Ma il mondo non era di tutti?

A cura di Paolo Nori

Descrizione: Antologia sui confini voluta da ARCI Nazionale e composta da Emmanuela Carbé, Francesca Genti, Carlo Lucarelli, Monica Massari, Giuseppe Palumbo, Antonio Pascale, Gipi, Christian Raimo. Verrà presentata al festival di «Internazionale» a Ferrara, settembre zoi6."Scrivo questa nota la notte del 7 marzo 2016, nell'ottantesimo anniversario della nascita di Georges Perec, che subito dopo la seconda guerra mondiale era un bambino senza ricordi d'infanzia. 'Non ho ricordi d'infanzia' scrive. 'Fino ai dodici anni, più o meno, la mia storia occupa qualche riga: ho perduto mio padre a quattro anni, mia madre a sei; ho passato la guerra in varie pensioni di Villard-de-Lans. Nel 1945, la sorella di mio padre e suo marito mi hanno adottato. Questa assenza di storia mi ha, a lungo, rassicurato: la sua secchezza oggettiva, la sua apparente evidenza, la sua innocenza mi proteggevano"."Perec è nato in Francia, ma non è francese. 'Ho un nome francese' scrive `Georges, un cognome francese o quasi: Perec che tutti scrivono Pérec o Perrec: il mio cognome non si scrive esattamente come si pronuncia. A questa contraddizione insignificante si associa il sentimento tenue, ma insistente, insidioso, ineluttabile, di essere in un certo modo straniero rispetto a qualcosa di me stesso, di essere 'diverso', ma non tanto diverso dagli 'altri' quanto diverso dai 'miei'; non parlo la lingua che parlavano i miei genitori, non condivido nessuno dei ricordi che essi poterono avere"."Perec è cresciuto in un mondo, l'Europa occidentale del dopoguerra, che a me sembra l'abbia protetto dalla sua solitudine e abbia avuto interesse a tramandare la sua storia. Una delle domande che credo salteranno fuori da questa antologia è: il nostro mondo, è in grado di proteggere qualcuno dalla sua solitudine? Gli interessa tramandare le storie dei Perec di oggi?” (Paolo Nori)

Categoria:

Editore: Marcos y Marcos

Collana: MarcosUltra

Anno: 2016

ISBN: 9788871687667

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

MA IL MONDO NON ERA DI TUTTI?

I racconti sono belli, ma non si capisce una mazza su cosa li possa accomunare.

Poi il filo conduttore viene fuori.

Alcuni brani sono fatti apposta per far incazzare quelli incappucciati del KKK o qualche nazionalista di casa nostra, con una vena di tenerezza che fa sorridere anche davanti a un ladro napoletano che benché aiutato dalla vittima simula di sparargli con l’indice e il pollice della mano.

Il libro è pieno di gente strana, strana nel senso di “diversa” dal resto del popolo irreggimentato.

Ma il mondo non era di tutti?” è il libro con scritti di Violetta Bellocchio, Carlo Lucarelli e altri forse meno noti ma non meno bravi, anzi.

Un pastorello non può più portare le capre oltre un confine creato sotto al suo naso di punto in bianco con il tacco di uno scarpone.

Gruppi di migranti scappano da fame, guerre e miserie lasciandosi la vita alle spalle e un futuro di niente davanti.

Una ragazza simile a una strega si imbuca alle feste insieme ad altri pur di mangiare a sbafo. Ride a cosce aperte con una sensualità tutta sua.

In duecento anni la popolazione mondiale è passata da un miliardo a sette.

Basta un po’ di dolcezza per far comunicare un’orientale con tratti autistici.

C’è una poesia lunghissima e anche un fumetto su sbarchi di clandestini.

Capito tutto?

Le pagine volano via d’un fiato e alla fine viene voglia di aggiungerci ancora altra roba, tanta è la poesia che lega i paragrafi e le storie che si dipanano.

Ci si chiede: ma i confini ci sono sempre stati o li abbiamo creati per essere più soli e disperati? Il Mediterraneo che un tempo era il simbolo della voglia di partire per andare a scoprire il Mondo ora è simbolo di sarcofaghi rovesciati con donne e bambini che fuggono. E anche di qualcuno che per raggiungere il suo Paradiso vuole mandare gli Occidentali all’Inferno con bombe e kalashnikov.

