Letteratura americana

Malcolm

Purdy James

Descrizione: Pubblicato nel 1959, Malcolm, prima prova letteraria per James Purdy, è la storia - buffa, irritante e commovente al tempo stesso - di un ragazzo di soli quattordici anni, "di una bellezza eccezionale" e appena rimasto solo al mondo, conteso dall'affetto invadente e possessivo di una galleria di personaggi memorabili: un becchino etiope, un famoso astrologo, una miliardaria alcolista, un pittore nano, un ex galeotto amante del jazz. Fra dolcezza, comicità e trasgressione, un'indimenticabile storia di innocenza e perdita dell'innocenza.

Categoria: Letteratura americana

Editore: Minimum Fax

Collana: Classica

Anno: 2004

ISBN: 9788875210212

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il Malcolm di James Purdy appare – a noi come a Mr Cox – in posizione d’attesa (“Ma lei ha una tale espressione d’attesa!”). La sua condizione di abbandono (“Sono, come si dice, orfano, e mi è stato lasciato più del necessario per vivere”) è avvolta nel mistero (“Quando è nato, Malcolm?… Non mi dica che non lo sa”) e richiede un impulso alla vita (“Lei era un ragazzo ricco… ma non ha né carattere né amici. Se ne sta seduto qui tutto il santo giorno come un ebete a rimuginare su suo padre, che probabilmente è morto…”).

Ecco che allora Mr Cox introduce il ragazzo al cospetto di una serie di personaggi che rappresentano promesse, condizioni, possibilità: il becchino Estel Blanc, il nano Kermit e l’ambigua Laureen Raphaelson (“Il professor Cox aveva… proposto a Laureen di uscire con certi signori che l’avrebbero pagata per la sua compiacenza”)…

La reazione di Malcolm è tenue, quasi disinteressata (“Parlare mi fa venire sonno”).

Intanto la serie dei personaggi prosegue: Madame Girard (“Mi pare che lei sia ubriaca, Madame”), che ama circondarsi di giovanotti (“Non ho già le mie bellezze? – domandò indicando i giovanotti…”), e il suo consorte (“Credo, signore, che sia il fatto di lasciare la panchina… dove ricevo tutti gli indirizzi. Dove ho avuto anche il suo, Girard Girard… È sotto, davanti all’albergo. È lì che ho sempre aspettato il ritorno di mio padre”) vorrebbero condurlo con loro nella casa di campagna (“Ma lo sai quello che ti è capitato?… Ma io ho rifiutato l’invito”) e sarebbe una bella occasione, come ammette in nano Kermit (“Andate via! Non posso sopportare lo splendore della vostra presenza”).

Nella casa di Eloisa Brace e Jerome (“Malcolm si svegliò in un piccolissimo letto… alla sua destra, un uomo dalla pelle scura che russava”) , Malcolm conosce la promiscuità (“Immagino che in quella casa il povero ragazzo sia già stato portato a letto da una ventina di persone… c’è una tale confusione in quella casa, lo sai, tutti quei musicisti che vanno e vengono a tutte le ore… quando c’è molta folla, Eloisa deve fargli cambiare letto nel mezzo della notte”) e posa (“Tu abiterai qui finché non avrò finito il ritratto”) tra l’ammirazione del nano (“Ovunque lui vada spuntano i fiori, commentò Kermit”) e la gelosia di madame Girard (“Devo venire a prenderlo. L’ho scoperto io e lo reclamo”) che culmina in una memorabile scenata (“E così la grande pittrice e regina del jazz è riuscita a farti prigioniero”).

Per Malcolm è giunto il tempo dell’iniziazione (“Il professore disegnò sul petto di Malcolm i contorni di una pantera nera”) grazie al motociclista Gus (“Senti bambino, non ti ho portato qua solo per farti ricamare la pelle… Ti sei mai… congiunto con una donna?”) in vista delle nozze con Melba e del rapido tracollo finale (“Malcolm stava morendo di alcolismo acuto e di iperestesia sessuale”).

