Letteratura femminile

MANCARSI

De Silva Diego

Descrizione: Diego De Silva fa un passo a lato, si allontana dalle irresistibili vicende di Vincenzo Malinconico e ci regala una semplice storia d'amore. Semplice per modo di dire, perché la scommessa è tutta qui: nel nascondere la profondità in superficie, nel tratteggiare desideri e dolori, speranze e rovine, con poche parole essenziali, dritte e soprattutto vere. Perché, come diceva Fanny Ardant ne La signora della porta accanto, solo i racconti scarni e le canzoni dicono la verità sull'amore: quanto fa male, quanto fa bene. Solo lí si cela l'assoluto. Cosí De Silva prende i suoi due personaggi e li osserva con pazienza, li pedina, chiedendoci di seguirlo - e di seguirli - senza fare domande. La perfetta storia d'amore di due persone che si sfiorano senza incontrarsi mai. Nicola e Irene sono fatti l'uno per l'altra, ma non lo sanno. Probabilmente se ne accorgerebbero, se s'incrociassero anche solo una volta. Non dovrebbe essere difficile, visto che frequentano regolarmente lo stesso bistrot...

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Einaudi

Collana: L'Arcipelago Einaudi

Anno: 2013

ISBN: 9788806215262

Trama

Le Vostre recensioni

Non sa come sia successo, ma ricorda bene quando, perché nel preciso momento in cui aveva capito che il suo matrimonio era finito, aveva guardato l’orologio sulla parete della cucina.

Che hai? – le aveva chiesto lui fermando addirittura il cucchiaio a due dita dalla bocca.

Niente, – aveva risposto Irene. E gli aveva carezzato il dorso della mano, il gesto che fanno le donne quando vanno via per non tornare più.

Quando l’istantanea del loro amore si era  ormai trasformata in un’immagine sbiadita, Irene trova il coraggio di lasciare il marito. Lo fa senza attendere la notte che porta consiglio ed il buon senso che ridimensiona ogni cosa perché, si sa, “è piuttosto volgare, il buonsenso. Abbassa il livello delle aspirazioni, valuta le possibilità di successo e soprattutto quelle di fallimento, calcola. Il coraggio, la sincerità e l’istinto non hanno nessuna possibilità di resistergli, se gli dai il tempo di organizzarsi e preparare la controffensiva. L’impulso che ci spinge a cambiare, il vento che rovina, non ha quegli argomenti, anzi spesso non ne ha affatto”. Irene si riprende il suo tempo: lo fa seduta al tavolo migliore del bistrot dove torna quasi ogni giorno per osservare la sua vita e per prenderla sul serio, ora che sa cosa non vuole più.

Nicola non è Irene. Lui lo sa quello che fa la persona che ami: occupa il tuo spazio e il tuo mondo. “E il peggio che ti può capitare, quando ti abitui a vivere in un mondo ridotto a una persona soltanto, è di pensare di avere abbastanza mondo per essere felice, addirittura diventarlo, e così raccontarti che nel resto del mondo, tutto quell’altro mondo che non è lei, non vuoi neanche più andarci; infatti non ci vai, e dopo un po’ ti senti perfino fiero di aver smesso di frequentarlo, quel mondo così vasto, anche se poi quando viene a girare dalle tue parti o lo vedi dalla finestra ti sale un po’ di magone, e te ne torni dentro mordendoti le labbra”. Ma Nicola il coraggio di lasciare sua moglie non ce l’ha. Gli eventi però lo porteranno allo stesso bistrot, seduto allo stesso tavolo di Irene, di fronte al poster di Buster Keaton, l’istantanea sbiadita del suo di amore.  

Le vite di Irene e Nicola si snodano su binari paralleli, procedono allo stesso ritmo lungo le strade della stesa città per riprendere fiato nello stesso locale, il luogo in cui ritrovare se stessi, dopo che “smussandosi, modificando il senso delle cose che si fanno […] tradendo le proprie convinzioni”, si erano trasformati in una brutta copia di se stessi.

Come nel romanzo “La donna di scorta” del 2001, Diego De Silva torna a parlarci di amori traditi, disillusi e finiti. Ancora una volta la figura maschile viene descritta in tutta la sua imperdonabile debolezza, di fronte alla forza e alla determinazione di donne capaci di riprendere possesso, nonostante la sofferenza, della propria vita. Nicola ci ricorda Livio: si porta dentro la sua stessa confusione, anche lui incapace di scegliere tra il matrimonio ed il cambiamento. La morte improvvisa della moglie sceglierà per lui. E come nel precedente romanzo, De Silva segue i suoi personaggi, li descrive senza tuttavia giudicarli, lasciando che siano loro a parlare.

