Narrativa

MI CHIAMO IRMA VOTH

Toews Miriam

Descrizione: Messico: Irma, diciannove anni, nata in Canada, vive tutta sola a un passo dal deserto. Suo padre, mennonita imbrigliato da un rigore bacchettone, l’ha ripudiata. Suo marito, spacciatore di basso rango, è sparito nel nulla. Ma Diego, regista-figo del film con cane filosofo, alle prese con un copione sperimentale e un cast internazionale, ingaggia Irma come interprete e tuttofare. L’atmosfera libertaria del gruppo, le chiacchiere notturne, i progetti artistici galvanizzano Irma. Galvanizzano anche la sorellina Aggie, che sogna di mollare mamma e papà, e viver con lei. Anzi, un bel giorno molla tutto davvero, e convince anche Irma a gettarsi in un’avventura a dir poco clamorosa...

Categoria: Narrativa

Editore: Marcos y Marcos

Collana: Gli Alianti

Anno: 2012

ISBN: 9788871686295

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

irmaTitolo: Mi chiamo Irma Voth
Autore: Miriam Toews
Editore: Marcos Y Marcos
Anno: 2012



Molto tempo fa, negli anni Venti, sette uomini della comunità mennonita avevano fatto un viaggio dal Manitoba al palazzo presidenziale di Città del Messico per concludere un affare. Gli era stata offerta questa terra per un tozzo di pane e loro avevano deciso di accettare e di trasferire tutti i membri dalla loro colonia, nel Canada centrale, fino al Messico, dove non avrebbero più dovuto mandare i loro figli a scuola o insegnar loro a parlare in inglese o vestirli con abiti normali. I mennoniti hanno avuto origine in Olanda cinque secoli or sono, dopo che un certo Menno Simons si era così commosso nell’udire i prigionieri anabattisti cantare inni sacri prima di essere giustiziati dall’Inquisizione spagnola, che aveva sposato la loro causa ed era divenuto il loro leader. Poi hanno cominciato a girare per il mondo e a fondare le loro colonie, in cerca di libertà, solitudine, pace e mercati per il loro formaggio”.

La scrittrice Miriam Toews è mennonita come la protagonista del suo romanzo Irma Voth e come Irma ha lasciato molto presto la sua famiglia per girare il mondo.

Irma fugge dal campo 6.5, tra El Paso e Chihuahua, dove vive la sua comunità religiosa, per raggiungere Città del Messico e con essa la sua personale libertà.

Irma ama guardare il cielo stellato del Messico, ama sua madre e le sue sorelle, ma non le regole di una vita in cui non si riconosce ed in cui, sin da piccola, “credeva di essere morta”.

Sedute sullo steccato, guardavamo le cose. Cose semplici. Che erano vere. Cose che ci appartenevano e si appartenevano tra loro. Le nuvole, i nostri vestiti, le mie mani”.

L’arrivo al campo del regista Diego e della sua troupe – per i quali lavorerà come interprete della lingua dei mennoniti il Plattdeutsch – rappresenterà per Irma il riscatto, il primo passo verso se stessa e i propri desideri. L’indifferenza di un padre che aveva smesso di ascoltarla e comprenderla “secoli prima” e l’assenza di un uomo sposato nell’illusione del cambiamento, faranno il resto: con le sorelline Aggie e Ximena, affidatele dalla madre, Irma raggiungerà la capitale messicana e qui comincerà la vita che ha scelto.

In Irma c’è tutta la forza della sua storia ed il coraggio di una giovane donna alla prese con le difficoltà di una società che non fa sconti soprattutto a chi, come lei, ha sempre vissuto ai margini, perché “i mennoniti scelgono sempre di vivere in posti dove nessun altro vuole andare”.

C’è tutta l’ingenuità del suo sguardo su una realtà che non conosce e la curiosità di carpirne i segreti ed il significato profondo. E Città del Messico, con i suoi luoghi che conservano le suggestioni di un passato ancora presente, è lo sfondo ideale per questa ricerca. La scrittura, l’impegno politico, la musica e l’arte in tutte le sue forme consegneranno ad Irma e alle sue sorelle una nuova vita e, con essa, la serenità necessaria per fare ritorno ai luoghi del passato con rinnovata consapevolezza.

Voglio essere perdonata. Voglio essere perdonata per aver causato la morte di tante persone che amavo. Ho la sensazione che potrebbe non succedere mai. Non so in che modo possa succedere né se succederà. Io credo di no, ma vorrei che fosse possibile. […] Voglio essere perdonata dalle persone che amo. Wilson mi aveva detto che l’arte è una forma di redenzione. Mio padre che l’arte è una menzogna. Io non posso perdonarmi, ma posso perdonare mio padre. E la mia speranza è che sia a lui che a me venga restituita la vita”.

