Saggi

Max Stirner. Vita e opere

Mackay John Henry

Descrizione: John Henry Mackay, poeta scozzese, dedicò molti anni della sua vita alla ricerca di tutte le fonti possibili, sia testimoniali che documentarie, per realizzare una biografia, l'unica a tutt'oggi attendibile, del filosofo tedesco Max Stirner. Ne curò tre successive edizioni, negli anni 1898, 1910, 1914. Quest'ultima viene qui utilizzata per la prima traduzione pubblicata in lingua italiana, che colma una lacuna e apre un velo più "umano" rispetto alla imponente bibliografia stirneriana, incentrata quasi esclusivamente su studi e ricerche di preminente carattere filosofico.

Categoria: Saggi

Editore: Bibliosofica

Collana:

Anno: 2013

Traduttore: Claudia Antonucci

ISBN: 9788887660388

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Max Stirner, pseudonimo di Johann Caspar Schmidt, nasce nel 1806 a Bayreuth, nella Baviera settentrionale, là dove in Maximilianstrasse, sulla Marktplatz, al civico 31, sorge quella che fu la sua casa natale, parola della scrittore e poeta tedesco, ma di origina scozzese, John Henry Mackay.

Ce lo racconta in questo saggio su Stirner, uscito nel 1898, con la commozione di chi ha dedicato molti anni della propria vita a ricostruire, pezzo dopo pezzo, la vita e la produzione del filosofo tedesco noto a pochi (agli addetti ai lavori naturalmente) e dimenticato da molti.

Il minuzioso lavoro di ricostruzione messo in atto da Mackay tradisce tutto l’entusiasmo e l’ammirazione che l’autore deve aver nutrito per l’oggetto della sua ricerca. Un lavoro non facile se si pensa all’anonimato in cui il filosofo tedesco condusse gran parte della sua esistenza, conclusasi in completa solitudine, dopo che anche il matrimonio con la sua seconda moglie, Marie Dähnhardt, finì lasciando dietro di sé solo grande amarezza. Incontrata da Mackay nel 1897, la donna gli riservò – sul conto del marito – poche parole, ma colme di risentimento. Non nascose poi di non averlo né amato né stimato.  Certo, e questo è anche il giudizio di Mackay, il ritratto poco edificante reso dalla moglie, non scalfisce la grandezza del pensiero e dell’opera di Stirner.

Militante per anni nella sinistra hegeliana, Stirner entrò a far parte del gruppo dei Die Freien (i Liberi), dove strinse amicizia, tra gli altri, con Karl Marx, Friedrich Engels e Bruno Bauer, poco più che trentenne, “l’acuto critico della Bibbia”.  Chi erano i Liberi? “Erano il corpo più disperso di volontari del radicalismo, i quali – in eterno contrasto con l’ambiente circostante – si riunivano spontaneamente sotto questo nome e, soprattutto, si raccoglievano intorno a un uomo”, Bauer appunto. Luogo di ritrovo dei Liberi fu per molto tempo la birreria di Jacob Hippel sulla Friedrichstraße a Berlino, in cui si riunivano anche giornalisti, poeti e membri di associazioni politiche e filosofiche. Qui Stirner formò e affinò il suo pensiero. Qui conobbe Marie Dähnhardt.

In questo clima maturò la sua opera più significativa L’Unico e la sua proprietà pubblicata nel 1844, in cui evidenti sono le influenze del pensiero marxista, i cui richiami fecero guadagnare all’opera l’irrisione degli stessi Marx ed Engels ne L’ideologia tedesca.

Anche l’opera di Stirner cadde nella morsa della rigida censura del governo prussiano e fu sottoposta a sequestro. Tuttavia, grazie a un escamotage messo in atti dagli editori di Lipsia, solo alcune copie furono sequestrate. Il provvedimento, in ogni caso, venne revocato qualche giorno dopo, in quanto il libro fu definito dalla stessa autorità “troppo assurdo” per essere pericoloso. Molte e differenti furono le reazioni all’opera: certo è che si trattò di un testo fuori dal comune.

