Ma il mondo non era di tutti?

A cura di Paolo Nori

Descrizione: Antologia sui confini voluta da ARCI Nazionale e composta da Emmanuela Carbé, Francesca Genti, Carlo Lucarelli, Monica Massari, Giuseppe Palumbo, Antonio Pascale, Gipi, Christian Raimo. Verrà presentata al festival di «Internazionale» a Ferrara, settembre zoi6."Scrivo questa nota la notte del 7 marzo 2016, nell'ottantesimo anniversario della nascita di Georges Perec, che subito dopo la seconda guerra mondiale era un bambino senza ricordi d'infanzia. 'Non ho ricordi d'infanzia' scrive. 'Fino ai dodici anni, più o meno, la mia storia occupa qualche riga: ho perduto mio padre a quattro anni, mia madre a sei; ho passato la guerra in varie pensioni di Villard-de-Lans. Nel 1945, la sorella di mio padre e suo marito mi hanno adottato. Questa assenza di storia mi ha, a lungo, rassicurato: la sua secchezza oggettiva, la sua apparente evidenza, la sua innocenza mi proteggevano"."Perec è nato in Francia, ma non è francese. 'Ho un nome francese' scrive `Georges, un cognome francese o quasi: Perec che tutti scrivono Pérec o Perrec: il mio cognome non si scrive esattamente come si pronuncia. A questa contraddizione insignificante si associa il sentimento tenue, ma insistente, insidioso, ineluttabile, di essere in un certo modo straniero rispetto a qualcosa di me stesso, di essere 'diverso', ma non tanto diverso dagli 'altri' quanto diverso dai 'miei'; non parlo la lingua che parlavano i miei genitori, non condivido nessuno dei ricordi che essi poterono avere"."Perec è cresciuto in un mondo, l'Europa occidentale del dopoguerra, che a me sembra l'abbia protetto dalla sua solitudine e abbia avuto interesse a tramandare la sua storia. Una delle domande che credo salteranno fuori da questa antologia è: il nostro mondo, è in grado di proteggere qualcuno dalla sua solitudine? Gli interessa tramandare le storie dei Perec di oggi?” (Paolo Nori)

Categoria:

Editore: Marcos y Marcos

Collana: MarcosUltra

Anno: 2016

ISBN: 9788871687667

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

MA IL MONDO NON ERA DI TUTTI?

I racconti sono belli, ma non si capisce una mazza su cosa li possa accomunare.

Poi il filo conduttore viene fuori.

Alcuni brani sono fatti apposta per far incazzare quelli incappucciati del KKK o qualche nazionalista di casa nostra, con una vena di tenerezza che fa sorridere anche davanti a un ladro napoletano che benché aiutato dalla vittima simula di sparargli con l’indice e il pollice della mano.

Il libro è pieno di gente strana, strana nel senso di “diversa” dal resto del popolo irreggimentato.

Ma il mondo non era di tutti?” è il libro con scritti di Violetta Bellocchio, Carlo Lucarelli e altri forse meno noti ma non meno bravi, anzi.

Un pastorello non può più portare le capre oltre un confine creato sotto al suo naso di punto in bianco con il tacco di uno scarpone.

Gruppi di migranti scappano da fame, guerre e miserie lasciandosi la vita alle spalle e un futuro di niente davanti.

Una ragazza simile a una strega si imbuca alle feste insieme ad altri pur di mangiare a sbafo. Ride a cosce aperte con una sensualità tutta sua.

In duecento anni la popolazione mondiale è passata da un miliardo a sette.

Basta un po’ di dolcezza per far comunicare un’orientale con tratti autistici.

C’è una poesia lunghissima e anche un fumetto su sbarchi di clandestini.

Capito tutto?

Le pagine volano via d’un fiato e alla fine viene voglia di aggiungerci ancora altra roba, tanta è la poesia che lega i paragrafi e le storie che si dipanano.

