Letteratura americana

Malcolm

Purdy James

Descrizione: Pubblicato nel 1959, Malcolm, prima prova letteraria per James Purdy, è la storia - buffa, irritante e commovente al tempo stesso - di un ragazzo di soli quattordici anni, "di una bellezza eccezionale" e appena rimasto solo al mondo, conteso dall'affetto invadente e possessivo di una galleria di personaggi memorabili: un becchino etiope, un famoso astrologo, una miliardaria alcolista, un pittore nano, un ex galeotto amante del jazz. Fra dolcezza, comicità e trasgressione, un'indimenticabile storia di innocenza e perdita dell'innocenza.

Categoria: Letteratura americana

Editore: Minimum Fax

Collana: Classica

Anno: 2004

ISBN: 9788875210212

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il Malcolm di James Purdy appare – a noi come a Mr Cox – in posizione d’attesa (“Ma lei ha una tale espressione d’attesa!”). La sua condizione di abbandono (“Sono, come si dice, orfano, e mi è stato lasciato più del necessario per vivere”) è avvolta nel mistero (“Quando è nato, Malcolm?… Non mi dica che non lo sa”) e richiede un impulso alla vita (“Lei era un ragazzo ricco… ma non ha né carattere né amici. Se ne sta seduto qui tutto il santo giorno come un ebete a rimuginare su suo padre, che probabilmente è morto…”).

Ecco che allora Mr Cox introduce il ragazzo al cospetto di una serie di personaggi che rappresentano promesse, condizioni, possibilità: il becchino Estel Blanc, il nano Kermit e l’ambigua Laureen Raphaelson (“Il professor Cox aveva… proposto a Laureen di uscire con certi signori che l’avrebbero pagata per la sua compiacenza”)…

La reazione di Malcolm è tenue, quasi disinteressata (“Parlare mi fa venire sonno”).

Intanto la serie dei personaggi prosegue: Madame Girard (“Mi pare che lei sia ubriaca, Madame”), che ama circondarsi di giovanotti (“Non ho già le mie bellezze? – domandò indicando i giovanotti…”), e il suo consorte (“Credo, signore, che sia il fatto di lasciare la panchina… dove ricevo tutti gli indirizzi. Dove ho avuto anche il suo, Girard Girard… È sotto, davanti all’albergo. È lì che ho sempre aspettato il ritorno di mio padre”) vorrebbero condurlo con loro nella casa di campagna (“Ma lo sai quello che ti è capitato?… Ma io ho rifiutato l’invito”) e sarebbe una bella occasione, come ammette in nano Kermit (“Andate via! Non posso sopportare lo splendore della vostra presenza”).

Nella casa di Eloisa Brace e Jerome (“Malcolm si svegliò in un piccolissimo letto… alla sua destra, un uomo dalla pelle scura che russava”) , Malcolm conosce la promiscuità (“Immagino che in quella casa il povero ragazzo sia già stato portato a letto da una ventina di persone… c’è una tale confusione in quella casa, lo sai, tutti quei musicisti che vanno e vengono a tutte le ore… quando c’è molta folla, Eloisa deve fargli cambiare letto nel mezzo della notte”) e posa (“Tu abiterai qui finché non avrò finito il ritratto”) tra l’ammirazione del nano (“Ovunque lui vada spuntano i fiori, commentò Kermit”) e la gelosia di madame Girard (“Devo venire a prenderlo. L’ho scoperto io e lo reclamo”) che culmina in una memorabile scenata (“E così la grande pittrice e regina del jazz è riuscita a farti prigioniero”).

Per Malcolm è giunto il tempo dell’iniziazione (“Il professore disegnò sul petto di Malcolm i contorni di una pantera nera”) grazie al motociclista Gus (“Senti bambino, non ti ho portato qua solo per farti ricamare la pelle… Ti sei mai… congiunto con una donna?”) in vista delle nozze con Melba e del rapido tracollo finale (“Malcolm stava morendo di alcolismo acuto e di iperestesia sessuale”).

