Saggi

Max Stirner. Vita e opere

Mackay John Henry

Descrizione: John Henry Mackay, poeta scozzese, dedicò molti anni della sua vita alla ricerca di tutte le fonti possibili, sia testimoniali che documentarie, per realizzare una biografia, l'unica a tutt'oggi attendibile, del filosofo tedesco Max Stirner. Ne curò tre successive edizioni, negli anni 1898, 1910, 1914. Quest'ultima viene qui utilizzata per la prima traduzione pubblicata in lingua italiana, che colma una lacuna e apre un velo più "umano" rispetto alla imponente bibliografia stirneriana, incentrata quasi esclusivamente su studi e ricerche di preminente carattere filosofico.

Categoria: Saggi

Editore: Bibliosofica

Collana:

Anno: 2013

Traduttore: Claudia Antonucci

ISBN: 9788887660388

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Max Stirner, pseudonimo di Johann Caspar Schmidt, nasce nel 1806 a Bayreuth, nella Baviera settentrionale, là dove in Maximilianstrasse, sulla Marktplatz, al civico 31, sorge quella che fu la sua casa natale, parola della scrittore e poeta tedesco, ma di origina scozzese, John Henry Mackay.

Ce lo racconta in questo saggio su Stirner, uscito nel 1898, con la commozione di chi ha dedicato molti anni della propria vita a ricostruire, pezzo dopo pezzo, la vita e la produzione del filosofo tedesco noto a pochi (agli addetti ai lavori naturalmente) e dimenticato da molti.

Il minuzioso lavoro di ricostruzione messo in atto da Mackay tradisce tutto l’entusiasmo e l’ammirazione che l’autore deve aver nutrito per l’oggetto della sua ricerca. Un lavoro non facile se si pensa all’anonimato in cui il filosofo tedesco condusse gran parte della sua esistenza, conclusasi in completa solitudine, dopo che anche il matrimonio con la sua seconda moglie, Marie Dähnhardt, finì lasciando dietro di sé solo grande amarezza. Incontrata da Mackay nel 1897, la donna gli riservò – sul conto del marito – poche parole, ma colme di risentimento. Non nascose poi di non averlo né amato né stimato.  Certo, e questo è anche il giudizio di Mackay, il ritratto poco edificante reso dalla moglie, non scalfisce la grandezza del pensiero e dell’opera di Stirner.

Militante per anni nella sinistra hegeliana, Stirner entrò a far parte del gruppo dei Die Freien (i Liberi), dove strinse amicizia, tra gli altri, con Karl Marx, Friedrich Engels e Bruno Bauer, poco più che trentenne, “l’acuto critico della Bibbia”.  Chi erano i Liberi? “Erano il corpo più disperso di volontari del radicalismo, i quali – in eterno contrasto con l’ambiente circostante – si riunivano spontaneamente sotto questo nome e, soprattutto, si raccoglievano intorno a un uomo”, Bauer appunto. Luogo di ritrovo dei Liberi fu per molto tempo la birreria di Jacob Hippel sulla Friedrichstraße a Berlino, in cui si riunivano anche giornalisti, poeti e membri di associazioni politiche e filosofiche. Qui Stirner formò e affinò il suo pensiero. Qui conobbe Marie Dähnhardt.

In questo clima maturò la sua opera più significativa L’Unico e la sua proprietà pubblicata nel 1844, in cui evidenti sono le influenze del pensiero marxista, i cui richiami fecero guadagnare all’opera l’irrisione degli stessi Marx ed Engels ne L’ideologia tedesca.

Anche l’opera di Stirner cadde nella morsa della rigida censura del governo prussiano e fu sottoposta a sequestro. Tuttavia, grazie a un escamotage messo in atti dagli editori di Lipsia, solo alcune copie furono sequestrate. Il provvedimento, in ogni caso, venne revocato qualche giorno dopo, in quanto il libro fu definito dalla stessa autorità “troppo assurdo” per essere pericoloso. Molte e differenti furono le reazioni all’opera: certo è che si trattò di un testo fuori dal comune.