Si potrebbe dire che non c’è nulla di nuovo: già tanto tempo fa dei tizi neri viaggiavano per conquistare il mondo impalando e decapitando Cristiani, e dei tizi bianchi viaggiarono per conquistare i neri impalando e decapitando i pagani.

Qualcuno sa come far finire la storiella che sempre si ripete? Porgendo l’altra guancia? Schiaffeggiandola?

Io direi, boh.

Il libro è bello, veloce, e lascia ancora voglia di leggere, leggere, leggere…

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Di

Cura

A

Libri dallo stesso autore

Intervista a A cura di Paolo Nori


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Erri De Luca e la scoperta della musica. La musica della scrittura, certo, ma anche la musica che si ascolta, che colma le nostre giornate, la musica che si canta. Questa "musica provata" comincia sui banchi del liceo con il celebre invito omerico alla musa "cantami o diva del pelide Achille", con la Napoli delle canzoni ottocentesche, con Ciccio Formaggio, con le incisioni beethoveniane di Arturo Toscanini, e prosegue dentro i canti di Pete Seeger negli anni Sessanta, Il disertore di Boris Vian, le canzoni scritte o rimaneggiate insieme all'amico Gian Maria Testa, l'armonica di Mauro Corona. Ci sono le bombe di Sarajevo e la memoria dei canti della fatica, quelli legati alla terra, quelli legati al lavoro operaio, c'è la musica di Stefano Di Battista e la voce di Nicky Nicolai. C'è il Mediterraneo. C'è tutta una vita che prova a intonare la voce.

La musica provata

De Luca Erri

Quando una coppia in divisa bussa alla sua porta, Manuel, scrittore di successo ossessivamente dedito alla stesura del prossimo bestseller, intuisce all'istante che dev'essere accaduto qualcosa di grave ad Alvaro, l'uomo che ama e al quale è sposato da anni. E infatti il corpo senza vita del marito è stato ritrovato al volante della sua auto, inspiegabilmente uscita di strada tra le vigne e i paesaggi scoscesi della Galizia, a chilometri di distanza dal luogo in cui Alvaro avrebbe dovuto trovarsi al momento dell'incidente. Sconvolto, Manuel parte per identificare la salma. Ma giunto a destinazione si ritrova invischiato in un intrico di menzogne, segreti e omissioni che ha al centro la ricca e arrogante famiglia d'origine del marito. Con l'aiuto di Nogueira, poliziotto in pensione dal carattere ruvido, e di Padre Lucas, il prete locale amico d'infanzia di Alvaro, Manuel indaga sulle molte ombre nel passato dei Muñiz Dávila e sulla vita segreta dell'uomo che si era illuso di conoscere quanto se stesso.

Tutto questo ti darò

Redondo Dolores

Tre giovani seminaristi sono testimoni involontari della morte misteriosa dello scultore Gianni Malatesta mentre, di prima mattina, attraversano il sagrato della Basilica di San Michele Maggiore, a Pavia, avvolto nella nebbia. Ingaggiati dalla moglie del Malatesta per far luce sulla vicenda - e sul passato del marito - Sambuco e Dell'Oro dovranno riannodare i fili di una storia popolata da "fantasmi" del passato e del presente, che si radica molti anni addietro - durante la Resistenza, negli anni '70 e ai giorni nostri - tra l'Oltrepò, la Riviera Ligure e Pavia. Relazioni sospette tra loschi personaggi, atmosfere familiari solo in apparenza tranquille e colpi di scena caratterizzano la nuova indagine di Sambuco e Dell'Oro all'ombra della maestosa Basilica di San Michele.

Il fantasma di San Michele

Reali Alessandro

Ci sono mondi che da lontano sembrano brutti e grigi. Mondi poveri, in cui il cibo era poco, in cui la libertà di scelta era poca, in cui la fatica sembrava non finire mai. Eppure, proprio di questi mondi, pur ricordandone tutte le ombre, decenni dopo si sente nostalgia, si avverte la mancanza. Confrontata all’anonimato consumistico contemporaneo, la Russia d’un tempo, la Grande Russia del socialismo, rappresentava una fede, una identità, una sfida. Attraverso le testimonianze di decine e decine di donne e uomini che hanno attraversato e creduto alla Perestrojka, Svetlana Aleksievic ci racconta l’utopia di un mondo finito, che non ha saputo restituire al suo popolo l’orgoglio di un tempo.

Tempo di seconda mano

Alesksievič Svetlana