Racconti

Moonlight Shadow

Yoshimoto Banana

Descrizione: C'è un giorno, un giorno soltanto, in cui in condizioni particolari è possibile rivedere i propri cari defunti. Dicono che qualcuno è pure in grado di sentirli e parlar loro. Che sia possibile per Satsuki, che non riesce in alcun modo a scordare il ragazzo perduto, e Hiiragi, che per ricordare Yumiko ne indossa tutti i giorni la divisa alla marinara? La misteriosa Urara, che intuisce i numeri di telefono delle persone al primo sguardo, ne sembra convinta. Tratto da “Kitchen”, pubblicato da Feltrinelli. Numero di caratteri: 62223.

Categoria: Racconti

Editore: Feltrinelli

Collana: ZOOM Flash

Anno: 2012

ISBN: 9788858851050

Recensito da Roberta Emanuela

Le Vostre recensioni

“Moonlight Shadow”, canzone di Mike Oldfield che imperversava durante l’estate del 1983, ha ispirato con le sue atmosfere surreali l’omonimo racconto di Banana Yoshimoto. Il brano letterario, incluso anche nel volume Kitchen ed edito da Feltrinelli, è il fondamento dell’opera della scrittrice. Nato come tesi di laurea, affronta temi quali la morte e la spiritualità con una prosa semplice, eppure molto efficace nell’evocare immagini e sentimenti: “Ferma così, in quell’aria cristallina e pungente, mi sembrava di stare in un luogo un po’ più vicino alla morte. Solo in quello scenario severo e limpido, di una solitudine desolata, riuscivo a sentirmi a mio agio”.

La Yoshimoto ci regala una lettura emozionante e visiva, descrivendo il particolare momento nella vita della ventenne Satsuki, la cui “mente fluttua, senza nessuna stabilità, senza requie, in una confusa desolazione” in seguito alla perdita dell’amato Hitoshi. La giovane trova conforto nel lutto condiviso dal fratello della vittima, Hiiragi, due volte colpito dal dramma avendo perso anche la ragazza, Yumiko.
Hiiragi ha un modo piuttosto bizzarro – fisico ed eclatante – per tenere ancora stretto l’amore, ma per quanto sembri meno triste rispetto a Satsuki, ciò che gli riporta la “vera” Yumiko sono gli intimi ricordi.
Ricordi che per Satsuki diventano sogni agitati, pronti a risvegliarla presto, all’alba. E per sfuggire all’angoscia delle ore insonni, decide di dedicarsi al jogging, tra il freddo e la nebbia azzurrina, fermandosi per un tè bollente durante la pausa, appoggiata alla ringhiera del ponte sul fiume che divide la città. Finché un giorno lì incontra Urara, misteriosa viaggiatrice venuta da lontano per assistere a uno spettacolo, tanto raro da verificarsi ogni cento anni.
Quasi in un’allucinazione da febbricitante, Satsuki la rivede a casa propria dove le due si danno appuntamento per l’indomani, al fiume. È lì che avrà luogo il “fenomeno Tanabata” che si manifesta “quando c’è corrispondenza tra i pensieri che chi è morto ha lasciato dietro di sé… e il dolore di chi lo ha perduto”.

Per saperne di più sulla scrittrice giapponese, potete leggere “Il mondo di Banana Yoshimoto”  (ed. Feltrinelli) di Giorgio Amitrano, traduttore del fantastico “Moonlight Shadow”.