Mackay lascia che sia il filosofo – con le sue parole – a parlare della sua opera. L’uomo e la sua tensione verso la libertà sono l’oggetto del pensiero di Stirner. Il filosofo ne osserva brevemente la vita: “dall’inizio fino alla maturità. Mostra la lotta del bambino, del realista, per vincere e affermarsi, finché, dapprima imbarazzato davanti alle cose del mondo, non riesce ad andare al di là di esse; la lotta dell’adolescente, dell’idealista, con la ragione, per trovare il pensiero puro – il suo primo processo di identificazione: lo spirito e il suo lento superamento; infine la vittoria dell’uomo, dell’egoista, dell’interesse sull’ideale, di chi ha riscoperto sé stesso fisicamente in un secondo processo di identificazione e diventa proprietario del pensiero e del mondo, ponendosi al di sopra di tutto.” Ponendosi al di sopra di tutto, l’uomo – spogliato di ogni struttura, si trova al centro del mondo, soggetto solo alle proprie leggi personali. Solo in questo modo, l’individuo può essere libero. Affermazioni queste che valsero a Stirner la fama di precursore dell’anarco-individualismo e di gran parte del moderno esistenzialismo ateo.

Mackay, quindi, ricostruisce dettagliatamente la quantità di critiche che arrivarono all’opera da più parti, critiche che consentirono, allora, al filosofo e, in questo libro, all’autore di sviscerare il testo, analizzando passo dopo passo i passaggi più problematici e interessanti del pensiero stirneriano.

Il libro prosegue, quindi, la sua indagine ricostruendo gli ultimi anni della vita di Stirner: anni di quasi completa solitudine, fino alla malattia improvvisa che ne cagionò la morte nel maggio del 1856. Mackay non nasconde l’amarezza per la scarsa considerazione riservata dai contemporanei e dalla storia all’uomo Stirner e alla sua opera, che in queste pagine vengono descritte con cura e grande rispetto.

Il testo di Mackay è stato tradotto e pubblicato per la prima volta in Italia da edizioni Bibliosofica, completo della prefazione e con l’aggiunta di appendici utili alla struttura di un’opera ben scritta.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Henry

John

Mackay

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mackay John Henry


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

1° agosto 1937, una sfilata piena di bandiere rosse attraversa Parigi. È il corteo funebre per Gerda Taro, la prima fotografa morta su un campo di battaglia che proprio quel giorno avrebbe compiuto ventisette anni. Robert Capa, in prima fila, è distrutto. È stato lui a insegnarle l'uso della Leica e poi sono partiti assieme per la Guerra di Spagna. Nella folla seguono altri che sono legati a Gerda da molto prima che diventasse la ragazza di Capa. Ruth Cerf, l'amica di Lipsia, con cui ha vissuto nei tempi più duri a Parigi, dopo che entrambe erano fuggite dalla Germania. Willy Chardack, che s'accontenta del ruolo di cavalier servente da quando l'irresistibile ragazza gli aveva preferito Georg Kuritzkes, che ora combatte nelle Brigate Internazionali. Per tutti Gerda Taro rimarrà una presenza più forte e viva dell'eroina antifascista celebrata dai discorsi funebri. Gerda li ha spesso delusi e feriti, ma la sua gioia di vivere, la sua sete di libertà, erano scintille capaci di riaccendersi a distanza di decenni. Basta che Willy e Georg si risentano per tutt'altro motivo. La telefonata intercontinentale avvia un romanzo caleidoscopico, incardinato sulle fonti originali, di cui Gerda Taro è il cuore attivo.

