Saggi

Maria De Filippi ti odio

Castoro Carmine

Descrizione: Nessun pregiudizio personale, meschinità o moralismo contro la carriera e i format della famosa conduttrice. Ma una critica al vetriolo sulle logiche di retrovia, i meccanismi di falsificazione, i linguaggi di massa, il grande inganno dell'intrattenimento "facile" che hanno trasformato i suoi format in centri di raccolta e smistamento delle nostre identità, sempre più bisognose degli scintillii della televisione per consistere e sopravvivere di fronte all'anonimato dilagante. "Maria De Filippi ti odio" è il tentativo di scardinare, con il grimaldello della filosofia, la grammatica di certi programmi di grande audience, visti come epicentro di un immaginario televisivo ormai anacronistico, devastante, da sostituire con un nuovo modo "ecologico" di pensare l'uso e l'impatto dei media sulle nostre vite già fin troppo spettacolarizzate.

Categoria: Saggi

Editore: CaratteriMobili

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788896989159

Recensito da Riccardo Melito

Le Vostre recensioni

Che la televisione in Italia sia di pessima qualità non è certo un segreto. Ricordo un amico berlinese che già una decina di anni fa mi chiedeva come facessero gli italiani a guardare la televisione commerciale ed erano solo i primi anni del periodo politico di Berlusconi. Io stesso mi ritrovavo da adolescente a guardare Amici, che all’epoca stava muovendo i primi passi, scaricando contro lo schermo tutta la mia critica e il mio disprezzo, quasi fossero i “cinque minuti dell’odio” orwelliani. Un giorno ho capito che sarebbe stato molto più intelligente non guardare per niente il programma e impiegare quel tempo in modi più proficui. Da quel giorno, solo lontane eco degli sviluppi dell’aberrazione defilippiana mi hanno raggiunto e la mia vita è proseguita piuttosto placidamente. La Maria nazionale stava quasi sparendo dalla mia mente quando un giorno ho incrociato Maria de Filippi ti odio, secondo volume di Carmine Castoro dedicato alla televisione spazzatura e alla sua influenza sulla vita quotidiana, pubblicato da Caratterimobili.

Castoro viviseziona i format condotti dalla de Filippi con il bisturi concettuale della filosofia foucaultiana. Ispirato da Jaspers e la fenomenologia e dal Situazionismo debordiano, passa al microscopio i dispositivi che sono impiegati e dispiegati durante i programmi. Nella prima parte del libro la conduttrice viene smascherata, se ne svela la sua natura prossima alla santità, potenziata dalla macchina dello spettacolo, che promette imparzialità e giustizia, ma al contrario fomenta solo odio e rivalità. Nella seconda parte sono indagate le modifiche che Amici e co. stanno apportando alla nostra vita e ai nostri valori, con una parte interessante e divertente in modo macabro, dedicata alle psicopatologie causate dall’esposizione massiccia a tali programmi. Nella terza e ultima sezione l’autore cerca di fornire alcune possibili soluzioni, elogiando un determinato tipo di misantropia. Il volume si chiude con un’intervista, piuttosto breve, con l’antropologo francese Marc Augé, famoso per aver inventato il concetto di non-luogo, altro punto di riferimento concettuale del libro.

Nonostante il libro sia divertentissimo per chi considera quei programmi la tv spazzatura per antonomasia, il tono di Castoro è piuttosto retorico e reazionario, quasi spettacolare a sua volta. Il male causato dalle creazioni defilippiane, questa “fenomenologia dell’illusione organizzata”, è visto al pari di un’arma di distruzione di massa, senza possibilità di redenzione, quasi che non ci sia più salvezza o non si possa più esercitare uno spirito critico dopo essersi appassionati a tali programmi. L’autore invoca l’avvento di una casta di eletti che possa salvaguardare una certa ortodossia concettuale: “in attesa di un rinnovato certo intellettuale che, senza ideologismi e faziosità da politichese, si proponga come il vero guardiano dell’immaginazione foucaultiana”. Sicuramente il filosofo francese avrebbe reagito a un uso così forte della sua opera. Rimane il dubbio che Maria de Filippi ti odio possa rimanere un po’ autoreferenziale e possa fornire una sorta di orizzonte martiriologico a coloro che sostengono la conduttrice. Forse era meglio attuare una delle strategie che Castoro descrive: “basterebbe disattivare attenzione e obbedienza cieca verso il potente di turno e questi perirebbe nel silenzio dell’indifferenza più totale, privo di sostegno, privo di seguaci. Oggi diremmo: spegnere lo schermo e leggere un libro”. C’è però il rischio che quel libro resti confinato nel novero di chi già detesta quella sfacciata sovrapproduzione di illusioni, quando invece dovrebbe essere letto e compreso da chi adora quella televisione “distrazione-distrofia-distruzione dell’umanità”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carmine

