Narrativa

IL MORBO DI HAGGARD

McGrath Patrick

Descrizione: Londra, 1940. Mentre nel cielo incrociano gli Spitfire e i Messerschmitt di Göring, il dottor Haggard riceve la visita di James Vaughan, un giovane aviatore che gli si presenta con una frase letale: «Penso che lei abbia conosciuto mia madre». Strappato di colpo alle sue fiale di morfina e al culto feticistico di una donna perduta per sempre, Haggard intraprende una lunga, tormentosa confessione, raccontando per la prima volta la vicenda che tre anni prima ha distrutto la sua vita. Ma nel ricostruire il décor e le atmosfere di un amore feroce e claustrofobico, tutto consumato fra stanze in penombra, strade immerse nella nebbia, teatri d’anatomia popolati dai fantasmi di un’ossessione, Haggard si rende conto di avere ancora una volta liberato una forza oscura e terribile, una forza che ora lo spinge irresistibilmente verso il ragazzo e che l’inquietante somiglianza fra questi e sua madre non basta a spiegare. Ed è come se le pagine di questo intenso romanzo fossero avvolte dall’aura di un morbo senza nome – lo stesso che (forse) abita nell’amore e che sembra trasformare Vaughan in qualcos’altro e noi nei voyeur della sua trasformazione.

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 2002

ISBN: 9788845914461

Trama

Le Vostre recensioni

Quel sabato era a Elgin, nel mio studio al piano di sopra, e osservavo il mare, ricordo, riflettendo su un verso di Goethe, quando la signora Gregor ha bussato alla porta per dire che in ambulatorio c’era un ragazzo che desiderava vedermi, un pilota. […] «Mi chiamo James Vaughan» hai detto. Senza esitazione. «Penso che lei abbia conosciuto mia madre.»”

Inizia così la tormentosa vicenda che vede come protagonista il Dott. Haggard, medico zoppo e in esilio ad Elgin, un luogo sospeso dal tempo, in bilico tra il mare e il cielo, velato dalla pioggia e scompigliato dalle onde. E’ in quella casa a picco sulla scogliera che il medico tenta di dimenticare la passione vissuta per Fanny, moglie di Ratcliff Vaughan, un collega d’ospedale.
In una Londra in fermento, alla vigilia della seconda guerra mondiale, si consuma l’amore tra Haggard e Fanny; amore proibito e destinato, fin dall’inizio, a un tragico epilogo.
Sarà proprio lo svelamento del tradimento da parte di Ratcliff a far precipitare le cose. Haggard viene spinto con violenza dalle scale dell’ospedale dal marito geloso e la caduta gli provoca la rottura del femore. Il chiodo conficcato nella gamba diverrà, per lui, il simbolo più concreto della sofferenza profonda che la perdita della donna amata gli ha inflitto. Il dolore, che il medico chiama con il nome di Spike, lo accompagnerà negli anni a venire, tanto da costringerlo, ogni volta, a metterlo a tacere attraverso una dose massiccia di morfina.
E’ l’incontro con James, figlio di Fanny, a riconsegnare ad Haggard la voglia di vivere e di lottare. Il ragazzo, pilota presso una base militare poco distante da Elgin, tenta di ricostruire la storia della sua famiglia attraverso i racconti dell’ex amante di sua madre e tra i due nasce un rapporto indecifrabile. Haggard si accorge che il giovane assomiglia, ogni giorno di più, alla donna che ha amato e, da medico, comprende che tali mutamenti fisici possono essere correlati a una malattia ormonale della quale, però, ignora le cause.

Difficile catalogare il romanzo di McGrath in qualche genere preciso. Il romanticismo tormentato si fonde con lo studio psicologico dei lati più oscuri dell’uomo e l’amore, vero protagonista della storia, diventa così reale e palpabile da assumere esso stesso le fattezze ambigue di un essere umano. Il dolore e l’amore diventano le due facce di una stessa medaglia: uno ha l’aspetto terribile di Spike, l’altro la sensualità sfumata di Fanny. In questo dilemma senza uscita si infila James che, con la sua metamorfosi, mostra ad Haggard una terza espressione di amore, altrettanto terribile ma, in un certo modo, salvifica.