Allegorico, proteiforme, sorprendente, Malcolm di James Purdy è un caravanserraglio di tipologie umane e di possibilità esistenziali che si accartocciano, sfrigolano, si dissolvono…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

James

Purdy

Libri dallo stesso autore

Intervista a Purdy James


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L’io narrante, un professore di letteratura che festeggia i suoi sessant’anni di carriera universitaria, riceve da studenti e colleghi un volume in suo onore, e si accorge che in quella biografia manca un elemento che ha invece rappresentato la più significativa e determinante esperienza emotiva e sentimentale di tutta la sua vita, mai confessata a nessuno. Torna così ai suoi anni giovanili e studenteschi e all’incontro fondamentale con un collega da cui era rimasto totalmente affascinato e intellettualmente sedotto, e il quale, a sua volta, segretamente omosessuale, si era innamorato di lui. L’altalenante rapporto di tenerezza e repulsione con il suo maestro provoca nel giovane angoscia, sofferenza e confusione che lo conducono dolorosamente nella vita adulta. Come spesso nei racconti di Zweig, un elemento imprevedibile e incontrollabile, quel sovvertimento dei sensi, turbamento delle zone più oscure della coscienza, è in grado di travolgere e sconvolgere istantaneamente la vita di un essere umano; ed è ciò che avviene sia nell’animo del giovane e ingenuo protagonista che in quello del vecchio docente, i cui sentimenti omosessuali per lo studente lo gettano in una profonda disperazione e nello smarrimento di quelle convenzioni borghesi in cui la sua vita si era fino a quel momento faticosamente conservata. Racconto che rispecchia perfettamente la poetica di Zweig, Sovvertimento dei sensi analizza la dualità, le ossessioni, i sensi di colpa, i desideri inconfessati e i conflitti interiori del personaggio con l’usuale finezza psicologica dell’autore, e ci offre un’ulteriore rappresentazione della passione vissuta come forza oscura e irreprimibile.

Sovvertimento dei sensi

Zweig Stefan

«Chi nasce il 29 febbraio vive il tempo in un modo davvero strano: salta da 4 a 8, da 8 a 12, e così via». Hassinu, il protagonista del romanzo, è un impiegato alle poste di Algeri. Ha 40 anni ma non lo sa, perché è nato il 29 febbraio: senza preavviso passa da 36 a 40 anni e si sente in qualche modo scippato della propria vita, come molti della sua generazione cui hanno rubato gli anni migliori. Amara Lakhous racconta una generazione, un paese che ha anticipato, in qualche modo, quello che sta succedendo oggi in tutto il mondo arabo. Hassinu vuole il pane e la libertà, come i giovani arabi di oggi che si stanno ribellando alle dittature.

UN PIRATA PICCOLO PICCOLO

Lakhous Amara

Arthur Bramhall, un professore di letteratura dell’università del Maine, durante il suo anno sabatico lavora, in una fattoria, alla realizzazione di un libro. Ma quando la fattoria brucia il manoscritto segue la sua stessa fi ne. Con i soldi dell’assicurazione, Arthur si costruisce un rifugio dove comincia la seconda stesura del suo libro Destiny and Desire. Una volta fi nito il romanzo lo sotterra sotto un pino prima di andare a festeggiare in paese. Mentre Arthur se la spassa un orso affamato scopre la valigetta con il mascritto e dopo una veloce lettura decide che il libro può diventare un best seller. L’orso, Hal Jam, viaggia fino a New York dove viene acclamato come autore di successo e ospite d’eccezione per i party mondani, mentre la disperazione animalesca di Bramhall cresce sempre di più fino a portalo all’isolamento dai suoi vecchi amici.

L’ORSO CHE VENNE DALLA MONTAGNA

Kotzwinkle William

LA NAUSEA

Sartre Jean-Paul