La ragazza con la Leica

Janeczek Helena

Un ristorante di lusso. Un uomo e una donna iniziano a parlare. E’ la prima volta che si incontrano ma il loro non è un incontro normale. Lei è costretta a stare lì e a rispondere alle domande sempre più inquietanti e morbose dell’uomo. Vorrebbe andarsene, ma non può, intrappolata nel giro degli appuntamenti, l’ultima carta da giocare rimastale per salvare economicamente la sua famiglia. Più l’elegante sconosciuto si intrufola nella sua vita, più la donna si rende conto di avere davanti un mostro manipolatore e affamato di controllo. Dalle domande scabrose e imbarazzanti, si arriva a umiliazioni sempre più crudeli, in un gioco psicologico al massacro a cui la donna non può sottrarsi. Il ristorante diventa teatro di un dramma dove i due personaggi assumono il ruolo di vittima e carnefice. Ma quella sera una serie di rivelazioni ribalteranno drasticamente ruoli e copione, perché le apparenze ingannano e niente in quel ristorante è come sembra. Tra segreti, sesso e bugie, ci renderemo presto conto che l’appuntamento non è destinato a finire quella notte, perché quell'incontro fatale avrà terribili conseguenze nelle vite dei due personaggi.

L’appuntamento

Pulixi Piergiorgio

Lynda e Robert Graham possono dirsi soddisfatti della vita che si sono costruiti. Una bella casa in un quartiere benestante di Dublino, la sicurezza economica, due figli invidiabili, Katie e Ciaràn. Nonostante qualche nuvola passeggera e qualche preoccupazione legata al comportamento un po' aggressivo del figlio adolescente, i Graham vedono scorrere la loro esistenza placidamente, riflessa nel giardino giapponese che ogni mattina all'alba Lynda si ferma qualche attimo a contemplare con l'orgoglio dell'artista. C'è solo un neo in questo perfetto quadro famigliare: si tratta di Danny, il fratello minore di Robert, uno scapestrato che periodicamente sconvolge la loro routine con le sue pretese e i suoi modi prepotenti. Per fortuna, nella casa dei Graham arriva una persona che porta un po' di serenità. Ciaràn infatti presenta ai suoi Jon, un amico bello, educato e sensibile, che presto diventa una presenza fissa al punto da trasferirsi da loro. Agli occhi di tutti Jon sembra l'ospite perfetto, forse troppo: l'istinto di Lynda le suggerisce che qualcosa non va... Chi è veramente il dolce e disponibile Jon?

DONNA ALLA FINESTRA

Dunne Catherine

Se il giallo all’inglese l’avessero inventato i ferraresi, probabilmente assomiglierebbe a questo. Una vicenda ironica e delittuosa che intende sottolineare un fatto: in provincia non si crepa solo di noia. E poco importa se l’investigatore non porta il trench e se il suo braccio destro ha quattro zampe: a volte le cose serie richiedono improvvisazione e senso dell’umorismo. Sullo sfondo di una Ferrara in festa, un killer, sfigato ma con tanta buona volontà, appende per il collo un losco individuo, proprio lì, nella libreria del centro. Così, a suon di vittime, la vicenda ci condurrà a spasso per Ferrara, in compagnia di un fotografo della Scientifica costretto a riallacciare i contatti col parentado ferrarese: solo scoprendo l’autore di quell’omicidio, e di quelli che seguiranno, potrà salvare il buon nome dei suoi familiari, presunti colpevoli di una faida libresca. Tra gare di sbandieratori e aperitivi, dalla Ferrara da bere a quella dei sobborghi, dalla Caritas locale alla Sacca di Goro, l’ambientazione reale e i nomi – storpiati ma non troppo – di alcune location permetteranno al lettore di passeggiare, e investigare, assieme ai protagonisti. E poi gattare, poliziotti imbranati, un commissario privo di scrupoli e dalle pessime maniere, ragazze in abiti succinti e indizi che rimandano ai personaggi delle fiabe. Un giallo all’inglese in salsa ferrarese che vuole essere un omaggio a Ferrara e alla ferraresità dei suoi abitanti.

Giallo di zucca

Converti Gaia