Castoro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Castoro Carmine

"La Chiesa vuole raggiungere le famiglie con umile comprensione, e il suo desiderio 'è di accompagnare ciascuna e tutte le famiglie perché scoprano la via migliore per superare le difficoltà che incontrano sul loro cammino'". A pochi mesi di distanza dalla chiusura del Sinodo dei Vescovi sulla famiglia, celebrato a Roma nell'ottobre 2015, Papa Francesco consegna alla Chiesa la sua Esortazione apostolica, tanto attesa, perché destinata a rivoluzionare letteralmente la pastorale familiare. Molte le questioni lasciate volutamente aperte dai due Sinodi sulla Famiglia, sulle quali ora Papa Francesco prende posizione, in modo particolare l'accesso ai sacramenti della Riconciliazione e dell'Eucaristia dei divorziati risposati e le unioni delle persone dello stesso sesso. Su tutte la raccomandazione di una maggiore attenzione da parte della Chiesa nella preparazione dei fidanzati al matrimonio e soprattutto un nuovo annuncio della bellezza del matrimonio cristiano, senza dimenticare i numerosi attacchi di cui oggi la famiglia è oggetto. Con Introduzione di Chiara Giaccardi e Mauro Magatti e Indici a cura di Giuliano Vigini.

Amoris laetitia

Bergoglio Jorge Mario

Il ritratto di una famiglia francese nell'Indocina degli anni trenta e una storia d'amore fra una adolescente francese e un uomo cinese.

L’AMANTE

Duras Marguerite

Una vita come tante quella del protagonista di questo romanzo, dalla morte dei nonni amatissimi al difficile rapporto con i genitori, dalla scoperta dell'amore alla nascita del primo figlio, fino alla mestizia del divorzio. Eppure, seguendo le avventure di ordinaria quotidianità del protagonista senza nome, ci accorgiamo che questo è l'eroe moderno. L'uomo che si sveglia la mattina per andare a lavorare, che si innamora di una donna per il suo taglio di capelli, che sogna di scrivere un romanzo che non porterà mai a termine, che si interroga tutta la vita sulle dinamiche dell'amore. La sensazione che resta dopo aver letto questo romanzo è quella di aver attraversato un paesaggio fatato pieno di luci tenui e sfumature brillanti. È lo stile di Foenkinos, la capacità di rendere magico l'ordinario.

L’EROE QUOTIDIANO

Foenkinos David

Paul Léautaud, piccolo classico del Novecento e mito discreto, aveva fatto nella sua vita ciò che ognuno almeno una volta ha vagheggiato: aveva trasformato una gelosa, ermetica solitudine in un osservatorio sulle assurdità e le bassezze del tempo. Ed anche questi tre rari racconti non concedono nulla di prevedibile al lettore: buoni sentimenti, riferimenti ideologici, appartenenze letterarie, perfino l’inevitabile speranza, di ciò tutto è estraneo a una scrittura che odia ogni preziosismo e resta elegantissima e crudele mentre affonda nelle lacerazioni di una vita: «Nessuno mi avrà conosciuto. Sono stato, sotto il mio riso, il disincanto, la disperazione assoluta. Non l’ho mai mostrato per pudore, nel timore del ridicolo». Il primo dei tre, Il piccolo amico, considerato da molti il suo capolavoro, è una cronaca-confessione di straziante distacco, pur nell’immagine che vuol offrire di quasi gaio cinismo, del suo rapporto con la madre eterna assente: Léautaud, abbandonato a pochi giorni dalla nascita, la rivide solo dopo vent’anni (tranne per brevi incontri occasionali) e ne fu appassionato così intensamente da turbarla e spingerla ad allontanarsi per sempre. La storia procede in due tempi: nel primo, la madre appare e scompare in tutte le figure di «amiche» che popolano l’infanzia e la prima giovinezza, e tutto è immerso nel luccicante incanto del tempo sfuggente, dell’infanzia e dei luoghi di Parigi; il secondo tempo è «un bel romanzo d’amore con la madre»: romanticamente, il protagonista cerca di rivivere la voluttà di un ricordo di bambino, quando, tra profumi e abbracci, poté la seconda volta incontrare la madre. Gli altri due racconti si riconnettono in realtà a quel travolgente amore: In memoriam ricorda la morte del padre (uomo di spettacolo e persona non meno evanescente), e Amori, ancora una storia di abbandono, racconta della prima esperienza erotica e del primo innamoramento per una «amica» che poi dovette sposare il suo protettore.

AMORI

Léautaud Paul