Letteratura americana

Moby Dick

Melville Herman

Descrizione: Moby Dick, pubblicato nel 1851, è considerato il capolavoro di Melville e uno dei più noti libri della letteratura americana e mondiale. Vi narra in prima persona la sua avventura Ismaele, che si imbarca come marinaio assieme a un ramponiere indiano sulla baleniera Pequod. Il capitano della nave, Achab, un personaggio cupo che incute rispetto e timore nei suoi uomini, ha perso una gamba per colpa della balena bianca Moby Dick e ora vuole vendicarsene, a qualunque costo. Inizia così una lunga caccia. La snervante attesa dell'incontro con il cetaceo che sfugge al capitano offrirà al narratore l'occasione di meditazioni scientifiche, religiose, filosofiche e artistiche, all'interno della struttura del romanzo d'avventura per mare. Intanto l'immenso oceano, con i suoi mostri e le sue profondità, si erge in tutta la propria potenza e imperscrutabilità dinanzi all'uomo, che gli può contrapporre solo una fragile esistenza, oscillante tra il bene e il male. Fino a che sopraggiunge la catastrofe finale, fatalmente presentita, quando Moby Dick distruggerà la baleniera e tutto l'equipaggio trascinando con sé Achab e il suo arpione. Solo Ismaele si salverà e potrà così raccontare la loro folle, ambiziosa quanto disperata, impresa.

Categoria: Letteratura americana

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica i classici

Anno: 2013

ISBN: 9788807900761

Recensito da Daniele Villata

Le Vostre recensioni

Moby Dick – Achab e la balena bianca: la sfida umana al divino

Nel 1851, a Londra e New York, viene pubblicato Moby Dick; sebbene il successo tra il pubblico non sia immediato, il racconto di Melville è destinato a divenire un classico immortale nel panorama letterario, ispiratore di altri racconti e di pellicole cinematografiche. La Balena Bianca descritta da Melville è tra i protagonisti letterari più conosciuti, ormai entrata nell’immaginario collettivo come il mostro implacabile e, soprattutto, impossibile da catturare che attacca e affonda le navi che incontra.

Ma è possibile intravedere qualcos’altro dietro l’immagine del mostro? Si potrebbero azzardare ipotesi su eventuali simbologie legate alla Balena Bianca?

In effetti, la trama del romanzo è piuttosto semplice: il narratore della vicenda, Ismaele, o almeno così afferma di voler essere chiamato, si imbarca sulla baleniera Pequod, agli ordini del capitano Achab, il quale – solo a viaggio iniziato – dichiara di voler dare la caccia a Moby Dick. Il viaggio si tramuta così in un inseguimento attraverso gli oceani, fino all’epico scontro finale con la Balena.

Ismaele narra in prima persona, coinvolgendo così il lettore nei suoi pensieri. Appare chiaro, a un certo punto della narrazione, che non è così scontato individuare l’antagonista nel mostro.

Achab è inizialmente una figura misteriosa; Ismaele non lo vede durante i primi giorni di navigazione, ma ne avverte solo i passi la notte sul ponte. Non si vede Achab e ancora nulla si sa di Moby Dick, i due avversari restano nell’ombra. Quando compare, la figura del capitano è ricca di fascino e carisma: lo sguardo è deciso e severo, il volto temprato dai viaggi di mare, e al posto di una gamba porta un osso di balena. Proprio Moby Dick è responsabile della menomazione di Achab, ed egli ha giurato vendetta.

La caccia alla Balena Bianca è la caccia di Achab verso la sua ossessione, per riuscire là dove l’impresa pare impossibile. Durante la navigazione, il Pequod incontra varie navi devastate dalla furia del mostro, ascolta notizie di equipaggi uccisi, ma tutto ciò spinge ancor più il capitano verso il suo intento.

Quasi navigasse a fianco di Ismaele, il lettore comincia, come lui, a pensare che non solo Moby Dick sia impossibile da cacciare, ma che non si “debba” cacciare; essa aleggia lungo le pagine del racconto come un’entità, non si vede ma la sua presenza è costante, nelle storie, negli scafi malandati delle navi che l’hanno incontrata, nelle parole di Achab che la descrive come un demonio sanguinario.

