Letteratura femminile

Il mandarino meraviglioso

Erdogan Asli

Descrizione: Una giovane donna turca cammina nell'oscurità della notte, lungo le vie solitarie e misteriose della Città Vecchia di Ginevra. Dopo la partenza del suo amato passa le serate nei caffè. In questi luoghi troppo luminosi, fumosi, qualche volta accoglienti, scrive e riflette sulla gioventù sprecata, ripercorre la propria vita fino al luogo delle origini, sulle rive del Bosforo, lì dove la paura è cominciata. Perché nella sua terra natia essere libera significava infrangere i divieti e le restrizioni, e l'unico modo per farcela era andar via... Una storia di emigrazione, di identità perse e ritrovate, di spaesamento. Una novella iniziale e una manciata di brevi racconti per farci conoscere la voce originale di una scrittrice che si pone a cavallo di continenti e culture tra loro molto diversi. Unanimemente definita come una delle autrici più interessanti di questi ultimi anni, è stata inserita dal magazine francese «Lire» nella classifica dei 50 Writers of Future.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Keller

Collana:

Anno: 2014

Traduttore: Giulia Ansaldo

ISBN: 9788889767634

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Durante le ultime ore del giorno non faccio niente, non vivo, non sento; aspetto che muoia il giorno. Per morire con lui e trasformarmi in fantasma non appena comincia la notte.”

La notte alza un muro tra la protagonista di queste pagine e il resto del mondo. E’ nell’oscurità di Ginevra che la donna senza occhio ascolta i suoi passi e osserva gli individui nella loro rassegnata solitudine.

Una sagoma, un’ombra che vive nel silenzio e rifugge lo sguardo degli altri per non scorgere in essi il terrore del suo viso sfigurato dalla malattia.

Asli Erdogan ci racconta la storia di una giovane donna sempre in fuga. Dopo aver abbandonato la Turchia, dove era nata, questo personaggio sospeso tra passato e presente si ritrova a rivivere l’emarginazione e lo spaesamento di un tempo, in una città che, per quanto affascinante, non riesce a colmare il vuoto dentro di lei.

Così la fine di un amore e la perdita di un occhio diventano per la donna il pretesto per abbandonare la propria esistenza “diurna” e rifugiarsi nella scrittura e nella storia di Michelle, il suo alter ego, attraverso cui cerca di rivivere la sua vita interrotta.

Nasco come una mezza luna che non vede mai il tramonto, per affogare nel mio sangue ogni mattina – quel sangue alle cui creazioni credono i pellerossa. Ogni notte divento madre e muoio. Andandomene, l’unica consolazione è l’immobilità delle pietre.

Pagine e pagine di pensieri convulsi, intuizioni, visioni alla ricerca di un senso nell’incomprensibile realtà in cui la protagonista si ritrova, suo malgrado, a vivere. I ricordi di Istanbul e dei colori del Bosforo, luoghi familiari all’autrice, racchiudono l’amaro rimpianto per un’esistenza mancata. Il legame con il suo passato, per quanto doloroso, rappresenta per lei un discorso sospeso ma necessario, per comprendere le ragioni di una rabbia soffocata e ora rinnovata e per ritrovare – con grande difficoltà – l’identità perduta.

“Un ricordo è un ponte che si allunga verso il passato, un ponte stretto sul quale ci si è persi, di legno, pericoloso. Il passato è l’altra sponda mai raggiunta del fiume. Oggi non penserò alla morte. Penserò a Istanbul, al mare, alla neve, alla vita, ma alla morte….”

Alla narrazione frammentata in racconti legati tra loro si alternano storie, leggende, poesie che rafforzano emozioni e visioni, creando un tutt’uno armonico e inaspettato.

Il mandarino meraviglioso segue la pubblicazione del primo romanzo, Kabuk Adam (1994), dell’autrice turca, nota come attivista per i diritti umani ed ex editorialista del giornale Radikal, ed è stato pubblicato per la prima volta in Italia da Keller Editore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Asli

Erdogan

Libri dallo stesso autore

Intervista a Erdogan Asli


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dove sono gli uomini, fisicamente e psicologicamente? Soprattutto a fare cosa, dove se non qui, e perché? Perché le donne sono tutte in giro, tutte in viaggio, tutte da qualche parte, spesso tra di loro, intente a fare o progettare qualcosa, mentre gli uomini sembra che si siano chiusi in casa, a doppia mandata, e non rispondano neppure a chi bussa con forza alle loro porte? Dove sono i protagonisti della scena, gli uomini del Mediterraneo, quelli che trovavi sempre al centro della piazza, al centro della spiaggia, al centro del bar, al centro della scena? Perché sul palco ora sembra che ci siano soltanto donne? Perché gli uomini non escono dai percorsi codificati del lavoro e della società? Perché sono sempre protetti da convenzioni e ruoli codificati, e quando non lo sono entrano subito in difficoltà? Perché gli uomini non parlano (se non di alcuni, pochi, argomenti estranei tanto a loro quanto a me), perché non chiamano, perché sembrano chiusi, rassegnati, stanchi prima ancora di aver iniziato a fare qualsiasi cosa? Per parlare degli uomini, oggi più che mai, occorre parlare con le donne, ascoltare le loro storie, farsi raccontare le loro avventure e disavventure, sfidando le leggi della riservatezza, tentando di collegare fatti e circostanze che ogni donna considera isolati, per cui spesso prova sentimenti di colpa, e che invece sono profondamente collegati tra loro.

