Ma il mondo non era di tutti?

A cura di Paolo Nori

Descrizione: Antologia sui confini voluta da ARCI Nazionale e composta da Emmanuela Carbé, Francesca Genti, Carlo Lucarelli, Monica Massari, Giuseppe Palumbo, Antonio Pascale, Gipi, Christian Raimo. Verrà presentata al festival di «Internazionale» a Ferrara, settembre zoi6."Scrivo questa nota la notte del 7 marzo 2016, nell'ottantesimo anniversario della nascita di Georges Perec, che subito dopo la seconda guerra mondiale era un bambino senza ricordi d'infanzia. 'Non ho ricordi d'infanzia' scrive. 'Fino ai dodici anni, più o meno, la mia storia occupa qualche riga: ho perduto mio padre a quattro anni, mia madre a sei; ho passato la guerra in varie pensioni di Villard-de-Lans. Nel 1945, la sorella di mio padre e suo marito mi hanno adottato. Questa assenza di storia mi ha, a lungo, rassicurato: la sua secchezza oggettiva, la sua apparente evidenza, la sua innocenza mi proteggevano"."Perec è nato in Francia, ma non è francese. 'Ho un nome francese' scrive `Georges, un cognome francese o quasi: Perec che tutti scrivono Pérec o Perrec: il mio cognome non si scrive esattamente come si pronuncia. A questa contraddizione insignificante si associa il sentimento tenue, ma insistente, insidioso, ineluttabile, di essere in un certo modo straniero rispetto a qualcosa di me stesso, di essere 'diverso', ma non tanto diverso dagli 'altri' quanto diverso dai 'miei'; non parlo la lingua che parlavano i miei genitori, non condivido nessuno dei ricordi che essi poterono avere"."Perec è cresciuto in un mondo, l'Europa occidentale del dopoguerra, che a me sembra l'abbia protetto dalla sua solitudine e abbia avuto interesse a tramandare la sua storia. Una delle domande che credo salteranno fuori da questa antologia è: il nostro mondo, è in grado di proteggere qualcuno dalla sua solitudine? Gli interessa tramandare le storie dei Perec di oggi?” (Paolo Nori)

Categoria:

Editore: Marcos y Marcos

Collana: MarcosUltra

Anno: 2016

ISBN: 9788871687667

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

MA IL MONDO NON ERA DI TUTTI?

I racconti sono belli, ma non si capisce una mazza su cosa li possa accomunare.

Poi il filo conduttore viene fuori.

Alcuni brani sono fatti apposta per far incazzare quelli incappucciati del KKK o qualche nazionalista di casa nostra, con una vena di tenerezza che fa sorridere anche davanti a un ladro napoletano che benché aiutato dalla vittima simula di sparargli con l’indice e il pollice della mano.

Il libro è pieno di gente strana, strana nel senso di “diversa” dal resto del popolo irreggimentato.

Ma il mondo non era di tutti?” è il libro con scritti di Violetta Bellocchio, Carlo Lucarelli e altri forse meno noti ma non meno bravi, anzi.

Un pastorello non può più portare le capre oltre un confine creato sotto al suo naso di punto in bianco con il tacco di uno scarpone.

Gruppi di migranti scappano da fame, guerre e miserie lasciandosi la vita alle spalle e un futuro di niente davanti.

Una ragazza simile a una strega si imbuca alle feste insieme ad altri pur di mangiare a sbafo. Ride a cosce aperte con una sensualità tutta sua.

In duecento anni la popolazione mondiale è passata da un miliardo a sette.

Basta un po’ di dolcezza per far comunicare un’orientale con tratti autistici.

C’è una poesia lunghissima e anche un fumetto su sbarchi di clandestini.

Capito tutto?

Le pagine volano via d’un fiato e alla fine viene voglia di aggiungerci ancora altra roba, tanta è la poesia che lega i paragrafi e le storie che si dipanano.

Ci si chiede: ma i confini ci sono sempre stati o li abbiamo creati per essere più soli e disperati? Il Mediterraneo che un tempo era il simbolo della voglia di partire per andare a scoprire il Mondo ora è simbolo di sarcofaghi rovesciati con donne e bambini che fuggono. E anche di qualcuno che per raggiungere il suo Paradiso vuole mandare gli Occidentali all’Inferno con bombe e kalashnikov.

Si potrebbe dire che non c’è nulla di nuovo: già tanto tempo fa dei tizi neri viaggiavano per conquistare il mondo impalando e decapitando Cristiani, e dei tizi bianchi viaggiarono per conquistare i neri impalando e decapitando i pagani.

