Narrativa

IL MONDO DI BELLE

Grissom Kathleen

Descrizione: Un’enorme dimora, rivestita di assicelle bianche e avvolta da glicini in fiore: così la casa del capitano James Pyke appare allo sguardo infantile di Lavinia McCarten, la mattina d’aprile del 1791 in cui la piccola irlandese mette per la prima volta piede in Virginia. Pyke, un uomo dalla corporatura imponente, i capelli grigi legati dietro la nuca e rughe profonde che gli solcano il viso segnato dal sole, ha raccolto la bambina dalla sua nave, appena approdata in America dopo la lunga traversata oceanica, e l’ha portata con sé per destinarla alle cucine della sua piantagione. Un modo come un altro per passare all’incasso del debito per la traversata, che i genitori di Lavinia, morti durante la navigazione, non hanno avuto la buona sorte di saldare. Stremata e debilitata, la bambina viene accolta nelle cucine della piantagione dalla famiglia di schiavi neri che vi lavorano: una piccola, operosa comunità composta da Mamma Mae, una donna dalla stazza possente che, con una pipa perennemente tra i denti, le concede subito la benedizione del suo sorriso; Papà George, un gigantesco orso bruno; Dory, Fanny e Beattie, le figlie; Ben, il figlio maschio, più grosso ancora del padre e dalla risata irresistibile e cristallina. Un mondo guidato da una responsabile delle cucine dai grandi occhi verdi e dai capelli neri e lucidi: Belle, un’attraente ragazza di diciotto anni. Frutto di un capriccio clandestino del capitano con una delle sue schiave nere, Belle è stata allontanata dalla casa padronale, finendo nelle cucine, il giorno in cui il capitano si è presentato nella piantagione con Martha, una moglie più giovane di lui di venti anni. Adottata dalla famiglia di Mamma Mae e maternamente accudita da Belle, Lavinia cresce come una servetta bianca ignara dell’abisso che separa la casa padronale dall’universo delle cucine. Finché è una bambina, Belle le cela opportunamente le verità del suo mondo: l’ambiguo rapporto che la lega al capitano padre-padrone, la dipendenza di Martha dal laudano, le punizioni inferte da Rankin, il sorvegliante violento e razzista, l’odio che il fratellastro Marshall nutre per lei. Le tace opportunamente che in Virginia chiunque abbia la pelle nera può essere picchiato, violentato, venduto e torturato nello stesso tempo. Non può fare nulla, tuttavia, quando Lavinia, cresciuta, si allontana dal suo mondo per ricongiungersi al mondo dei bianchi cui appartiene e per fare poi ritorno nella grande casa in compagnia di Marshall, il nuovo padrone divenuto nel frattempo un giovane bello e affascinante. Allora i vecchi legami sembrano distrutti, e le verità a lungo nascoste messe pericolosamente a nudo. Magnifica storia di segreti e inganni, di amore e tradimento, di violenza e riscatto, Il mondo di Belle è un romanzo che colpisce al cuore come pochi.

Categoria: Narrativa

Editore: Neri Pozza

Collana: I narratori delle tavole

Anno: 2013

ISBN: 9788854507005

Trama

Le Vostre recensioni

La voce di Mamma Mae tremava mentre rispondeva. «Adesso apri orecchie, ragazzina. Ecco cosa succede quando tu dici no a uomo bianco. Io visto con i miei occhi mio padre ucciso con fucile, quando sellato mulo e montato in sella per chiedere aiuto per mia mamma, malata. Lei stava avendo bambino, gridava. Io presente, quando padrone detto a papà di scendere da mulo. E quando lui risposto: “No, io cerco aiuto”, vecchio bianco sparato a schiena. Quella notte io rimasta lì a cacciare mosche, e visto mamma morire. Quando vecchio padrone venduto me, detto che io buona solo per lavoro nei campi. E lì io cresciuta, spaccato schiena con Ida, finché vecchia Mrs Pyke non chiamato su in casa padronale per nutrire Belle. Io capito subito cosa dover fare per restare in casa. Lavorato per Madam senza mai mostrare stanchezza. Fatto qualunque cosa. “Sì, Mrs Pyke, certo, Mrs Pyke” dicevo solo. Guardate bene bambine: Mamma Mae comporta come se suo unico pensiero è fare contento chi vive lassù, in casa padronale. Perché là voglio rimanere, e faccio il possibile per tenere voi con me.

Romanzo d’esordio per l’autrice americana Kathleen Grissom, Il mondo di Belle racconta la storia di Belle, una ragazza meticcia, e di una bianca, Lavinia, che vivono nella stessa tenuta e lavorano per la famiglia del padrone. Belle è la figlia illegittima del Capitano, proprietario della fattoria; per via del loro legame particolare tutti credono che tra i due esista una relazione clandestina e questo rende la vita di Belle molto difficile, soprattutto per via delle angherie di Miss Martha, la moglie del padrone, e del primogenito Marshall, che la tratta con disprezzo.

