Saggi

Maria De Filippi ti odio

Castoro Carmine

Descrizione: Nessun pregiudizio personale, meschinità o moralismo contro la carriera e i format della famosa conduttrice. Ma una critica al vetriolo sulle logiche di retrovia, i meccanismi di falsificazione, i linguaggi di massa, il grande inganno dell'intrattenimento "facile" che hanno trasformato i suoi format in centri di raccolta e smistamento delle nostre identità, sempre più bisognose degli scintillii della televisione per consistere e sopravvivere di fronte all'anonimato dilagante. "Maria De Filippi ti odio" è il tentativo di scardinare, con il grimaldello della filosofia, la grammatica di certi programmi di grande audience, visti come epicentro di un immaginario televisivo ormai anacronistico, devastante, da sostituire con un nuovo modo "ecologico" di pensare l'uso e l'impatto dei media sulle nostre vite già fin troppo spettacolarizzate.

Categoria: Saggi

Editore: CaratteriMobili

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788896989159

Recensito da Riccardo Melito

Le Vostre recensioni

Che la televisione in Italia sia di pessima qualità non è certo un segreto. Ricordo un amico berlinese che già una decina di anni fa mi chiedeva come facessero gli italiani a guardare la televisione commerciale ed erano solo i primi anni del periodo politico di Berlusconi. Io stesso mi ritrovavo da adolescente a guardare Amici, che all’epoca stava muovendo i primi passi, scaricando contro lo schermo tutta la mia critica e il mio disprezzo, quasi fossero i “cinque minuti dell’odio” orwelliani. Un giorno ho capito che sarebbe stato molto più intelligente non guardare per niente il programma e impiegare quel tempo in modi più proficui. Da quel giorno, solo lontane eco degli sviluppi dell’aberrazione defilippiana mi hanno raggiunto e la mia vita è proseguita piuttosto placidamente. La Maria nazionale stava quasi sparendo dalla mia mente quando un giorno ho incrociato Maria de Filippi ti odio, secondo volume di Carmine Castoro dedicato alla televisione spazzatura e alla sua influenza sulla vita quotidiana, pubblicato da Caratterimobili.

Castoro viviseziona i format condotti dalla de Filippi con il bisturi concettuale della filosofia foucaultiana. Ispirato da Jaspers e la fenomenologia e dal Situazionismo debordiano, passa al microscopio i dispositivi che sono impiegati e dispiegati durante i programmi. Nella prima parte del libro la conduttrice viene smascherata, se ne svela la sua natura prossima alla santità, potenziata dalla macchina dello spettacolo, che promette imparzialità e giustizia, ma al contrario fomenta solo odio e rivalità. Nella seconda parte sono indagate le modifiche che Amici e co. stanno apportando alla nostra vita e ai nostri valori, con una parte interessante e divertente in modo macabro, dedicata alle psicopatologie causate dall’esposizione massiccia a tali programmi. Nella terza e ultima sezione l’autore cerca di fornire alcune possibili soluzioni, elogiando un determinato tipo di misantropia. Il volume si chiude con un’intervista, piuttosto breve, con l’antropologo francese Marc Augé, famoso per aver inventato il concetto di non-luogo, altro punto di riferimento concettuale del libro.

Nonostante il libro sia divertentissimo per chi considera quei programmi la tv spazzatura per antonomasia, il tono di Castoro è piuttosto retorico e reazionario, quasi spettacolare a sua volta. Il male causato dalle creazioni defilippiane, questa “fenomenologia dell’illusione organizzata”, è visto al pari di un’arma di distruzione di massa, senza possibilità di redenzione, quasi che non ci sia più salvezza o non si possa più esercitare uno spirito critico dopo essersi appassionati a tali programmi. L’autore invoca l’avvento di una casta di eletti che possa salvaguardare una certa ortodossia concettuale: “in attesa di un rinnovato certo intellettuale che, senza ideologismi e faziosità da politichese, si proponga come il vero guardiano dell’immaginazione foucaultiana”. Sicuramente il filosofo francese avrebbe reagito a un uso così forte della sua opera. Rimane il dubbio che Maria de Filippi ti odio possa rimanere un po’ autoreferenziale e possa fornire una sorta di orizzonte martiriologico a coloro che sostengono la conduttrice. Forse era meglio attuare una delle strategie che Castoro descrive: “basterebbe disattivare attenzione e obbedienza cieca verso il potente di turno e questi perirebbe nel silenzio dell’indifferenza più totale, privo di sostegno, privo di seguaci. Oggi diremmo: spegnere lo schermo e leggere un libro”. C’è però il rischio che quel libro resti confinato nel novero di chi già detesta quella sfacciata sovrapproduzione di illusioni, quando invece dovrebbe essere letto e compreso da chi adora quella televisione “distrazione-distrofia-distruzione dell’umanità”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carmine

Castoro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Castoro Carmine


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È una primavera torrida a Milano, e succedono cose strane. Una suora viene trovata sgozzata in convento, truccata e vestita in abito da sera. Il commissario Boe finisce per bussare alla porta di Johnny Santini, professore di lettere in un liceo. Un professore particolare: si stordisce con l’hashish, allaccia relazioni con le allieve dell’ultimo anno, ed è segretamente a capo del Free Beagle, fantomatica organizzazione animalista che assalta i laboratori della vivisezione. Ma Santini non ne sa nulla. Anzi. Anche a lui stanno accadendo cose strane: qualcuno lo ha ricattato per recuperare una valigetta in un laboratorio e, invece, ci ha trovato un cadavere. E, mentre gli omicidi si susseguono e portano tutti a lui, scopre l’esistenza di una vecchia leggenda della malavita. Una leggenda dimenticata da decenni e che striscia e si sussurra ancora solo nei corridoi dei manicomi criminali, in cui orde di derelitti continuano invano a gridarsi innocenti. È lì la chiave dell’enigma. Johnny Santini corre incontro a una verità atroce e soffocante, a cui tutti, prima di lui, hanno resistito solo impazzendo. O suicidandosi.

