Saggi

Il manipolatore affettivo e le sue maschere

Mammoliti Cinzia

Descrizione: Il bugiardo patologico, il parassita, l’altruista, l’uomo del mistero: sono solo alcuni dei manipolatori psicologici, quelli che le donne incontrano ogni giorno e che le trasformano in vittime di molestie, stalking e talvolta peggio. L’autrice analizza i 10 profili più diffusi, il comportamento, le peculiarità, attraverso le testimonianze delle vittime; ne riassume le caratteristiche principali e spiega come non cadere nella loro trappola.

Categoria: Saggi

Editore: Sonda

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788871067230

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

I serial killer dell’anima riescono sempre a capovolgere la realtà nella maniera più conveniente per loro. Tuttavia, la loro vera natura prima o poi viene a galla.

Cinzia Mammoliti, autrice di questo vero e proprio manuale sui manipolatori affettivi, ci fornisce ben dieci identikit di questi soggetti – per lo più uomini – capaci, in modi e tempi diversi, di tessere la tela in cui imprigionare – direi assai abilmente – la propria vittima. La donna appunto.
Partendo dalla propria esperienza – la Mammoliti si occupa di consulenza e formazione dopo aver lavorato per molti anni con donne e minori vittime di violenza – sottopone al lettore dieci storie di donne rimaste intrappolate nella rete del killer seriale dell’anima, del vampiro energetico capace di svuotare di senso la vita delle proprie vittime.
L’autrice fornisce un vero e proprio vademecum su come riconoscere e conoscere il potenziale carnefice nel proprio compagno, marito, fidanzato, amante o collega di lavoro.

Ho pensato quindi di approfondire l’individuazione dei criteri di riconoscimento dei manipolatori relazionali per due ordini di ragioni” scrive la Mammoliti. “Innanzitutto, sono in troppi. Un vero e proprio esercito camuffato e protetto che agisce indisturbato perpetrando danni nei più disparati contesti sociali. […] In secondo luogo, ritengo che occorra affinare i mezzi a nostra disposizione per far emergere il fenomeno, inquadrarlo e sensibilizzare l’opinione pubblica allo scopo di elaborare strumenti legislativi che possano tutelare le centinaia di migliaia di vittime che non sono in grado di difendersi da sole.” Perché di questo si tratta. La violenza di genere che di solito scaturisce da queste storie è una forma di violenza trasversale: non ci sono donne che per la loro provenienza – familiare o sociale – possa ritenersi immune da questo tipo di incontri. Tutto sta nel riconoscere in tempo i sintomi di queste condotte deviate e liberarsi dei loro artefici prima che sia troppo tardi.
Il narcisismo patologico, che caratterizza questi soggetti, sembra essere un virus a crescita esponenziale e il rischio di incappare in chi ha sete di vittime da asservire e sottomettere psicologicamente per poterne abusare è, oggi, elevatissimo.

Così ecco il bugiardo patologico, la cui arma privilegiata è – neanche a dirlo – la menzogna che di solito riguarda il rapporto con un familiare, un genitore ad esempio, con cui il manipolatore ha un rapporto simbiotico, malato, conflittuale, violento. Sul punto, la Mammoliti ci ricorda che “un uomo che, in età matura, coltiva un rapporto simbiotico con la propria madre difficilmente ha intenzione di crescere.” Attenzione allora al partner che isola la compagna dalle proprie relazioni familiari e amicali o che ha spesso il cellulare spento o non raggiungibile. Di solito non nasconde una madre bisognosa, ma un’altra vita “familiare”.
Ecco il buon padre di famiglia con la sindrome di cenerentolo, incompreso in famiglia. Il primo campanello d’allarme – ci racconta l’autrice – “risuona quando iniziano a descrivere la compagna con la quale hanno vissuto. Si tratta sempre di una megera, che non li ha saputi capire o che è cambiata nel tempo. […] I figli, poi, costituiscono sempre gli alibi privilegiati per evitare di assumersi responsabilità nella nuova storia o per potersi dare alla latitanza.” Ci ricorda – saggiamente – la Mammoliti che “ogni donna che ha una relazione con un uomo sposato dovrebbe essere consapevole che è molto difficile costruire la propria felicità sull’infelicità altrui; tuttavia, sono tanti gli uomini che tradiscono contando sui buoni sentimenti e sull’ingenuità dell’amante (che il più delle volte non è l’unica). […] Il copione datato del – Vivo con lei, ma non la amo più – o del – Non posso andarmene perché sto con lei da troppi anni – oppure quello ancor più ridicolo del – Viviamo separati in casa – deve costituire un immediato campanello d’allarme. La legge sul divorzio esiste da decenni e nessuno è più condannato a un matrimonio infelice: se non funziona, ci si può separare.

