Saggi

Max Stirner. Vita e opere

Mackay John Henry

Descrizione: John Henry Mackay, poeta scozzese, dedicò molti anni della sua vita alla ricerca di tutte le fonti possibili, sia testimoniali che documentarie, per realizzare una biografia, l'unica a tutt'oggi attendibile, del filosofo tedesco Max Stirner. Ne curò tre successive edizioni, negli anni 1898, 1910, 1914. Quest'ultima viene qui utilizzata per la prima traduzione pubblicata in lingua italiana, che colma una lacuna e apre un velo più "umano" rispetto alla imponente bibliografia stirneriana, incentrata quasi esclusivamente su studi e ricerche di preminente carattere filosofico.

Categoria: Saggi

Editore: Bibliosofica

Collana:

Anno: 2013

Traduttore: Claudia Antonucci

ISBN: 9788887660388

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Max Stirner, pseudonimo di Johann Caspar Schmidt, nasce nel 1806 a Bayreuth, nella Baviera settentrionale, là dove in Maximilianstrasse, sulla Marktplatz, al civico 31, sorge quella che fu la sua casa natale, parola della scrittore e poeta tedesco, ma di origina scozzese, John Henry Mackay.

Ce lo racconta in questo saggio su Stirner, uscito nel 1898, con la commozione di chi ha dedicato molti anni della propria vita a ricostruire, pezzo dopo pezzo, la vita e la produzione del filosofo tedesco noto a pochi (agli addetti ai lavori naturalmente) e dimenticato da molti.

Il minuzioso lavoro di ricostruzione messo in atto da Mackay tradisce tutto l’entusiasmo e l’ammirazione che l’autore deve aver nutrito per l’oggetto della sua ricerca. Un lavoro non facile se si pensa all’anonimato in cui il filosofo tedesco condusse gran parte della sua esistenza, conclusasi in completa solitudine, dopo che anche il matrimonio con la sua seconda moglie, Marie Dähnhardt, finì lasciando dietro di sé solo grande amarezza. Incontrata da Mackay nel 1897, la donna gli riservò – sul conto del marito – poche parole, ma colme di risentimento. Non nascose poi di non averlo né amato né stimato.  Certo, e questo è anche il giudizio di Mackay, il ritratto poco edificante reso dalla moglie, non scalfisce la grandezza del pensiero e dell’opera di Stirner.

Militante per anni nella sinistra hegeliana, Stirner entrò a far parte del gruppo dei Die Freien (i Liberi), dove strinse amicizia, tra gli altri, con Karl Marx, Friedrich Engels e Bruno Bauer, poco più che trentenne, “l’acuto critico della Bibbia”.  Chi erano i Liberi? “Erano il corpo più disperso di volontari del radicalismo, i quali – in eterno contrasto con l’ambiente circostante – si riunivano spontaneamente sotto questo nome e, soprattutto, si raccoglievano intorno a un uomo”, Bauer appunto. Luogo di ritrovo dei Liberi fu per molto tempo la birreria di Jacob Hippel sulla Friedrichstraße a Berlino, in cui si riunivano anche giornalisti, poeti e membri di associazioni politiche e filosofiche. Qui Stirner formò e affinò il suo pensiero. Qui conobbe Marie Dähnhardt.

In questo clima maturò la sua opera più significativa L’Unico e la sua proprietà pubblicata nel 1844, in cui evidenti sono le influenze del pensiero marxista, i cui richiami fecero guadagnare all’opera l’irrisione degli stessi Marx ed Engels ne L’ideologia tedesca.

Anche l’opera di Stirner cadde nella morsa della rigida censura del governo prussiano e fu sottoposta a sequestro. Tuttavia, grazie a un escamotage messo in atti dagli editori di Lipsia, solo alcune copie furono sequestrate. Il provvedimento, in ogni caso, venne revocato qualche giorno dopo, in quanto il libro fu definito dalla stessa autorità “troppo assurdo” per essere pericoloso. Molte e differenti furono le reazioni all’opera: certo è che si trattò di un testo fuori dal comune.

