Narrativa

Mi salvarono i colli del Galles

Premoli Elena

Descrizione: Il destino può riservare incontri che cambiano la vita. Così è stato per Caterina, una studentessa universitaria con il fiuto per il mistero e il vizio della curiosità nella sua nuova amicizia con Rose, un’anziana vestita come una bambola e che serba in sé un segreto rimasto tale troppo a lungo. In un appartamento milanese dove il tempo sembra essersi fermato, tra bicchieri di vodka, domande e riflessioni, Rose narrerà a Caterina della sua vita in Galles, dall’infanzia all’adolescenza rubata, fino all’età adulta, divisa tra l’amore per un enigmatico pittore spagnolo e l’affettuoso rapporto con un ragazzo geniale. Sul filo della rivelazione di una verità sconvolgente, Rose terrà Caterina e il lettore con il fiato sospeso in una narrazione precisa, colta, appassionante.

Categoria: Narrativa

Editore: Il Ciliegio

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788867710034

Recensito da Monk

Le Vostre recensioni

Danzano e gridano i gabbiani nel vento di quell’aspra terra: alito consolatore se ti spinge dalla schiena e aiuta il tuo passo, maledetto se ti sferza il volto e lo confonde dietro al volteggiare insolente dei capelli…”

Caterina, studentessa universitaria milanese, decide di partire per l’Erasmus per assecondare un’inquietudine giovanile che è anche un bisogno di scoperta e un impulso a mettersi alla prova.

La destinazione scelta è Bangor, in Galles. Osteggiata dal padre, trova lavoro come baby sitter per coprire autonomamente una parte delle spese.
Nel palazzo dove Caterina lavora vive Rose, un’anziana vestita e truccata come una bambola, tornata proprio da Bangor anni prima. La curiosità di Caterina farà breccia nella riservatezza di Rose che, in un pomeriggio che sembra durare decenni, le racconta la storia della sua vita: l’infanzia felice a Milano; l’adolescenza tra i colli del Galles, presto spezzata da una serie di eventi imposti da un destino che sembra ineluttabile; la prigionia a Londra presso un uomo tirannico e violento, la decisione di prendere in mano la propria vita e finalmente l’arrivo a Bangor, dove Rose trova la sua dimensione, un lavoro e amicizie vere, ma anche una relazione distruttiva, un’ossessione che segnerà il resto della sua esistenza.

A discapito del titolo, questa non è una storia di salvezza.Il racconto dell’anziana è come una finestra aperta sul dolore e la solitudine, l’amore e le grandi passioni, dalla quale la nostra protagonista osserva un mondo nuovo, a lei sconosciuto. E Caterina, che ama “solo le storie che terminano con una vittoria“, dovrà fare i conti con la debolezza e i fallimenti inevitabili che la vita può riservare anche a chi cerca di affrontarla con coraggio. Come in “Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop“, celebre romanzo di Fannie Flagg, anche qui la storia è raccontata da un’anziana signora e offre una nuova prospettiva alla protagonista, creando un legame speciale tra le due; anche qui un terribile segreto, sepolto dagli anni, torna alla luce.

Momento finale di un crescendo volto alla sua rivelazione, il segreto di Rose non risulta però del tutto sorprendente, considerando quanto è stato sin lì svelato sul personaggio che compie l’inconfessabile azione. Ma questo non toglie gradevolezza alla lettura di un romanzo ben scritto, con un linguaggio ricercato, ricco di lievi descrizioni dei paesaggi e delle atmosfere del Galles: Elena Premoli è vincitrice di un premio per giovani poeti, e la poesia contamina piacevolmente questo suo lavoro.

In alcuni punti il libro non è esente da qualche forzatura, anche stilistica, nel tentativo di mantenere un tono alto, da romanzo “d’altri tempi”: spiccano elisioni poetiche e frasi sin troppo elaborate. La personalità dell’Autrice emerge in modo preponderante sul resto, attraverso Caterina, giovane donna decisamente solare e incontaminata (benché questa scelta sia comprensibilmente finalizzata alla creazione del contrasto con le ombre della sua controparte, Rose) e attraverso una minuziosa, puntuale descrizione di sensazioni ed emozioni che, se da un lato costituisce un esercizio tecnico pregevole dal punto di vista della scrittura in senso stretto, dall’altro lascia poca libertà al lettore, poco spazio per formare i propri pensieri, per vivere pienamente le proprie reazioni rispetto a ciò che accade sulla pagina.

