Narrativa

Mi chiamo …

Nove Aldo

Descrizione: Mia Martini racconta, in prima persona, la sua travagliata esistenza poche ore prima di morire. Quel letto di uno squallido appartamento di un piccolo paese della provincia di Varese dove cercava di fuggire dalle dicerie infamanti che la perseguitavano e da cui non si è mai più rialzata. Aldo Nove, con un linguaggio secco e poetico. ripercorre la vita di una grande e sempre più popolare artista, amata in tutto il mondo eppure odiata da uno star system che ne ha fatto un capro espiatorio.

Categoria: Narrativa

Editore: Skira

Collana: Art stories

Anno: 2013

ISBN: https://www.lafeltrinelli.it/libri/aldo-nove/mi-chiamo/9788857217826

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Mi chiamo …

Con Mi chiamo … Aldo Nove compone un’opera poetica incentrata sulla figura tragica di una cantante dalla voce unica: Mia Martini.
Più che una biografia romanzata, l’opera di Aldo Nove ripercorre pensieri e sentimenti di un’artista sensibile, distrutta dall’invidia, dalla maldicenza e dalla superstizione.

La narrazione è disseminata anche di richiami alle liriche dell’artista:
La gente è strana.
La gente è matta. A volte sparisce.”

E di episodi che ripercorrono alcune tappe di una vita troppo breve e minata dalla maledizione:
Se c’è una cosa che fa male è quando dicono che sei troppo brava … è una maledizione”.

Oltre che dal malessere:
“Non è nulla. Sto bene. E’ soltanto un attacco di panico …”

Nonostante la passione per la musica e per i suoi versi:
“Le piccole parole del nostro cuore io le ho amate tutte”.

Gli inizi promettenti sono colorati dall’epoca hippy:
“Il pubblico era tutto un ondeggiare di mani alzate, un corpo solo attraversato da un immenso entusiasmo.
Quello era essere hippy”.

Poi arriva il successo internazionale, la collaborazione con Aznavour, l’Olympia di Parigi.
Ma la scure dell’invidia e l’accetta dell’ignoranza si abbattono troppo presto su una delle cantanti più amate di ogni tempo, attribuendole il ruolo di iettatrice e stroncandone la carriera.

Un piccolo libro carico di poesia, ricco di riferimenti culturali e di struggimento per l’indimenticabile voce che ha cantato un drammatico destino, regalando a tutti noi sensazioni uniche.

Bruno Elpis

______________________________________

Leggi l’articolo Io sono Mia

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aldo

Nove

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nove Aldo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un romanzo costruito di racconti concentrici, un puzzle le cui tessere sono sguardi diversi sulla stessa storia. Una donna ancora giovane, con una figlia bambina e una adolescente, una donna ancora bella e baciata dalla grazia di una eccezionale sensibilità creativa, si ritrova prigioniera della stessa prigione che si è chiusa attorno al corpo di suo marito, Pietro, anche lui giovane ancora bello, ancora forte, ridotto dalle conseguenze di un incidente a vegetare muto e inconsapevole, paralizzato e totalmente dipendente, senza potere vivere, senza poter morire. Si chiama Miriam, la donna. Corteggiata, amata. A quattro anni dalla tragedia si trova in bilico fra la voglia di ribellarsi al dolore e il bisogno di sacrificargli tutte le sue possibilità, tutto il suo possibile futuro, come a un Dio Minore da placare. Certa che non riceverà niente in cambio. Attorno a Miriam e alle sue oscillazioni “gli altri”: ciascuno a suo modo colpito e modificato, colpito e atterrito, colpito e affondato. Da lei, Miriam, da lui, Pietro. Gli altri: la bambina, la ragazza, l’uomo ancora giovane, l’uomo più vecchio. tutti a confrontarsi con se stessi e con Miriam, con Miriam e con Pietro, come ci si confronta, consapevoli o no, continuamente, con la morte e con l’amore.

MIRIAM E LA GEOMETRIA

Grosso Luisa

La biografia, la carriera, il mito di Humphrey Bogart attraverso la scrittura innamorata di un grande romanziere. Jonathan Coe cinefilo è ben noto ai suoi lettori. In ogni suo romanzo il cinema è ampiamente presente. Qui lo vediamo al suo meglio scandagliare la profondità di un volto, di un uomo, di un attore che ha lasciato un'eredità incalcolabile nell'arte e nell'immaginario.

Caro Bogart

Coe Jonathan

Kafka, Franz – IL FUOCHISTA (America, 1927)

Un'isola. Il capitano e la sua pupilla abitano in un castello da dove sono stati eliminati tutti gli specchi, perché la giovane Hazel non veda il suo viso. È prigioniera? L'infermiera Françoise, chiamata a curare la fanciulla, scopre gli elementi di un mistero. Doppio finale a sorpresa...

Mercurio

Nothomb Amélie