McGrath ci immerge in un’atmosfera unica e irripetibile e ci tiene agganciati, pagina dopo pagina, anche grazie a una scrittura semplice e accattivante, svelandoci, con grazia e maestria, i lati più intensi e oscuri del genere umano.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Patrick

Mcgrath

Libri dallo stesso autore

Intervista a McGrath Patrick

John e Marian, coppia di facoltosi quarantenni, attendono nella loro villa di campagna l'arrivo di Lyle, critico d'arte di New York, nell'anniversario della morte di Tony, fratello di John e compagno di Lyle per nove anni. Quest'ultimo si presenta però insieme a Robert, ventiquattrenne pittore di origini indiane: circostanza fatalmente destinata a trasformare il placido soggiorno che i tre avevano programmato in una sequenza di momenti imbarazzanti e carichi di tensione. Ma se l'ansiosa Marian sem­bra essere l'unica ad accorgersene e John si chiude in un laconico riserbo, Lyle fa di tutto per apparire disinvolto. Il suo ultimo libro, in cui descrive la pittura contemporanea come «un'arte moribonda», ha avuto un successo di pubblico inaspettato, e grazie all’adorazione del giovane Robert si è di nuovo attaccato «alla speranza, al­l’at­tesa, al­l’idea che la sua vita stia per cambiare». Eppure, come Lyle imparerà a proprie spese, «lo scorrere dei giorni leviga il dolore ma non lo consuma: quello che il tempo si porta via è andato, e poi si resta con un qualcosa di freddo e duro, un souvenir che non si perde mai». È infatti nelle situazioni più ordinarie – una cena in giardino, una nuotata nel fiume accanto alla casa – che l'assen­za di Tony si fa insopportabile, costringendo i tre amici a sollevare il velo di falsa naturalezza che maschera ansie ine­spresse e antichi dolori. Anche in questo romanzo avvolgente Cameron si mostra come pochi capace di dosare satira e introspezione, per condurci fino a quel luogo della coscienza dove si celano le domande più dure, sull’im­possibilità di conoscere una persona come sulla incerta base dei rapporti sociali.

IL WEEKEND

Cameron Peter

Narra la vita di Ghada Karmi, medico palestinese che trascorre l'infanzia in un sobborgo benestante di Gerusalemme. Quando la famiglia è costretta a fuggire in Inghilterra a causa delle crescenti violenze degli ebrei nei confronti della popolazione araba, Ghada deve imparare a convivere con la perdita del paese in cui è nata, sostituito da Israele. La scelta di privilegiare l'identità inglese è naturale e all'inizio risolutiva. Quando sceglie di sposare un inglese, Ghada è costretta a difendere il suo matrimonio agli occhi della famiglia tradizionalista, difendendo allo stesso tempo la fittizia identità inglese che ha attribuito a se stessa. Ben presto le contraddizioni di una tale decisione esplodono in tutta la loro violenza: durante la guerra dei Sei giorni Ghada farà i conti con l'indifferenza, o addirittura l'ostilità, di tutti quelli che credeva vicini. Convinta di dover cercare se stessa scavando nel passato, Ghada si getta anima e corpo nell'impegno politico: negli anni Settanta inizia a lottare per far sentire la voce dimenticata degli esuli palestinesi, si reca nei campi profughi dove lavora come medico, e alla fine torna addirittura a vivere in Siria. Incapace di sentirsi "a casa" dovunque provi, Ghada decide alla fine di visitare i luoghi della sua infanzia. Solo dopo questo viaggio capirà che non esiste per lei alcun posto dove fermarsi: che non sarà mai un'inglese, non potrà mai tornare in Palestina, e non appartiene per intero nemmeno al mondo arabo.

Alla ricerca di Fatima. Una storia palestinese

Karmi Ghada

Elegie di Patti Smith

Alla ricerca dell'(in)felicità

Chimento Andrea