Mackay lascia che sia il filosofo – con le sue parole – a parlare della sua opera. L’uomo e la sua tensione verso la libertà sono l’oggetto del pensiero di Stirner. Il filosofo ne osserva brevemente la vita: “dall’inizio fino alla maturità. Mostra la lotta del bambino, del realista, per vincere e affermarsi, finché, dapprima imbarazzato davanti alle cose del mondo, non riesce ad andare al di là di esse; la lotta dell’adolescente, dell’idealista, con la ragione, per trovare il pensiero puro – il suo primo processo di identificazione: lo spirito e il suo lento superamento; infine la vittoria dell’uomo, dell’egoista, dell’interesse sull’ideale, di chi ha riscoperto sé stesso fisicamente in un secondo processo di identificazione e diventa proprietario del pensiero e del mondo, ponendosi al di sopra di tutto.” Ponendosi al di sopra di tutto, l’uomo – spogliato di ogni struttura, si trova al centro del mondo, soggetto solo alle proprie leggi personali. Solo in questo modo, l’individuo può essere libero. Affermazioni queste che valsero a Stirner la fama di precursore dell’anarco-individualismo e di gran parte del moderno esistenzialismo ateo.

Mackay, quindi, ricostruisce dettagliatamente la quantità di critiche che arrivarono all’opera da più parti, critiche che consentirono, allora, al filosofo e, in questo libro, all’autore di sviscerare il testo, analizzando passo dopo passo i passaggi più problematici e interessanti del pensiero stirneriano.

Il libro prosegue, quindi, la sua indagine ricostruendo gli ultimi anni della vita di Stirner: anni di quasi completa solitudine, fino alla malattia improvvisa che ne cagionò la morte nel maggio del 1856. Mackay non nasconde l’amarezza per la scarsa considerazione riservata dai contemporanei e dalla storia all’uomo Stirner e alla sua opera, che in queste pagine vengono descritte con cura e grande rispetto.

Il testo di Mackay è stato tradotto e pubblicato per la prima volta in Italia da edizioni Bibliosofica, completo della prefazione e con l’aggiunta di appendici utili alla struttura di un’opera ben scritta.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Henry

John

Mackay

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mackay John Henry


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un uomo misterioso, scrittore di gialli di scarso successo, 65 anni, sapendo di non avere molto da vivere a causa di un cancro ai polmoni, decide che come ultimo atto della sua esistenza compirà un gesto spettacolare che tramanderà la sua memoria ai posteri: un omicidio perfetto. Non uno soltanto, tre. Ucciderà tre donne diverse, già individuate, accomunate dal fatto di avere i capelli rossi. L'assassino ha intenzione di mettere per iscritto dettagliatamente il suo operato e di avvertire via lettera le tre donne della loro sorte imminente per vedere come si comporteranno. L'uomo, servendosi della favola di Cappuccetto Rosso nella sua versione originale e cruenta, avverte le tre donne che il lupo cattivo è sulle loro tracce e che le ucciderà, senza specificare quando, come o dove. Nel momento in cui arrivano le lettere con l'annuncio di morte le tre donne reagiscono in modi diversi. L'uomo non vuole soltanto uccidere, vuole fare una ricerca e una riflessione approfondita sul periodo che precederà la morte. La sfida che si trova di fronte è cercare di aggirare e superare tutti i mezzi e modi in cui le sue tre vittime tenteranno di salvarsi da lui, per questo dovrà avvicinarsi a loro mantenendo il suo anonimato, per prevenire le loro mosse. Nessuno ha mai tentato prima un'operazione simile: tre vittime diverse, in tre luoghi diversi, destinate a tre morti diverse, tutte nello stesso giorno a poche ore di distanza l'una dall'altra. Ma anche il lupo cattivo può sottovalutare...

