Narrativa

Marie aspetta Marie

Bourdouxhe Madeleine

Descrizione: Chi ha letto "La donna di Gilles" sa che non c'è un'altra scrittrice capace come Madeleine Bourdouxhe di raccontare gli sbigottimenti e le lusinghe dell'amore: senza sbavature né svenevolezze, ma con un'intensità e un'evidenza che hanno qualcosa di lancinante. In questo secondo romanzo della Bourdouxhe (che Jonathan Coe ha definito «una delle più belle scoperte letterarie degli ultimi anni») non siamo più nella grigia e fuligginosa periferia di Liegi, bensì nella "douceur de vivre" della Parigi della fine degli anni Trenta; e se Elisa, la struggente protagonista della Donna di Gilles, viveva nell'attesa, nel dono di sé, nella devozione assoluta per un marito di cui tutto sapeva accogliere e perdonare, Marie (che pure ama profondamente il suo, di marito) scopre la violenza della passione quando, su una spiaggia della Costa Azzurra, incrocia lo sguardo di un ragazzo di vent'anni dalle spalle sottili, i fianchi stretti e le lunghe gambe abbronzate. Un pomeriggio si incontrano, come per caso, su un sentiero che costeggia il mare e, su un pezzetto di carta che lei non getterà, lui scrive un numero di telefono. Che Marie chiamerà, tornata a Parigi, dalla cabina telefonica di un caffè. In una breve Nota all'edizione Gallimard della Donna di Gilles, Madeleine Bourdouxhe aveva scritto: «L'annientamento nell'amore: un po' la storia di tutte le donne», ma qui la prospettiva è cambiata, e il suo sguardo segue con vibrante complicità il percorso di una donna che affronta, con un'audacia che quasi la stupisce, «l'intransigenza del desiderio»...

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 2018

ISBN: 9788845932458

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Piacevole scoperta questo romanzo, Marie aspetta Marie della scrittrice belga Madeleine Bourdouxhe, apparso nel 1943 e riscoperto recentemente da Adelphi. Agli occhi di un lettore della nostra epoca colpisce la straordinaria attualità di una vicenda concepita durante il periodo bellico in cui la protagonista Marie, donna quarantenne ancora affascinante immersa nella routine quotidiana del matrimonio con il marito Jean, vive un’intensa quanto inaspettata storia d’amore con un ragazzo molto più giovane di lei, incontrato durante una vacanza.

La Bourdouxhe in maniera estremamente pudica e raffinata riesce a trasmettere al lettore tutte le sensazioni che scaturiscono da Marie travolta da questa passione extra coniugale. Si percepisce il suo desiderio di ritornare a vivere quelle emozioni sopite negli anni, la ricerca di “… una realtà da indovinare, da afferrare, da fare propria…il fascino e la vertigine di un mondo nuovo”. Obiettivo della scrittrice non è certo quello di suscitare scandalo narrando la relazione tra una donna sposata e matura con un ragazzo ventenne, bensì quello di esaltare la personalità di Marie, che assurge a emblema di  emancipazione femminile, del suo diritto a vivere una vita attiva, senza essere soffocata dal marito Jean oppure dalla sorella Claude aspirante suicida. Infatti, proprio quando Marie si rivolge alla sorella, salvata per il rotto della cuffia dal tentativo di suicidio, si delinea il tema portante del libro che la Bourdouxhe svela attraverso le sue parole: “La vita non è una storia che si racconta. Tutt’al più, potrebbe essere una storia che si rappresenta… bisogna darsi, impegnarsi, allora si riceverà in cambio”. La scelta della protagonista non è irresponsabile, in quanto lei stessa giunge alla conclusione di continuare a provare affetto per il marito, che sarebbe disposta a seguire in capo al mondo. Marie si rende semplicemente conto che “si sente giovane, sana, forte. Un sangue troppo ricco, impetuoso, le pulsa nelle tempie” e la conduce inesorabilmente tra le strade di una Parigi che sembra quasi accompagnare il suo stato febbrile, le sue inquietudini sentimentali, i suoi pensieri amorosi rivolti al giovane amante nel quale ritrova frammenti di una giovinezza trascorsa ma non ancora sfiorita.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Madeleine

Bourdouxhe

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bourdouxhe Madeleine

Una nuova primavera si affaccia, e tenta uomini e donne con i suoi profumi, ma anche il male è nell'aria. Manca una settimana a Pasqua nella Napoli del 1932. Al Paradiso, esclusiva casa di tolleranza nella centralissima via Chiaia, Vipera, la prostituta piú famosa, è ritrovata morta, soffocata con un cuscino. L'ultimo cliente sostiene di averla lasciata ancora viva, il successivo di averla trovata già morta. Chi l'ha uccisa, e perché? Ricciardi deve districarsi in un groviglio di sentimenti e motivazioni. Avidità, frustrazione, invidia, bigottismo. Amore. La scoperta di passioni insospettabili si accompagna alla rivelazione di una città molto diversa da come appare. Sotto i nostri occhi prendono forma, vivissimi e veri, illuminati da dettagli sorprendenti, sorretti da una genuina vocazione narrativa, i mercati, i vicoli, le strade, i mestieri, la rete rigogliosa dei commerci vecchi e nuovi, accanto alla vigliaccheria e al coraggio, alle violenze arroganti di chi pensa già di essere impunito per sempre perché indossa una camicia nera. Tanto che uno dei compagni di Ricciardi, il dottor Modo, vecchio estimatore di Vipera, finisce per cacciarsi in un guaio molto serio... E il romanzo, come non mai, sembra costruirsi da solo, incantevole e potente, sotto le mani abili di chi sa dosare e mescolare gli ingredienti piú diversi, come accade nelle vere ricette del periodo pasquale di cui è insaporita la storia.

Vipera

De Giovanni Maurizio

Se avessero

Sermonti Vittorio

"Giuseppe Bonura è stato un grande autore di racconti. Per vocazione e per necessità, com'è giusto che sia, perché il Novecento - il secolo al quale Bonura ha voluto conservarsi fedele con furiosa ostinazione - ha metodicamente costretto gli scrittori a misurarsi con i rigori della ferialità e addirittura con le spietatezze del mercato. Altra definizione discutibile, quest'ultima, che tuttavia trova una giustificazione almeno parziale nell'insistenza con cui, negli ultimi anni della sua vita, Bonura ha denunciato lo strapotere del "capitalismo energumeno", in un crescendo di invettive che costituiva in effetti una continua variazione del tema che, fin dall'esordio, gli era parso decisivo: il feroce dissidio che, nell'era industriale e post-industriale, oppone l'individuo alla massa. Era la sua cifra nel tappeto, la sua successione di Fibonacci". Dalla prefazione di Alessandro Zaccuri.

RACCONTI DEL GIORNO E DELLA NOTTE

Bonura Giuseppe

Ciò che fa di Edgardo Franzosini uno scrittore diverso da qualsiasi altro è la sua capacità di raccontarci storie vere di personaggi che sembrano inventati, per quanto sono fuori del comune. Qui, ancora una volta, con quella visionarietà e quella levità che sono soltanto sue, percorre la breve, singolare esistenza dello scultore Rembrandt Bugatti (fratello del fondatore della casa automobilistica), divenuto celebre negli anni Dieci del Novecento per i suoi bronzi raffiguranti elefanti, pantere e leoni; un uomo che con gli animali visse in una sorta di struggente empatia, tanto da subire un vero trauma quando, allo scoppio della Grande Guerra, tutti quelli ospitati nello zoo di Anversa furono sterminati in via preventiva.

Questa vita tuttavia mi pesa molto

Franzosini Edgardo