Narrativa

MI CHIAMO IRMA VOTH

Toews Miriam

Descrizione: Messico: Irma, diciannove anni, nata in Canada, vive tutta sola a un passo dal deserto. Suo padre, mennonita imbrigliato da un rigore bacchettone, l’ha ripudiata. Suo marito, spacciatore di basso rango, è sparito nel nulla. Ma Diego, regista-figo del film con cane filosofo, alle prese con un copione sperimentale e un cast internazionale, ingaggia Irma come interprete e tuttofare. L’atmosfera libertaria del gruppo, le chiacchiere notturne, i progetti artistici galvanizzano Irma. Galvanizzano anche la sorellina Aggie, che sogna di mollare mamma e papà, e viver con lei. Anzi, un bel giorno molla tutto davvero, e convince anche Irma a gettarsi in un’avventura a dir poco clamorosa...

Categoria: Narrativa

Editore: Marcos y Marcos

Collana: Gli Alianti

Anno: 2012

ISBN: 9788871686295

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

irmaTitolo: Mi chiamo Irma Voth
Autore: Miriam Toews
Editore: Marcos Y Marcos
Anno: 2012



Molto tempo fa, negli anni Venti, sette uomini della comunità mennonita avevano fatto un viaggio dal Manitoba al palazzo presidenziale di Città del Messico per concludere un affare. Gli era stata offerta questa terra per un tozzo di pane e loro avevano deciso di accettare e di trasferire tutti i membri dalla loro colonia, nel Canada centrale, fino al Messico, dove non avrebbero più dovuto mandare i loro figli a scuola o insegnar loro a parlare in inglese o vestirli con abiti normali. I mennoniti hanno avuto origine in Olanda cinque secoli or sono, dopo che un certo Menno Simons si era così commosso nell’udire i prigionieri anabattisti cantare inni sacri prima di essere giustiziati dall’Inquisizione spagnola, che aveva sposato la loro causa ed era divenuto il loro leader. Poi hanno cominciato a girare per il mondo e a fondare le loro colonie, in cerca di libertà, solitudine, pace e mercati per il loro formaggio”.

La scrittrice Miriam Toews è mennonita come la protagonista del suo romanzo Irma Voth e come Irma ha lasciato molto presto la sua famiglia per girare il mondo.

Irma fugge dal campo 6.5, tra El Paso e Chihuahua, dove vive la sua comunità religiosa, per raggiungere Città del Messico e con essa la sua personale libertà.

Irma ama guardare il cielo stellato del Messico, ama sua madre e le sue sorelle, ma non le regole di una vita in cui non si riconosce ed in cui, sin da piccola, “credeva di essere morta”.

Sedute sullo steccato, guardavamo le cose. Cose semplici. Che erano vere. Cose che ci appartenevano e si appartenevano tra loro. Le nuvole, i nostri vestiti, le mie mani”.

L’arrivo al campo del regista Diego e della sua troupe – per i quali lavorerà come interprete della lingua dei mennoniti il Plattdeutsch – rappresenterà per Irma il riscatto, il primo passo verso se stessa e i propri desideri. L’indifferenza di un padre che aveva smesso di ascoltarla e comprenderla “secoli prima” e l’assenza di un uomo sposato nell’illusione del cambiamento, faranno il resto: con le sorelline Aggie e Ximena, affidatele dalla madre, Irma raggiungerà la capitale messicana e qui comincerà la vita che ha scelto.

In Irma c’è tutta la forza della sua storia ed il coraggio di una giovane donna alla prese con le difficoltà di una società che non fa sconti soprattutto a chi, come lei, ha sempre vissuto ai margini, perché “i mennoniti scelgono sempre di vivere in posti dove nessun altro vuole andare”.

C’è tutta l’ingenuità del suo sguardo su una realtà che non conosce e la curiosità di carpirne i segreti ed il significato profondo. E Città del Messico, con i suoi luoghi che conservano le suggestioni di un passato ancora presente, è lo sfondo ideale per questa ricerca. La scrittura, l’impegno politico, la musica e l’arte in tutte le sue forme consegneranno ad Irma e alle sue sorelle una nuova vita e, con essa, la serenità necessaria per fare ritorno ai luoghi del passato con rinnovata consapevolezza.

