Narrativa

LE MOLECOLE AFFETTUOSE DEL LECCA LECCA

Consiglio Francesco

Descrizione: Storia di Ciccio Pesce e dei suoi quattordici, quindici e sedici anni, un tempo letterario sufficiente a fare conoscenza con due asfissianti genitori che lo credono afflitto dalla sindrome di Asperger, con le sue quattro ragazze morte, con alcuni poliziotti e carabinieri che gli girano attorno senza che lui riesca a spiegarsene il motivo, con un’amica invisibile che ha occupato la sua testa e non c’è modo di sfrattarla, con uno zio erotomane che ha l’ossessione di battere un record che lo faccia entrare nel Guinness Book of Sexual Records. Francesco consiglia come cura un’unica compressa da 49.592 parole a base di eros e comicità, materie che hanno dimostrato di possedere una spiccata attività antidepressiva, stimolante e disinibitoria. Ingredienti: Emozioni primarie: rabbia, paura, tristezza, gioia. Emozioni secondarie: allegria, ansia, rassegnazione, gelosia, speranza. Indicazioni terapeutiche: Terapia sintomatica della noia acuta e cronica. Effetti indesiderati: Sono stati segnalati casi di Ilarità fatale (Fatal hilarity). Modalità d’uso: Si consiglia di assumerlo dopo una litigata con il partner o prima di un rapporto sessuale, con effetto stimolante.

Categoria: Narrativa

Editore: Ad est dell'equatore

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788895797557

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

Hai presente il sesso a quindici anni e il buco nero che rappresenta per gli adolescenti maschi?

In senso figurato, s’intende.

Ecco, se sei donna non hai idea dei preparativi che i ragazzi fanno per arrivare a quel momento in forma e non apparire novizi. Si vorrebbe essere scafati già al primo colpo, come se l’allenamento manuale surrogasse la pratica amatoria. Meschini noi.

Se poi ti chiami Cicco Pesce e tuo padre considera le donne al 99% prostitute, tua madre è timorata di Dio, e vivi in una regione dove hai voglia a dire che i maschi sono focosi: in Sicilia non si tromba, no no. Pensi che basti? Ancora un po’.

Se i genitori di Ciccio ritengono che il figlio abbia dei problemi, costringendolo a continue visite mediche nella Clinica Neurologica “La Quiete” sospettando una forma particolare di autismo, alle turbe adolescenziali se ne sommano altre. Non è un caso se a Ciccio muoiono tutte le fidanzate e ha un’amica immaginaria di nome Miou, che gli martella in testa come un’ossessione.

Ciccio non è asociale. Osserva, dice lui, piuttosto che straparlare con chiunque. È un discreto cinefilo, preferendo film d’essai o un’attrice come Charlotte Gainsbourg, figlia di quei due che avevano orgasmi a raffica nella canzone Je t’aime moi non plus, e che nel film Antichrist di Lars von Trier si recide il clitoride con una forbice.

Il titolo del libro è Le molecole affettuose del lecca lecca, e presumo che poco abbia a che fare con un detto di Einstein e molto invece con la pratica del sesso orale che piace tanto a Spinetta, che mentre ha l’orgasmo prende a pugni in testa il povero Ciccio. Ha ragione l’autore a fare considerazioni sul rischio di tumori del cavo orale legate a quel servizietto: Michael Douglas l’ha detto chiaro e tondo. La Zeta Jones non gli ha dato solo ormoni, al tapino, ma pure virus oncogeni.

Lo stile è palese e lineare. Non è Aldo Busi, per intenderci, che sa cos’è il bello scrivere ma lo applica a espedienti del cazzo. Perché non credo che esista nessuno che si fermi a un bar di una rambla a disquisire con una foglia caduta sopra a un tavolo del perché e del maccheccazzo del mondo senza incorrere nella ventura di essere caricato di forza e imbottito di Serenase per qualche settimana.

Il ritmo è sincopato, procede a scossoni come quando in fila tra le auto c’è il coglione davanti che spinge continuamente sul freno e ti costringe a rallentare anche quando la strada è libera, così che gli dici: “e vai, cazzo!”

