Giallo - thriller - noir

Il monaco

Lewis Matthew Gregory

Descrizione: Storia della seduzione del monaco Ambrosio ad opera della sensuale Matilde, che lo inizia ai segreti delle arti demoniache.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Oscar grandi classici

Anno: 1995

ISBN: 9788804394877

Recensito da Stefania De Paolis

Le Vostre recensioni

“In quel momento Ambrosio si dolse della propria temerarietà. L’arcana solennità dell’incantesimo gli aveva fatto presagire qualcosa di straordinario, terribile. Ora attendeva sbigottito la comparsa dello spirito che s’era fatto annunciare da tuono e terremoto. Stravolto si guardò intorno, aspettandosi una spaventosa apparizione la cui vista l’avrebbe fatto uscire di senno. Un brivido gli scosse il corpo: incapace di reggersi, crollò su un ginocchio. “Viene!” esclamò Matilda gioiosa”.

Scritto nel 1796 e accolto con scandalizzato entusiasmo al tempo della sua pubblicazione, Il Monacodi Lewis ha subito nel tempo fortune alterne: prima esaltato, poi censurato, poi ancora ignorato nell’Ottocento e riscoperto nel Novecento.

Indubbiamente quest’opera è tra gli esempi più notevoli ed estremi del romanzo gotico inglese.

Non solo sono presenti tutti gli elementi caratteristici del genere (castelli infestati, abbazie, fantasmi, presenze demoniache, incesto e violenza), ma quello che davvero colpisce ne Il Monaco è la sua carica dirompente e distruttiva, i dettagli crudi e macabri, le minuziose descrizioni di orrendi castighi, stupri, omicidi, decomposizioni.

La storia ruota attorno al monaco Ambrosio, priore del convento dei Cappuccini, grande predicatore, uomo incorruttibile e in odore di santità. Ma quanto vale davvero la virtù se non è mai messa alla prova?

“[…] il vizio, per chi non lo conosce, è rovinoso più che mai quando s’annida dietro la maschera della virtù”.

Infatti Lewis ci mostra Ambrosio e il suo precipitare, con estrema facilità, nella corruzione.

Ambrosio non solo pecca, ma lo fa in modo grave, esemplare, completamente stravolto e ottenebrato da quelle passioni che un tempo egli stesso aveva condannato in nome di una sua presunta superiorità morale.

“[…] e se l’amore fosse una colpa, perché Dio l’avrebbe fatto così dolce, così irresistibile? Perciò, Ambrosio mio, scaccia quelle ombre dalla fronte! Datti liberamente a quei piaceri senza cui la vita è un dono insulso!”.

Assolutamente da leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gregory

Matthew

Lewis

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lewis Matthew Gregory

Il libro di Antonella Rizzo è ora sincopato e ironico, ora triste e pensoso ma sempre leggibile. Prende alla gola. Una poesia che non dà spazio a fraintendimenti, la sua. Dice Antonio Veneziani nella prefazione: “Il punto di convergenza…incatena alla pagina”. Un libro che va letto e assaporato come un vino d’annata, perché Plethora racconta il mondo odierno con i suoi cinismi (tanti) e con la sua poca poeticità.

Plethora

Rizzo Antonella

C’è una strana donna che se ne sta buttata come un pacco alla stazione di Firenze Santa Maria Novella. Incurante di sé, immemore di tutto, sprofonda di tanto in tanto in visioni inquietanti di Medioevo, durante le quali si esprime in latino o in fiorentino antico. Ricoverata in ospedale, finalmente ricorderà qualcosa, il proprio nome: Beatrice. In realtà la giovane ragazza custodisce un grande segreto, la chiave per un manoscritto di incredibile valore, storico e alchemico. Come sa bene chi sta cercando in ogni modo di rapirla... E’ possibile che Dante Alighieri non si sia fermato alla terza cantica, ma abbia volutamente celato al mondo la parte finale, la più importante, del suo capolavoro, la cosiddetta quarta cantica? Che ne abbia rimandato la divulgazione in attesa di tempi più favorevoli e più predisposti alla comprensione del suo sconvolgente testamento spirituale? E’ il Dante Alighieri occulto, il Grande Maestro che si nasconde sotto “il velame delli versi strani”, il centro di tutto questo thriller esoterico. Una caccia al manoscritto inedito, ricca di delitti e colpi di scena, che arriva a svelare il significato più recondito sotteso all’opera dantesca.

LA QUARTA CANTICA

Tamà Patrizia

Se il giallo all’inglese l’avessero inventato i ferraresi, probabilmente assomiglierebbe a questo. Una vicenda ironica e delittuosa che intende sottolineare un fatto: in provincia non si crepa solo di noia. E poco importa se l’investigatore non porta il trench e se il suo braccio destro ha quattro zampe: a volte le cose serie richiedono improvvisazione e senso dell’umorismo. Sullo sfondo di una Ferrara in festa, un killer, sfigato ma con tanta buona volontà, appende per il collo un losco individuo, proprio lì, nella libreria del centro. Così, a suon di vittime, la vicenda ci condurrà a spasso per Ferrara, in compagnia di un fotografo della Scientifica costretto a riallacciare i contatti col parentado ferrarese: solo scoprendo l’autore di quell’omicidio, e di quelli che seguiranno, potrà salvare il buon nome dei suoi familiari, presunti colpevoli di una faida libresca. Tra gare di sbandieratori e aperitivi, dalla Ferrara da bere a quella dei sobborghi, dalla Caritas locale alla Sacca di Goro, l’ambientazione reale e i nomi – storpiati ma non troppo – di alcune location permetteranno al lettore di passeggiare, e investigare, assieme ai protagonisti. E poi gattare, poliziotti imbranati, un commissario privo di scrupoli e dalle pessime maniere, ragazze in abiti succinti e indizi che rimandano ai personaggi delle fiabe. Un giallo all’inglese in salsa ferrarese che vuole essere un omaggio a Ferrara e alla ferraresità dei suoi abitanti.

Giallo di zucca

Converti Gaia

«Gli inquilini», pubblicato originariamente nel 1971, è la storia di Henry Lesser, l'ultimo occupante di una palazzina di Brooklyn che deve essere abbattuta per far posto a un condominio di lusso. Nonostante i goffi tentativi di sfratto da parte del proprietario Levenspiel, Lesser non vuole abbandonare l'appartamento, perché lì ha iniziato a scrivere il suo romanzo ed è lì che intende terminarlo. Quando nella palazzina si trasferisce, per abitarci abusivamente, Willie Spearmint, anche lui scrittore, fra i due si instaura una rivalità che è al tempo stesso letteraria (Willie sembra decisamente più sicuro di sé rispetto alla propria scrittura) e razziale (Lesser è ebreo, Spearmint afroamericano) e che assume uno sfondo anche sessuale quando entra in scena Irene, la fidanzata, di Willie.

Gli inquilini

Malamud Bernard