Letteratura femminile

Il mandarino meraviglioso

Erdogan Asli

Descrizione: Una giovane donna turca cammina nell'oscurità della notte, lungo le vie solitarie e misteriose della Città Vecchia di Ginevra. Dopo la partenza del suo amato passa le serate nei caffè. In questi luoghi troppo luminosi, fumosi, qualche volta accoglienti, scrive e riflette sulla gioventù sprecata, ripercorre la propria vita fino al luogo delle origini, sulle rive del Bosforo, lì dove la paura è cominciata. Perché nella sua terra natia essere libera significava infrangere i divieti e le restrizioni, e l'unico modo per farcela era andar via... Una storia di emigrazione, di identità perse e ritrovate, di spaesamento. Una novella iniziale e una manciata di brevi racconti per farci conoscere la voce originale di una scrittrice che si pone a cavallo di continenti e culture tra loro molto diversi. Unanimemente definita come una delle autrici più interessanti di questi ultimi anni, è stata inserita dal magazine francese «Lire» nella classifica dei 50 Writers of Future.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Keller

Collana:

Anno: 2014

Traduttore: Giulia Ansaldo

ISBN: 9788889767634

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Durante le ultime ore del giorno non faccio niente, non vivo, non sento; aspetto che muoia il giorno. Per morire con lui e trasformarmi in fantasma non appena comincia la notte.”

La notte alza un muro tra la protagonista di queste pagine e il resto del mondo. E’ nell’oscurità di Ginevra che la donna senza occhio ascolta i suoi passi e osserva gli individui nella loro rassegnata solitudine.

Una sagoma, un’ombra che vive nel silenzio e rifugge lo sguardo degli altri per non scorgere in essi il terrore del suo viso sfigurato dalla malattia.

Asli Erdogan ci racconta la storia di una giovane donna sempre in fuga. Dopo aver abbandonato la Turchia, dove era nata, questo personaggio sospeso tra passato e presente si ritrova a rivivere l’emarginazione e lo spaesamento di un tempo, in una città che, per quanto affascinante, non riesce a colmare il vuoto dentro di lei.

Così la fine di un amore e la perdita di un occhio diventano per la donna il pretesto per abbandonare la propria esistenza “diurna” e rifugiarsi nella scrittura e nella storia di Michelle, il suo alter ego, attraverso cui cerca di rivivere la sua vita interrotta.

Nasco come una mezza luna che non vede mai il tramonto, per affogare nel mio sangue ogni mattina – quel sangue alle cui creazioni credono i pellerossa. Ogni notte divento madre e muoio. Andandomene, l’unica consolazione è l’immobilità delle pietre.

Pagine e pagine di pensieri convulsi, intuizioni, visioni alla ricerca di un senso nell’incomprensibile realtà in cui la protagonista si ritrova, suo malgrado, a vivere. I ricordi di Istanbul e dei colori del Bosforo, luoghi familiari all’autrice, racchiudono l’amaro rimpianto per un’esistenza mancata. Il legame con il suo passato, per quanto doloroso, rappresenta per lei un discorso sospeso ma necessario, per comprendere le ragioni di una rabbia soffocata e ora rinnovata e per ritrovare – con grande difficoltà – l’identità perduta.

“Un ricordo è un ponte che si allunga verso il passato, un ponte stretto sul quale ci si è persi, di legno, pericoloso. Il passato è l’altra sponda mai raggiunta del fiume. Oggi non penserò alla morte. Penserò a Istanbul, al mare, alla neve, alla vita, ma alla morte….”

Alla narrazione frammentata in racconti legati tra loro si alternano storie, leggende, poesie che rafforzano emozioni e visioni, creando un tutt’uno armonico e inaspettato.