Belle vive e lavora nelle cucine della tenuta insieme a Mamma Mae, a Papà George e ai loro figli. La vita trascorre tranquilla, dedicata a prendersi cura della famiglia del Capitano, fino a quando questi porta a casa con sé una bambina bianca, Lavinia, scampata a una tragedia in mare e rimasta orfana. La fanciulla, in pessime condizioni di salute, viene affidata a Belle e presto si rimette, anche se non ricorda nulla della sua vita precedente. La sua particolare condizione di schiava bianca le procura un trattamento di favore da parte del Capitano, che la fa lavorare da subito nella casa padronale. 

Nel frattempo il primogenito del Capitano, Marshall, soffre per le continue assenze del padre e questo lo porta a sviluppare un carattere crudele e a rifugiarsi nell’alcool, nonostante la tenera età. La situazione peggiora con la morte della sorellina: Miss Martha precipita nella depressione e viene internata in manicomio. Lavinia allora viene portata con sè da Mrs Madden a Williamsburg, dove comincia una nuova vita e incappa nelle prime difficoltà amorose.

Il ritorno alla tenuta non sarà felice come sperava…

Un romanzo da leggere senza pause, che descrive in maniera realistica la vita coloniale che spesso si rivela crudele, ma all’interno della quale possono nascere dei legami ben più forti di quelli di sangue.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Kathleen

Grissom

Libri dallo stesso autore

Intervista a Grissom Kathleen


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Fabio ha sei anni, due genitori e una decina di nonni. Sì, perché è l'unico bimbo della famiglia Mancini, e i tanti fratelli del suo vero nonno - uomini impetuosi e pericolosamente eccentrici - se lo contendono per trascinarlo nelle loro mille imprese, tra caccia, pesca e altre attività assai poco fanciullesche. Così Fabio cresce senza frequentare i suoi coetanei, e il primo giorno di scuola sarà per lui un concentrato di sorprese sconvolgenti: è incredibile, ma nel mondo esistono altri bambini della sua età, che hanno tanti amici e pochissimi nonni, e si divertono tra loro con giochi misteriosi dai nomi assurdi - nascondino, rubabandiera, moscacieca. Ma la scoperta più allarmante è che sulla sua famiglia grava una terribile maledizione: tutti i maschi che arrivano a quarant'anni senza sposarsi impazziscono. I suoi tanti nonni strambi sono lì a testimoniarlo. Per fortuna accanto a lui c'è anche un padre affettuoso, che non parla mai ma con le mani sa aggiustare le cose rotte del mondo. E poi la mamma, intenzionata a proteggere Fabio dalle delusioni della vita, una nonna che comanda tutti e una ragazzina molto saggia che va in giro travestita da coccinella. Una famiglia caotica e gigantesca che pare invincibile, finché qualcosa di totalmente inatteso la travolge. Giorno dopo giorno, dalle scuole elementari fino alle medie, il protagonista cerca di crescere nel precario equilibrio tra un mondo privato pieno di avventure e smisurato come l'immaginazione, e il mondo là fuori, stretto da troppe regole e dominato dalla legge del più forte...

Il mare dove non si tocca

Genovesi Fabio

1 – Introduzione alle sezione letteratura erotica

È il 1859 a Londra e davanti alla legatoria Damage si è appena fermata una carrozza con le ruote di un rosso fiammante, i fanali dorati e uno stemma sulla portiera. Dalla carrozza è sceso un uomo alto, abbronzato, elegantissimo con la sua redingte nera, il foulard scarlatto, gli occhiali d’oro e il bastone da passeggio sormontato da un enorme rubino. È sir Jocelyn Knightloey che, con la sua cerchia di amici, aristocratici come lui, coltiva il sogno di liberare la società dalle «pastoie del ritegno» e della morale. Da quando la legge ha stabilito che è illegale pubblicare e diffondere opere letterarie di genere immorale ma non possederle, sir Knightley e i suoi amici collezionano quei libri proibiti che i puritani dell’epoca vorrebbero bruciare tra le fiamme dell’inferno: il Decamerone, il Satyricon di Petronio, l’Ars Amatoria di Ovidio…A rilegare quei libri con preziose pelli e fodere scarlatte è Dora Damage, la moglie di Peter Damage. L’artrite reumatica sta deformando e immobilizzando le mani del marito e, in barba a tutte le leggi della corporazione dei legatori che vietano il lavoro alle donne, Dora è stata costretta a prenderne il posto. Le sue originali rilegature, così morbide e seducenti, suscitano l’entusiasmo di sir Knightley e dei suoi amici, i «Sauvages Nobles». Dora comincia così a rilegare tutte le opere proibite e galanti del gruppo con l’aiuto di Jack, un giovane apprendista, e di Din, uno schiavo nero americano condotto nel laboratorio dalla filantropica e ambigua Lady Sylvia, la moglie di sir Knightley.

La rilegatrice dei libri proibiti

Starling Belinda

Una scia grigio verde dagli occhi