Qualcuno sa come far finire la storiella che sempre si ripete? Porgendo l’altra guancia? Schiaffeggiandola?

Io direi, boh.

Il libro è bello, veloce, e lascia ancora voglia di leggere, leggere, leggere…

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Di

Cura

A

Libri dallo stesso autore

Intervista a A cura di Paolo Nori


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ciò che fa di Edgardo Franzosini uno scrittore diverso da qualsiasi altro è la sua capacità di raccontarci storie vere di personaggi che sembrano inventati, per quanto sono fuori del comune. Qui, ancora una volta, con quella visionarietà e quella levità che sono soltanto sue, percorre la breve, singolare esistenza dello scultore Rembrandt Bugatti (fratello del fondatore della casa automobilistica), divenuto celebre negli anni Dieci del Novecento per i suoi bronzi raffiguranti elefanti, pantere e leoni; un uomo che con gli animali visse in una sorta di struggente empatia, tanto da subire un vero trauma quando, allo scoppio della Grande Guerra, tutti quelli ospitati nello zoo di Anversa furono sterminati in via preventiva.

Questa vita tuttavia mi pesa molto

Franzosini Edgardo

Tiziano ha 45 anni, è nato a Cortona e vive a Torino. Si considera un ex scrittore perché ha pubblicato un solo libro da giovane. Ha rinunciato quando ha conosciuto una certa editoria, quella fatta di scambi di favori e di squallidi prodotti commerciali. La stessa per cui oggi lavora. Da anni infatti è un ghostwriter, pagato per rielaborare manoscritti scadenti e farne libri di successo. Una notte d'estate, però, sul terrazzino del piccolo appartamento dove vive con la gatta, Tiziano decide di tornare a scrivere. "Vicolo del Precipizio" sarà il titolo del suo nuovo libro, una raccolta di fatti ambientati a Cortona, un viaggio nella memoria: racconti toscani, amori finiti male, preti donnaioli, episodi partigiani ma anche fatti che riguardano la sua famiglia. Mentre prende corpo questo "libro nel libro", l'intera narrazione si riempie di personaggi e vicende, di episodi ora drammatici e ora grotteschi; leggende legate a Cortona e storie contadine, anche boccaccesche, che vanno a intrecciarsi ai ricordi personali di Tiziano, per confluire nel suo presente.

Vicolo del precipizio

Bassini Remo

Pietro Malatesta, poliziotto ferrarese con un passato da teppista, che gira solo in bicicletta e che divide la casa con la madre, l'ex moglie, un figlio nullafacente e il Boy, il palestrato zero-cerebro che sta con la sua ex, è uno sbirro decisamente atipico, connotabile sulla falsa riga di tanti eroi del fumetto e della tv Anni '70 (non per niente Malatesta ha come mito Starsky di Starsky & Hutch e si veste come lui). Le storie sono brevi, accattivanti, pienamente inserite nel genere 'giallo di provincia', e si snodano in una Ferrara multi-etnica, alle volte sporca e un po' barbara, fatta di ultrà della Spal, bevute nei bar, adolescenti fancazzisti imitatori di mode, spaccio, colori politici che paiono mai sbiadire. Il volume si compone dei romanzi brevi: "Nero ferrarese", "Il recinto delle capre" e "Il cinematografo".

Malatesta. Indagini di uno sbirro anarchico

Mazzoni Lorenzo

Quando Thomas si sveglia, le porte dell'ascensore in cui si trova si aprono su un mondo che non conosce. Non ricorda come ci sia arrivato, né alcun particolare del suo passato, a eccezione del proprio nome. Con lui ci sono altri ragazzi, tutti nelle sue stesse condizioni, che gli danno il benvenuto nella radura, un ampio spazio limitato da invalicabili mura di pietra. L'unica certezza dei ragazzi è che ogni mattina le porte di pietra vengono aperte, per poi richiudersi di notte. Ben presto il gruppo elabora l'organizzazione di una società ben ordinata e disciplinata dai custodi. Ogni trenta giorni qualcuno si aggiunge a loro dopo essersi risvegliato nell'ascensore. Il mistero si infittisce quando arriva una ragazza, la prima donna a fare la propria comparsa in quel mondo. Ed è il messaggio che porta con sé a stupire. Un messaggio che non lascia alternative...

Il labirinto. Maze Runner

Dashner James