Narrativa

I MESSAGGI SEGRETI DEI FIORI

Kirby Mandy

Descrizione: Un fiore non è solo un fiore. Ogni petalo, ogni foglia, ogni bocciolo comunicano un’emozione diversa e parlano di noi, di quello che proviamo o di quello che vogliamo esprimere agli altri. Fiducia con la primula, amicizia con la fresia, dichiarazione d’amore con il tulipano, ma anche rabbia, con la peonia, oppure odio, con il basilico. Ogni fiore parla un linguaggio segreto, che trova le sue antiche radici nell’epoca vittoriana. Allora, come adesso, i fiori accompagnano ogni occasione della nostra vita. per una promessa di fedeltà, un augurio di pronta guarigione, un matrimonio, un regalo di benvenuto. Questo libro ti aiuterà a trovare il fiore giusto per te e i tuoi regali. Contiene un dizionario dei fiori e un dizionario di tutte le emozioni che possiamo esprimere attraverso di loro, un selezione di fiori scelti per il loro significato storico e letterario e infine tantissime idee per creare il bouquet perfetto e anche più originale in ogni occasione della tua vita. perché a volte ciò che non riusciamo a comunicare con le parole si può dire con un fiore. E dietro la spina di un cactus potrebbe nascondersi inaspettatamente una confessione di amore appassionato…

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788811683995

Trama

Le Vostre recensioni

Tornano i fiori con i loro messaggi di emozioni.

Dopo “Il linguaggio segreto dei fiori” di Vanessa Diffenbaugh – incontrata dalla Redazione di i-Libri in occasione dell’uscita in Italia del suo romanzo -, ecco un nuovo vademecum “poetico” sul significato dei fiori.

Mandy Kirby ci descrive – attraverso immagini delicate – l’origine, la storia, la leggenda ed il simbolismo di ben cinquanta fiori e piante, catapultando il lettore in un passato lontano in cui il linguaggio dei fiori veicolò i sentimenti lungo viali alberati, prati fioriti e giardini disegnati di colori.

L’età vittoriana coincise con la diffusione in Europa ed in particolar modo in Inghilterra di specie botaniche fino ad allora sconosciute e provenienti principalmente dall’Oriente. I giardini e le serre si riempirono di colori e profumi nuovi e i fiori acquistarono un significato inconsueto, diventando lo strumento di comunicazione più adatto ad esprimere amore, odio, rancore, dolore, comprensione, felicità e non solo.

Una novità per i tempi, ma non per la storia degli uomini che, già in passato e in altri luoghi del mondo, avevano utilizzato delle piante per scopi del tutto particolari.

Come ci ricorda Vanessa Diffenbaugh nell’introduzione al libro della Kirby “nello stato indiano di Uttarakhand…ogni sera al tramonto…i pellegrini sulla scalinata sacra Har Ki Pauri riempiono di fiori – rose, orchidee, calendule e basilico santo – barchette di foglie di banano, adagiano una candela accesa fra i petali e lasciano scivolare il fascio profumato lungo il fiume” e ancora “in Messico e in tutta l’America Latina, vediamo crescere i cempasùchil, calendule di una brillante tonalità arancione. Sono i fiori usati dagli aztechi per ricordare i defunti…il giorno dei morti. C’è la credenza che quei fiori colorati aiutino le anime dei defunti a trovare la via di casa, e per un giorno le genti messicane hanno il conforto di sentire di nuovo vicino lo spirito delle persone amate”.

Sfogliando le pagine di questo libro si trovano quindi dei veri e propri consigli per la scelta dei fiori giusti per ogni occasione e così – con l’approssimarsi del Natale – è doveroso sapere che i ramoscelli di agrifoglio, che è simbolo di buon auspicio e talismano contro le sventure, nell’epoca vittoriana “cingevano le lampade…e le cornici dei quadri, mentre i mazzi di bacche con i gambi avvolti d’edera erano allegre decorazioni per la tavola”. Nell’Ottocento, a Natale, i giacinti “si portavano dalla serra alla casa e si mettevano in mostra sul camino fra l’edera e i rami di agrifoglio”, ma attenzione ai colori: il giacinto blu (costanza) e bianco (bellezza) potevano essere fatti dono, in un mazzo natalizio, alla promessa sposa, ma non certo quello viola con la sua implicita richiesta di perdono. Ovviamente non può mancare il vischio che con i suoi leggendari poteri magici “decorava l’ingresso, le porte e le cornici” nelle festività natalizie, ma non le chiese a causa dei suoi antichi legami con il mondo pagano.

Non mancano neppure richiami letterari e citazioni illustri a ricordarci come i fiori ed il loro simbolismo siano stati utilizzati da poeti e pittori, per evocare significati ed emozioni inconfessabili. Così la caducità della bellezza e del piacere sono rappresentati da fiori di ciliegio intrecciati ai capelli di una giovane geisha, con il chimono aperto a rivelare la propria nudità nel quadro di James Tissot “Donna giapponese in bagno” (1864), mentre la dalia la ritroviamo – come simbolo di dignità – nei quadri di Claude Monet. Dall’Amleto di Shakespeare al David Copperfield di Dickens i fiori tornano ad essere veicolo di significati, passando dallo scettico e mordace Oscar  Wilde che – a proposito di un garofano verde indossato all’occhiello alla prima di Il ventaglio di Lady Windermere - a coloro che gli chiesero il significato del fiore rispose “Assolutamente nulla, ma è proprio per questo che nessuno potrà indovinare”.