Allegorico, proteiforme, sorprendente, Malcolm di James Purdy è un caravanserraglio di tipologie umane e di possibilità esistenziali che si accartocciano, sfrigolano, si dissolvono…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

James

Purdy

Libri dallo stesso autore

Intervista a Purdy James

Un attore famoso, alcolizzato e depresso in privato, ma in pubblico simbolo del "sogno americano", riceve una notizia personale che gli cambierà la vita per sempre. Il più grande artista del mondo, durante l'occupazione nazista, rende immortale la figlia della donna di servizio di un hotel su una spiaggia di Juan-les-Pins, in Francia. Un giovane scrittore newyorchese s'innamora della figlia di un Premio Nobel per la letteratura. Questa relazione lo sconvolgerà a tal punto da pubblicare uno dei libri più venduti al mondo. Un anonimo funzionario di una compagnia di assicurazioni si occupa di sicurezza sul lavoro. Conosce una cameriera in un bordello nel ventre nero di Praga e, grazie a lei, troverà il suo modo per salvare l'umanità. Arrivato alla fine della sua vita, uno dei più grandi scrittori del Novecento si suicida con la canna di un fucile in bocca, mentre una ragazza vitale, chiassosa e ribelle alle regole rigide della sua famiglia, negli anni Quaranta viene sottoposta per volere del padre a un intervento di lobotomia frontale. Un romanzo corale che ci racconta i luoghi oscuri di quella società dello spettacolo diventata un incredibile e pirotecnico "Grande Show".

Quando cadono le stelle

Serino Gian Paolo

Una giovane donna va in anni recenti alla ricerca del misterioso passato dei reclusi di un enorme lager in un'isola greca dove il regime dei colonnelli confinò insieme folli, poeti e oppositori politici. E sprofonda, come il coniglio di Alice, seguendo tracce semicancellate archivi polverosi e segni magici, in una catena imprevista di orrori e segreti dove la pazzia sempre più si mostra come eterno segno dell'opposizione e della ribellione e il passato rivive in storie miracolose, in una festa del linguaggio e della parola. Nella seconda parte del romanzo la detection su follia, normalità e violenza della giovane donna si allarga al mondo contemporaneo e finisce col diventare inevitabile, sconvolgente autobiografia dell'autrice, dove il nodo del rapporto con la madre e la scoperta del fantasma della propria follia (e di quella materna) si aprono in immagini di rara forza. Unica salvezza è la parola poetica, la passione di dire e raccontare che unisce i mondi nel gesto individuale di chi ha il coraggio di cercare ancora "la prima verità".

La prima verità

Vinci Simona

Lo Zio è uno spietato boss della camorra. Ha però una fatale debolezza: "il Grande Fratello", di cui non si perde una puntata. Nemmeno se costretto a vivere in latitanza, braccato dall'agente di polizia Woody Alien, soprannominato così per la "bruttezza intellettualoide", che potrebbe incastrarlo grazie a un misterioso informatore. Allora i "guaglioni" dello Zio, scoperta l'identità del traditore, arruolano il pusher Anthony ­ ventenne incensurato, ma in compenso lampadato e depilato ­ per mandargli un messaggio dalla Casa. Dopo un estenuante addestramento, Anthony riesce a superare il provino ed entra nel cast...

NEL NOME DELLO ZIO

Piedimonte Stefano

Nei primi anni ottanta il terrorismo seminava vittime e paura con stragi sommarie ed esecuzioni mirate. Il 1981 era stato anche l’anno degli attentati al Papa, a Reagan, a Sadat e a parecchi altri meno famosi. In Polonia, Solidarnosch aveva tirato la prima picconata a quel muro che si sarebbe sgretolato soltanto anni dopo. Il medio-oriente era una polveriera nella quale ogni giorno qualcuno, fosse stato un semplice civile o un capo di stato, saltava in aria. è proprio in quegli anni Gigi scopre il mondo guardandolo dalla Sardegna, con un papà così felice e innamorato da vedere anche sua moglie felice e innamorata. Un po’ come fanno gli ubriachi che vedono tutti sbronzi. Ma, purtroppo, si sbagliava.

L’anno di vento e sabbia

Delogu Roberto