Giallo - thriller - noir

Nella mente dell’ipnotista

Kepler Lars

Descrizione: Ascolta solo la mia voce e nient’altro. Presto inizierò il conto alla rovescia… Entrerai in casa. La vedrai. E non avrai paura. Si chiama Erik Maria Bark ed è l’ipnotista più famoso di Svezia. È a lui che si rivolge la polizia quando un testimone è sotto shock e non parla. Adesso c’è un paziente che ha bisogno di lui: Björn è l’unico a sapere cos’è successo veramente in casa sua, cosa è accaduto a sua moglie, Susanna, e quali siano le tracce che lui stesso ha inavvertitamente cancellato. Sa tutto, ma non riesce a ricordare. E Björn deve ricordare, in fretta. Perché Susanna è solo l’ultima vittima di un killer che sta terrorizzando Stoccolma e che presto colpirà di nuovo. Il killer osserva, assedia. Filma tutto e invia il video alla polizia, come per sfidare le forze dell’ordine. Poi entra in casa, insegue le vittime stanza dopo stanza, e uccide. Perché è la morte in persona, e ha la certezza di essere inafferrabile. Erik Maria Bark è l’unica persona in grado di scovare, nella mente di Björn, degli indizi che permettano di fermare la strage. Quello che Erik non sa è che durante l’ipnosi emergeranno dei dettagli che lo riguardano. Dettagli del suo passato. Dettagli incriminanti. Quello che Erik non sa è che l’unica persona che si fidava di lui, l’unico poliziotto capace di raccogliere la sfida del killer, non può più aiutarlo. Il poliziotto si chiama Joona Linna ed è scomparso nel nulla da un anno. È stato dichiarato morto dalle autorità. E l’ipnotista deve affrontare da solo l’orrore che si annida nella sua stessa mente.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Longanesi

Collana: La gaja scienza

Anno: 2015

ISBN: 9788830441835

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Grazie a Lars Kepler, lo pseudonimo dei coniugi Ahndoril, “Nella mente dell’ipnotista” ritorna il nuovo eroe della tensione scandinava: “Erik Maria Bark è medico, psichiatra e psicoterapeuta, è specializzato in psicotraumatologia e psicologia delle catastrofi e ha lavorato in Uganda per la Croce Rossa. Per un periodo di quattro anni… ha guidato un pionieristico progetto di ricerca sulla terapia di gruppo in ipnosi profonda e molti lo ritengono la massima autorità mondiale nel campo dell’ipnosi clinica.”

In questa seconda avventura, con la tecnica dell’ipnosi Erik supporta le indagini che hanno per oggetto una scia di terribili delitti: l’assassino sorprende le donne nelle loro abitazioni, le sfigura, ricompone il corpo avendo cura di posizionare una mano in modo anomalo, ruba piccoli trofei dalle spoglie della malcapitata (“L’assassino ha preso il piercing”).
Non bastasse questo complicato rituale, l’omicida – nell’imminenza del delitto – avvisa la polizia con un filmato che riproduce la vittima nell’intimità della casa.

La trama è avvincente perché combina spunti di criminologia (“uno spree killer… l’espressione identifica un assassino che uccide almeno due persone in luoghi diversi a distanza di tempo molto ravvicinata. Uno spree killer, a differenza di un serial killer, può avere una vita sessuale normale, priva di traumi, e quasi sempre non pianifica a lungo gli omicidi, che di solito sono invece il frutto di una crisi improvvisa e devastante”) e anatomia (“Come forse lei sa, l’ippocampo organizza i nostri ricordi secondo criteri di spazio e di tempo… poi l’informazione viene passata alla corteccia prefrontale… ma questo processo si modifica in presenza di stati di forte eccitazione o di shock… Quando l’amigdala identifica una minaccia, vengono attivati sia il sistema nervoso autonomo sia…”) con le misteriose abilità di Erik (“Anche l’ipnotista cade in una sorta di trance, la cosiddetta risonanza ipnotica”).

Ma qual è il profilo dell’assassino (“Un voyeur… uno stalker…”)?
E quali sono gli elementi che accomunano le vittime (“Ha avuto una breve storia con Maria Carlsson, Sandra Lundgren era stata una sua paziente e sa di aver incontrato Susanna Kern”)?
A cosa mira il pazzo che semina tanto terrore e sparge tutto questo sangue?

Ben presto Erik si trova coinvolto nella vicenda non soltanto in qualità di collaboratore della giustizia. Sarà pesantemente indiziato (“Ci sono le tue impronte digitali su un oggetto che hanno trovato nella mano di Susanna Kern”), dovrà fuggire per non essere arrestato e finirà dritto dritto nelle fauci spalancate del responsabile.