Dove sono gli uomini?

Perotti Simone

Quando una donna viene lasciata, tanto più se di punto in bianco, le ambasce del cuore possono travolgerla e spingerla a entrare nel tortuoso tunnel delle supposizioni, delle attese spasmodiche - più o meno sensate - di un segnale, magari nella speranza che non sia proprio l'ultimo e che lui ritorni. Ma così non va. C'è una cosa che le donne dovrebbero imparare dagli uomini, e cioè l'arte di dimenticare. Nessuno ci insegna come si fa ad amare, a evitare di essere infelici, a dimenticare, a spezzare le lancette dell'orologio dell'amore. Come si fa a non tormentarci, a lottare contro la tirannia delle piccole cose, a neutralizzare il complotto dei ricordi e ignorare un telefono che resta muto. Esiste qualcuno che, mentre siamo lì a singhiozzare per un torto d'amore, ci dice che un giorno rideremo di quella stessa cosa che oggi ci fa piangere? Attraverso le confidenze di amiche e conoscenti, proverbi e una ricchissima raccolta di aforismi di personaggi famosi - poeti, scrittori, filosofi arabi e non - questo libro è una sapiente e gustosa raccolta di pillole di saggezza per prendere le distanze da una storia finita e creare i presupposti per una nuova. Una meditazione piena di stile e ironia su come sopravvivere all'amore e ai suoi danni.

L’ARTE DI DIMENTICARE

Mosteghanemi Ahlam

Tamara nasce in una ricca famiglia di Varsavia – nel 1898, dicono i suoi biografi, ma le date non sono fatte per le signore: Tamara è sempre giovane e sempre moderna, sempre bella e spregiudicata. A nove anni, crea dei fiori finti che vende fuori dalla porta di casa perchè è decisa a mantenersi da sola. Il giorno dopo le nozze con un nobile playboy, si lascia corteggiare da un diplomatico siamese. Incontra Marinetti e decide di andare a bruciare il Louvre. Questi e altri brillanti episodi hanno fatto di Tamara un’icona straordinaria dei ruggenti anni Venti, armata di fascino, pennelli e sigarette: la matita e gli acquarelli di Vanna Vinci ne restituiscono perfettamente l’eleganza sfrontata, la sensualità irrequieta, il talento precoce e inesausto. Una graphic novel interamente dedicata alla romanzesca vicenda di Tamara de Lempicka, protagonista del bel mondo di San Pietroburgo, Parigi, Hollywood, New York, e pittrice talentuosa di inconfondibili figure di donne, ricche, emancipate e malinconiche come lei.

Tamara De Lempicka

Vinci Vanna

Charles Baudelaire e Graham Greene, rispettivamente padri nobili del flâneur metropolitano e dell’occidentale incline a perdersi in vari Orienti, sarebbero stati entrambi fieri di quel loro imprevedibile, inclassificabile, incorreggibile rampollo che risponde al nome di Lawrence Osborne. Il quale Osborne, nel Turista nudo, aveva già anticipato la tentazione di scrivere questo libro, e cioè una guida turistica che nei limiti del possibile smentisse tutte le altre («Ogni volta che la Lonely Planet dice di evitare un certo posto, perché è losco, mi ci fiondo»): ma che a differenza delle altre, anziché pretendere di edificare, divertisse. E non si può dire che non abbia tenuto fede alle promesse. A partire da un programma minimo – cioè la scelta di vivere nell’unico posto al mondo dove uno scrittore «senza un soldo, senza una carriera, senza niente» possa condurre un’esistenza accettabile –, Osborne trascorre un anno a Bangkok, lasciando che gli capiti quasi tutto: di cenare nel ristorante No Hands (dove i clienti vengono provvisti di bavaglino, e imboccati), di andare a passeggio per il mattatoio della città (dove la notte adolescenti marci di droghe sintetiche massacrano animali nel modo meno pulito e indolore possibile), di essere scelto come improbabile gigolo da una signora giapponese ovviamente feticista (e quindi fornito del - l’indispensabile kit da dottore). E lasciando che quel tutto prenda prima la forma di una vita diversa da ogni altra, poi quella di un libro altrettanto unico. Che ci offre, insieme a infinite storie, anche il regalo di una scoperta – la scoperta di come la presunta capitale di tutti i piaceri sia anche la capitale del piacere più sublime: quello che talvolta solo un onesto, morbido, contagioso dilettantismo assoluto riesce a trasmettere.

Bangkok

Osborne Lawrence