Saggi

Mengele

Camarasa Jorge

Descrizione: Joseph Mengele è il famigerato medico di Auschwitz autore di terribili esperimenti pseudo-scientifici sui bambini, forse il più feroce criminale nazista. Alla caduta di Hitler (che gli aveva affidato il compito di scoprire il meccanismo genetico che portava alla nascita dei gemelli), riuscì a far perdere le sue tracce. Jorge Camarasa, il giornalista argentino che ha indagato a lungo sui criminali nazisti in fuga, prima dagli alleati e poi braccati dal Mossad, ha scoperto le diverse identità assunte da Mengele in Argentina e in Brasile, fino alla morte avvenuta nel 1979. L’aspetto forse più agghiacciante è che molto probabilmente il dottor Mengele continuò a lungo i suoi esperimenti. In particolare a Candido Godoi, in Brasile, la «città dei gemelli», dove vivono un centinaio di coppie di gemelli omozigoti, biondi e con gli occhi azzurri. Una misteriosa anomalia genetica che forse oggi ha una terribile spiegazione.

Categoria: Saggi

Editore: Garzanti

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788811741152

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Sconvolgente. E qui si potrebbe chiudere la recensione. Difficile trovare altre parole da dire su questo saggio dal ritmo molto romanzato dedicato dallo storico e giornalista argentino Jorge Camarasa a Joseph Mengele, il medico soprannominato “l’angelo della morte” dai reclusi nel campo di concentramento di Auschwitz.

L’inchiesta di Camarasa parte proprio dal campo di concentramento, il 17 gennaio 1945. Nel cuore di uno degli inverni più rigidi del secolo, il trentatreenne Mengele decide di fuggire. I Russi sono alle porte e lui non vuole essere lì quando penetreranno nel campo di cui è stato responsabile medico per appena un anno e mezzo. Un anno e mezzo di crudeltà infinite, tramandate da racconti precisi e agghiaccianti dei pochi sopravvissuti. Con un salto di tempo e di spazio, Camarasa ci porta poi nel villaggio di Candido Godoi, nello stato brasiliano di Rio Grande do Sul, dove dagli anni ’60 in poi si registra un fenomeno unico al mondo: invece di uno su cento, i parti gemellari qui sono uno su cinque. E la percentuale di omoziogoti è impressionante. Un caso? Una strana mescolanza genetica? Clima? Alimentazione? Gli specialisti di tutto il mondo si sono arresi. Non sembra esserci spiegazione scientifica. Ma, forse, se facciamo un passo indietro e torniamo a Mengele possiamo quanto meno avanzare un’ipotesi.

La fuga dell’angelo della morte non è dissimile da quella di tanti altri gerarchi nazisti. Prima in Vaticano, poi documenti falsi di un piccolo comune altoatesino e, infine, partenza da Genova per il Sudamerica. Questo è abbastanza noto. Ciò che forse è meno conosciuto è che in molte zone del continente esistono enclave germaniche che, spesso, sono rimaste chiuse alla popolazione locale. A maggior ragione questo accadeva negli anni ’40, quando le teorie della superiorità della razza avevano fornito ragioni pseudoscientifiche all’avvento del nazismo. E’ proprio in queste enclave, tra Argentina, Paraguay e Brasile che Mengele si rifugia sino alla sua morte, avvenuta con ogni probabilità nel 1979. Protetto, quando non ammirato. Solo le strenue ricerche dei servizi segreti israeliani non lo lasciano invecchiare in pace, soprattutto quando decide di riprendere la propria identità, smettendo di vivere sotto falso nome.

Anche Candido Godoi è una enclave germanica: gli abitanti sono per l’ottanta per cento tedeschi o discendenti di tedeschi. Una meta possibile per l’angelo della morte, quindi. Se a questo si aggiunge che il cuore delle sperimentazioni di Mengele è sempre stato lo studio dei parti gemellari (tanto che si recava di persona sulla banchina di arrivo del treno ad Auschwitz per selezionare i gemelli), si possono fare tante congetture che, purtroppo, non sono dimostrabili. Mengele annotava tutto nei suoi quaderni, ma sul soggiorno a Candido Godoi non c’è una parola, anche se era a pochi km dal suo ultimo rifugio. A restare, però, sono le domande. Come è stato possibile permettere a un criminale del genere di fuggire? In nome di cosa è stato protetto dal Vaticano prima e (Camarasa lo documenta ampiamente) dai governi sudamericani poi? L’ultima domanda è quella di Guccini: “Io chiedo quando sarà che l’uomo potrà imparare a vivere senza ammazzare e il vento si poserà?”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jorge

