Letteratura femminile

Marguerite

Petrignani Sandra

Descrizione: Questo libro racconta la vita di Marguerite Duras, dall'infanzia, quando è per tutti Nenè, agli anni centrali in cui gli amici più intimi, come Jeanne Moreau, Godard, Depardieu, Lacan, la chiamano Margot, fino al delirio megalomane e alcolico della vecchiaia in cui la scrittrice parla di sé in terza persona autocitandosi con il solo cognome: Duras. E’ la storia incandescente di un destino eccezionale che ha attraversato il colonialismo francese, la Resistenza, l'adesione e la ribellione al Partito comunista francese, con la conseguente espulsione, il '68, il femminismo, l'Ecole du Regard, la Nouvelle Vague. La storia di una donna dai moltissimi aggrovigliati amori e di una scrittrice e cineasta che ha conquistato, suo malgrado, una sterminata folla di lettori, a volte fanatici fino al culto. La storia, infine, delle vittorie e delle sconfitte di questa donna, del suo impressionante corpo a corpo con la letteratura, della sua autenticità e delle sue mistificazioni, del doloroso attraversamento dell'alcolismo, dei deliri dovuti alla disintossicazione, della sua capacità d'innamorarsi e di giocare coi sentimenti e con le parole fino all'ultimo soffio di vita.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Neri Pozza

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 978-88-545-0739-5

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Ci sono Nenè, poi Margot e quindi Duras. Nella vita di una delle scrittrici più amate e controverse della letteratura di ogni tempo, ci sono più volti, più vite e decine di storie.

Marguerite Duras, pseudonimo di Marguerite Germaine Marie Donnadieu nasce da genitori francesi in Indocina, quando ancora il colonialismo scriveva la storia dei Paesi occupati: oasi di straordinaria bellezza condannate alla povertà più assoluta.

Nenè, la bambina vissuta tra Hanoi, Saigon e la Cambogia, in un tempo in cui la miseria e le sue conseguenze scandivano i giorni della sua infanzia, vive in Duras, nella scrittrice e cineasta più discussa di un’epoca, in una Europa segnata prima dalla guerra e quindi dal cambiamento politico e culturale.

Sono cresciuta nell’acqua. Mi piace l’acqua. Il Mekong a Vinh Long. Il lago di Hanoi. Il mare a Kampot. Ma non so nuotare. Ho paura dell’acqua. Sogno di essere uccisa dall’acqua. Un’onda gigantesca che mi travolge e io non so più da che parte è la superficie per risalire.

La morte del padre e il difficile rapporto con sua madre lasceranno il segno nella bella ribelle di Saigon che, dopo la partenza definitiva per la Francia, porterà con sé il ricordo di luoghi indimenticabili, gli stessi che spesso torneranno nei suoi romanzi.

In prima linea nella resistenza durante l’occupazione nazista insieme al primo marito Robert Antelme e militante nel partito comunista francese fino al 1950, da cui venne poi espulsa “per insubordinazione e immoralità”, Margot partecipa attivamente alla vita politica e artistica del Paese tra Parigi e Pardaillan (nel sud ovest), dove comprerà la casa detta La Platier, in cui accolse scrittori e artisti.

Scrittrice eclettica, Marguerite Duras conquisterà in breve il pubblico francese e non solo (Gli impudenti e Una diga sul Pacifico i suoi primi romanzi), più restia invece la critica a tollerarne l’irriverenza. Il successo planetario arrivò solo con il romanzo autobiografico L’amante insignito del prestigioso premio Goncourt nel 1984, la cui trasposizione cinematografica del regista Jean-Jacques Annaud risale al 1992

La vita di Marguerite Duras diviene per Sandra Petrignani l’occasione per realizzare un romanzo “biografico” appassionato, in cui il fascino e la singolarità innate della scrittrice francese trovano lo spazio letterario per diventare realtà.

Se nelle interviste le chiedevano della felicità, Marguerite tornava a quegli anni. Non era la felicità della giovinezza, almeno non solo. Era la felicità della politica o della giovinezza e della politica insieme […] - Eravamo pronti a uccidere e a distruggere, anche se poi non l’abbiamo fatto, perché eravamo profondamente intellettuali, e gli intellettuali non lo fanno. Ma infrangere la legge sì, si poteva, si doveva fare, quando era una legge inaccettabile. […] E si rischiava la vita per questo. E ci si sentiva per questo dalla parte giusta. Non eravamo eroi, solo gente per bene, di cui ci si poteva fidare. - E infatti non erano stati loro a entrare nella Resistenza, era stata la Resistenza ad andarli a cercare.