Virgole, punti, punti, virgole, punti e virgole. Frenano un po’ mentre hai voglia di leggere tutto di un fiato. L’autore lo sa, ne scrive pure. Un vezzo suo, prosit.

Libro avvincente, con tratti di lirismo che ricordano Aldo Nove. Esempio:

“Ora mi sveglio, ho pensato, mi sveglio e scopro che ho sognato,

mi sveglio nel mio letto di Marina di Agrigento, sento mia madre

che dice: sono le otto e devi andare a scuola, sento il motore

della Fiat Uno di mio padre, ciao papà, sento uno di quei calori

tiepidi del sole di Marina di Agrigento, io gli voglio bene a mia

mamma, io gli voglio bene a mio papà, a Marina di Agrigento,

pure, io non mi rendo conto come ho fatto a odiarli tutti e tre, ora

mi sembra di non avere mai considerato il tempo limitato che ho

per amare, per amare mio papà, per amare mia mamma, il tempo

è poco, ora mi sembra di non avere mai considerato che la morte

prima o poi metterà fine alla possibilità di amare mia mamma e

mio papà, ora mi sembra di non volere più sprecare il tempo che

ho sprecato, poi finisce che mio papà muore, che mia mamma

muore e a me resta il tempo di maledire il giorno che sono andato

via di casa.”

Altro passo:

“Spinetta mi chiedeva: «Di che sa?».

Ma che ne so, ma che ne so. La fica di Spinetta emanava un

odore indecifrabile, né buono né cattivo, forse forse era sudore,

forse misto a gelsomino, a qualche tipo di lavanda, era dolciastro,

poi pungente, disgustoso, seducente.

«È un odore indeci…».

«Non smettere, ti prego».

«Ma come faccio a…».

«Lecca e non parlare».

«Come faccio a risponderti?».

E va bene. Me ne restavo zitto zitto, aspettavo, sottomesso,

rassegnato, di solito mezz’ora, mezz’oretta, poi arrivava, il

pugno in testa. Era il segnale che Spinetta stava entrando in

corto circuito. Cominciavano i sospiri, le contrazioni dell’utero,

i momenti di apnea, le urla bestiali che precedevano una raffica

di orgasmi. E di pugni. E di rimbrotti: «Perché ti eri fermato?

Potevi rovinare tutto. Non devi più fermarti, capito? Per nessun

motivo».”

Non è il sesso orale, che Spinetta predilige. Purtroppo è l’unico modo per provare piacere quando si è impossibilitati ad avere penetrazioni per disturbi della sessualità. Vaginismo è il nome.

Spero per l’autore che non ci sia molto di autobiografico nel contenuto, poiché un buon libro più che vero dovrebbe essere verosimile. Altrimenti immagino quanta sofferenza vissuta.

Il linguaggio spesso è crudo, elementare, ma non è mai volgare. Ogni cosa è chiamata con il suo nome. Il termine pene è bandito: si parla di cazzo. Punto e basta.

I titoli dei paragrafi sono alquanto originali, divertenti. Costituiscono una storia nella storia, come corollari attaccati alle righe sottostanti.

I sassolini che vengono disseminati qua e là, che preludono a colpi di scena successivi, sono posizionati ad arte. Basta raccoglierli tutti strada facendo per non rimanere di pietra quando la similitudine tra Ciccio e Stephen Hawking fa rattrappire i testicoli per lo spavento.

Lo confesso: questo libro mi è piaciuto tanto.

Penso che l’editore sia troppo piccolo, per questo libro qua.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Francesco

Consiglio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Consiglio Francesco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La vita di Agapitu, detto "Matoforu", il contastorie di Thilipirches, in Barbagia: il venditore di metafore. Dalla sua nascita avvolta nel mistero, fino a quando, oramai adulto e tra i pochi sopravvissuti alla Grande Carestia che ha colpito il suo paese, decide di vivere raccontando le vite degli altri. Il romanzo è l'insieme di tutte queste vite: quella del becchino, del nano, di Giovanna Garofano, dell'inventore della macchina cancellapeccati, dell'aggiustaossa e del mai cresciuto... Matoforu racconta sulla piazza o davanti al sagrato di un paese che cambia ad ogni racconto. Eppure, pur essendo coinvolto da queste esistenze comuni e prodigiose, il lettore si appassiona anche alla vita di colui che narra, dall'incontro col cane che lo accompagna nel corso dei suoi viaggi, ai carabinieri che lo minacciano e gli impongono di smettere di fare il contastorie perché disturba l'ordine pubblico, ai mesi trascorsi nascosto in una grotta come un latitante, all'amore per Anzelina la contadora, la donna con la quale trascorrerà il tempo che gli è rimasto da vivere...