Il romanzo abbonda di eventi, personaggi, aggressioni, inseguimenti e trappole: la sovrabbondanza e gli eccessi non giovano alla perfetta riuscita di una storia che dalla fisionomia del protagonista trae il suo fascino principale.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lars

Kepler

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kepler Lars


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nella luce di un giugno radioso e sfacciato, Viola sente crescere il vuoto delle sue giornate. Ha quarantatré anni, e per metà della vita è stata moglie devota di un acclamato direttore d’orchestra e madre di una figlia avuta da giovanissima. Nient’altro, nessuna concessione a se stessa, nessun inciampo, nemmeno ora che, con la morte improvvisa del marito e una figlia ormai adulta, le sue giornate sono scandite dalla solitudine. Il pomeriggio del solstizio d’estate, durante un concerto in memoria del marito, Viola conosce un uomo e qualcosa accade dentro di lei: una breccia nel muro, un’infiltrazione d’acqua nelle crepe, un punto di sutura che si dissolve. Mentre nel chiostro assolato risuonano le note di Bach, un’impacciata Viola in abito da cocktail, il filo di perle al collo e i capelli raccolti, lascia il concerto e fugge in macchina con lui. La tentazione è quella di abbandonarsi, di lasciarsi portare dalla corrente, ma l’autocontrollo è la disciplina in cui Viola eccelle e quello che sta succedendo non è solo sconveniente: è assurdo. Eppure è tardi per tornare indietro, perché il viaggio è iniziato, e con quell’uomo lei sta andando esattamente dove desiderava da tempo: lontano. Lontano da tutto per avvicinarsi alla sua verità, semplice e scandalosa.

IL TEMPO TAGLIATO

Longo Silvia

Carolina, una ragazza nel tunnel della droga, e Giorgio, suo padre, editor di una piccola casa editrice romana. Un centro di recupero dal quale la figlia è uscita senza una vera guarigione. La vita che ricomincia come prima, attirata a ogni passo nei vicoli della dipendenza, verso un destino cui niente e nessuno sembra potersi opporre. Solo, impotente, smarrito, Giorgio tenta ogni strada per salvare sua figlia, e in ogni strada, dissestata, sconnessa da una crescente follia, la sua solitudine si fa più profonda, il suo smarrimento più vasto, la sua impotenza più fatale. Cerca rifugio nella fede, e una via di salvezza comincia ad affacciarsi, un'idea di fede oscura, un patto col diavolo...

Sacrificio

Carraro Andrea

È la storia di due ragazze, Maria (che narra in prima persona) e Tsugumi. A diciannove anni Maria lascia il piccolo paese sul mare per trasferirsi a Tokyo e iscriversi all'università. Anni dopo, decide di tornare al paese per le vacanze, dove ritrova Tsugumi, l'eroina del romanzo, bellissima e dispotica ragazza. Tutti tentano di essere indulgenti con lei, sperando di renderle migliore la vita che le resta. Infatti le è stata diagnosticata dalla nascita una malattia incurabile. Terminate le vacanze, Maria sta per tornare a Tokyo ma le condizioni di Tsugumi peggiorano e pare non ci sia più niente da fare. All'ultimo momento Tsugumi si salva, sentendosi vicina alla morte però aveva scritto a Maria una lettera-testamento e con questa si chiude il romanzo.

TSUGUMI

Yoshimoto Banana

Per anni ha custodito frammenti di una vita lontana e ora aspetta solo di essere scoperta. Trevor Stratton, professore americano, la trova per puro caso. Al suo interno lettere, vecchie foto, pagine di diari, vari oggetti, tra cui spiccano un paio di guanti a rete. I guanti di una santa o di una peccatrice? Trevor non lo sa. Per ora sa solo che la donna che li indossava si chiamava Louise Brunet e viveva a Parigi tra le due guerre. La risposta alle altre domande è in quei frammenti, tra i loro profumi e segreti, tra le parole nascoste e quei ritratti seppia. Pezzo dopo pezzo, parola dopo parola, Trevor cerca di ricostruire la vita della donna sconosciuta. Dall'amore tenero e tragico per il cugino, al rapporto morboso con il padre, al matrimonio fatto di noia per un uomo non scelto da lei fino alla passione impossibile per l'affascinante professore di francese, vicino della casa dove abita al numero 13 di Rue Thérèse. Ma più Trevor si immerge negli oggetti del passato e ripercorre i luoghi di Louise, più qualcosa di strano e misterioso inizia ad accadere nella vita del presente. Chi è veramente Josienne, la bibliotecaria dai capelli rossi, che sembra prevedere qualunque movimento di Stratton? Perchè il professore si sente così attratto da lei? Che cosa sa veramente quella donna di Louise Brunet? Solo la scatola possiede la verità. Solo gli oggetti custodiscono una promessa e una speranza. E spetta a Trevor discernere tra realtà e finzione per far sì che il destino segua il suo corso.

VITA PRIVATA DI UNA SCONOSCIUTA

Shapiro Elena Mauli