistero a sfondo familiare, dove violenza e amore sono le due forse contrapposte.

Il segreto di Lazzaro

Vicidomini Letizia

1914. Il transatlantico Il Paradiso naviga verso il nuovo mondo. A bordo, tra i passeggeri di ogni rango sociale, stipata nella terza classe, spicca Aquilina per gli strani poteri di cui sembra essere dotata. Ma non è lei l'unico pensiero dell'integerrimo capitano Zocalo. Sul piroscafo, infatti, scoppia una improvvisa epidemia dalle cause sconosciute persino al medico di bordo, Nerio Ferrer. Inoltre, viene denunciata la scomparsa di un uomo che, dal racconto del suo accompagnatore, aveva fatto espressa richiesta di cenare al tavolo di Marie Verdier, una francese che viaggia in seconda classe con il marito. L'incontro tra il capitano e la francese si rivela potente almeno quanto la tempesta nella cui balìa cade la nave. Nessuno forse aveva colto il presagio di una traversata difficile in quei gabbiani agonizzanti schiantatisi sul ponte della nave durante il passaggio nello stretto di Gibilterra. Quando una cameriera mostrerà al capitano le piume nere disseminate nella cabina di Aquilina, il legame tra i suoi misteriosi poteri e quei fenomeni assumerà contorni inaspettati.

La passeggera

Frascati Daniela