Il venditore di metafore

Niffoi Salvatore

Chi ha letto "La donna di Gilles" sa che non c'è un'altra scrittrice capace come Madeleine Bourdouxhe di raccontare gli sbigottimenti e le lusinghe dell'amore: senza sbavature né svenevolezze, ma con un'intensità e un'evidenza che hanno qualcosa di lancinante. In questo secondo romanzo della Bourdouxhe (che Jonathan Coe ha definito «una delle più belle scoperte letterarie degli ultimi anni») non siamo più nella grigia e fuligginosa periferia di Liegi, bensì nella "douceur de vivre" della Parigi della fine degli anni Trenta; e se Elisa, la struggente protagonista della Donna di Gilles, viveva nell'attesa, nel dono di sé, nella devozione assoluta per un marito di cui tutto sapeva accogliere e perdonare, Marie (che pure ama profondamente il suo, di marito) scopre la violenza della passione quando, su una spiaggia della Costa Azzurra, incrocia lo sguardo di un ragazzo di vent'anni dalle spalle sottili, i fianchi stretti e le lunghe gambe abbronzate. Un pomeriggio si incontrano, come per caso, su un sentiero che costeggia il mare e, su un pezzetto di carta che lei non getterà, lui scrive un numero di telefono. Che Marie chiamerà, tornata a Parigi, dalla cabina telefonica di un caffè. In una breve Nota all'edizione Gallimard della Donna di Gilles, Madeleine Bourdouxhe aveva scritto: «L'annientamento nell'amore: un po' la storia di tutte le donne», ma qui la prospettiva è cambiata, e il suo sguardo segue con vibrante complicità il percorso di una donna che affronta, con un'audacia che quasi la stupisce, «l'intransigenza del desiderio»...

Marie aspetta Marie

Bourdouxhe Madeleine

Un inno alla leggerezza. E non a quella che fa rima con frivolezza, ma un invito a sgravarsi, a liberarsi dei troppi pesi che ci mettiamo addosso. Perché di insostenibile c'è soltanto l'affanno per voler essere diversi da ciò che si è. Poesie che hanno la forza di un'esortazione e sono agili come canzoni pop. Parlano dell'accettarsi, nel bene e (soprattutto) nel male. Dell'avere dubbi e sbagliare, nella vita come in amore. Questo libro è un elogio dell'imperfezione, dell'errore, dello sbaglio, parole per esseri imperfetti perché vivi. E dell'equivoco, dell'errore, dell'approssimazione, ci si veste con fierezza. Alessandra Racca si dimagrisce il passo per essere leggera al mondo e poggiarci sopra, camminando, l'essenziale: la luminosa trasparenza dell'imperfezione.

Consigli di volo per bipedi pesanti

Racca Alessandra

Testamento spirituale del maggiore poeta finlandese. i "Canti di Pentecoste", raccolta di ballate, leggende e miti, sono le tappe di un viaggio in un immaginario intimo e primitivo e un maestoso sforzo poetico di sintesi tra coscienza europea, tradizione balto-finnica e simbolo universale. Redatti in due tomi (1903 e 1916) ed ispirati alle "cerimonie liriche di Pentecoste" o helkajuhla di Ritvala, rito pagano della fertilità permeato da elementi del cristianesimo medioevale, i ventinove poemi sono riflessioni originali e profonde sulle questioni centrali del pensiero moderno: il superuomo e la volontà eroica di fronte alla morte, lo slancio faustiano e la magia come riscatto cosmico dell'io, l'identità nazionale, l'interpretazione romantica e la dimensione tragica, vero sigillo d'equilibrio tra forze apollinee e dionisiache.

Canti di Pentecoste

Leino Eino