Dopo Addio a Roma (2012) e La scrittrice abita qui (2003) – sempre editi da Neri Pozza – Sandra Petrignani torna a parlarci – riuscendoci benissimo – di personaggi straordinari che hanno fatto la storia della letteratura e della cultura mondiale.

Un testo interessante anche per chi non ama o non conosce così da vicino l’autrice de L’amante.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sandra

Petrignani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Petrignani Sandra


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Moby Dick non è soltanto il mirabile romanzo che tutti sanno: è un libro totale, dove la Balena («the Whale») sta appunto per il tutto («the Whole»). Così è una cronaca di avventure marine e un trattato esoterico, un epos dell’orrore e della meraviglia, un libro arioso e un’enciclopedia. In Italia, quest’opera inesauribile ha avuto la sorte di essere tradotta per la prima volta da uno dei nostri più importanti scrittori: Cesare Pavese. E si tratta di una traduzione che ebbe una notevole influenza su Pavese stesso e tutta la cultura italiana dei suoi anni.

Moby Dick

Melville Herman

Attore cinematografico e teatrale, regista, doppiatore, Giancarlo Giannini è un grande protagonista del cinema italiano, tra i più dotati e apprezzati dal pubblico e dalla critica, pluripremiato (nel suo palmarès vanta anche una nomination all'Oscar come miglior attore protagonista per "Pasqualino Settebellezze"). Grazie alla sua lunga e fulgida carriera, tutti conoscono le grandi interpretazioni di Giannini in film famosissimi in cui è stato diretto da registi del calibro di Lina Wertmüller, Luchino Visconti, Ettore Scola, Francis Ford Coppola, Ridley Scott, Mario Monicelli, Dino Risi e Rainer Fassbinder. Quello che scopriamo in queste pagine è sì il Giannini attore e personaggio pubblico, ma anche e soprattutto il Giannini privato, che da grande affabulatore qual è si racconta a ruota libera, intrecciando la sua storia personale a quella del nostro paese e del cinema internazionale. In questa autobiografia, generosa e travolgente come lui, troviamo dunque il racconto della sua adolescenza tra Napoli e Roma, gli studi di perito elettronico, la grande passione per la cucina e per le invenzioni (è suo il giubbotto pieno di gadget che Robin Williams indossa nel film "Toys"), i suoi incontri con le stelle del cinema internazionale, il lungo sodalizio con Mariangela Melato, le telefonate (e le abbuffate) notturne con Fellini...

Sono ancora un bambino (ma nessuno può sgridarmi)

Giannini Giancarlo

Il male supremo, quello banale e terrestre, disappropriante e dissociativo, esiste. Il male è Luciano Lualdi, l’impresario più importante dello star system nostrano, l’uomo che influisce sulla vita politica e sottoculturata dell’Italia targata talent. Demiurgo spietato di tronisti palestrati e starlette anoressiche, Lucio succhia dall’interno la linfa vitale dei nuovi ragazzi di vita: la folla votata al palcoscenico per imporre il proprio nome, le proprie vocazioni inesistenti, la propria inconsistenza – cifra di un’intera nazione ipnotizzata davanti allo schermo televisivo. Ingenua vittima sacrificale è Christian Russo, muscoloso, ventenne, occhi chiari trasparenti, con una malattia che gli rode l’anima e una che gli toglie il respiro. Christian, il burattino, e Lucio, l’arbitro dei destini: un incastro tra identità speculari, perfetto fino quando l’ironia tragica della realtà stravolge quell’equilibrio. A raccontare questa storia è Teresa Ciabatti, cantrice della nostra contemporaneità, con meccanismo narrativo perfetto, che si intrude nel vilipendio morale e fisico che è la cifra del nostro presente. La scrittura affonda il bisturi laddove la malattia scintilla, sprofondando nell’epica trash italiana di oggi, che in Tuttissanti si narra e trionfa, in una ricognizione drammaturgica del disagio e del formidabile di un’epoca. Una forma di racconto che pendola tra realismo apparente e trance, tutt’altro che immaginaria.

TUTTISSANTI

Ciabatti Teresa

Alice, una poliziotta francese, si risveglia su una panchina di Central Park ammanettata a Gabriel, un pianista jazz. Non si conoscono, in tasca non hanno documenti e Alice si trova in tasca un’arma carica. Non hanno ricordi di cosa è successo e come sono arrivati lì. L’incontro con personaggi bizzarri porterà Alice a ricordare molto, forse troppo: dalla sua memoria emergono dettagli sfocati, la cattura di un serial killer, la morte del marito e del figlio, un padre in prigione. In fuga nella sua stessa città, Alice cerca di spiegarsi il legame misterioso con l’enigmatico e silenzioso Gabriel.

Central Park

Musso Guillaume