Comunque la si pensi, tra le pagine di questo libro ci sono curiosità e aneddoti davvero interessanti, oltre a idee originali per gli amanti di piante e fiori.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mandy

Kirby

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kirby Mandy


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un libro sui giovani, perché i giovani, anche se non sempre lo sanno, stanno male. E non per le solite crisi esistenziali che costellano la giovinezza, ma perché un ospite inquietante, il nichilismo, si aggira tra loro, penetra nei loro sentimenti, confonde i loro pensieri, cancella prospettive e orizzonti, fiacca la loro anima, intristisce le passioni rendendole esangui. Le famiglie si allarmano, la scuola non sa più cosa fare. Solo il mercato si interessa di loro per condurli sulle vie del divertimento e del consumo, dove ciò che si consuma è la loro stessa vita, che più non riesce a proiettarsi in un futuro capace di far intravedere una qualche promessa. Va da sé che, se il disagio non è del singolo individuo, l'origine non è psicologica ma culturale. Perciò inefficaci appaiono i rimedi elaborati dalla nostra cultura, sia in versione religiosa perché Dio è davvero morto, sia nella versione illuminista perché non sembra che la ragione sia oggi il regolatore dei rapporti tra gli uomini. Resta solo la 'ragione strumentale' che garantisce il progresso tecnico, ma non un ampliamento dell'orizzonte di senso per la latitanza del pensiero e l'aridità del sentimento. C'è una via d'uscita? Si può mettere alla porta l'ospite inquietante? Sì, se sapremo insegnare ai giovani l'arte del vivere, come dicevano i Greci, che consiste nel riconoscere le proprie capacità e nell'esplicitare e vederle fiorire secondo misura. Se proprio attraverso il nichilismo i giovani, adeguatamente sostenuti, sapessero compiere questo primo passo capace di farli incuriosire e innamorare di sé, l'ospite inquietante non sarebbe passato invano.

L’ospite inquietante

Galimberti Umberto

Nora se ne è andata da quindici anni e Matteo, ogni giorno da allora, chiede a se stesso quale sia la strada da percorrere. Un viaggio intriso di amore e dolore, di ricordi che riaffiorano dal passato, di luoghi in cui la natura amplifica con la sua bellezza e la sua forza i pensieri e le domande del protagonista. Vivendo ormai da anni immerso nella natura che circonda la sua casa in mezzo ai boschi, Matteo si confronta con la propria coscienza sul filo dei ricordi di un passato che riaffiora e si alterna al presente delineando i protagonisti, passati e presenti, della sua vita. "Perché, quando succede qualcosa di irreparabile, non si fa che pensare a quello che si poteva evitare?" Cercando la risposta a infinite domande, Matteo racconta la sua storia forte e dolorosa, poetica e profonda: una storia d'amore così intensa da obbligare il lettore a confrontarsi con il racconto di una vita che, alla fine, non riguarderà più soltanto il protagonista ma tutti coloro che la leggeranno. "Per sempre" è la storia di un amore. Che permane e resiste e che è, soprattutto, un amore impossibile. Con una scrittura nitida ed evocativa, a 17 anni di distanza dalla pubblicazione di "Va' dove ti porta il cuore", Susanna Tamaro torna con uno straordinario romanzo sulla profondità dell'animo umano, sulla fatica di crescere, sul coraggio e sull'amore come fondamento di ogni rapporto.

Per sempre

Tamaro Susanna

L'esperto di simbologia di Harvard, Robert Langdon, viene chiamato a sorpresa come conferenziere al Campidoglio. In pochi istanti, però, la serata prende una piega bizzarra: Langdon assiste al ritrovamento di un misterioso manufatto, decorato con cinque simboli. Langdon capisce che l'oggetto è un invito a seguire le tracce del mondo perduto della saggezza esoterica. Quando il suo amato maestro Peter Solomon - importante membro della Massoneria nonché filantropo - viene brutalmente rapito, Langdon realizza che l'unica speranza di salvare Peter è di accettare l'invito dell'oggetto misterioso e seguirlo ovunque lo porti. Langdon si ritroverà immediatamente immerso in un mondo clandestino di segreti Massonici che sembrano trascinarlo verso una sola, inconcepibile verità. 'Il simbolo perduto' è un capolavoro di narrazione - una corsa mortale attraverso un vero labirinto nel mondo dei codici, dei segreti e delle verità invisibili nei templi di Washington, DC.

IL SIMBOLO PERDUTO

Brown Dan

Oltre che una meravigliosa romanziera, Irène Némirovsky è stata una eccellente autrice di racconti: ne scrisse per tutta la vita – fino alla vigilia dell’arresto. D’altronde, fra i suoi modelli letterari c’erano stati Cechov e Maupassant, di cui Irène amava l’asciuttezza, il cinismo venato di pietà, la bravura nel delineare in poche pagine un intero mondo. Qualità che ritroviamo nei racconti riuniti in questo volume – nove narrazioni folgoranti in cui la Némirovsky affronta i temi che le sono cari: il destino di attesa che segna la vita di molte donne, la solitudine astiosa in cui invecchiano molte altre, gli oltraggi che il tempo infligge alla bellezza, la nostalgia del passato, il rapporto tra madri e figlie.

L’orchessa

Némirovsky Irène