Narrativa

Marie aspetta Marie

Bourdouxhe Madeleine

Descrizione: Chi ha letto "La donna di Gilles" sa che non c'è un'altra scrittrice capace come Madeleine Bourdouxhe di raccontare gli sbigottimenti e le lusinghe dell'amore: senza sbavature né svenevolezze, ma con un'intensità e un'evidenza che hanno qualcosa di lancinante. In questo secondo romanzo della Bourdouxhe (che Jonathan Coe ha definito «una delle più belle scoperte letterarie degli ultimi anni») non siamo più nella grigia e fuligginosa periferia di Liegi, bensì nella "douceur de vivre" della Parigi della fine degli anni Trenta; e se Elisa, la struggente protagonista della Donna di Gilles, viveva nell'attesa, nel dono di sé, nella devozione assoluta per un marito di cui tutto sapeva accogliere e perdonare, Marie (che pure ama profondamente il suo, di marito) scopre la violenza della passione quando, su una spiaggia della Costa Azzurra, incrocia lo sguardo di un ragazzo di vent'anni dalle spalle sottili, i fianchi stretti e le lunghe gambe abbronzate. Un pomeriggio si incontrano, come per caso, su un sentiero che costeggia il mare e, su un pezzetto di carta che lei non getterà, lui scrive un numero di telefono. Che Marie chiamerà, tornata a Parigi, dalla cabina telefonica di un caffè. In una breve Nota all'edizione Gallimard della Donna di Gilles, Madeleine Bourdouxhe aveva scritto: «L'annientamento nell'amore: un po' la storia di tutte le donne», ma qui la prospettiva è cambiata, e il suo sguardo segue con vibrante complicità il percorso di una donna che affronta, con un'audacia che quasi la stupisce, «l'intransigenza del desiderio»...

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 2018

ISBN: 9788845932458

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Piacevole scoperta questo romanzo, Marie aspetta Marie della scrittrice belga Madeleine Bourdouxhe, apparso nel 1943 e riscoperto recentemente da Adelphi. Agli occhi di un lettore della nostra epoca colpisce la straordinaria attualità di una vicenda concepita durante il periodo bellico in cui la protagonista Marie, donna quarantenne ancora affascinante immersa nella routine quotidiana del matrimonio con il marito Jean, vive un’intensa quanto inaspettata storia d’amore con un ragazzo molto più giovane di lei, incontrato durante una vacanza.

La Bourdouxhe in maniera estremamente pudica e raffinata riesce a trasmettere al lettore tutte le sensazioni che scaturiscono da Marie travolta da questa passione extra coniugale. Si percepisce il suo desiderio di ritornare a vivere quelle emozioni sopite negli anni, la ricerca di “… una realtà da indovinare, da afferrare, da fare propria…il fascino e la vertigine di un mondo nuovo”. Obiettivo della scrittrice non è certo quello di suscitare scandalo narrando la relazione tra una donna sposata e matura con un ragazzo ventenne, bensì quello di esaltare la personalità di Marie, che assurge a emblema di  emancipazione femminile, del suo diritto a vivere una vita attiva, senza essere soffocata dal marito Jean oppure dalla sorella Claude aspirante suicida. Infatti, proprio quando Marie si rivolge alla sorella, salvata per il rotto della cuffia dal tentativo di suicidio, si delinea il tema portante del libro che la Bourdouxhe svela attraverso le sue parole: “La vita non è una storia che si racconta. Tutt’al più, potrebbe essere una storia che si rappresenta… bisogna darsi, impegnarsi, allora si riceverà in cambio”. La scelta della protagonista non è irresponsabile, in quanto lei stessa giunge alla conclusione di continuare a provare affetto per il marito, che sarebbe disposta a seguire in capo al mondo. Marie si rende semplicemente conto che “si sente giovane, sana, forte. Un sangue troppo ricco, impetuoso, le pulsa nelle tempie” e la conduce inesorabilmente tra le strade di una Parigi che sembra quasi accompagnare il suo stato febbrile, le sue inquietudini sentimentali, i suoi pensieri amorosi rivolti al giovane amante nel quale ritrova frammenti di una giovinezza trascorsa ma non ancora sfiorita.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Madeleine

Bourdouxhe

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bourdouxhe Madeleine

Il fantasma di un uomo politico osserva il proprio funerale dall'alto: nella sua regione, e soprattutto nella sua città, era noto come Diecipercento, Dieci per intimi e familiari. Tra i volti in chiesa, il fantasma riconosce Margherita, una nipote fuggita anni prima lontano dalla famiglia. La donna, che non crede alla versione ufficiale della morte dello zio, è tornata in incognito per cercare la verità. Nei giorni seguenti il fantasma di Diecipercento segue Margherita nella sua indagine, nella speranza di scoprire l'identità del suo assassino. La ricerca, però, si complica e diventa esplorazione delle memorie e confronto tra i valori che dividono i due protagonisti.