Camarasa

Libri dallo stesso autore

Intervista a Camarasa Jorge


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

S'incrociano in una mattina di pioggia, su un marciapiede scivoloso. Dorina che fa tesi a pagamento e Livio che fa l'antiquario. Subito s'innamorano. Dorina, una giovane single, e Livio, un uomo sposato... Ma i ruoli di quella che potrebbe sembrare un'ordinaria relazione fra amanti clandestini s'invertono fin dall'inizio. Livio, radicato in una solida vita matrimoniale, si trova invischiato in un rapporto privo di gerarchie che la sua normalità non può reggere. Perche Dorina non vuol prendere il posto di sua moglie. Non chiede niente piú di quello che Livio è disposto a darle. Accetta la sua condizione di marito e di padre con una naturalezza che sconvolge l'assetto ordinato della vita di lui. Tanto da fargli montare dentro l'ossessione di sapere se il silenzio di Dorina, la sua mancanza di domande, la sua tranquillità ogni volta che lo vede tornare in famiglia, la luce tiepida e rassegnata che le raddolcisce lo sguardo siano cicatrici o espressioni naturali della sua persona. La donna di scorta è la messa a nudo di un sentimento vero e autosufficiente che non ricatta, non pretende; e non ha bisogno di investiture, sacrifici o riconoscimenti, ma nel puro desiderio dell'altro trova la sua sola ragione di essere.

LA DONNA DI SCORTA

De Silva Diego

Spesso considerata, con tono benevolo e sprezzante, "un reportage", il capolavoro della Serao ha la forza della verità che si fa letteratura, del rifiuto per quella "retorichetta a base di golfo e colline fiorite che serve per quella parte di pubblico che non vuole essere seccata con racconti di miserie". La sua denuncia resta, a un secolo di distanza, di straordinaria attualità: "Questo ventre di Napoli, se non lo conosce il governo, chi lo deve conoscere? A che sono buoni tutti questi impiegati alti e bassi, questo immenso ingranaggio burocratico che ci costa tanto?"

Il ventre di Napoli

Serao Matilde

Il male supremo, quello banale e terrestre, disappropriante e dissociativo, esiste. Il male è Luciano Lualdi, l’impresario più importante dello star system nostrano, l’uomo che influisce sulla vita politica e sottoculturata dell’Italia targata talent. Demiurgo spietato di tronisti palestrati e starlette anoressiche, Lucio succhia dall’interno la linfa vitale dei nuovi ragazzi di vita: la folla votata al palcoscenico per imporre il proprio nome, le proprie vocazioni inesistenti, la propria inconsistenza – cifra di un’intera nazione ipnotizzata davanti allo schermo televisivo. Ingenua vittima sacrificale è Christian Russo, muscoloso, ventenne, occhi chiari trasparenti, con una malattia che gli rode l’anima e una che gli toglie il respiro. Christian, il burattino, e Lucio, l’arbitro dei destini: un incastro tra identità speculari, perfetto fino quando l’ironia tragica della realtà stravolge quell’equilibrio. A raccontare questa storia è Teresa Ciabatti, cantrice della nostra contemporaneità, con meccanismo narrativo perfetto, che si intrude nel vilipendio morale e fisico che è la cifra del nostro presente. La scrittura affonda il bisturi laddove la malattia scintilla, sprofondando nell’epica trash italiana di oggi, che in Tuttissanti si narra e trionfa, in una ricognizione drammaturgica del disagio e del formidabile di un’epoca. Una forma di racconto che pendola tra realismo apparente e trance, tutt’altro che immaginaria.

TUTTISSANTI

Ciabatti Teresa

1944. In un’Italia spaccata in due, in mano per metà alle forze alleate e per l’altra metà all’oppressione nazifascista, ci si arrabatta per portare a casa la pelle. E Orvieto, dichiarata città aperta per preservare la ricchezza del suo patrimonio artistico, si trova malgrado ciò a fronteggiare la furia distruttrice dei bombardamenti che ne dilaniano il territorio, arrivando a sfiorare l’altissima rupe di tufo. Ma per quale ragione, in una di quelle terribili notti di guerra, qualcuno decide di sfidare il coprifuoco aggirandosi tremante fra lapidi e croci? Cosa sotterra di così prezioso da rischiare la vita mentre dal cielo imperversa una pioggia fatale di spezzoni incendiari? E come mai, a distanza di più di sessant’anni, quel vecchio episodio sconosciuto torna a incidere sulla piccola comunità orvietana di cui la libraia Matilde Ferraris è entrata stabilmente a far parte?

LA LIBRAIA DI ORVIETO. L’ULTIMA EREDITA’

Pattavina Valentina