L’ILLUSIONISTA

Montolli Edoardo

Nella vivace Istanbul, la vita della libraia turco-tedesca Kati Hirschel scorre fin troppo tranquilla. Il nuovo appartamento che condivide con lo spagnolo Fofo è ormai sistemato, tutti i debiti sono stati pagati e la libreria di cui va tanto fiera - l’unica in tutta la città specializzata in libri gialli - è ben frequentata da locali e turisti. Forse per noia, o per la mancanza di un fidanzato che la tenga occupata, Kati si lascia trascinare da una chiaroveggente che dovrebbe aiutare Fofo a risolvere i suoi problemi di cuore. Le cose prendono una piega inaspettata quando la lettrice di fondi di caffè «vede» la morte di una giovane donna. Temendo che possa trattarsi della fidata collaboratrice Pelin, la libraia corre in ospedale e scopre che la vita in pericolo è un’altra: quella di Nil, ricoverata in terapia intensiva dopo un misterioso malore. Com’è possibile che una donna di neanche trent’anni, in perfetta salute, sia improvvisamente colpita da un attacco cardiaco? E perché aveva la schiuma alla bocca? Il caso è decisamente sospetto e risveglia subito la proverbiale curiosità di Kati, che insieme a Hakan, fratello della «vittima», comincia a scavare nella vita di Nil e a notare altre stranezze. Ad esempio che la giovane, pur essendo disoccupata da sei mesi, poteva permettersi oggetti costosi e una lussuosa abitazione in uno dei quartieri più eleganti di Istanbul. Ce n’è abbastanza per ipotizzare un coinvolgimento in affari loschi. O la presenza di un ricco amante, magari sposato e interessato a sbarazzarsi di lei. Ancora più singolare risulta però la passione di Nil per il tango, legata probabilmente alla decisione di scrivere un romanzo ambientato tra Turchia e Argentina, due paesi accomunati da anni di dittatura militare, da violenze e ingiustizie nei confronti di oppositori e minoranze. E così, grazie al solito mix di intuito, faccia tosta e conoscenza della società turca, Kati porterà avanti anche quest’indagine a modo suo, tra chiacchiere e bicchieri di tè.

Tango a Istanbul

Aykol Esmahan

Giorni nostri, metà ottobre. In un paese dell’hinterland di Bologna, un anziano squilibrato si mette a sparare dalla finestra, uccide alcune persone e tiene in scacco le forze dell’ordine. A sera inoltrata, la polizia decide di passare al contrattacco e, per disorientare il folle, ordina che venga tolta l’energia elettrica all’intero circondario. In questo quadro – realmente accaduto nel giugno 2005 in un paese dell’Italia settentrionale – si sviluppa la finzione narrativa: cento minuti, quattro storie parallele, tutte segnate dalla mancanza di luce. Mario, un dirigente comunale, cerca di sedurre Federica, sua vicina di appartamento e ausiliaria del 118. A casa del professor Umberto, lui, la moglie e i due figli affrontano l’emergenza facendo un gioco che travolgerà la stessa coesistenza famigliare. Nel bar di Loretta, nella piazza del paese, ci si industria per continuare a giocare a carte e a biliardo, ma presto e in modo del tutto imprevedibile si dipanerà una storia completamente diversa. Intanto, Domenico, uno scrittore solitario, si prepara a realizzare il suo desiderio più oscuro...

SENZA LUCE

Bernardi Luigi

"Un giorno ti innamorerai, Travis. E quando succederà, combatti per il tuo amore. Non smettere di lottare. Mai". Travis Maddox è solo un bambino quando sua madre, ormai con un filo di voce, gli lascia queste ultime parole. Parole che Travis conserva come un tesoro prezioso. Adesso Travis ha vent'anni e non conosce l'amore. Conosce le donne e sa che in molte sarebbero disposte a tutto per un suo bacio. Eppure nessuna di loro ha mai conquistato il suo cuore. Provare dei sentimenti significa diventare vulnerabili. E Travis ha scelto di essere un guerriero. Finché un giorno i suoi occhi scuri non incontrano quelli grigi di Abby Abernathy. E l'armatura di ghiaccio che si è scolpito intorno al cuore si scioglie come neve al sole. Abby è diversa da tutte le ragazze con cui è sempre uscito. Cardigan abbottonato, occhi bassi, taciturna. E soprattutto apparentemente per niente interessata a lui. Ma Travis riesce a vedere dietro il suo sorriso e la sua aria innocente quello che nessuno sembra notare. Un'ombra, un segreto che Abby non riesce a rivelare a nessuno, ma che pesa come un macigno. Solo lui può aiutarla a liberarsene, solo lui possiede le armi per proteggerla. L'ultima battaglia di Travis Maddox sta per cominciare e la posta in palio è troppo importante per potervi rinunciare. Solo combattendo insieme Abby e Travis potranno dare una casa al loro cuore sempre in fuga...

Il mio disastro sei tu

McGuire Jamie