Saggi

Mantieni il bacio

Recalcati Massimo

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: Feltrinelli

Collana: Varia

Anno: 2019

ISBN: 9788807492488

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

In Mantieni il bacio Massimo Recalcati ripropone le lezioni brevi sull’amore, tratte dal programma televisivo Lessico amoroso e intitolate: La promessa, Il desiderio, I figli, Tradimento e perdono, La violenza, Separazioni, L’amore che dura.

Riprendendo Roland Barthes, più volte citato nell’opera, Recalcati tenta di rispondere al quesito “Ma perché durare sarebbe meglio di bruciare?

La risposta non è semplice (“L’amore vuole durare, vuole l’eterno, vuole il per sempre. Questa è la promessa degli amanti”), tanto più se si esaminano le declinazioni dell’amore tra desiderio sessuale, eros e feticismo (“Se il corpo diviene un libro… non c’è sopraffazione, non c’è predazione… La lettura del libro è il contrario di un’appropriazione rapace, di una frammentazione del corpo”).

Interessante è l’analisi delle ripercussioni che la nascita di un figlio (“Il bambino è identificato con il fallo immaginario della coppia”) può avere sul rapporto di coppia (“Molto frequentemente… la nascita di un figlio comporta una sorta di sequestro libidico”) e sulle dinamiche interpersonali (“Una sorta di incestuosità fantasmatica si rinnova – un padre e una madre non possono essere oggetti di desiderio a causa dell’interdizione dell’incesto -”).

Nella scrittura di Recalcati, la psicanalisi è sempre in agguato e diviene strumento fondamentale per interpretare il ruolo dei sessi: “ Il godimento dell’uomo è egemonizzato dalla monarchia del fallo; è un godimento evidente, esteriore, delimitato dall’orgasmo e dalla detumescenza successiva dell’organo. Il suo ingranaggio è di tipo idraulico. Il godimento femminile… non è evidente, non è colonizzato dal fallo… per disperdersi su tutta la superficie del corpo. Questo godimento è anarchico, smisurato, senza limite…”oceanico”. Di fronte al senza fondo di questo godimento ogni uomo vive un sentimento di inadeguatezza e di impotenza”. 

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Massimo

Recalcati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Recalcati Massimo

Questo volume raccoglie gli scritti firmati personalmente da Carla Lonzi e quelli firmati collettivamente dal gruppo Rivolta Femminile che, dalla primavera del 1970 ai primi mesi del 1972, segnarono una rottura teorica con "il monologo della civiltà patriarcale". Prefazione di Maria Luisa Boccia.

Sputiamo su Hegel

Lonzi Carla

Magliette appallottolate, calzini sparsi dappertutto, letto sfatto, resti di cibo pietrificati sul tavolo, luce fioca, ragnatele agli angoli del soffitto, Jonathan Coe ci ha abituati alla contemplazione nitida e cruda di questi scorci, di queste squarci di vita incompiuta per studenti universitari. Si direbbe che per lui il momento in cui si decide il destino di un individuo non sono i primi tre o dieci anni, come suggerisce la psicoanalisi, ma quella sconfinata adolescenza e quel perpetuo fuoricorso che cominciano subito dopo aver lasciato il liceo me la famiglia; quel vegetare nel calore debole ma protettivo di un'università di provincia seguendo la trafila delle sessioni, degli esami, della laurea, di una tesi di dottorato sempre da scrivere e mai scritta. Il protagonista di questa storia si chiama Robin. Si è laureato a Cambridge ma da oltre quattro anni sta preparando il dottorato a Coventry, cittadina rasa al suolo due volte, prima delle bombe tedesche poi dall'ultra liberismo della signora Thatcher che, in queste giornate del 1986, sta dando manforte al suo amico Reagan nel bombardare la Libia. Un clima di imminente catastrofe planetaria riverbera nella vita di Robin, nel male oscuro che lo abita e che lui abita: allude a quella misteriosa tesi di dottorato di cui nessuno ha visto un rigo e ulcera il ricordo di un amore lontano e mai dichiarato che totortura come in primo giorno. In questo secondo romanzo, pubblicato per la prima volta nel 1987, Jonathan Coe tesse i primi fili di quell'immensa tela che sarà "l2 famiglia Wishaw".

L’AMORE NON GUASTA

Coe Jonathan

L'azione si svolge in un futuro prossimo del mondo (l'anno 1984) in cui il potere si concentra in tre immensi superstati: Oceania, Eurasia ed Estasia. Al vertice del potere politico in Oceania c'è il Grande Fratello, onnisciente e infallibile, che nessuno ha visto di persona ma di cui ovunque sono visibili grandi manifesti. Il Ministero della Verità, nel quale lavora il personaggio principale, Smith, ha il compito di censurare libri e giornali non in linea con la politica ufficiale, di alterare la storia e di ridurre le possibilità espressive della lingua. Per quanto sia tenuto sotto controllo da telecamere, Smith comincia a condurre un'esistenza "sovversiva". Scritto nel 1949, il libro è considerato una delle più lucide rappresentazioni del totalitarismo.

1984

Orwell George

Martino Rebowsky è uno dei dodici uomini più felici sulla faccia della terra. Ormai sempre più grasso, più misogino, più pigro, più strafatto, più allo sbando e più rock 'n' roll, passa le sue giornate a dormire e a guardare serie tv su Netflix, mentre di notte - come un moderno guru della Genova by night - va in giro a filosofeggiare per i locali del centro storico o a suonare la sua tromba nei peggiori club della città. Ma qualcosa sta per cambiare. Quando improvvisamente sparisce nel nulla Bianca, una delle spogliarelliste del Perciò, gli equilibri zen della sua vita sballano radicalmente. Rebowsky, assoldato da Lele "il fighetto", proprietario del night, dovrà cercare la ragazza scomparsa e farlo alla svelta; Lele non vuole sbirri tra i piedi, quindi, in cambio di una discreta somma di grano, dovrà trovare Bianca senza fare troppo chiasso in giro. Aiutato come sempre dalla sua amica Marilù - ricca e naïf - Martino, improvvisandosi maldestramente investigatore privato, si troverà improvvisamente catapultato in una surreale e bizzarra indagine, contornata da folli nottate, Porsche fiammanti, musicisti ossessivo compulsivi, hipster vegani, provocanti spogliarelliste, fotografi radical-chic, incensisti senza capo né coda, grassi finanzieri corrotti e artisti maledetti. Ma che fine ha fatto, davvero, Bianca? E di chi è quel cadavere trovato in mare, domenica 12 maggio?

Dodici lumache e una banana split

Monforte Matteo