C’è molta passione dietro a quest’opera prima. Sono innegabili il lavoro e l’umiltà con cui l’Autrice si è accostata a uno dei compiti più difficili al mondo: scrivere il primo romanzo e scriverlo bene, per questo Elena Premoli è una scrittrice che merita di avere il tempo di migliorare e di imparare a trasfondere le sue esperienze nei suoi scritti in modo più spontaneo, meno studiato, più libero. Le premesse ci sono tutte.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elena

Premoli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Premoli Elena


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Romanzo che nel 1929 segnò l'esordio di Marguerite Yourcenar nella letteratura, "Alexis" ha la qualità propria dei libri che restano nel tempo: una grandezza che si riconosce solo più tardi, come è avvenuto per l'"Opera al nero" e per le "Memorie di Adriano". E' la storia di un giovane che cerca di uscire dalla situazione falsa che mette in scacco il suo matrimonio. Al momento di abbandonare la moglie, egli le scrive le ragioni del suo distacco, chiamandola a testimone della lotta vana che ha condotto contro la propria inclinazione omosessuale. Reagendo a una prova precedente che indulgeva alla moda delle biografie romanzate ("Pindare"), la Yourcenar, ventiquattrenne come Alexis, si concentra qui per la prima volta su una vicenda delimitata, 'intimista', spingendosi in profondità nella psicologia del personaggio. L'omosessualità e il titolo stesso del romanzo richiamano un'opera giovanile di Gide (il "Traité du vain désir") ma si avverte molto più forte l'influenza del Rilke di "Malte Laurids Brigge", a cui sono vicini il tono, gli scrupoli, la religiosità di Alexis, quella tenerezza diffusa che egli emana sulle persone e le cose. Un libro raro, e di quelli della Yourcenar uno dei pochissimi ch'ella non abbia provato a riscrivere, paga di aver detto quanto c'era da dire.

Alexis

Yourcenar Marguerite

William ha poco più di vent'anni e le frustrazioni di tanti giovani: odia il suo lavoro (commesso in un negozio di dischi), la città in cui vive (Londra), e la ragazza con cui sta è molto restia a concedersi. Candido e complicato come il giovane Holden, gran tiratardi nel capire le cose del mondo, ha solo un paio di amici e divide la casa con una tipa che non incontra mai e che comunica con lui attraverso bigliettini. Il suo unico conforto è fare musica. In realtà il suo vero talento sembra essere un altro: perdere gli autobus, dire la cosa sbagliata al momento sbagliato e, soprattutto, trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Una sera, infatti, assiste involontariamente a un delitto. La caccia agli assassini lo porterà a una sorprendente scoperta!

QUESTA NOTTE MI HA APERTO GLI OCCHI

Coe Jonathan

Holly Golightly, la protagonista di questo estroso romanzo breve, è una cover-girl di New York, attrice cinematografica mancata, generosa di sé con tutti, consolatrice di carcerati, eterna bambina chiassosa e scanzonata. È un personaggio incantevole, dotato di una sorprendente grazia poetica. Intorno a lei ruotano tipi bizzarri come Sally Tomato, paterno gangster ospite del penitenziario di Sing Sing, O.J. Berman, il potente agente dei produttori di Hollywood, il "vecchio ragazzo" Rusty Trawler, Joe Bell, proprietario di bar e timido innamorato...

Colazione da Tiffany

Capote Truman

Arriva la sposa giovane e lo sposo non c'è. Comincia un'attesa che coincide con la magia dell'educazione alla bellezza, all'erotismo, all'intelligenza dei sensi. La sposa giovane, la ragazza che ha fatto la solenne promessa di unirsi in matrimonio con il figlio. Il figlio però non c'è. È in Inghilterra, a visitare opifici tessili. Il maggiordomo modesto si aggira, esatto e cristallino come la sua lingua non verbale, a garantire i ritmi della comunità. Lo zio agisce e delibera dentro la nebbia di un sonno che non lo abbandona neppure durante le partite di tennis. La figlia porta la sua bellezza dentro un corpo di storpia.

La Sposa giovane

Baricco Alessandro