Saggi

Max Stirner. Vita e opere

Mackay John Henry

Descrizione: John Henry Mackay, poeta scozzese, dedicò molti anni della sua vita alla ricerca di tutte le fonti possibili, sia testimoniali che documentarie, per realizzare una biografia, l'unica a tutt'oggi attendibile, del filosofo tedesco Max Stirner. Ne curò tre successive edizioni, negli anni 1898, 1910, 1914. Quest'ultima viene qui utilizzata per la prima traduzione pubblicata in lingua italiana, che colma una lacuna e apre un velo più "umano" rispetto alla imponente bibliografia stirneriana, incentrata quasi esclusivamente su studi e ricerche di preminente carattere filosofico.

Categoria: Saggi

Editore: Bibliosofica

Collana:

Anno: 2013

Traduttore: Claudia Antonucci

ISBN: 9788887660388

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Max Stirner, pseudonimo di Johann Caspar Schmidt, nasce nel 1806 a Bayreuth, nella Baviera settentrionale, là dove in Maximilianstrasse, sulla Marktplatz, al civico 31, sorge quella che fu la sua casa natale, parola della scrittore e poeta tedesco, ma di origina scozzese, John Henry Mackay.

Ce lo racconta in questo saggio su Stirner, uscito nel 1898, con la commozione di chi ha dedicato molti anni della propria vita a ricostruire, pezzo dopo pezzo, la vita e la produzione del filosofo tedesco noto a pochi (agli addetti ai lavori naturalmente) e dimenticato da molti.

Il minuzioso lavoro di ricostruzione messo in atto da Mackay tradisce tutto l’entusiasmo e l’ammirazione che l’autore deve aver nutrito per l’oggetto della sua ricerca. Un lavoro non facile se si pensa all’anonimato in cui il filosofo tedesco condusse gran parte della sua esistenza, conclusasi in completa solitudine, dopo che anche il matrimonio con la sua seconda moglie, Marie Dähnhardt, finì lasciando dietro di sé solo grande amarezza. Incontrata da Mackay nel 1897, la donna gli riservò – sul conto del marito – poche parole, ma colme di risentimento. Non nascose poi di non averlo né amato né stimato.  Certo, e questo è anche il giudizio di Mackay, il ritratto poco edificante reso dalla moglie, non scalfisce la grandezza del pensiero e dell’opera di Stirner.

Militante per anni nella sinistra hegeliana, Stirner entrò a far parte del gruppo dei Die Freien (i Liberi), dove strinse amicizia, tra gli altri, con Karl Marx, Friedrich Engels e Bruno Bauer, poco più che trentenne, “l’acuto critico della Bibbia”.  Chi erano i Liberi? “Erano il corpo più disperso di volontari del radicalismo, i quali – in eterno contrasto con l’ambiente circostante – si riunivano spontaneamente sotto questo nome e, soprattutto, si raccoglievano intorno a un uomo”, Bauer appunto. Luogo di ritrovo dei Liberi fu per molto tempo la birreria di Jacob Hippel sulla Friedrichstraße a Berlino, in cui si riunivano anche giornalisti, poeti e membri di associazioni politiche e filosofiche. Qui Stirner formò e affinò il suo pensiero. Qui conobbe Marie Dähnhardt.

In questo clima maturò la sua opera più significativa L’Unico e la sua proprietà pubblicata nel 1844, in cui evidenti sono le influenze del pensiero marxista, i cui richiami fecero guadagnare all’opera l’irrisione degli stessi Marx ed Engels ne L’ideologia tedesca.

Anche l’opera di Stirner cadde nella morsa della rigida censura del governo prussiano e fu sottoposta a sequestro. Tuttavia, grazie a un escamotage messo in atti dagli editori di Lipsia, solo alcune copie furono sequestrate. Il provvedimento, in ogni caso, venne revocato qualche giorno dopo, in quanto il libro fu definito dalla stessa autorità “troppo assurdo” per essere pericoloso. Molte e differenti furono le reazioni all’opera: certo è che si trattò di un testo fuori dal comune.

Mackay lascia che sia il filosofo – con le sue parole – a parlare della sua opera. L’uomo e la sua tensione verso la libertà sono l’oggetto del pensiero di Stirner. Il filosofo ne osserva brevemente la vita: “dall’inizio fino alla maturità. Mostra la lotta del bambino, del realista, per vincere e affermarsi, finché, dapprima imbarazzato davanti alle cose del mondo, non riesce ad andare al di là di esse; la lotta dell’adolescente, dell’idealista, con la ragione, per trovare il pensiero puro – il suo primo processo di identificazione: lo spirito e il suo lento superamento; infine la vittoria dell’uomo, dell’egoista, dell’interesse sull’ideale, di chi ha riscoperto sé stesso fisicamente in un secondo processo di identificazione e diventa proprietario del pensiero e del mondo, ponendosi al di sopra di tutto.” Ponendosi al di sopra di tutto, l’uomo – spogliato di ogni struttura, si trova al centro del mondo, soggetto solo alle proprie leggi personali. Solo in questo modo, l’individuo può essere libero. Affermazioni queste che valsero a Stirner la fama di precursore dell’anarco-individualismo e di gran parte del moderno esistenzialismo ateo.

