Giallo - thriller - noir

Malatesta. Indagini di uno sbirro anarchico

Mazzoni Lorenzo

Descrizione: Pietro Malatesta, poliziotto ferrarese con un passato da teppista, che gira solo in bicicletta e che divide la casa con la madre, l'ex moglie, un figlio nullafacente e il Boy, il palestrato zero-cerebro che sta con la sua ex, è uno sbirro decisamente atipico, connotabile sulla falsa riga di tanti eroi del fumetto e della tv Anni '70 (non per niente Malatesta ha come mito Starsky di Starsky & Hutch e si veste come lui). Le storie sono brevi, accattivanti, pienamente inserite nel genere 'giallo di provincia', e si snodano in una Ferrara multi-etnica, alle volte sporca e un po' barbara, fatta di ultrà della Spal, bevute nei bar, adolescenti fancazzisti imitatori di mode, spaccio, colori politici che paiono mai sbiadire. Il volume si compone dei romanzi brevi: "Nero ferrarese", "Il recinto delle capre" e "Il cinematografo".

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Momentum

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788890534058

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

“- Allora? – chiese il ragazzo quando entrarono nella stanza degli interrogatori. – Chi è quello buono e chi è quello cattivo?

- Sei fortunato: siamo tutti e due sbirri buoni. Quelli cattivi sono di là dal vetro che ci stanno guardando – rispose Malatesta salutando con la mano la vetrata oscurante. Fortunatamente il commissario Polano era andato a prendersi un caffè e l’unico spettatore della scenetta fu Torelli della Volante che mormorò: – Che stronzo.”

Bastano poche pagine per affezionarsi a Pietro Malatesta, ispettore di polizia, giocatore sfrenato di FreeCell, ex ultrà della curva ovest della Spal, amante del cibo cinese e dei Clash, così come bastano poche pagine per innamorarsi alla follia della sua famiglia strampalata, composta dalla vecchia madre che coltiva marijuana in cortile, dal figlio Reinalter, filo-islamico e nullafacente, dalla ex moglie Loredana, dedita all’insegnamento dello yoga e dall’amante di lei, soprannominato il Boy, un culturista rozzo e, secondo l’ispettore, con poco senso estetico, visto l’odio da questi nutrito verso i suoi più grandi miti: Starsky e Hutch.

L’identità paradossale di Malatesta, sbirro anarchico, che trova ispirazione da pensatori come Bakunin, o da rivoluzionari come Gaetano Bresci, assume tuttavia un’immagine più reale grazie alla capacità dell’autore di immergerlo in una dimensione a noi famigliare, attraverso un sottile gioco di equilibri tra suspense e ritmi più allentati, che conferiscono al suo personaggio, così come a tutti gli altri, quella credibilità che permette al lettore di provare affezione per loro e per le loro storie.
La città di Ferrara, con la bellezza e la staticità delle sue mura e l’immobilità della popolazione, fa da sfondo perfetto alla sequenza di omicidi che costringono l’ispettore Malatesta a distogliersi dal torpore e “dall’attesa di essere sospeso”, per dedicarsi a ciò che più lo fa sentire in pace con se stesso, ovvero cercare di portare alla luce la verità, attraverso modalità che vanno spesso controcorrente e che rivendicano la propria indipendenza e libertà d’azione.
Compagno di indagini e unico collega con il quale Malatesta riesce ad andare d’accordo è il sovraintendente Gavino Appuntato, sardo verace:

Gavino Appuntato era un brav’uomo. I primi tempi Malatesta aveva pensato che Appuntato potesse diventare il suo Hutch per via dei capelli biondi, ma se già lui era un uomo poco attivo, Gavino Appuntato rasentava il trance catatonico.”

Nel primo romanzo della trilogia, Nero Ferrarese, l’ispettore Malatesta deve indagare su una serie di omicidi rivendicati da un sedicente gruppo che si rifà ai NAR (Nuclei Armati Rivoluzionari). Grazie alla propria caparbietà e all’aiuto della giovane e bella studentessa Gaia, l’ispettore riuscirà a risolvere il caso e a passare la tanto desiderata vacanza estiva nell’umida e assolata Tresigallo, nella bassa ferrarese.

Nel secondo romanzo, Il recinto delle capre, Malatesta si trova a dover indagare sulla morte di Cuccu da Masi Torello, amico di vecchia data, ex tossico, oggi guardiano di un museo di Arte Moderna, morto a causa di una dose di eroina tagliata male. L’intera vicenda è attraversata dal ricordo ancora vivo in Malatesta di un passato turbolento, caratterizzato da atti di teppismo, droghe e partite della Spal, ricordi che permetteranno all’ispettore di non fermarsi alle apparenze e di scavare nella vita dell’amico per cercare la verità sulla sua morte.