Seguendo questa prospettiva, la Balena Bianca è il male, è la devastazione, un demone da eliminare; difficile dimenticare le parole del capitano che, mentre forgia il metallo col sangue dei tre ramponieri, dice: Ego non baptizo te in nomine Patris, sed in nomine diaboli!“. Moby Dick assume le sembianze di un grande demone bianco, e proprio il candore che lo riveste lo fa apparire ancora più subdolo, una maschera di purezza che cela la malvagità. La frase sacra del battesimo, volta nella perversa formula di Achab, sembra indicare senza dubbio che egli ha tutte le ragioni nel voler annientare non solo l’essere che lo ha privato di una gamba, ma l’incarnazione stessa del male.

Ma spostiamo ora lo sguardo nella prospettiva di Ismaele. Il nostro narratore ammira la determinazione di Achab, lo rispetta come capitano, eppure comprende che la sua personale caccia è guidata dal delirio. Quando, finalmente, Moby Dick viene avvistato, Achab sprofonda nella follia.

La visione del gigante bianco esalta invece Ismaele, che ne resta affascinato: “Nemmeno Giove, non la sua grande suprema Maestà!, superò la gloriosa Balena Bianca mentre così divinamente nuotava“; Moby Dick incarna qui il divino, è il grande dio bianco che sconvolge il narratore. La sua apparizione lo rende, d’altra parte, un essere quasi soprannaturale: la mole è gigantesca rispetto ai cetacei incontrati lungo il viaggio, e il suo corpo è trafitto in più punti da arpioni e oggetti metallici, a dimostrare come ogni tentativo di cattura fosse da sempre stato vano.

Il divino sembra irrompere nel racconto, connotato da una forte simbologia. Innanzitutto la caccia dura tre giorni; la mattina del terzo giorno, la divinità bianca pone fine a tutto: difficile ignorare il rimando biblico. Moby Dick diviene sempre più la divinità che l’uomo osa sfidare, e le parole che il primo ufficiale Starbuck rivolge ad Achab ne sono la conferma: “Moby Dick non ti cerca. Sei tu, tu, che insensato cerchi lei“.

E la Balena si rivelerà un dio dotato di un’intelligenza spiazzante. Non è più il Pequod che caccia la Balena, ma è la baleniera a divenire preda, a essersi creata il suo destino. Achab si è spinto tanto in là da aver superato un limite oltre il quale le parti si sono invertite. 

La Balena ribalta le lance su cui si trovano Achab e i ramponieri, dopodiché si dirige verso il Pequod per affondarlo; Ismaele è terrorizzato e affascinato al tempo stesso dalla sua astuzia, dal suo agire, ed è l’unico a salvarsi dal naufragio. In una lettura che vede Achab e l’equipaggio simbolo dell’umano e Moby Dick simbolo del divino, Ismaele potrebbe essere stato risparmiato in quanto non ha mai nascosto il suo rispetto verso il dio bianco.

Il viaggio della baleniera si potrebbe dunque leggere come la sfida dell’uomo che vuole superare i propri limiti e annientare ciò che ancora lo lega alla divinità: spingersi oltre e conoscere ciò che gli sarebbe precluso. Per bocca dello stesso Achab, Moby Dick viene definito un muro che imprigiona l’umanità.

Si avverte l’eco del “folle volo” dell’Ulisse dantesco. Allora i limiti imposti erano le Colonne d’Ercole oltre le quali il mondo conosciuto terminava. I celebri versi con cui Ulisse esorta i compagni a non “viver come bruti/ma per seguir virtute e canoscenza” sembrano fare da sottofondo nell’altrettanto celebre episodio in cui Achab incastona un doblone d’oro nell’albero della nave, promettendolo come ricompensa a chi per primo avvisterà Moby Dick, dando il segnale che il limite da valicare è giunto. Ulisse e Achab seguono la loro ossessione, entrambi a un certo punto si trovano dinanzi a una montagna bianca invalicabile: il monte del Purgatorio per Ulisse, la Balena per Achab.

Sorge qui, però, una differenza fondamentale: Ulisse sfida l’ignoto per brama umana di conoscenza, sfida il divino e viene affondato dal Dio cristiano; Achab non vuole solo sfidarlo, ma lo vuole annientare.

Ulisse è condannato a essere una lingua di fuoco nell’Inferno, e Melville descrive i tre urli delle vedette che avvistano la Balena proprio come tre lingue di fuoco. Il parallelismo tra il viaggio di Ulisse e quello del Pequod tocca il suo apice nel tragico finale. Moby Dick trascina con sé dapprima Achab, per poi creare un gorgo che inghiotte la nave intera e tutto l’equipaggio, non diversamente dal grande mulinello che si crea sotto la nave di Ulisse, che per tre volte vortica inabissandola. E così come Ismaele vede il mare tornare calmo, allo stesso modo il mare di Ulisse “fu sovra noi richiuso“.