La scrittura di Miriam Toews ci regala un romanzo originale, sia per lo stile fortemente innovativo che per il tema trattato. L’autrice porta la sua storia personale all’interno del suo romanzo e lo fa con ironia, intelligenza e grande coraggio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Miriam

Toews

Libri dallo stesso autore

Intervista a Toews Miriam


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il ritorno innamorato delle farfalle

"Seduto di fronte alla sua esistenza densa di avventure come un romanzo, ho ascoltato i racconti di mio padre con la devozione di un figlio che compie i primi passi stringendo la mano di chi lo guida. Senza sapere se mai avrei trovato il coraggio di aprire questo ripostiglio così intimo da diventare, paradossalmente, universale. Forse è solo la presunzione a farci credere che ogni nostra avventura sia degna di nota. Eppure, mentre ascoltavo i suoi racconti, ho provato spesso a chiudere gli occhi per condividere con lui la paura del buio e perché la fantasia potesse regalarmi immagini sempre più vive. E le immagini tornano a vorticare ricche di colori sfavillanti, come quelli di un'esistenza unica, in un Paese che, nello sforzo di crescere, regalava opportunità da cogliere come fiori dalla vita breve. La storia di mio padre, Albino Buticchi, è una storia singolare e avventurosa. Questa storia nasce, infatti, quasi dal nulla come tante altre che, insieme, hanno fatto l'Italia. Una storia semplice, in una Casa di mare..." Marco Buticchi

Casa di mare

Buticchi Marco

Moraldo, arrivato a Torino per una sessione d’esami, scopre di avere scambiato la sua valigia con quella di uno sconosciuto. Mentre fatica sui testi di filosofia e disegna caricature, coltiva la sua ammirazione per un coetaneo di nome Piero. Alto, magro, occhiali da miope, a soli ventiquattro anni Piero ha già fondato riviste, una casa editrice, e combatte con lucidità la deriva autoritaria del Paese. Sono i giorni di carnevale del 1926. Moraldo spia Piero, vorrebbe incontrarlo, imitarlo, farselo amico, ma ogni tentativo fallisce. Nel frattempo ritrova la valigia smarrita, ed è conquistato da Carlotta, una fotografa di strada disinvolta e imprendibile in partenza per Parigi. Anche Piero è partito per Parigi, lasciando a Torino il grande amore, Ada, e il loro bambino nato da un mese. Nel gelo della città straniera, mosso da una febbrile ansia di progetti, di libertà, di rivoluzione, Piero si ammala. E Moraldo? Anche lui, inseguendo Carlotta, sta per raggiungere Parigi. L’amore, le aspirazioni, la tensione verso il futuro: tutto si leva in volo come le mongolfiere sopra la Senna. Che risposte deve aspettarsi? Sono Carlotta e Piero, le sue risposte? O tutto è solo un’illusione della giovinezza? Paolo Di Paolo, evocando un protagonista del nostro Novecento, scrive un romanzo appassionato e commosso sull’incanto, la fatica, il rischio di essere giovani.

MANDAMI TANTA VITA

Feltrinelli

La vita di Alice è apparentemente perfetta: 28 anni, un lavoro a tempo indeterminato e un fidanzato che ama, ricambiata. Non le resta che cercare casa e fare dei figli, guadagnandosi il paradiso terrestre di una vita normale. Eppure di perfetto non c’è nulla. Il surreale sarcasmo di Alice fa scoprire al lettore situazioni che suo malgrado conosce fin troppo bene, nascoste dietro la maschera della normalità di un’ordinaria giornata in ufficio. Il badge che scandisce malignamente il tempo. La routine del ritmo aziendale che diventa ossessione. Le manie degli impiegati a un passo dalla psicosi. La sindrome antisociale dell’open-space. Le figure clownesche dei capufficio, tronfi della loro incompetenza. I giorni che invece di allargarsi in un presente vivo si spengono con monotonia uno sull’altro. Le pause – pausa-mela, pausa aria, pausa-sclero – sono le uniche boccate di sollievo. Finché Alice non scopre la pausa-papera! Osservando da dietro la recinzione dell’azienda i pennuti che vivono liberi nel loro stagno, ad Alice si rivela una nuova filosofia di vita, una possibilità di salvezza, di liberazione…

ALICE IN GABBIA

Gasbarro Arianna