Narrativa

MIA MOGLIE E IO

Garigliano Alessandro

Descrizione: Un esordio potentissimo e atteso da molti noti scrittori della narrativa italiana contemporanea. Con il passo di una ballata, Mia moglie e io mette in scena un protagonista che fa i salti mortali affinché la mancanza di lavoro, e dunque di realizzazione personale, non lo annienti del tutto. Seguendo il ritmo di un montaggio alternato, il protagonista si inventa un mestiere e, con la moglie, mette in scena atti efferati. I due interpretano cadaveri, immaginando le loro storie, e girano cortometraggi che sperano possano dare loro, un giorno, una parossistica notorietà. A questa narrazione si unisce quella dei lavori che il protagonista svolge a tempo determinato: le esperienze da manovale, da commesso libraio e da orientatore. Lavori esercitati con sovrumano impegno e ossessiva epicità. La ballata incede con un registro umoristico: humor nero che informa e deforma. La danza si svolge tra il protagonista e la propria sconfitta, la depressione, che assume di volta in volta sembianze diverse fino a mostrare la sua vera identità ovvero quella di una donna con la quale il protagonista instaura un rapporto sensuale e perverso, di repulsione e attrazione. Il controcanto di una tale esistenziale lotta per la sopravvivenza è la dolcissima storia d’amore con la moglie del protagonista: la sua anima complementare. Speculativo lui, pragmatica lei; astrattamente furioso l’eroe, altrettanto dialogante l’amata: pur essendo precaria, insegnante di scuola media, dimostra al marito la possibilità di salvezza.

Categoria: Narrativa

Editore: LiberAria

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Mia Moglie e io” di Alessandro Garigliano è un libro di grande attualità: un uomo senza nome e senza impiego cerca un lavoro. Fa molte esperienze e non pone condizioni perché da questo appiglio dipende la sua autostima. La bizzarra ricerca si rivela un fallimento.

Così egli si immagina regista di cortometraggi di morti violente e drammatiche. L’ambientazione è sempre la sua casa. Non è un caso che le finte uccisioni avvengano nel suo nido, perché in fondo a morire a poco a poco, ma inesorabilmente, è proprio lui, che parla spesso con la Morte e si lascia incantare dai suoi modi suadenti.

Lo osserviamo sempre più immobile, mentre a muoversi velocemente è la moglie, l’altro lato della medaglia, un’insegnante precaria presa da mille abitudini che commenta distratta la giornata passata a scuola.

I due universi sono contrapposti ma non si scontrano, si amano di un sentimento dolcissimo. Nella tragicità epica infatti spiccano righe dal romanticismo esasperato.

L’uomo la ama perché per lui è un’ancora di salvezza e rappresenta il bello e la morbidezza della vita.

“Poi stringevo il raggio, aggrappandomi al rotolo in piega lungo la pancia, pizzicando con le dita a tenaglia, in modo leggero per non correre il rischio di intaccarla con lividi che mi avrebbero fatto morire per il senso di colpa. Sprofondavo beato nella mia tenera moglie.”

L’intreccio è povero di azione e il punto di vista è quello del povero protagonista. Man mano che scorrono le pagine si entra sempre di più nei suoi pensieri stravaganti, tutto si ferma e non si può fare a meno di arrivare alla fine tutto d’un fiato.

Nella conclusione qualcosa ricorda il mondo visto con altri occhi, lasciando la scelta al protagonista.

Il lettore prima resta confuso, poi chiude il libro con lentezza, ricordando o scoprendo un dramma ormai troppo comune.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Garigliano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Garigliano Alessandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un galateo fin de siècle delle passioni, descritto dalla penna inesauribile di Matilde Serao attraverso quattro racconti di amori nati e bruciati rapidamente: c'è la passione che si consuma tra fedeltà e infedeltà in un singolare triangolo amoroso, quella che si infrange contro i dubbi di una confessione tra amanti, quella che si tormenta nell'attesa di un incontro incerto, fino alla passione che, ormai trasformata in ricordo, può essere catalogata insieme agli oggetti insignificanti di un personale museo. Sullo sfondo, un microcosmo aristocratico e alto-borghese, chiuso nei suoi riti codificati come nell'eleganza dei suoi salotti. E un fantasma inquietante: "che la vita nella sua più alta espressione, che è l'amore", sia solo "un vano e miserabile sogno".

L’INFEDELE

Serao Matilde

“La vita Le cose” di Mille

Un albero ghiacciato, di un rosso vivo, pulsante, intriso di sangue. È la prima immagine che appare a don Ermete, Zeno e Sauro. Una strage indicibile si è consumata ai piedi di quell’albero, e solo una prodigiosa nevicata ha lenito l’orrore di quegli undici corpi straziati da undici cause di morte diverse, avvenute contemporaneamente, in un lampo. I quarantadue abitanti di Borgo San Giuda, travolti dall’onda d’urto di quel massacro, si ritrovano al centro del mondo mediatico. Semplici testimoni del male, diventano i protagonisti dimenti-cati di questa storia, e tutti insieme scivolano nella follia. Don Ermete non può abbandonare la sua gente e insieme a Giovanna Gassion, giovane psichiatra della ASL in fuga da un amore finito, cercherà in tutti i modi di mettere in salvo quel mondo di poche anime perse e mute, che sembrano lontanissime ma che in realtà siamo noi. Pagina dopo pagina sembrerà di essere lì a calcare forte il passo per non essere spazzati via da quel vento che tira gelido e senza sosta, di entrare in quelle case modeste dove germina la follia, di incrociare quegli sguardi disperati e soli, e infine di sentirsi lievi e salvi, una volta arresi davanti al mistero. X e Y, uomo e donna, fede e scienza, si incontrano e si scontrano fin quasi a sovrapporsi in un’eroica liberazione dalla dittatura della ragione, umiliata dall’assurda danza del male.

XY

Veronesi Sandro

Marianna Scamardella giovanissima giallista