Giallo - thriller - noir

Malatesta. Indagini di uno sbirro anarchico

Mazzoni Lorenzo

Descrizione: Pietro Malatesta, poliziotto ferrarese con un passato da teppista, che gira solo in bicicletta e che divide la casa con la madre, l'ex moglie, un figlio nullafacente e il Boy, il palestrato zero-cerebro che sta con la sua ex, è uno sbirro decisamente atipico, connotabile sulla falsa riga di tanti eroi del fumetto e della tv Anni '70 (non per niente Malatesta ha come mito Starsky di Starsky & Hutch e si veste come lui). Le storie sono brevi, accattivanti, pienamente inserite nel genere 'giallo di provincia', e si snodano in una Ferrara multi-etnica, alle volte sporca e un po' barbara, fatta di ultrà della Spal, bevute nei bar, adolescenti fancazzisti imitatori di mode, spaccio, colori politici che paiono mai sbiadire. Il volume si compone dei romanzi brevi: "Nero ferrarese", "Il recinto delle capre" e "Il cinematografo".

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Momentum

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788890534058

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

“- Allora? – chiese il ragazzo quando entrarono nella stanza degli interrogatori. – Chi è quello buono e chi è quello cattivo?

- Sei fortunato: siamo tutti e due sbirri buoni. Quelli cattivi sono di là dal vetro che ci stanno guardando – rispose Malatesta salutando con la mano la vetrata oscurante. Fortunatamente il commissario Polano era andato a prendersi un caffè e l’unico spettatore della scenetta fu Torelli della Volante che mormorò: – Che stronzo.”

Bastano poche pagine per affezionarsi a Pietro Malatesta, ispettore di polizia, giocatore sfrenato di FreeCell, ex ultrà della curva ovest della Spal, amante del cibo cinese e dei Clash, così come bastano poche pagine per innamorarsi alla follia della sua famiglia strampalata, composta dalla vecchia madre che coltiva marijuana in cortile, dal figlio Reinalter, filo-islamico e nullafacente, dalla ex moglie Loredana, dedita all’insegnamento dello yoga e dall’amante di lei, soprannominato il Boy, un culturista rozzo e, secondo l’ispettore, con poco senso estetico, visto l’odio da questi nutrito verso i suoi più grandi miti: Starsky e Hutch.

L’identità paradossale di Malatesta, sbirro anarchico, che trova ispirazione da pensatori come Bakunin, o da rivoluzionari come Gaetano Bresci, assume tuttavia un’immagine più reale grazie alla capacità dell’autore di immergerlo in una dimensione a noi famigliare, attraverso un sottile gioco di equilibri tra suspense e ritmi più allentati, che conferiscono al suo personaggio, così come a tutti gli altri, quella credibilità che permette al lettore di provare affezione per loro e per le loro storie.
La città di Ferrara, con la bellezza e la staticità delle sue mura e l’immobilità della popolazione, fa da sfondo perfetto alla sequenza di omicidi che costringono l’ispettore Malatesta a distogliersi dal torpore e “dall’attesa di essere sospeso”, per dedicarsi a ciò che più lo fa sentire in pace con se stesso, ovvero cercare di portare alla luce la verità, attraverso modalità che vanno spesso controcorrente e che rivendicano la propria indipendenza e libertà d’azione.
Compagno di indagini e unico collega con il quale Malatesta riesce ad andare d’accordo è il sovraintendente Gavino Appuntato, sardo verace:

Gavino Appuntato era un brav’uomo. I primi tempi Malatesta aveva pensato che Appuntato potesse diventare il suo Hutch per via dei capelli biondi, ma se già lui era un uomo poco attivo, Gavino Appuntato rasentava il trance catatonico.”

Nel primo romanzo della trilogia, Nero Ferrarese, l’ispettore Malatesta deve indagare su una serie di omicidi rivendicati da un sedicente gruppo che si rifà ai NAR (Nuclei Armati Rivoluzionari). Grazie alla propria caparbietà e all’aiuto della giovane e bella studentessa Gaia, l’ispettore riuscirà a risolvere il caso e a passare la tanto desiderata vacanza estiva nell’umida e assolata Tresigallo, nella bassa ferrarese.

Nel secondo romanzo, Il recinto delle capre, Malatesta si trova a dover indagare sulla morte di Cuccu da Masi Torello, amico di vecchia data, ex tossico, oggi guardiano di un museo di Arte Moderna, morto a causa di una dose di eroina tagliata male. L’intera vicenda è attraversata dal ricordo ancora vivo in Malatesta di un passato turbolento, caratterizzato da atti di teppismo, droghe e partite della Spal, ricordi che permetteranno all’ispettore di non fermarsi alle apparenze e di scavare nella vita dell’amico per cercare la verità sulla sua morte.

Ultimo romanzo della trilogia, Il cinematografo, narra del ritrovamento del corpo di una donna affetta da nanismo sul retro della multisala cinematografica CineBanana’s.
Le indagini sul presunto omicidio riportano in primo piano la “banlieue ferrarese”, imbruttita e soffocata dall’avvento del cinematografo, simbolo di una globalizzazione dai tratti devastanti.
Mazzoni, pur mantenendo la leggerezza narrativa che caratterizza l’intero romanzo, resa più accattivante da una sottile ironia di fondo, non si sottrae dal denunciare il moderno mutamento di prospettive e logiche imprenditoriali che si allontanano sempre più dal rispetto, oltre che dei diritti dei lavoratori, anche di un’idea estetica di affermazione di se stessi. I personaggi che ruotano attorno alla gestione del CineBanana’s, infatti, sono personaggi grotteschi, vestiti con abiti dozzinali e dalle espressioni volgari e volutamente caricaturali, che incarnano l’impersonalità e la mancanza di umanità tipica di questi non-luoghi, inquietanti nella loro ripetitività e ben predisposti ad un certo tipo di violenza tacitamente ammessa.
E’ in questo cupo contesto che una morte apparentemente accidentale si trasforma in una indagine di omicidio.