Mackay lascia che sia il filosofo – con le sue parole – a parlare della sua opera. L’uomo e la sua tensione verso la libertà sono l’oggetto del pensiero di Stirner. Il filosofo ne osserva brevemente la vita: “dall’inizio fino alla maturità. Mostra la lotta del bambino, del realista, per vincere e affermarsi, finché, dapprima imbarazzato davanti alle cose del mondo, non riesce ad andare al di là di esse; la lotta dell’adolescente, dell’idealista, con la ragione, per trovare il pensiero puro – il suo primo processo di identificazione: lo spirito e il suo lento superamento; infine la vittoria dell’uomo, dell’egoista, dell’interesse sull’ideale, di chi ha riscoperto sé stesso fisicamente in un secondo processo di identificazione e diventa proprietario del pensiero e del mondo, ponendosi al di sopra di tutto.” Ponendosi al di sopra di tutto, l’uomo – spogliato di ogni struttura, si trova al centro del mondo, soggetto solo alle proprie leggi personali. Solo in questo modo, l’individuo può essere libero. Affermazioni queste che valsero a Stirner la fama di precursore dell’anarco-individualismo e di gran parte del moderno esistenzialismo ateo.

Mackay, quindi, ricostruisce dettagliatamente la quantità di critiche che arrivarono all’opera da più parti, critiche che consentirono, allora, al filosofo e, in questo libro, all’autore di sviscerare il testo, analizzando passo dopo passo i passaggi più problematici e interessanti del pensiero stirneriano.

Il libro prosegue, quindi, la sua indagine ricostruendo gli ultimi anni della vita di Stirner: anni di quasi completa solitudine, fino alla malattia improvvisa che ne cagionò la morte nel maggio del 1856. Mackay non nasconde l’amarezza per la scarsa considerazione riservata dai contemporanei e dalla storia all’uomo Stirner e alla sua opera, che in queste pagine vengono descritte con cura e grande rispetto.

Il testo di Mackay è stato tradotto e pubblicato per la prima volta in Italia da edizioni Bibliosofica, completo della prefazione e con l’aggiunta di appendici utili alla struttura di un’opera ben scritta.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Henry

John

Mackay

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mackay John Henry


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Anna è una donna intelligente, bella, con un lavoro interessante, ma di colpo tutto questo non serve più. Dopo cinque anni la sua storia d'amore con Davide affonda in una palude di tradimenti, bugie, ricatti. E la sua vita va in pezzi. Si trasforma in un'isterica, non dorme, non mangia, fuma e si ubriaca ogni sera per riuscire ad addormentarsi. Compulsivamente inizia a frugare nel telefonino di lui nelle chat, sui social. Non sa cosa sta cercando, non sa perché lo sta cercando. Per un anno rimarrà prigioniera di quello che lei stessa chiama il regno dell'idiozia, senza riuscire a dirlo a nessuno. Questo racconto è la sua confessione, sotto torma di lettera, a Valentina, la sua più cara amica, che l'ha vista distruggersi sera dopo sera. Anna dice tutto, senza pudore. I dettagli umilianti e ridicoli, l'ossessione, la morbosità. Anna somiglia a tutti noi, che combattiamo questa guerra paradossale che chiamiamo amore. Ogni tanto vinciamo, più spesso perdiamo. L'unica cosa su cui possiamo sempre contare, l'unica capace di indicarci i nostri confini, i nostri bisogni, è il corpo. E sarà al corpo che Anna si aggrapperà per sconfiggere il dolore.