Ultimo romanzo della trilogia, Il cinematografo, narra del ritrovamento del corpo di una donna affetta da nanismo sul retro della multisala cinematografica CineBanana’s.
Le indagini sul presunto omicidio riportano in primo piano la “banlieue ferrarese”, imbruttita e soffocata dall’avvento del cinematografo, simbolo di una globalizzazione dai tratti devastanti.
Mazzoni, pur mantenendo la leggerezza narrativa che caratterizza l’intero romanzo, resa più accattivante da una sottile ironia di fondo, non si sottrae dal denunciare il moderno mutamento di prospettive e logiche imprenditoriali che si allontanano sempre più dal rispetto, oltre che dei diritti dei lavoratori, anche di un’idea estetica di affermazione di se stessi. I personaggi che ruotano attorno alla gestione del CineBanana’s, infatti, sono personaggi grotteschi, vestiti con abiti dozzinali e dalle espressioni volgari e volutamente caricaturali, che incarnano l’impersonalità e la mancanza di umanità tipica di questi non-luoghi, inquietanti nella loro ripetitività e ben predisposti ad un certo tipo di violenza tacitamente ammessa.
E’ in questo cupo contesto che una morte apparentemente accidentale si trasforma in una indagine di omicidio.

Lorenzo Mazzoni, creatore dell’ispettore Malatesta, ha collaborato, nella stesura della trilogia, con l’illustratore Andrea Amatucci, offrendo al lettore un succulento accompagnamento visivo alle vicende dello sbirro anarchico.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorenzo

Mazzoni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mazzoni Lorenzo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Da sempre Clare Moorhouse ama camminare nella folla di Parigi, fra i boulevard e gli stretti vicoli del quartiere latino. Tra gli sguardi frettolosi dei passanti, passi svelti e mani che si sfiorano per sbaglio, Clare riesce a essere sé stessa completamente. Solo in mezzo a completi sconosciuti si sente al sicuro. Nessuno può riconoscerla, nessuno può scoprire il segreto che da anni custodisce nel cuore, nemmeno il vento di primavera che le scompiglia i capelli biondi. Ma oggi è un giorno speciale. Clare ha appena saputo di dover organizzare una cena importante per suo marito, un diplomatico in carriera. Forse per lui è arrivato il momento di ottenere la tanto attesa promozione ad ambasciatore. E tutto dipende dalla cena che Clare ha appena dodici ore per definire. Un compito che può svolgere solo lei, abituata a rendere ogni ricevimento impeccabile. Per lei non è mai stato un problema, eppure oggi, mentre sceglie le primule da mettere nel centrotavola o corre al Bon Marché per gli ingredienti più raffinati, un peso le tormenta l'anima. Perché il nuovo incarico per suo marito sarà in Irlanda. E Dublino è la città che nasconde il segreto dal quale Clare ha cercato di fuggire per vent'anni. Tutta la sua vita perfetta, suo marito, i suoi figli e quello che ha di più caro sono in pericolo: oggi, tra la folla che l'ha sempre fatta sentire protetta, sono riapparsi gli occhi azzurri di un uomo che Clare credeva morto. Un uomo che è l'unico al mondo a conoscere il suo passato, e che adesso potrebbe spazzare via la tela di inganni così sapientemente intessuta…

Quando eravamo foglie nel vento

Korkeakivi Anne

Yambo, il protagonista del romanzo, si risveglia dopo un incidente e scopre di aver perso la memoria. Non la memoria che i neurologi chiamano “semantica” (egli ricorda tutto di Giulio Cesare e sa recitare tutte le poesie che ha letto in vita sua), bensì quella “autobiografica”: non sa più il proprio nome, non riconosce la moglie e le figlie, non ricorda nulla della sua infanzia. La moglie lo convince a tornare nella casa di campagna, dove ha conservato i libri e i giornali letti da ragazzo, i quaderni di scuola, i dischi ascoltati allora. Così, in un immenso solaio, l’uomo rivive la storia della propria generazione, arrestandosi soltanto di fronte a due vuoti ancora nebbiosi: le tracce di un’esperienza atroce vissuta negli anni della resistenza e l’immagine vaga di una ragazza amata a sedici anni e poi perduta.

La misteriosa fiamma della regina Loana

Eco Umberto

Sono storie d’amore, sono incontri di un istante, sono figure femminili indimenticabili. E non importa che siano realmente esistite – e magari frequentate nella Sicilia di tanti anni fa –, o che emergano da qualche capolavoro della letteratura. Il loro fascino rinasce in queste pagine in cui, insieme al maestro, sorridiamo, desideriamo e ci innamoriamo. Di Angelica, di Beatrice, di Carmela, di Helga, di Maria, di Zina... Dalla A alla Z. E pur di conquistarle l’uomo è pronto a tutto, anche andare in bicicletta mentre diluvia o venire malmenato da un lanciatore di coltelli; tutto per fare i conti con i temperamenti, le voglie segrete e i sogni, diversi per ogni donna, in letteratura come nella vita.

Donne

Camilleri Andrea

Ambientato in una società del futuro prossimo dove sono state annullate le differenze individuali, la percezione del dolore, la passione e i sentimenti più profondi, il libro racconta un anno di vita di Jonas, un ragazzo di dodici anni che viene insignito del compito di ricevere le Memorie dell'Umanità. Mentre Jonas raccoglie i ricordi di The Giver, provando sulla propria pelle tutte quelle sensazioni che nessun altro membro della comunità conoscerà mai, scopre il terribile segreto della Società in cui vive. E realizza che la strada verso la conoscenza è un cammino senza ritorno Età di lettura: da 9 anni.

The Giver. Il donatore

Lowry Lois