Insomma ce n’è un po’ per tutti. La violenza psicologica può essere pericolosa e dannosa tanto quella fisica se perpetrata per anni, usando e abusando dell’ingenuità o anche solo del sentimento autentico che la vittima inconsapevole prova per il proprio manipolatore.
Si pensi ad esempio al tipo dipendente, di solito bello e dannato, “dalla vita sregolata e tormentata” che attira quelle categorie di donne – molte – soggette alla cosiddetta sindrome della crocerossina, “nonché quelle bisognose di qualcuno da accudire. […] Si presenta di regola garbato, dolce, pieno di attenzioni e con una spiccata sensibilità.” Di solito ammalia la donna che ha di fronte, facendo l’amico, senza cercare sesso o avventure: sembra voler condividere gli interessi e le passioni che hanno in comune, “ma quando ritiene che i tempi siano maturi”, il manipolatore seriale “tira fuori la storia del passato oscuro, senza tralasciare nulla e simulando una totale sincerità” e vi è autocompiacimento nell’esplicitare la propria zona d’ombra, magari con aggiunta di particolari superflui che possano risultare destabilizzanti per chi li ascolta. Così nella donna scatta la “gratitudine per la fiducia accordata”. Proprio quando arriva la passione, ecco che il dipendente “seriale” scompare e nel biglietto che di solito lascia cerca di “far leva sui sensi di colpa della donna, dicendole che sarebbe potuta diventare per lui un’altra droga”, pronto però il giorno dopo a chiederle perdono, salvo poi abbandonarla nuovamente e garantirle nei giorni a seguire “uno squallido presente” di fughe e ritorni. Si tratta di soggetti malinconici e solitari, con capacità introspettive fuori dall’ordinario, capaci di alternare momenti di dolcezza e allegria ad altri di depressione o aggressività fisica e verbale. Soprattutto, però, spariscono spesso dalla circolazione, salvo poi rifarsi vivi, ma queste è una caratteristica molto comune a molti manipolatori dell’anima.

Viene da chiedersi a questo punto se esista una donna che non abbia incontrato nella propria vita un dipendente seriale o un uomo del mistero o un buon padre di famiglia. Certo se siamo qui a sorridere è perché ne siamo uscite indenni. Non per tutte è così, purtroppo, e anche dietro questo nostro sorridere in realtà si nasconde l’amarezza di quei bocconi buttati giù per poco o molto tempo.

Il manipolatore affettivo e le sue maschere è un testo pieno di spunti, suggerimenti e vere e proprio pillole di saggezza utilissimi a capire e a raggiungere nei rapporti umani e in particolare nelle relazioni amorose – o pseudo tali – la consapevolezza necessaria a tenerci lontane da situazioni già compromesse. Questo vale anche per chi pensa di avere sempre tutto sotto controllo: non esistono infatti zone franche nel cuore e nella mente da questo tipo di minacce, soprattutto se non c’è attenzione per se stesse e per ciò che si desidera realmente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cinzia

Mammoliti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mammoliti Cinzia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È una fredda, grigia, nebbiosa giornata di novembre degli anni Trenta a Londra e Miss Pettigrew, il cappotto di un indefinibile, orrendo marrone, l'aria di una spigolosa signora di mezza età e un'espressione timida e frustrata negli occhi, è alla porta di un appartamento al 5 di Onslow Mansions, in uno dei quartieri più eleganti della capitale inglese. Stamani si è presentata come sempre al collocamento e l'impiegata le ha dato l'indirizzo di Onslow Mansions e un nome: Miss LaFosse. L'edificio in cui si trova l'appartamento è tanto esclusivo e ricercato da metterle soggezione. Miss Pettigrew coi suoi abiti logori, il suo mesto decoro e il coraggio perduto nelle settimane trascorse con lo spauracchio dell'ospizio dei poveri, suona ripetutamente prima che la porta si spalanchi e appaia sulla soglia una giovane donna. È una creatura così incantevole da richiamare subito alla mente le bellezze del cinematografo. Miss Pettigrew sa tutto delle dive del cinematografo: ogni settimana per oltre due ore vive nel mondo fatato del cinema, dove non ci sono genitori prepotenti e orridi pargoli a vessarla. Miss LaFosse la fa entrare e poi scompare nella camera da letto, per ricomparire poco dopo seguita da un uomo in veste da camera, di una seta dalle tinte così abbaglianti che Miss Pettigrew deve socchiudere gli occhi. In preda all'ansia, stringendo la borsetta fra le dita tremanti, Miss Pettigrew si sente sconfitta e abbandonata prima ancora che la battaglia per l'assunzione cominci, ma anche elettrizzata.

