Giallo - thriller - noir

Il monaco

Lewis Matthew Gregory

Descrizione: Storia della seduzione del monaco Ambrosio ad opera della sensuale Matilde, che lo inizia ai segreti delle arti demoniache.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Oscar grandi classici

Anno: 1995

ISBN: 9788804394877

Recensito da Stefania De Paolis

Le Vostre recensioni

“In quel momento Ambrosio si dolse della propria temerarietà. L’arcana solennità dell’incantesimo gli aveva fatto presagire qualcosa di straordinario, terribile. Ora attendeva sbigottito la comparsa dello spirito che s’era fatto annunciare da tuono e terremoto. Stravolto si guardò intorno, aspettandosi una spaventosa apparizione la cui vista l’avrebbe fatto uscire di senno. Un brivido gli scosse il corpo: incapace di reggersi, crollò su un ginocchio. “Viene!” esclamò Matilda gioiosa”.

Scritto nel 1796 e accolto con scandalizzato entusiasmo al tempo della sua pubblicazione, Il Monacodi Lewis ha subito nel tempo fortune alterne: prima esaltato, poi censurato, poi ancora ignorato nell’Ottocento e riscoperto nel Novecento.

Indubbiamente quest’opera è tra gli esempi più notevoli ed estremi del romanzo gotico inglese.

Non solo sono presenti tutti gli elementi caratteristici del genere (castelli infestati, abbazie, fantasmi, presenze demoniache, incesto e violenza), ma quello che davvero colpisce ne Il Monaco è la sua carica dirompente e distruttiva, i dettagli crudi e macabri, le minuziose descrizioni di orrendi castighi, stupri, omicidi, decomposizioni.

La storia ruota attorno al monaco Ambrosio, priore del convento dei Cappuccini, grande predicatore, uomo incorruttibile e in odore di santità. Ma quanto vale davvero la virtù se non è mai messa alla prova?

“[…] il vizio, per chi non lo conosce, è rovinoso più che mai quando s’annida dietro la maschera della virtù”.

Infatti Lewis ci mostra Ambrosio e il suo precipitare, con estrema facilità, nella corruzione.

Ambrosio non solo pecca, ma lo fa in modo grave, esemplare, completamente stravolto e ottenebrato da quelle passioni che un tempo egli stesso aveva condannato in nome di una sua presunta superiorità morale.

“[…] e se l’amore fosse una colpa, perché Dio l’avrebbe fatto così dolce, così irresistibile? Perciò, Ambrosio mio, scaccia quelle ombre dalla fronte! Datti liberamente a quei piaceri senza cui la vita è un dono insulso!”.

Assolutamente da leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gregory

Matthew

Lewis

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lewis Matthew Gregory


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quando la vita va troppo veloce e quasi ti sfugge di mano, non è facile conservare un’identità precisa. Ci sei tu e c’è il personaggio che hai costruito per raggiungere i tuoi obiettivi.Carmen è una giovane donna divisa tra apparenza e verità. Da un lato, si crede fredda e sprezzante, e così si mostra agli altri; dall’altro, si scopre fragile e insicura, eppure continua ostinatamente a nascondere ciò che sente davvero.Anche la narrazione asseconda questa doppia natura. Azioni e pensieri sembrano appartenere a persone diverse, per ciascun evento le emozioni sono sdoppiate e contrastanti.Ma chi è veramente Carmen? Quando anche lei l’ha ormai dimenticato, ci pensa la vita a riscuoterla dal suo torpore e metterla davanti a uno specchio. E allora anche la narrazione abbandona il duplice punto di vista per seguire la rinascita di chi ha finalmente capito di essersi smarrito e decide di ritrovare la sua unità, il suo accento mancante…

LA E SENZA ACCENTO

Geena

Come si fa ad andare avanti dopo aver perso chi ami? Come puoi ricostruire la tua vita? Tutti perdiamo qualcuno, ma c'è sempre un "dopo" e questo è il messaggio molto forte e positivo che Jojo Moyes dà alle sue lettrici, un sequel non scontato e pieno di colpi di scena.

Dopo di te

Moyes Jojo

La biografia di Bukowski include due tentativi di lavorare come impiegato, dimissioni dal "posto fisso" a cinquant'anni suonati, "per non uscire di senno del tutto" e vari divorzi. Questi scarsi elementi ricorrono con insistenza nella narrativa di Bukowski, più un romanzo a disordinate puntate che non racconti a sé, dove si alternano e si mischiano a personaggi ed eventi di fantasia. "Rispetto alla tradizione letteraria americana si sente che Bukowski realizza uno scarto, ed è uno scarto significativo", ha scritto Beniamino Placido su "La Repubblica", aggiungendo: "in questa scrittura molto "letteraria", ripetitiva, sostanzialmente prevedibile, Bukowski fa irruzione con una cosa nuova. La cosa nuova è lui stesso, Charles Bukowski. Lui che ha cinquant'anni, le tasche vuote, lo stomaco devastato, il sesso perennemente in furore; lui che soffre di emorragie e di insonnia; lui che ama il vecchio Hemingway; lui che passa le giornate cercando di racimolare qualche vincita alle corse dei cavalli; lui che ci sta per salutare adesso perché ha visto una gonna sollevarsi sulle gambe di una donna, lì su quella panchina del parco. Lui, Charles Bukowski, "forse un genio, forse un barbone". "Charles Bukowski, detto gambe d'elefante, il fallito", perché questi racconti sono sempre, rigorosamente in prima persona. E in presa diretta". Un pazzo innamorato beffardo, tenero, cinico, i cui racconti scaturiscono da esperienze dure, pagate tutte di persona, senza comodi alibi sociali e senza falsi pudori.

Storie di ordinaria follia

Bukowski Charles

Il carnevale dei delitti

Elpis Bruno