In quest’ultimo romanzo però, Nicola e Irene non si sono ancora incontrati e il loro inconsapevole cercarsi è solo una premessa di ciò che potrà essere. Li unisce il loro desiderio di ritrovare in un incontro la felicità possibile.  Credo, però, che la fiducia del lettore sia tutta riposta nella donna, Irene, “con le sue certezze conquistate che spiazzano e che, difficilmente, la debolezza di un uomo può comprendere”, le stesse che ho ritrovato in Dorina.

Messe da parte le vicende dell’avvocato Vincenzo Malinconico, Diego De Silvia  scrive d’amore, con una storia poco strutturata ma sempre molto emozionata: l’autore dà sfogo ai desideri, alle speranze e ai dubbi dei suoi personaggi e attraverso di loro tratteggia le loro vicende. Gli spunti di riflessione sulla coppia e sul matrimonio, in particolare, sono molteplici. Non sempre, tuttavia, la storia riesce a coinvolgere e talvolta l’impressione di aver già letto certi passaggi è forte.

Il risultato è meno convincente de “La donna di scorta” che, tra i due romanzi, continuo a preferire e a consigliare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Diego

Silva

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Silva Diego


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Qual è il vergognoso segreto che Cirene Selva confida alla figlia Ortelia? In verità c'è più di un segreto dietro la vicenda di Amleto Selva, giovane garzone senza arte né parte ma molto ambizioso arrivato in paese nel 1919 al seguito di un sensuale di bestiame. Tanto per cominciare c'è il vero motivo del suo matrimonio con Cirene, timida e bruttina ma destinata a ereditare la macelleria del padre. Poi c'è la lunga guerra con la bottega rivale, quella del Bereni. Soprattutto c'è la passione del Selva per un'altra carne, un'esuberante vitalità sessuale che nel quieto tran tran del paese genera turbolenze e scandali subito soffocati ma destinati a generare lunghe ombre sul futuro.

IL SEGRETO DI ORTELIA

Vitali Andrea

Theresa Osborne, giornalista di Boston, divorziata e madre di un ragazzino dodicenne, raccoglie sulla spiaggia, durante una vacanza, una bottiglia contenente una lettera. Garrett, l'uomo che la firma, ha perso la donna amata e le strazianti parole del suo messaggio insinuano in Theresa una sottile curiosità. Profondamente turbata da emozioni che non riesce a frenare, Theresa si avventura, grazie anche a fortunate coincidenze, in una località turistica della costa alla ricerca del protagonista di questo amore infelice.

LE PAROLE CHE NON TI HO DETTO

Sparks Nicholas

La vita di Alice è apparentemente perfetta: 28 anni, un lavoro a tempo indeterminato e un fidanzato che ama, ricambiata. Non le resta che cercare casa e fare dei figli, guadagnandosi il paradiso terrestre di una vita normale. Eppure di perfetto non c’è nulla. Il surreale sarcasmo di Alice fa scoprire al lettore situazioni che suo malgrado conosce fin troppo bene, nascoste dietro la maschera della normalità di un’ordinaria giornata in ufficio. Il badge che scandisce malignamente il tempo. La routine del ritmo aziendale che diventa ossessione. Le manie degli impiegati a un passo dalla psicosi. La sindrome antisociale dell’open-space. Le figure clownesche dei capufficio, tronfi della loro incompetenza. I giorni che invece di allargarsi in un presente vivo si spengono con monotonia uno sull’altro. Le pause – pausa-mela, pausa aria, pausa-sclero – sono le uniche boccate di sollievo. Finché Alice non scopre la pausa-papera! Osservando da dietro la recinzione dell’azienda i pennuti che vivono liberi nel loro stagno, ad Alice si rivela una nuova filosofia di vita, una possibilità di salvezza, di liberazione…

ALICE IN GABBIA

Gasbarro Arianna

Che cos'è la verità? Pensi davvero di avere la risposta ad una domanda così apparentemente banale? Quella che leggerai è la storia di un uomo che un tempo era e aveva tutto ciò che desiderava per poi perdere ogni cosa macchiandosi delle colpe e dei crimini più gravi. Attraverso pezzi di quel passato e dei suoi sentimenti mescolati ad un presente senza speranza, ripercorrerai la sua storia finché troverà la chiave per riprendere in mano la sua vita. A quel punto, però, per la seconda volta si troverà di fronte ad una domanda che rimetterà tutto in discussione: che cos'è la verità? E Aidan capirà che trovare quella risposta, come spesso avviene con tutte le domande più importanti, non rappresenta affatto la fine della ricerca, ma solo l'inizio.

Di notte si vede più lontano

Pezzolla Indro