Ci si chiede: ma i confini ci sono sempre stati o li abbiamo creati per essere più soli e disperati? Il Mediterraneo che un tempo era il simbolo della voglia di partire per andare a scoprire il Mondo ora è simbolo di sarcofaghi rovesciati con donne e bambini che fuggono. E anche di qualcuno che per raggiungere il suo Paradiso vuole mandare gli Occidentali all’Inferno con bombe e kalashnikov.

Si potrebbe dire che non c’è nulla di nuovo: già tanto tempo fa dei tizi neri viaggiavano per conquistare il mondo impalando e decapitando Cristiani, e dei tizi bianchi viaggiarono per conquistare i neri impalando e decapitando i pagani.

Qualcuno sa come far finire la storiella che sempre si ripete? Porgendo l’altra guancia? Schiaffeggiandola?

Io direi, boh.

Il libro è bello, veloce, e lascia ancora voglia di leggere, leggere, leggere…

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Di

Cura

A

Libri dallo stesso autore

Intervista a A cura di Paolo Nori


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Passa il tempo di Ilaria Spes, poesia interpretata da Luigi Maria Corsanico

Una portinaia, all'apparenza sciatta, scorbutica e teledipendente, assiste allo scorrere della vita in un palazzo elegante abitato da famiglie dell'alta borghesia. Ma all'insaputa di tutti Renée è una coltissima autodidatta che incontrerà Paloma, una dodicenne geniale e brillante che stanca di vivere ha deciso di farla finita.

L’ELEGANZA DEL RICCIO

Barbery Muriel

La testimonianza storica di un'esperienza unica e devastante, quale fu per l'esercito italiano la campagna di Russia, e insieme la storia autobiografica di un uomo che in quella prova lotta per non perdere la propria dignità.

Il sergente nella neve

Stern Mario Rigoni

Quanti sono i Bret Easton Ellis del nuovo romanzo in cui l'autore racconta la storia della propria vita? C'è lo scrittore Bret Easton Ellis, giovane, ricco e famoso, che viene a sapere della morte improvvisa di un padre violento proprio mentre la sua carriera naufraga in un mare di degradazione e di droga. C'è lo scrittore Bret Easton Ellis una decina di anni più tardi, insediato in un elegante quartiere residenziale con moglie, figli e governante. C'è il Bret Easton Ellis figlio di Robert Ellis sr, ossessionato dal fantasma del genitore. C'è il Bret Easton Ellis padre di Robert Ellis jr, che tenta disperatamente di evitare il perpetuarsi di un modello distruttivo. E c'è anche uno scrittore senza nome, che è la voce interiore del nuovo Bret Easton Ellis. L'autore giura sull'assoluta verità autobiografica dei fatti narrati: veniamo così a sapere cosa succedeva dietro le quinte del forsennato tour promozionale per Glamorama, ma anche di un invito alla Casa Bianca di Jeb e George W. Bush, suoi grandi fan, nonché di una tormentata storia d'amore con l'attrice Jayne Dennis da cui è nato il piccolo Robby, mai riconosciuto... È per amore del figlio ormai dodicenne, oltre che per condurre una vita più sobria, che lo scrittore decide di sposare Jayne e andare a vivere lontano dalla città. Ma l'idilliaca scena suburbana - padre, madre e due bambini, perché nel frattempo Jayne ha avuto una figlia - è funestata da fatti terrorizzanti quanto inspiegabili: a cominciare da un party di Halloween, per dodici lunghi giorni, gli abitanti della casa di Elsinore Lane sono in balia di forze misteriose, perseguitati da presenze maligne. Mentre il lettore si dibatte nell'incubo ipnotico creato dalla scrittura di Ellis, i figli maschi delle coppie ricche, famose e felici della zona cominciano a scomparire nel nulla... Brillante e più che mai imprevedibile, in Lunar Park Bret Ellis reinventa se stesso e affronta uno dei grandi temi della letteratura di sempre: il difficile, spesso doloroso rapporto tra padri e figli.

LUNAR PARK

Easton Ellis Bret