Il mandarino meraviglioso segue la pubblicazione del primo romanzo, Kabuk Adam (1994), dell’autrice turca, nota come attivista per i diritti umani ed ex editorialista del giornale Radikal, ed è stato pubblicato per la prima volta in Italia da Keller Editore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Asli

Erdogan

Libri dallo stesso autore

Intervista a Erdogan Asli

Ritrovato nell'archivio di famiglia e presentato per la prima volta ai lettori, questo romanzo inedito di Giorgio Scerbanenco conserva intatto il fascino della sua scrittura ironica e una struttura appassionante da vero noir all'italiana. La vicenda di questo libro è essa stessa un romanzo: il manoscritto dell'«Isola degli Idealisti» scompare insieme ad altri testi nel 1943, quando la Mondadori, per la quale era stato scritto, sposta in tutta fretta i suoi uffici da Milano. Figura tra le opere in via di pubblicazione elencate da Scerbanenco per ottenere asilo in Svizzera, ed è l'unico ad essere stato ritrovato, in uno degli archivi che raccolgono le carte dello scrittore. Un romanzo ritrovato nello stile del migliore Scerbanenco: tagliente, incisivo, sensuale e pittorico. I protagonisti, il padre Antonio e i suoi figli Celestino e Carla, ricchi e raffinati medici, vivono circondati da domestici più o meno fidati in una casa su una piccola isola in mezzo a un lago, e qui si nutrono di arte e di cultura. La loro tranquillità viene disturbata da Guido e Beatrice, due ladri professionisti, che Celestino, appassionato di matematica e filosofia morale, decide di rieducare. Nonostante le apparenze, e malgrado le resistenze dei due ladri, l'esito di questo bizzarro esperimento sociale si dimostrerà imprevedibile: il disincanto dell'uno, la nostalgia di casa dell'altra si mescolano ai furti, alle piccole bugie e alle vere tragedie che intrecciano le storie di due famiglie così diverse.

L’isola degli idealisti

Scerbanenco Giorgio

Tratto dal diario non censurato di Anaïs Nin, questo ritratto autobiografico copre il periodo trascorso dall’autrice a Parigi tra il 1931 e il 1932. A quell’epoca risale l’incontro con Henry Miller e sua moglie June: un incontro che segnerà una svolta importantissima nell’evoluzione sentimentale e letteraria della scrittrice. Attratta dal fascino geniale di Miller e turbata dalla fisicità di June, la giovane Anaïs Nin inizia una sorta di educazione erotico-sentimentale che la condurrà alla completa maturazione emotiva e personale. Da questo gioco a tre, sotto la magistrale “regia” di Miller, sullo sfondo della Parigi negli anni trenta, si sviluppa un libro dai risvolti morbosi che completa l’immagine provocatoria di una scrittrice ormai consacrata tra i nomi più illustri della letteratura contemporanea.

Henry & June

Nin Anais

Il mercante di Venezia

Shakespeare William

Elf è sempre stata la più bella. Ha stile, idee geniali, ti fa morir dal ridere; le capitali del mondo la ricoprono allegramente di dollari per farle suonare il pianoforte e gli uomini si innamorano perdutamente di lei. Yoli è la sorella squinternata. Ha messo al mondo figli con padri diversi, ha un amante avvocato, se si rompe la macchina fa sesso con il meccanico, ha il conto sempre in rosso e una carriera mancata. E cos’è adesso questa storia che Elf vuole morire? Proprio in questo momento, poi, a due settimane da un’importantissima tournée. “Elfie, ma ti rendi conto di quanto mi mancheresti?” Quali sono le cose giuste da dire per salvare una vita? Yoli la prende in giro, la consola, la sgrida, aggredisce lo psichiatra dell’ospedale, cammina lungo il fiume tumultuoso del disgelo, non sa più che pesci pigliare. Cospira con la madre, con zia Tina, con il tenero marito scienziato di Elf, con Claudio, il suo agente italiano, e tra cene alcoliche, sms di figli ed ex mariti, sorrisi e ultime frontiere del pianto, lottano tutti per convincere Elf a restare. E in questo lungo duello di parole, carezze, umorismo nero si celebra la grazia e l’energia che occorrono per accettare il dono fragile della vita. Scritto per dare forma a un dolore vero, I miei piccoli dispiaceri è un’esplosione di intelligenza, comicità e calore.

I miei piccoli dispiaceri di Miriam Toews

Toews Miriam