Un finale perfetto

Katzenbach John

Ai margini della Roma che tutti conosciamo, dove il Tevere crea un'ampia ansa prima di correre verso il mare, vivono uomini e donne che sembrano essersi incontrati solo grazie alle rispettive necessità. Fra baracche e chiatte, uniti dalla gestione di una trattoria improvvisata, mentre si alternano in piccoli lavori nei campi e nella guida dei turisti cittadini attratti dai loro lavori arcaici, essi hanno formato una specie di strana comunità fuori dal tempo e dal mondo in cui siamo abituati oggi a vivere. Cesare, uno degli ultimi anguillari romani, suo fratello Guido, un bizzarro lettore di testi sacri, Victoria, una cuoca sudamericana e due ragazze dell'est dal mestiere equivoco, hanno accolto già da qualche anno un uomo in fuga. Lo chiamano tutti "il dottore" perché, se il suo nome non ama rivelarlo, sembra venuto a offire le sue cure a chi vive lì e nei dintorni. Zingari, reietti, osti, piccoli criminali, pastori clandestini, tutti chiedono al dottore di essere curati. Tutti del resto hanno intuito che questo cinquantenne vissuto sempre in città è venuto in realtà a curare se stesso. Ma qual è il suo passato? Quale l'immenso dolore che lo ha strappato alla sua casa?

È giusto obbedire alla notte

Nucci Matteo

Una vacanza in apparenza convenzionale cambia la vita di quattro persone. Al ritorno da un viaggio in Cina, Marino, un imprenditore criminale, tornerà con un bottino che per lui somiglia all'amore. Sua moglie Felicita non riuscirà più a restare nella noia e nelle menzogne, analizzerà con cinismo il suo matrimonio bianco e con la risorsa dell'autoironia sceglierà di dirsi quello che è diventata, quello che non vuole essere più. Sergio, un inetto e affascinante dipendente dell'imprenditore criminale, scoprirà di saper combattere per quello che riconosce come il suo ultimo amore di carne e mistero. Una ragazza cinese senza identità, che non è stata dichiarata al momento della nascita come circa venticinque milioni di neonate connazionali, sceglierà di non essere più vittima della politica del figlio unico e di molto altro: da martire diventerà predatrice e userà senza pudore il corpo, le culture, la determinazione e qualsiasi altra avventura per salvarsi la vita.

La figlia maschio

Rinaldi Patrizia

A quindici anni, Mariam non è mai stata a Herat. Dalla sua "kolba" di legno in cima alla collina, osserva i minareti in lontananza e attende con ansia l'arrivo del giovedì, il giorno in cui il padre le fa visita e le parla di poeti e giardini meravigliosi, di razzi che atterrano sulla luna e dei film che proietta nel suo cinema. Mariam vorrebbe avere le ali per raggiungere la casa del padre, dove lui non la porterà mai perché Mariam è una "harami", una bastarda, e sarebbe un'umiliazione per le sue tre mogli e i dieci figli legittimi ospitarla sotto lo stesso tetto. Vorrebbe anche andare a scuola, ma sarebbe inutile, le dice sua madre, come lucidare una sputacchiera. L'unica cosa che deve imparare è la sopportazione. Laila è nata a Kabul la notte della rivoluzione, nell'aprile del 1978. Aveva solo due anni quando i suoi fratelli si sono arruolati nella jihad. Per questo, il giorno del loro funerale, le è difficile piangere. Per Laila, il vero fratello è Tariq, il bambino dei vicini, che ha perso una gamba su una mina antiuomo ma sa difenderla dai dispetti dei coetanei; il compagno di giochi che le insegna le parolacce in pashtu e ogni sera le dà la buonanotte con segnali luminosi dalla finestra. Mariam e Laila non potrebbero essere più diverse, ma la guerra le farà incontrare in modo imprevedibile. Dall'intreccio di due destini, una storia che ripercorre la storia di un paese in cerca di pace, dove l'amicizia e l'amore sembrano ancora l'unica salvezza.

MILLE SPLENDIDI SOLI

Hosseini Khaled