Racconti

Manuale per ragazze di successo

Cognetti Paolo

Descrizione: Sette racconti, sette ritratti di donna. Ragazze in lotta per l'amore, la maternità, il lavoro; donne che fanno carriera o ereditano fortune; donne che perdono il lavoro, vengono tradite e lasciate, provano a fare i conti con la sconfitta; che ricominciano, si ribellano, navigano a vista tra le tempeste del quotidiano. Accanto a loro uomini disorientati, capaci solo di lasciarsi vivere, privi del coraggio, dell'ironia ma certe volte anche della solitudine che circonda le loro compagne. Con uno stile asciutto Paolo Cognetti descrive, tra educazioni sentimentali e racconti di formazione, i capitoli di un immaginario "manuale per ragazze di successo": sette modi di trovare o perdere la felicità, sette storie che parlano con la voce di una nuova femminilità.

Categoria: Racconti

Editore: Minimum Fax

Collana: Nichel

Anno: 2017

ISBN: 9788875218287

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Manuale per ragazze di successo è il titolo del racconto centrale di questa silloge di Paolo Cognetti, cuore di una raccolta che s’interroga principalmente sulle difficoltà della generazione in posizione mediana tra i dinosauri degli anni sessanta-settanta e coloro che nei loro natali recano la cifra duemila: i c.d. millenials, la generazione Y che deve fare i conti – spesso drammatici – con la crisi economica, il crollo dei castelli della finanza, il tramonto di molti valori e il naufragio della coppia tradizionalmente intesa.

Attraverso la vicenda di una giovane donna che lavora in un’agenzia pubblicitaria e che trova il successo attraverso la campagna Liberty – un’iniziativa volta a pubblicizzare un videogioco violento (“Lo scandalo, se non uccide, è oro”), che causerà crisi epilettiche nei giovani utenti – Cognetti formula il decalogo del Manuale per ragazze di successo attraverso i titoli nei quali il racconto è paragrafato:

  1. Saper ascoltare
  2. Saper fare domande
  3. Ammettere gli errori
  4. Distinguere il senso del nonsenso
  5. Affrontare gli ostacoli di una volta
  6. Accettare i cambiamenti
  7. Conoscere il problema
  8. Parlare facile
  9. Decidere sempre da sola
  10. Sorridere: anche l’anima del commercio ha un’anima!

Con un fondo di tristezza, l’autore assiste alla parabola della protagonista, voce narrante per la quale il lavoro si trasforma da attività creativa in gestione delle PR, mentre la vita privata riparte con la coraggiosa decisione di affrontare la maternità senza il compagno.

Nei sei racconti l’autore indossa alternativamente il punto di vista maschile e femminile. Così, ad esempio, nel secondo racconto (Guidare nelle metropoli), sempre incentrato sul disagio generazionale e della coppia, il narratore – alter ego maschile di Cognetti – esamina la sua relazione con Maia (“Abitavamo tutt’e due sulla circonvallazione, la linea spessa che gira tra città e periferia come un confine, o il bordo senza musica del disco su cui una puntina incantata potrebbe continuare a gracchiare all’infinito”)  in ambientazione metropolitana (“Milano era la capitale mondiale delle coppie, e la circonvallazione il loro anello nuziale”).

Quest’opera può rappresentare una gradita sorpresa per chi ha conosciuto Paolo Cognetti nella versione orofila de “Le otto montagne”.

Bruno Elpis

_________________________________________________

Paolo Cognetti alla Hoepli di Milano

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Cognetti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cognetti Paolo

Una donna, ormai anziana, mostra i primi segni della malattia che le toglie i ricordi, l’identità, il senso stesso dell’esistenza. È tempo per la figlia di prendersi cura di lei e aiutarla a ricostruire la sua storia, la loro storia. Inizia così il racconto quotidiano di piccoli e grandi avvenimenti, a partire dalla nascita della mamma, Esperia, e delle sue cinque sorelle, nate da un reduce tornato comunista dalla Grande Guerra e da una contadina dritta ed elegante, malgrado le fatiche della campagna, degli animali e della casa. I fili delle loro esistenze si svolgono dagli anni Quaranta fino ai nostri giorni, in un Abruzzo “luminoso e aspro”, che affiora tra le pagine quasi fosse una terra mitologica e lontana. Giorno dopo giorno sfilano i personaggi della famiglia, gli abitanti del piccolo paesino ancora senza acqua né luce; personaggi talmente legati a una terra avara, da tollerare a malapena trasferimenti a breve distanza – la ricerca di un lavoro, l’occasione di poter frequentare una scuola “in città” – partenze che si trasformano in vere emigrazioni con il solo scopo del ritorno. Sono ricordi dolcissimi e crudeli, pieni di vita e di verità, che ricostruiscono la storia di un rapporto e di un’Italia apparentemente così lontana eppure ancora presente nella storia di ognuno di noi.

MIA MADRE E’ UN FIUME

Di Pietrantonio Donatella

La storia è quella di Morris Bober, umile commerciante ebreo che nel cuore di Manhattan conduce una vita misera e consumata dagli anni, e di Frank Alpine, un ladruncolo di origini italiane, deciso a riscattarsi e diventare un uomo onesto e degno di stima, aiutando Morris al negozio. Tuttavia il giovane Frank non resisterebbe dietro al bancone, sempre più assediato dalla concorrenza, se non si innamorasse di Helen, la fi glia di Morris. La vicenda è straordinariamente intrecciata intorno alle emozioni, ai segreti, al destino di queste tre esistenze. La narrazione, dal ritmo quasi ipnotico, e la singolare capacità di Malamud di raccontare i gesti, gli sguardi e le abitudini dei protagonisti rendono possibile sin dalle prime battute una completa comprensione della particolarità dell’ambiente e della psicologia dei personaggi. Lo stile limpido, semplice, a tratti ironico, è un capolavoro di perfezione, e regala quella atmosfera inconfondibile, a metà tra il tragico e il comico, che rende affascinante la narrativa di Malamud.

Il commesso

Malamud Bernard

Boston, 1975. In un quartiere popolare della città tre ragazzini – Sean, Jimmy e Dave – fanno a botte in mezzo alla strada. Una macchina con a bordo due uomini, due poliziotti all’apparenza, accosta, fermandosi a un passo da loro. Quando uno degli agenti gli ordina di salire, Dave non ha il coraggio di rifiutarsi e, singhiozzando, prende posto sul sedile posteriore. E scompare. Per quattro, terribili giorni. Venticinque anni dopo Dave è accusato di omicidio. La vittima è la figlia di Jimmy, e Sean è incaricato delle indagini. Per loro è giunto il momento di fare i conti con un passato ingiusto e con l’agghiacciante episodio che ha sfregiato per sempre le loro anime.

MYSTIC RIVER

Lehane Dennis

La rivoluzione del prosciutto