Narrativa

Mistero napoletano

Rea Ermanno

Descrizione: Con le armi del grande narratore, Ermanno Rea conduce un’indagine in forma di diario sulle ragioni del suicidio di Francesca Spada, giornalista culturale de “l’Unità” e critico musicale. A ospitare la vicenda è una Napoli lacerata dalla guerra fredda. L’inchiesta è resa difficile dalla distanza temporale da eventi avvenuti oltre trent’anni prima, in un momento in cui le coscienze si confrontavano in modo ossessivo con la politica. Una stagione per certi versi drammatica in cui si intersecano le ragioni esistenziali dei protagonisti, il destino di una città come Napoli (il cui porto era controllato di fatto dagli americani), le incertezze di una generazione appena uscita dalla guerra, alle prese per di più con un Partito comunista ancora fortemente ancorato all’identità stalinista. A poco a poco, con un andamento concentrico, si fa luce sulla complessità dei fatti che spinge la giovane giornalista al suo atto estremo. Da storia privata quindi l’indagine si fa storia collettiva di un’intera classe politica, di una generazione, delle sue speranze e dei suoi valori. Il romanzo-inchiesta di Ermanno Rea, premio Viareggio 1996: forse il suo capolavoro.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2014

ISBN: 9788807884252

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Ermanno Rea, Mistero napoletano

“Quando penso a Renzo, che dopo anni burrascosi oggi […] mi è più vicino che mai, e ai bambini […] c’è da essere incoraggiati. Tutto si aggiusta. Ma è solo questo che si fa in tempo ad ottenere? […] Iddio mi assista.”

L’odore, sfogliando le pagine, si fa sempre più cupo, tetro, pesante, come se ad ogni pagina si aprisse un nuovo accesso sigillato da anni che porta ad un altro enigma irrisolvibile, o quasi.  Potenza irremovibile del mistero, forza alienante del passato: Mistero napoletano non è una semplice inchiesta, né un romanzo puro: le linee tracciate dal giornalista ed ex militante del P.C.I. Ermanno Rea sono quelle di un giallo destinato in partenza a permanere in uno stato di immutabile irrisolutezza; un giallo insieme esistenziale – quali sono le ragioni che hanno condotto al suicidio una fine, arguta, intelligente e detestata giornalista napoletana, Francesca Spada, nel 1961? – e storico – cosa succede all’interno della sede partenopea dilaniata del Partito Comunista Italiano fra la fine degli anni ’40 e l’inizio degli anni ’60? – . La narrazione avviene su più fronti, tutti egualmente importanti, enigmatici e sorprendenti, che sanno destare scalpore senza per questo disorientare il lettore: vi è la storia raccontata da Francesca stessa, attraverso le pagine concitate, tragiche, passionali dei suoi diari; il ricordo, a volte difficile e faticoso, a volte lucido e scandito, dell’autore, amico intimo di Francesca oltre che collega; la testimonianza dei colleghi, amici-nemici di Francesca, oltre che del suo grande compagno di vita, Renzo. E infine Napoli, inevitabile, città-stato chiusa in sé stessa, pronta ad implodere, ad inghiottire tutto e tutti: una Napoli agonizzante, sofferente, ma che non sa smettere di essere poetica.

È un libro forte, intenso e denso, in cui Rea non si tira indietro dal mostrare il suo stato d’animo frenetico, angoscioso, impaziente ma prudente nel disporre i fatti storici, da tutti insabbiati, nascosti, messi agli angoli della coscienza, lungo una linea temporale ben definita. Tessuti indissolubilmente alla storia di una donna così ricca di cultura, di genuina passione e di una forte morale comunista da risultare eccessiva in un ambiente che non sa cambiare, non sa riformarsi. La morte, in fondo, sa arrivare nel momento giusto con tutta la sua potenza scandalizzatrice e dunque rivelatoria, con tutta la sua potenza purificatrice dell’eterna Bellezza.

Nessuno è a lui compenso. Io solamente.
Io lo sono. Perché nessuno è al fine
come me. Cosa resta a me di quello
ch’ero qui, cosa resta oltre il morire?

(R.M. RILKE, Poesie, frammento di Alcesti, tradotte da Giaime Pintor, Torino, Einaudi, 1997, p. 29)

Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ermanno

Rea

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rea Ermanno


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nel 2011 è finito il mondo: mi sono uccisa. Il 23 luglio, alle 15.29, la mia morte è partita da Catania. L’epicentro il mio corpo secco disteso, i miei trecento grammi di cuore umano, i seni piccoli, gli occhi gonfi, l’encefalo tramortito, il polso destro poggiato sul bordo della vasca e l’altro immerso in un triste mojito di bagnoschiuma alla menta e sangue... Viola Di Grado racconta la storia di un suicidio, di ciò che lo precede e poi lo segue: la famiglia, l’amore, la solitudine, la voglia di vivere intensamente e, dopo la morte, la nostalgia, la frequentazione “fantasmatica” delle persone amate, una straordinaria invenzione della vita dopo la morte.

Cuore cavo

Di Grado Viola

I dolori e gli amori della giovane Max. Inquieta, testarda, bellissima. Lasciata da Lili dopo otto anni, così all’improvviso, una mattina di gennaio: come puoi farmi questo per una che conosci da tre giorni? Corse, rincorse, morsi e affanni, la vita che sprofonda e Max che non si rassegna. Fino all’arrivo di Leo, il fuoco nei capelli e un uomo per compagno. Un’altra ventata d’amore, l’illusione che tutto possa ricominciare e la paura che tutto possa franare di nuovo. Un romanzo che è come la sua protagonista: un terremoto di sentimenti e di ironia.

IO SONO MAX

Survive I. W.

Scritto neI 1917 e pubblicato nel 1919, "Demian" è la storia di un ragazzo combattuto fra due mondi, quello bello e pulito del bene e quello terribile, enigmatico eppur allettante del male. Protagonista è il giovane EmiI Sinclair, caduto sotto l'influsso di un cattivo compagno di scuola, Franz Kromer, che lo spinge a ingannare i genitori, rubare e discendere la china del peccato. Sarà un altro compagno, Max Demian, che sembra vivere fuori del tempo o uscire da un passato senza età, ad attrarre Sinclair e a liberarlo dal nefasto influsso di Kromer, guidandolo verso una concezione della vita straordinariamente complessa e misteriosa.

DEMIAN

Hesse Hermann

Il volume "Alberto Moravia e La ciociara. Letteratura. Storia. Cinema", raccoglie le relazioni pronunciate nel corso del II Convegno Internazionale svoltosi a Fondi, nei luoghi del romanzo, il 13 aprile 2012, e con alcuni interventi di rilievo, oltre alla prefazione di Rino Caputo, al saggio introduttivo di Angelo Fàvaro, alle conclusioni di Dante Della Terza e all'indirizzo di saluto di Dacia Maraini. Pubblicato dalle Edizioni Sinestesie, con il patrocinio dell'Associazione Fondo Alberto Moravia, è passato al vaglio di numerosi comitati scientifici e ha ottenuto il plauso per i contenuti e per la forma editoriale. Da non tacere alcuni interventi di insigni storici della letteratura, intellettuali, italianisti, esperti dell'Opera di Alberto Moravia, non senza alcune inedite riflessioni e dimostrazioni.

Alberto Moravia e La ciociara – Atti del secondo convegno internazionale a Fondi (Edizioni Sinestesie)

Autori vari