Mackay, quindi, ricostruisce dettagliatamente la quantità di critiche che arrivarono all’opera da più parti, critiche che consentirono, allora, al filosofo e, in questo libro, all’autore di sviscerare il testo, analizzando passo dopo passo i passaggi più problematici e interessanti del pensiero stirneriano.

Il libro prosegue, quindi, la sua indagine ricostruendo gli ultimi anni della vita di Stirner: anni di quasi completa solitudine, fino alla malattia improvvisa che ne cagionò la morte nel maggio del 1856. Mackay non nasconde l’amarezza per la scarsa considerazione riservata dai contemporanei e dalla storia all’uomo Stirner e alla sua opera, che in queste pagine vengono descritte con cura e grande rispetto.

Il testo di Mackay è stato tradotto e pubblicato per la prima volta in Italia da edizioni Bibliosofica, completo della prefazione e con l’aggiunta di appendici utili alla struttura di un’opera ben scritta.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Henry

John

Mackay

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mackay John Henry


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sono passati tre anni da quando Harry Hole è andato via. Via da Oslo, via dalla Centrale di polizia, via dalla donna che ha amato e ferito troppo, e troppe volte. Ma dai suoi fantasmi no, da quelli non è riuscito a fuggire: l'hanno inseguito a Hong Kong e ora lo reclamano, e Harry non può non rispondere, non può non tornare. Oleg, il figlio di Rakel, il ragazzo che lui ha cresciuto come fosse anche figlio suo, è in carcere. Accusa: l'omicidio di Gusto Hanssen, il suo migliore amico. Movente: secondo gli investigatori, un regolamento di conti nel mondo della droga. Ma Harry non ci crede. Oleg, il suo Oleg, il bambino che lo teneva per mano e lo chiamava papà, può essere diventato un tossicodipendente, ma non un assassino. E a lui non resta che correre a casa, correre contro il tempo, in cerca di una verità diversa da quella già decretata. Una verità che si nasconde tanto nelle maglie dei sentimenti piú profondi che legano le persone, quanto nei quartieri dello spaccio, con l'ombra misteriosa di un nemico inafferrabile che lo vuole morto.

Lo spettro

Nesbø Jo

Londra, 1940. Mentre nel cielo incrociano gli Spitfire e i Messerschmitt di Göring, il dottor Haggard riceve la visita di James Vaughan, un giovane aviatore che gli si presenta con una frase letale: «Penso che lei abbia conosciuto mia madre». Strappato di colpo alle sue fiale di morfina e al culto feticistico di una donna perduta per sempre, Haggard intraprende una lunga, tormentosa confessione, raccontando per la prima volta la vicenda che tre anni prima ha distrutto la sua vita. Ma nel ricostruire il décor e le atmosfere di un amore feroce e claustrofobico, tutto consumato fra stanze in penombra, strade immerse nella nebbia, teatri d’anatomia popolati dai fantasmi di un’ossessione, Haggard si rende conto di avere ancora una volta liberato una forza oscura e terribile, una forza che ora lo spinge irresistibilmente verso il ragazzo e che l’inquietante somiglianza fra questi e sua madre non basta a spiegare. Ed è come se le pagine di questo intenso romanzo fossero avvolte dall’aura di un morbo senza nome – lo stesso che (forse) abita nell’amore e che sembra trasformare Vaughan in qualcos’altro e noi nei voyeur della sua trasformazione.

IL MORBO DI HAGGARD

McGrath Patrick

Lazzaro è un uomo quasi cinquantenne che ritorna a casa, nella terra natia di Puglia, dopo trent'anni di esilio volontario in Argentina. A riportarlo a casa è un omicidio e un'ingiustizia, di cui è stato testimone. Nel ritornare in Italia, Lazzaro ricava una nuova consapevolezza di sé pacificando i fantasmi del passato e le incognite del futuro. Un romanzo avvincente, una storia che emozionerà il lettore e lo trascinerà in un mistero a sfondo familiare, dove violenza e amore sono le due forse contrapposte.

Il segreto di Lazzaro

Vicidomini Letizia

Senso è la storia di una relazione, di un tradimento, di un inganno, di una vendetta, sullo sfondo della terza guerra di indipendenza. Racconto insolito, che andrà incontro a un altrettanto insolito destino, ripropone l'intelaiatura del melodramma ma ne snatura implicitamente i contenuti e gli effetti; dissacra le certezze morali e le illusioni sentimentali; destabilizza le attese e spiazza il lettore. Viene a lungo trascurato dalla critica e dal pubblico: è il film di Luchino Visconti con Alida Valli e Farley Granger ad assicurargli un'inattesa notorietà, peraltro alterandone radicalmente la prospettiva storica e l'impianto drammatico. L'analisi proposta da Clotilde Bertoni si inoltra nelle dissonanze del testo letterario, per poi metterlo in parallelo con il film, illuminandone le diverse peculiarità.

Senso

Boito Camillo