Lorenzo Mazzoni, creatore dell’ispettore Malatesta, ha collaborato, nella stesura della trilogia, con l’illustratore Andrea Amatucci, offrendo al lettore un succulento accompagnamento visivo alle vicende dello sbirro anarchico.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorenzo

Mazzoni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mazzoni Lorenzo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Christian insegna letteratura latina cristiana, è ricco e appassionato di cronologia. Giose è stato una meteora della musica punk-rock anni Ottanta, non si è mai preoccupato dei soldi e cucina in modo splendido. Christian è razionale, prudente e talvolta distaccato; Giose è istintivo, esuberante, affettuoso fino all'eccesso. Si amano. Per avere un figlio sono andati fino in Armenia: li è nata Eva. La loro è una famiglia felice, che però si spezza con la morte improvvisa di Christian. Giose non è ritenuto un tutore adeguato e la bambina viene affidata a uno zio. Tre anni dopo Eva è una ragazzina di seconda media, fiera e orgogliosa. Durante un litigio nella metropolitana di Milano spinge un compagno di classe sotto il treno in arrivo. Convinta di averlo ucciso, fugge e raggiunge Giose in un casolare sugli Appennini: con lui risalirà la penisola per affrontare le conseguenze del suo gesto. Durante il viaggio scoprirà molto su se stessa e sui suoi genitori, e conoscerà la storia meravigliosa cui deve la vita.

Sei come sei

Mazzucco Melania G.

Un uomo e un bambino, padre e figlio, senza nome. Spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo una strada americana. La fine del viaggio è invisibile. Circa dieci anni prima il mondo è stato distrutto da un'apocalisse nucleare che lo ha trasformato in un luogo buio, freddo, senza vita, abitato da bande di disperati e predoni. Non c'è storia e non c'è futuro. Mentre i due cercano invano più calore spostandosi verso sud, il padre racconta la propria vita al figlio. Ricorda la moglie (che decise di suicidarsi piuttosto che cadere vittima degli orrori successivi all'olocausto nucleare) e la nascita del bambino, avvenuta proprio durante la guerra. Tutti i loro averi sono nel carrello, il cibo è poco e devono periodicamente avventurarsi tra le macerie a cercare qualcosa da mangiare. Visitano la casa d'infanzia del padre ed esplorano un supermarket abbandonato in cui il figlio beve per la prima volta un lattina di cola. Quando incrociano una carovana di predoni l'uomo è costretto a ucciderne uno che aveva attentato alla vita del bambino. Dopo molte tribolazioni arrivano al mare; ma è ormai una distesa d'acqua grigia, senza neppure l'odore salmastro, e la temperatura non è affatto più mite. Raccolgono qualche oggetto da una nave abbandonata e continuano il viaggio verso sud, verso una salvezza possibile...

La strada

McCarthy Cormac

Una raccolta di paradossali colloqui di lavoro, domande singolari, annunci bizzarri. Consigli utili per districarsi fra i "lei è troppo per la nostra azienda", i "lei è una persona instabile, ha viaggiato troppo" e i "dobbiamo tornare tutti all'agricoltura". Un modo per riflettere, sorridendo, sui cambiamenti del mondo del lavoro e della nostra società, ma soprattutto per non arrendersi di fronte all'incertezza. Mal comune, mezzo gaudio? Forse, ma anche consapevolezza che dalla crisi si esce solo credendo in se stessi e nelle proprie capacità. Il libro è diviso in tre parti, suddivise a loro volta in capitoli. La prima parte è intitolata "Dei colloqui e degli altri demoni". La seconda: "Storie di ordinaria follia lavorativa". La terza: "Lavoro o son desto?". Qui sono raccolti una serie di consigli su come sopravvivere ai colloqui, agli stage, nonché una guida semiseria per capire quando è ora di darsela a gambe e fuggire dagli annunci-truffa.

Papà mi presti i soldi che devo lavorare?

Bottone Alessia

Scritto tra Capri e Sorrento nel 1938, Il colpo di grazia evoca un episodio di guerra civile avvenuto in Curlandia all'epoca dei putsch tedeschi contro il regime bolscevico, intorno al 1919-21. E' una vicenda autentica, riferita all'autrice da un intimo amico del protagonista maschile. Romanzo di sottile, sconcertante ambiguità, Il colpo di grazia chiama il lettore a collaborare per sottrarre gli avvenimenti narrati da Eric von Lhomond, e specialmente l'immagine che egli propone di sé, a una deformazione che s'inscrive interamente nei rapporti complicati dell'amore e dell'odio. Eric è un aristocratico che patisce la sconfitta della Germania come il crollo del mondo materiale e ideologico in cui si è formato: non gli resta che difendere il castello in cui vive con un amico, Conrad de Reval, e la sorella di questi, Sophie. Il dramma che si svolge fra i tre personaggi, e che si concluderà con un evento tragico dovuto alla ferocia delle guerre partigiane, ricalca l'aneddoto della donna che si offre e dell'uomo che si nega per attaccamento all'amico. Ma il tema centrale del libro è la solidarietà di destino tra esseri sottoposti alle stesse privazioni e agli stessi pericoli, un'intimità e somiglianza più forti dei conflitti della passione carnale o della fedeltà politiche, più forti persino dei rancori del desiderio frustrato o della vanità ferita.

Il colpo di grazia

Yourcenar Marguerite