Saggi

Maria De Filippi ti odio

Castoro Carmine

Descrizione: Nessun pregiudizio personale, meschinità o moralismo contro la carriera e i format della famosa conduttrice. Ma una critica al vetriolo sulle logiche di retrovia, i meccanismi di falsificazione, i linguaggi di massa, il grande inganno dell'intrattenimento "facile" che hanno trasformato i suoi format in centri di raccolta e smistamento delle nostre identità, sempre più bisognose degli scintillii della televisione per consistere e sopravvivere di fronte all'anonimato dilagante. "Maria De Filippi ti odio" è il tentativo di scardinare, con il grimaldello della filosofia, la grammatica di certi programmi di grande audience, visti come epicentro di un immaginario televisivo ormai anacronistico, devastante, da sostituire con un nuovo modo "ecologico" di pensare l'uso e l'impatto dei media sulle nostre vite già fin troppo spettacolarizzate.

Categoria: Saggi

Editore: CaratteriMobili

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788896989159

Recensito da Riccardo Melito

Le Vostre recensioni

Che la televisione in Italia sia di pessima qualità non è certo un segreto. Ricordo un amico berlinese che già una decina di anni fa mi chiedeva come facessero gli italiani a guardare la televisione commerciale ed erano solo i primi anni del periodo politico di Berlusconi. Io stesso mi ritrovavo da adolescente a guardare Amici, che all’epoca stava muovendo i primi passi, scaricando contro lo schermo tutta la mia critica e il mio disprezzo, quasi fossero i “cinque minuti dell’odio” orwelliani. Un giorno ho capito che sarebbe stato molto più intelligente non guardare per niente il programma e impiegare quel tempo in modi più proficui. Da quel giorno, solo lontane eco degli sviluppi dell’aberrazione defilippiana mi hanno raggiunto e la mia vita è proseguita piuttosto placidamente. La Maria nazionale stava quasi sparendo dalla mia mente quando un giorno ho incrociato Maria de Filippi ti odio, secondo volume di Carmine Castoro dedicato alla televisione spazzatura e alla sua influenza sulla vita quotidiana, pubblicato da Caratterimobili.

Castoro viviseziona i format condotti dalla de Filippi con il bisturi concettuale della filosofia foucaultiana. Ispirato da Jaspers e la fenomenologia e dal Situazionismo debordiano, passa al microscopio i dispositivi che sono impiegati e dispiegati durante i programmi. Nella prima parte del libro la conduttrice viene smascherata, se ne svela la sua natura prossima alla santità, potenziata dalla macchina dello spettacolo, che promette imparzialità e giustizia, ma al contrario fomenta solo odio e rivalità. Nella seconda parte sono indagate le modifiche che Amici e co. stanno apportando alla nostra vita e ai nostri valori, con una parte interessante e divertente in modo macabro, dedicata alle psicopatologie causate dall’esposizione massiccia a tali programmi. Nella terza e ultima sezione l’autore cerca di fornire alcune possibili soluzioni, elogiando un determinato tipo di misantropia. Il volume si chiude con un’intervista, piuttosto breve, con l’antropologo francese Marc Augé, famoso per aver inventato il concetto di non-luogo, altro punto di riferimento concettuale del libro.

Nonostante il libro sia divertentissimo per chi considera quei programmi la tv spazzatura per antonomasia, il tono di Castoro è piuttosto retorico e reazionario, quasi spettacolare a sua volta. Il male causato dalle creazioni defilippiane, questa “fenomenologia dell’illusione organizzata”, è visto al pari di un’arma di distruzione di massa, senza possibilità di redenzione, quasi che non ci sia più salvezza o non si possa più esercitare uno spirito critico dopo essersi appassionati a tali programmi. L’autore invoca l’avvento di una casta di eletti che possa salvaguardare una certa ortodossia concettuale: “in attesa di un rinnovato certo intellettuale che, senza ideologismi e faziosità da politichese, si proponga come il vero guardiano dell’immaginazione foucaultiana”. Sicuramente il filosofo francese avrebbe reagito a un uso così forte della sua opera. Rimane il dubbio che Maria de Filippi ti odio possa rimanere un po’ autoreferenziale e possa fornire una sorta di orizzonte martiriologico a coloro che sostengono la conduttrice. Forse era meglio attuare una delle strategie che Castoro descrive: “basterebbe disattivare attenzione e obbedienza cieca verso il potente di turno e questi perirebbe nel silenzio dell’indifferenza più totale, privo di sostegno, privo di seguaci. Oggi diremmo: spegnere lo schermo e leggere un libro”. C’è però il rischio che quel libro resti confinato nel novero di chi già detesta quella sfacciata sovrapproduzione di illusioni, quando invece dovrebbe essere letto e compreso da chi adora quella televisione “distrazione-distrofia-distruzione dell’umanità”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carmine