UN GIORNO DI GLORIA PER MISS PETTIGREW

Watson Winifred

Sono storie d’amore, sono incontri di un istante, sono figure femminili indimenticabili. E non importa che siano realmente esistite – e magari frequentate nella Sicilia di tanti anni fa –, o che emergano da qualche capolavoro della letteratura. Il loro fascino rinasce in queste pagine in cui, insieme al maestro, sorridiamo, desideriamo e ci innamoriamo. Di Angelica, di Beatrice, di Carmela, di Helga, di Maria, di Zina... Dalla A alla Z. E pur di conquistarle l’uomo è pronto a tutto, anche andare in bicicletta mentre diluvia o venire malmenato da un lanciatore di coltelli; tutto per fare i conti con i temperamenti, le voglie segrete e i sogni, diversi per ogni donna, in letteratura come nella vita.

Donne

Camilleri Andrea

Pasolini e Roma si incontrano il 28 gennaio 1950 sui binari della stazione Termini. Da allora inizia con la città un rapporto lungo e tormentato, destinato a lasciare tracce profonde in tutta la produzione artistica del poeta. Per la prima volta, raccolti in volume e ordinati per lemmi, troverete i film, le raccolte poetiche e i romanzi, così come i bar e i ristoranti frequentati con gli amici di sempre, i quartieri prediletti e le immancabili borgate dove si muovono i "ragazzi di vita" descritti nelle sue opere. Dalla "A" di Accattone, girato nel quartiere Pigneto, alla "V" di Valle Giulia, teatro degli scontri fra studenti e polizia, una guida ragionata sulle tracce di Pier Paolo Pasolini, figlio elettivo di questa "stupenda e misera città". Introduzione di Simona Zecchi.

La Roma di Pasolini. Dizionario urbano

Pontuale Dario

Quando fa il suo ingresso nell’aula di tribunale in cui verrà giudicata per l’omicidio del suo giovanissimo amante, Gladys Eysenach viene accolta dai mormorii di un pubblico sovreccitato, impaziente di conoscere ogni più sordido dettaglio di quello che promette di essere l’affaire più succulento di quanti il bel mondo parigino abbia visto da anni. Nel suo pallore, Gladys evoca davvero l’ombra di Jezabel, quell’ombra che nell’Athalie di Racine compare in sogno alla figlia, che così la descrive: «Non ne aveva, il dolore, smorzato la fierezza; / aveva anzi, ancora, quella finta bellezza / mantenuta con cure, con espedienti labili, / per riparar degli anni le sfide irreparabili». Sì, è ancora molto, molto bella, Gladys Eysenach: il tempo sembra averla «sfiorata come a malincuore, con mano cauta e gentile», quasi si fosse limitato ad accarezzarla teneramente, e le donne presenti nell’aula si sussurrano con invidia i nomi dei suoi innumerevoli amanti. Ma pochi giorni dopo, allorché vengono pronunciate le arringhe, tutta la sua bellezza pare averla abbandonata, e Gladys è ormai soltanto una donna vecchia e sfinita, che a mani giunte supplica i giudici di infliggerle la pena che merita. La condanna sarà lieve, invece, solo cinque anni: il movente passionale ha fatto sì che le venissero concesse le attenuanti previste dalla legge. Ma qual è la verità – quella verità che Gladys Eysenach ha cercato ad ogni costo di occultare? Qual è il vero movente dell’omicidio da lei commesso? Capace come pochi altri scrittori di scavare nel cuore femminile con implacabile, chirurgica precisione, Irène Némirovsky ci svela a poco a poco il segreto di questa donna che ha desiderato più di ogni altra cosa di sconfiggere il tempo, di rimanere immutabilmente bella, di essere amata per sempre – e che per questo è arrivata a uccidere.

Jezabel

Némirovsky Irene