Letteratura femminile

MANCARSI

De Silva Diego

Descrizione: Diego De Silva fa un passo a lato, si allontana dalle irresistibili vicende di Vincenzo Malinconico e ci regala una semplice storia d'amore. Semplice per modo di dire, perché la scommessa è tutta qui: nel nascondere la profondità in superficie, nel tratteggiare desideri e dolori, speranze e rovine, con poche parole essenziali, dritte e soprattutto vere. Perché, come diceva Fanny Ardant ne La signora della porta accanto, solo i racconti scarni e le canzoni dicono la verità sull'amore: quanto fa male, quanto fa bene. Solo lí si cela l'assoluto. Cosí De Silva prende i suoi due personaggi e li osserva con pazienza, li pedina, chiedendoci di seguirlo - e di seguirli - senza fare domande. La perfetta storia d'amore di due persone che si sfiorano senza incontrarsi mai. Nicola e Irene sono fatti l'uno per l'altra, ma non lo sanno. Probabilmente se ne accorgerebbero, se s'incrociassero anche solo una volta. Non dovrebbe essere difficile, visto che frequentano regolarmente lo stesso bistrot...

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Einaudi

Collana: L'Arcipelago Einaudi

Anno: 2013

ISBN: 9788806215262

Trama

Le Vostre recensioni

Non sa come sia successo, ma ricorda bene quando, perché nel preciso momento in cui aveva capito che il suo matrimonio era finito, aveva guardato l’orologio sulla parete della cucina.

Che hai? – le aveva chiesto lui fermando addirittura il cucchiaio a due dita dalla bocca.

Niente, – aveva risposto Irene. E gli aveva carezzato il dorso della mano, il gesto che fanno le donne quando vanno via per non tornare più.

Quando l’istantanea del loro amore si era  ormai trasformata in un’immagine sbiadita, Irene trova il coraggio di lasciare il marito. Lo fa senza attendere la notte che porta consiglio ed il buon senso che ridimensiona ogni cosa perché, si sa, “è piuttosto volgare, il buonsenso. Abbassa il livello delle aspirazioni, valuta le possibilità di successo e soprattutto quelle di fallimento, calcola. Il coraggio, la sincerità e l’istinto non hanno nessuna possibilità di resistergli, se gli dai il tempo di organizzarsi e preparare la controffensiva. L’impulso che ci spinge a cambiare, il vento che rovina, non ha quegli argomenti, anzi spesso non ne ha affatto”. Irene si riprende il suo tempo: lo fa seduta al tavolo migliore del bistrot dove torna quasi ogni giorno per osservare la sua vita e per prenderla sul serio, ora che sa cosa non vuole più.

Nicola non è Irene. Lui lo sa quello che fa la persona che ami: occupa il tuo spazio e il tuo mondo. “E il peggio che ti può capitare, quando ti abitui a vivere in un mondo ridotto a una persona soltanto, è di pensare di avere abbastanza mondo per essere felice, addirittura diventarlo, e così raccontarti che nel resto del mondo, tutto quell’altro mondo che non è lei, non vuoi neanche più andarci; infatti non ci vai, e dopo un po’ ti senti perfino fiero di aver smesso di frequentarlo, quel mondo così vasto, anche se poi quando viene a girare dalle tue parti o lo vedi dalla finestra ti sale un po’ di magone, e te ne torni dentro mordendoti le labbra”. Ma Nicola il coraggio di lasciare sua moglie non ce l’ha. Gli eventi però lo porteranno allo stesso bistrot, seduto allo stesso tavolo di Irene, di fronte al poster di Buster Keaton, l’istantanea sbiadita del suo di amore.  

Le vite di Irene e Nicola si snodano su binari paralleli, procedono allo stesso ritmo lungo le strade della stesa città per riprendere fiato nello stesso locale, il luogo in cui ritrovare se stessi, dopo che “smussandosi, modificando il senso delle cose che si fanno […] tradendo le proprie convinzioni”, si erano trasformati in una brutta copia di se stessi.

Come nel romanzo “La donna di scorta” del 2001, Diego De Silva torna a parlarci di amori traditi, disillusi e finiti. Ancora una volta la figura maschile viene descritta in tutta la sua imperdonabile debolezza, di fronte alla forza e alla determinazione di donne capaci di riprendere possesso, nonostante la sofferenza, della propria vita. Nicola ci ricorda Livio: si porta dentro la sua stessa confusione, anche lui incapace di scegliere tra il matrimonio ed il cambiamento. La morte improvvisa della moglie sceglierà per lui. E come nel precedente romanzo, De Silva segue i suoi personaggi, li descrive senza tuttavia giudicarli, lasciando che siano loro a parlare.

In quest’ultimo romanzo però, Nicola e Irene non si sono ancora incontrati e il loro inconsapevole cercarsi è solo una premessa di ciò che potrà essere. Li unisce il loro desiderio di ritrovare in un incontro la felicità possibile.  Credo, però, che la fiducia del lettore sia tutta riposta nella donna, Irene, “con le sue certezze conquistate che spiazzano e che, difficilmente, la debolezza di un uomo può comprendere”, le stesse che ho ritrovato in Dorina.