Castoro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Castoro Carmine


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Angela Greganti è una transessuale elegante e di fascino. Una sera, partecipando a una festa che raduna il jet-set televisivo e istituzionale, assiste alla violenza compiuta da un importante uomo politico ai danni di una ragazza. L'impulsiva reazione di Angela, con le inevitabili conseguenze, porta a una fuga che si trasforma anche in un viaggio interiore. Un ritratto, impietosamente realistico, della società contemporanea, in cui si mescolano "alto e basso bordo", per scoprirsi fra loro non molto diversi e niente affatto distanti. È una protagonista ritratta con forza e sensibilità, nella quale il lettore finirà per trovare inevitabilmente una forse inaspettata immedesimazione.

ALI E CORAZZA

Trovato Daniele

Dorian Gray, un giovane di straordinaria bellezza, si è fatto fare un ritratto da un pittore. Ossessionato dalla paura della vecchiaia, ottiene, con un sortilegio, che ogni segno che il tempo dovrebbe lasciare sul suo viso, compaia invece solo sul ritratto. Avido di piacere, si abbandona agli eccessi più sfrenati, mantenendo intatta la freschezza e la perfezione del suo viso. Poiché Hallward, il pittore, gli rimprovera tanta vergogna, lo uccide. A questo punto il ritratto diventa per Dorian un atto d'accusa e in un impeto di disperazione lo squarcia con una pugnalata. Ma è lui a cadere morto: il ritratto torna a raffigurare il giovane bello e puro di un tempo e a terra giace un vecchio segnato dal vizio.

Il ritratto di Dorian Gray

Wilde Oscar

Come si può continuare a scrivere quando la morte ti ha sottratto la tua Musa? È questo l'interrogativo che, l'8 giugno 1290, tormenta Dante Alighieri, giovane poeta ancora alla ricerca di una sua voce, davanti alle spoglie di Beatrice Portinari. Da quel momento tutto cambierà: la sua vita come la sua poesia. Percorrendo le strade di Firenze, Dante rievoca le vicissitudini di un amore segnato dal destino, il primo incontro e l'ultimo sguardo, la malìa di una passione in virtù della quale ha avuto ispirazione e fama. È sgomento, il giovane poeta; e smarrito. Ma la sorte gli riserva altri strali. Mentre le trame della politica fiorentina minacciano dapprima i suoi affetti - dal rapporto con la moglie Gemma all'amicizia fraterna con Guido Cavalcanti - e poi la sua stessa vita, Dante Alighieri fa i conti con le tentazioni del potere e la ferita del tradimento, con l'aspirazione alla gloria letteraria e il timore di non riuscire a comporre il suo capolavoro... È un Dante intimo, rivelato nella sua fragilità ma anche nella potenza della sua visione del mondo, quello che Marco Santagata mette in scena in un romanzo che restituisce le atmosfere, le parole, le inquietudini di un Medioevo vivido e vicino. Il sommo poeta in tutta la sua umanità: lacerato dall'amore, tormentato dall'ambizione, ardentemente contemporaneo.

Come donna innamorata

Santagata Marco

Una vita come tante quella del protagonista di questo romanzo, dalla morte dei nonni amatissimi al difficile rapporto con i genitori, dalla scoperta dell'amore alla nascita del primo figlio, fino alla mestizia del divorzio. Eppure, seguendo le avventure di ordinaria quotidianità del protagonista senza nome, ci accorgiamo che questo è l'eroe moderno. L'uomo che si sveglia la mattina per andare a lavorare, che si innamora di una donna per il suo taglio di capelli, che sogna di scrivere un romanzo che non porterà mai a termine, che si interroga tutta la vita sulle dinamiche dell'amore. La sensazione che resta dopo aver letto questo romanzo è quella di aver attraversato un paesaggio fatato pieno di luci tenui e sfumature brillanti. È lo stile di Foenkinos, la capacità di rendere magico l'ordinario.

L’EROE QUOTIDIANO

Foenkinos David