DIECIPERCENTO E LA GRAN SIGNORA DEI TONTI

Di Martino Antonella

È un lunedì mattina come tanti, sul treno che porta i pendolari da Brighton a Londra. Nei vagoni, visi assonnati, preoccupati, speranzosi. Qualcuno finisce di truccarsi, qualcuno legge, c'è chi chiacchiera e chi ascolta musica dall'iPod pensando alla giornata che lo aspetta. Per Karen e suo marito è una giornata felice: stanno andando a firmare per il mutuo della nuova casa, che accoglierà loro e i due figli. Lou, dal sedile accanto, li osserva e la loro evidente complicità la mette di buon umore, anche se prova un pizzico di invidia per quell'amore sereno e totale che a lei sembra negato. Anna, invece, qualche carrozza più in là, sogna di acquistare la giacca di cui ha visto la foto sulla rivista che sta sfogliando, e piega l'angolo della pagina per ricordarsene. È tutto normale, è tutto tranquillo... ma poi qualcosa, di colpo, rimescola le carte della vita e quel mattino come tanti diventa il punto di svolta, l'inizio di una settimana drammatica. Legate da una tragica casualità, le tre donne affronteranno insieme i giorni seguenti e troveranno nella loro amicizia la forza per superare il dolore. Insieme scopriranno che, se davvero basta un attimo perché tutto vada in frantumi, la vita non si ferma e ci chiede di tenere il passo...

Un attimo, un mattino

Rayner Sarah

Allan Karlsson compie cento anni e per l'occasione la casa di riposo dove vive intende festeggiare l'evento: Allan, però, è di un'altra idea e decide di punto in bianco di scappare. Con le pantofole ai piedi scavalca la finestra e si dirige alla stazione degli autobus. Lì ruba la valigia a un giovane biondo dall'aria feroce, sale sul primo autobus che gli capita e inizia così, sbarcando in uno sperduto villaggio svedese sconosciuto, una serie esilarante di equivoci e di incontri, anzitutto con Julius Jonsson - un settantenne ladro e truffatore. I due dovranno sfuggire al biondo che li insegue, e finiranno col farlo fuori dandogli una botta in testa con un asse. Poi, aprendo la valigia rubata, scopriranno che è piena di 52 milioni di corone svedesi, e inizieranno quindi la loro fuga dalla polizia e da una gang criminale che vuole recuperare il denaro, in un viaggio rocambolesco tra Mercedes, camion e donne fatali. Finiranno nell'esotica Bali, dove Allan troverà l'amore: l'ottantenne Amanda.

Il centenario che saltò dalla finistra e scomparve

Jonasson Jonas

Questo romanzo si svolge dall’inizio degli anni sessanta al 1984 tra una casa editrice milanese e un museo parigino dove è esposto il pendolo di Foucault. Si svolge dal 1943 al 1945 in un paesino tra Langhe e Monferrato. Si svolge tra il 1344 e il 2000 lungo il percorso del piano dei Templari e dei Rosa-Croce per la conquista del mondo. Si svolge interamente la notte del 23 giugno 1984, prima in piedi nella garitta del periscopio, poi in piedi nella garitta della statua della Libertà al Conservatoire des Arts et Métiers di Parigi. Si svolge la notte tra il 26 e il 27 giugno dello stesso anno nella stessa casa di campagna che Jacopo Belbo, il protagonista, ha ereditato da suo zio Carlo, mentre Pim rievoca le sequenze temporali di cui si è detto sopra. In sintesi: tre redattori editoriali, a Milano, dopo avere frequentato troppo a lungo autori “a proprie spese” che si dilettano di scienze occulte, società segrete e complotti cosmici, decidono di inventare, senza alcun senso di responsabilità, un Piano. Ma qualcuno li prende sul serio.

Il pendolo di Foucault

Eco Umberto