Voglio essere perdonata. Voglio essere perdonata per aver causato la morte di tante persone che amavo. Ho la sensazione che potrebbe non succedere mai. Non so in che modo possa succedere né se succederà. Io credo di no, ma vorrei che fosse possibile. […] Voglio essere perdonata dalle persone che amo. Wilson mi aveva detto che l’arte è una forma di redenzione. Mio padre che l’arte è una menzogna. Io non posso perdonarmi, ma posso perdonare mio padre. E la mia speranza è che sia a lui che a me venga restituita la vita”.

La scrittura di Miriam Toews ci regala un romanzo originale, sia per lo stile fortemente innovativo che per il tema trattato. L’autrice porta la sua storia personale all’interno del suo romanzo e lo fa con ironia, intelligenza e grande coraggio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Miriam

Toews

Libri dallo stesso autore

Intervista a Toews Miriam

Quella della decadenza e sventura dei Compson, una grande famiglia del Sud americano alle soglie della Depressione, è una storia torbida e labirintica, eppure straordinariamente romanzesca. La giovane Caddy, nel racconto dei suoi tre diversissimi fratelli, diventa presenza candida e rassicurante, sorella ingenerosa, madre snaturata che abbandona la figlia. Ma Benjy, Quentin e Jason sono troppo coinvolti negli avvenimenti per riuscire a far chiarezza fino in fondo, e solo Dilsey, la cuoca negra, si rivelerà in grado di snodare la matassa familiare."Un poema sinfonico in quattro tempi", come l'ha definito Attilio Bertolucci, "L'urlo e il furore" viene riproposto da Einaudi in occasione del centenario della nascita di William Faulkner, con l'Appendice al romanzo scritta dall'autore stesso, un'introduzione di Emilio Tadini e una postfazione di Attilio Bertolucci.

L’urlo e il furore

Faulkner William

Mizar, assistente capo, ha sempre desiderato far parte di una squadra investigativa. Fin da quando è entrata in Polizia, spinta da un evento terribile che le ha sconvolto la fanciullezza, ha sentito forte la passione per la giustizia, il desiderio di trovare sempre la verità. E così, quando ha la possibilità di lavorare con il vice ispettore Andrea Suarez, famoso per riunire gli uomini migliori del reparto, non può lasciarsela scappare: rischierà la vita ma dovrà andare sotto copertura in una missione molto pericolosa. Mizar conosce però un segreto di Andrea e questo la rende inquieta tanto da perdere il controllo delle cose. Ma nessuno può rischiare la vita dell'altro, ognuno si fida del proprio compagno e la regola numero uno è non farsi mai coinvolgere da sentimenti personali...

Il gioco del ragno

Perullo Donatella

Durante la finale di «Canzonissima 68», che va in onda lunedì 6 gennaio del 1969, una ragazza viene violentata e uccisa nel suo appartamento, nel quartiere popolare di Sant'Ambrogio a Firenze. Proprio «Canzonissima» ostacolerà le indagini per l'impossibilità di trovare dei testimoni: quella sera tutta Italia era incollata davanti al televisore. La ragazza, orfana dei genitori, è cresciuta con i nonni, così devastati da questa perdita che sembra quasi non vogliano nemmeno scoprire l'assassino. Nel frattempo, una donna molto ricca si presenta in commissariato: è certa che il marito scomparso non si sia suicidato, come dicono i giornali, ma sia fuggito per proteggerla da un pericolo. L'uomo era un ex compagno di classe di Bordelli, e lui, ricordando alcuni luoghi dove andavano quando saltavano la scuola, riesce a trovarlo, per scoprire che si è messo in guai più grossi di lui. Toccherà a Bordelli con l'aiuto del colonnello Arcieri tirarlo fuori dalla palude. Ma sul commissario incombe anche la faccenda dell'assassino di prostitute bionde di trent'anni, rimasta in sospeso nel romanzo precedente...

L’anno dei misteri

Vichi Marco

Virus

Canassa Vigliani Alessandro