Roberta Colleoni

_____________________________________________

Banana Yoshimoto
Banana Yoshimoto (Tokyo, 1964) ha conquistato un grandissimo numero di lettori in Italia a partire da Kitchen, pubblicato da Feltrinelli nel 1991, e si è presentata come un autentico caso letterario. Dei suoi altri libri, tutti pubblicati da Feltrinelli, ricordiamo: N.P. (1992), Sonno profondo (1994), Tsugumi (1994), Lucertola (1995), Amrita (1997), Sly (1998), L’ultima amante di Hachiko (1999), Honeymoon (2000), H/H (2001), La piccola ombra (2002), Presagio triste (2003), Arcobaleno (2003), Il corpo sa tutto (2004), L’abito di piume (2005), Ricordi di un vicolo cieco (2006), Il coperchio del mare (2007), Chie-Chan e io (2008), Delfini (2010), Un viaggio chiamato vita (2010), High & Dry: Primo amore (2011), Moshi Moshi (2012), A proposito di lei (2013), Andromeda Heights. Il Regno 1 (2014), Il dolore, le ombre, la magia. Il Regno 2 (2014) oltre ad alcuni racconti nella collana digitale Zoom (Moonlight Shadow, 2012, Ricordi di un vicolo cieco, 2012, La luce che c’è dentro le persone, 2011). Banana Yoshimoto ha vinto il premio Scanno nel 1993, il premio Maschera d’Argento nel 1999 e il premio Capri nel 2011.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Banana

Yoshimoto

Libri dallo stesso autore

Intervista a Yoshimoto Banana

La congiura di Catilina

Sallustio

Angela Greganti è una transessuale elegante e di fascino. Una sera, partecipando a una festa che raduna il jet-set televisivo e istituzionale, assiste alla violenza compiuta da un importante uomo politico ai danni di una ragazza. L'impulsiva reazione di Angela, con le inevitabili conseguenze, porta a una fuga che si trasforma anche in un viaggio interiore. Un ritratto, impietosamente realistico, della società contemporanea, in cui si mescolano "alto e basso bordo", per scoprirsi fra loro non molto diversi e niente affatto distanti. È una protagonista ritratta con forza e sensibilità, nella quale il lettore finirà per trovare inevitabilmente una forse inaspettata immedesimazione.

ALI E CORAZZA

Trovato Daniele

"Il fico che cresce sulle rovine della fortezza, emblema e geroglìfico del nuovo libro di Claudio Damiani, ha i giorni contati. Verrà qualcuno a restaurare gli spalti del diroccato maniero aristocratico dove cresce, sradicando quella forma di vita abusiva, vita incurante della sua propria bellezza, capace di assentire al suo destino senza opporgli un'assurda resistenza. Dall'albero il poeta ricava l'insegnamento supremo: è possibile amare la vita senza avvelenarla con la paura della morte. È possibile, dunque, la felicità, quella pura e gratuita vibrazione dell'essere qui, dell'esserci ora, minuscolo filo saldamente intrecciato all'arazzo del cosmo? Come un saggio taoista, Damiani non si stanca mai di dipingere a rapidi colpi di pennello paesaggi nei quali gli uomini e le bestie, le piante e le pietre, le nuvole e le acque sono gli elementi solidali dello stesso prodigio, ovvero una sola materia senza più nome, disponibile a tutti gli esperimenti di un'alchimia interiore capace di trasformare in oro il fardello dell'impermanenza e l'angoscia del tempo che fugge. Oltre il piacere del testo, ai lettori di questo libro si offre una terapia sottile ed efficace come solo sanno essere i consigli di chi è capace di curare se stesso, e non smette mai di farlo." (Emanuele Trevi)

il fico sulla fortezza

Damiani Claudio

Due romanzi brevi, "Atti impuri" e "Amado mio", entrambi autobiografici, della prima giovinezza friulana; il secondo è già un racconto compiuto, chiuso nella vicenda di un incontro estivo, un amore scandaloso e apparentemente fallito, tra i balli pomeridiani, le spiagge selvatiche e gli ambienti de "Il sogno di una cosa". Il primo - che dello stesso tema è una variante sofferta - si presenta come testo restaurato, ricavato da tormentate stesure dattiloscritte, che rivelano un assillo più profondo, una scelta difficile di natura non soltanto personale ma ideologica. Con uno scritto di Attilio Bertolucci.

Amado mio

Pasolini Pier Paolo