La femmina nuda

Stancanelli Elena

È stato addestrato dall'FBI negli Stati Uniti, è un esperto in rapimenti e torture, ha ucciso centinaia di persone e per vent'anni ha mantenuto la carica di comandante della polizia dello stato del Chihuahua, lavorando allo stesso tempo al soldo di un cartello messicano della droga. Nel suo mondo di corruzione, mantenere l'ordine significava operare contemporaneamente nell'interesse di entrambi, della polizia e dei narcotrafficanti: quando dirigeva la squadra speciale anti sequestro a Juàrez organizzava rapimenti nella stessa città; quando uccideva sotto ricompensa testava i fucili di precisione che facevano parte dell'equipaggiamento dei federali. Non era un fuorilegge. Non era un ribelle. Era lo Stato. Sembra una storia inventata, la paradossale sceneggiatura di un film d'azione, ma quello che Charles Bowden e Molly Molloy hanno trascritto in questo libro è la nuda verità, le parole ascoltate direttamente dalla bocca di un assassino. Frutto di giorni di colloqui proseguiti per un intero anno, El Sicario è il ritratto di una persona reale, un killer professionista che dopo aver commesso un'impressionante sequela di violenze ed essersi macchiato di terribili atrocità, ha deciso di smettere, uscendone vivo. Ora trascorre un' esistenza da fuggitivo perché sulla sua testa pende una taglia da 250.000 dollari.

El sicario

Bowden Charles

Una mattina d'aprile del 1941 Virginia Woolf usciva di casa e si dirigeva come per una passeggiata verso il vicino fiume Ouse. A cinquantanove anni, la più grande scrittrice del Novecento aveva scelto di spegnere nel silenzioso fluire delle acque la tensione ormai insostenibile della sua esistenza. Sulla scrivania, due lettere di congedo e l'ultimo romanzo, "Tra un atto e l'altro", il più rarefatto e insieme il più struggente dei suoi capolavori. Tra un atto e l'altro di un'ingenua rappresentazione dilettantesca in un paese della campagna d'Inghilterra, si liberano i "momenti dell'essere" più squisitamente woolfiani: gli uomini, gli spettatori della vita, sono colti nel loro stato di protagonisti. Rigurgiti ansiosi, voluttuose fantasticherie, accensioni di desiderio, guizzi di rivolta, sottomissioni, monologanti lirismi percorrono un tempo neutro, un'ora zero della vita, e confluiscono in un unico stream che si oppone con fluida, magnetica tenacia alla tragica, banale fissità degli avvenimenti rappresentati. "Tra un atto e l'altro" è il romanzo del presente, del mobile, del fuggevole, del frammentario che anela a comporsi in unità, in una compiuta polifonia.

Tra un atto e l’altro

Woolf Virginia

Nella luce di un giugno radioso e sfacciato, Viola sente crescere il vuoto delle sue giornate. Ha quarantatré anni, e per metà della vita è stata moglie devota di un acclamato direttore d’orchestra e madre di una figlia avuta da giovanissima. Nient’altro, nessuna concessione a se stessa, nessun inciampo, nemmeno ora che, con la morte improvvisa del marito e una figlia ormai adulta, le sue giornate sono scandite dalla solitudine. Il pomeriggio del solstizio d’estate, durante un concerto in memoria del marito, Viola conosce un uomo e qualcosa accade dentro di lei: una breccia nel muro, un’infiltrazione d’acqua nelle crepe, un punto di sutura che si dissolve. Mentre nel chiostro assolato risuonano le note di Bach, un’impacciata Viola in abito da cocktail, il filo di perle al collo e i capelli raccolti, lascia il concerto e fugge in macchina con lui. La tentazione è quella di abbandonarsi, di lasciarsi portare dalla corrente, ma l’autocontrollo è la disciplina in cui Viola eccelle e quello che sta succedendo non è solo sconveniente: è assurdo. Eppure è tardi per tornare indietro, perché il viaggio è iniziato, e con quell’uomo lei sta andando esattamente dove desiderava da tempo: lontano. Lontano da tutto per avvicinarsi alla sua verità, semplice e scandalosa.

IL TEMPO TAGLIATO

Longo Silvia