Messe da parte le vicende dell’avvocato Vincenzo Malinconico, Diego De Silvia  scrive d’amore, con una storia poco strutturata ma sempre molto emozionata: l’autore dà sfogo ai desideri, alle speranze e ai dubbi dei suoi personaggi e attraverso di loro tratteggia le loro vicende. Gli spunti di riflessione sulla coppia e sul matrimonio, in particolare, sono molteplici. Non sempre, tuttavia, la storia riesce a coinvolgere e talvolta l’impressione di aver già letto certi passaggi è forte.

Il risultato è meno convincente de “La donna di scorta” che, tra i due romanzi, continuo a preferire e a consigliare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Diego

Silva

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Silva Diego

Inseparabili. Questo sono sempre stati l'uno per l'altro i fratelli Pontecorvo, Filippo e Samuel. Come i pappagallini che non sanno vivere se non sono insieme. Come i buffi e pennuti supereroi ritratti nel primo fumetto che Filippo ha disegnato con la sua matita destinata a diventare famosa. A nulla valgono le differenze: l'indolenza di Filippo - refrattario a qualsiasi attività non riguardi donne, cibo e fumetti - opposta alla determinazione di Samuel, brillante negli studi, impacciato nell'arte amatoria, avviato a un'ambiziosa carriera nel mondo della finanza. Ma ecco che i loro destini sembrano invertirsi e qualcosa per la prima volta si incrina. In un breve volgere di mesi, Filippo diventa molto più che famoso: il suo cartoon di denuncia sull'infanzia violata, acclamato da pubblico e critica dopo un trionfale passaggio a Cannes, fa di lui il simbolo, l'icona in cui tutti hanno bisogno di riconoscersi. Contemporaneamente Samuel vive giorni di crisi, tra un investimento a rischio e un'impasse sentimentale sempre più catastrofica: alla vigilia delle nozze ha perso la testa per Ludovica, introversa rampolla della Milano più elegante con un debole per l'autoerotismo. Nemmeno l'eccezionale, incrollabile Rachel, la mame che veglia su di loro da quando li ha messi al mondo, può fermare la corsa vertiginosa dei suoi ragazzi lungo il piano inclinato dell'esistenza. Forse, però, potrà difendere fino all'ultimo il segreto impronunciabile che li riguarda tutti... Alessandro Piperno ritrova la famiglia Pontecorvo - già protagonista di Persecuzione - e chiude il dittico del Fuoco amico dei ricordi con un'opera del tutto autonoma che, al tempo stesso, scioglie ogni nodo lasciato in sospeso dal primo libro. Inseparabiliè la storia di una famiglia che deve lottare con l'amore e il rancore, il lutto e la solitudine, fino alla resa dei conti. È il racconto verosimile fino al dettaglio di quanto fortuito e inarrestabile sia il meccanismo che genera un grande successo mediatico e insieme il "referto" implacabile, scioccante, degli effetti che una pubblica glorificazione può sortire su chi ne è oggetto: sui suoi desideri, sul suo carattere, sulle relazioni con coloro che ama. È un libro splendente, ironico, emozionante, percorso da una felicità narrativa che ricorda l'euforia di Con le peggiori intenzioni - la cui protagonista, Gaia, fa da guest-star in un velenoso cammeo. Un grande romanzo di oggi, veloce, crudele ma cadenzato dal passo classico di una Commedia umana che senza tempo si ripete.

INSEPARABILI

Piperno Alessandro

La rivoluzione del prosciutto

Esther Hillesum, detta Etty, è una ragazza olandese di origini ebraiche, colta, curiosa, dalla sensibilità inusuale. Appassionata di letteratura russa e lettrice vorace, lavora come dattilografa al Consiglio Ebraico: la sua è una condizione privilegiata, allo scoppiare della Seconda guerra mondiale e con l'inizio delle persecuzioni razziali potrebbe scappare e salvarsi. Potrebbe coltivare i suoi studi, scoprire l'amore che comincia ad affacciarsi nella sua vita, realizzare i mille sogni suggeriti dalla sua fantasia. Ma decide di non abbandonare la sua famiglia, il suo popolo, e di condividerne fino in fondo la sorte...

Un gomitolo aggrovigliato è il mio cuore

Ferri Edgarda

Ai margini della Roma che tutti conosciamo, dove il Tevere crea un'ampia ansa prima di correre verso il mare, vivono uomini e donne che sembrano essersi incontrati solo grazie alle rispettive necessità. Fra baracche e chiatte, uniti dalla gestione di una trattoria improvvisata, mentre si alternano in piccoli lavori nei campi e nella guida dei turisti cittadini attratti dai loro lavori arcaici, essi hanno formato una specie di strana comunità fuori dal tempo e dal mondo in cui siamo abituati oggi a vivere. Cesare, uno degli ultimi anguillari romani, suo fratello Guido, un bizzarro lettore di testi sacri, Victoria, una cuoca sudamericana e due ragazze dell'est dal mestiere equivoco, hanno accolto già da qualche anno un uomo in fuga. Lo chiamano tutti "il dottore" perché, se il suo nome non ama rivelarlo, sembra venuto a offire le sue cure a chi vive lì e nei dintorni. Zingari, reietti, osti, piccoli criminali, pastori clandestini, tutti chiedono al dottore di essere curati. Tutti del resto hanno intuito che questo cinquantenne vissuto sempre in città è venuto in realtà a curare se stesso. Ma qual è il suo passato? Quale l'immenso dolore che lo ha strappato alla sua casa?

È giusto obbedire alla notte

Nucci Matteo