La sfida al divino è fallita, entrambi si sono riscoperti soltanto uomini con i propri limiti. Resta appunto Ismaele, l’unico sopravvissuto, colui che non si è voluto spingere oltre, che sinceramente ha temuto e ammirato ciò che sapeva essere più grande di lui.

E non è allora, forse, un caso che la nave che lo trae in salvo si chiami Rachele; il nome deriva dall’ebraico e significa “mitezza”, e nell’esegesi biblica la figura di Rachele è simbolo della vita contemplativa. Ismaele ha lasciato l’ossessione della vita attiva che mirava ad annientare la divinità, ha abbandonato la follia, e viene salvato dalla contemplazione e dalla vita mite che riportano pace tra l’uomo e la divinità.

Daniele Villata

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Herman

Melville

Libri dallo stesso autore

Intervista a Melville Herman

L’opera al nero è la storia di un personaggio immaginario, Zenone, medico, alchimista, filosofo, dalla nascita illegittima a Bruges nei primi anni del Cinquecento, fino alla catastrofe che ne conclude l’esistenza. Il racconto lo segue nei viaggi attraverso l’Europa e il Levante, lo vede all’opera nell’esercizio della medicina, sia al capezzale degli appestati sia presso i sovrani, intento a ricerche in anticipo sulla scienza ufficiale del tempo; lo segue nei perpetui e rischiosi spostamenti, tra rivolte e compromessi. Zenone rappresenta un esemplare umano che ha attraversato il Rinascimento dietro le quinte e sta tra il dinamismo sovversivo degli alchimisti del Medio Evo e le conquiste tecniche del mondo moderno, tra il genio visionario dell’ermetismo e della Cabala e un ateismo che osava appena chiamarsi tale. Il destino, il pensiero del personaggio sono ispirati al grande chimico tedesco Paracelso, a Michele Serveto, dedito anche lui a indagini sulla circolazione del sangue, al Leonardo dei Quaderni e a quel filosofo singolarmente audace che fu Tommaso Campanella. Una folla di comparse, mercanti, banchieri, ecclesiastici, operai, donne di ogni livello e condizione, si muove tra le pagine di un libro in cui nulla è sacrificato al pittoresco ma nel quale i decenni 1510-1569 ci appaiono in un aspetto nuovo, quotidiano e, al tempo stesso, sotterraneo, attraverso immagini colte dalla strada maestra, dal laboratorio, dal chiostro, dal banco di vendita, dalla taverna e, infine, dalla prigione.

L’opera al nero

Yourcenar Marguerite

IL COMPASSO

Forlani Francesco

L'inesorabile solitudine dell'uomo, della drammatica tensione fra divenire ed essere, fra vivere e vedersi vivere. La migliore edizione in commercio rivolta alla scuola, con cronologia e bibliografia essenziale.

Uno, nessuno e centomila

Pirandello Luigi

La fine del mondo è vicina: lo è sempre stata, a dar retta ai catastrofisti della prima e dell’ultima ora. Per qualcuno, forse, è già arrivata, perfino passata, trascinando via con sé i peccati e lavando le coscienze. Per altri è adesso, l’ora di questo tempo frastornato, vile, dove bussole impazzite indicano una rotta inesistente e i fiumi sembrano a un passo dallo scorrere al contrario. Ventidue autori hanno provato a raccontare, sullo sfondo di questi scenari apocalittici, l’essenza di un sentimento che sopravvive nonostante tutto, l’amore, declinandolo in storie tenere e folli, malinconiche e sensuali. Che fiorisca in un quartiere a luci rosse o in un desolato mondo lontano, che si consumi tra umani, entità aliene o macchine, l’amore appare come l’unico potente legame in grado di ancorarci alla nostra vera natura. Tra muri che crollano e certezze che si sbriciolano al doppio sole di universi paralleli, questi racconti da un futuro prossimo ripropongono il vecchio leitmotiv di Eros e Thanatos, quell’infinito ed eterno abbraccio tra amore e morte capace di farsi beffe di qualunque apocalisse.

L’amore ai tempi dell’apocalisse

Zardi Paolo