Presentazioni

Morte a San Siro. Milano, il mistero di villa Pozzi

Bastasi Alessandro

Descrizione: «In zona San Siro a Milano una macabra scoperta ha funestato questa mattina il lavoro di Khalid Buhar, macchinista dell’impresa edile Milano Costruzioni, mentre si accingeva a spianare il terreno a ridosso di una vecchia villa, abbattuta per far posto a un nuovo ipermercato di proprietà del magnate svizzero Karl Heimer. Stava operando con la scavatrice quando, dalle macerie, sono improvvisamente venuti alla luce alcuni resti umani». Guido Barbieri, professore di storia in pensione, non ha dubbi: si tratta di Angela Pozzi, scomparsa a 17 anni nel lontano 1965. Una ragazza della quale lui, diciottenne, era follemente innamorato. Ma sembra che la morte di Angela Pozzi interessi solo a lui e di riflesso alla figlia Laura, giornalista di un’emittente televisiva. La magistratura ha infatti gatte da pelare molto più urgenti e pressanti. Sarà però un nuovo inaspettato delitto a richiedere l’intervento deciso di Daniele Ferrazza, un commissario di polizia giudiziaria che nutre per Laura un interesse non soltanto professionale. Il commissario si troverà ad affrontare un caso oscillante tra passato e presente, all’apparenza indecifrabile. Tanto indecifrabile da sfuggire ai canoni classici dei fatti di sangue. La vera protagonista del romanzo è come sempre Milano, con la trasformazione che ha subito, dagli anni Sessanta ad oggi, da città industriale a città di servizi multietnica, dove sono scomparse le latterie, i trani, il fumo delle ciminiere e lo smog delle caldaie a carbone, lasciando il posto ad asettici uffici, al proliferare dei media, al trionfo del digitale. Una mutazione nella quale si specchia il rapporto non facile tra un padre cresciuto sull’onda ideologica di un Novecento che non c’è più e una figlia pragmatica e interamente dedita alla carriera professionale, e nella quale la presenza ingombrante dei media nei casi giudiziari diventa la normalità. “Oggi i processi si fanno in televisione”, commenta uno dei personaggi. Una realtà del nostro tempo che qui trova l’ennesima conferma.

Categoria: Presentazioni

Editore: Frilli

Collana: Tascabili. Noir

Anno: 2017

ISBN: 9788869431722

Recensito da Laura Monteleone

Le Vostre recensioni

Morte a San Siro. Milano, il mistero di villa Pozzi 

Morte a San Siro, un mistero narrato da Alessandro Bastasi

Un venerdì milanese. Un invito al Caffè Athmos, che ospita una serata letteraria e musicale. La scoperta e la conoscenza di un autore noir intelligente e brillante, Alessandro Bastasi; di una attrice che a leggere ti incanta come una sirena, Federica Toti; e di una cantautrice creativa edemozionante, Nicoletta Bernardi. Accompagnati dalla brillanteband hanno dialogato intensamenteprendendo spunto daalcune pagine dell’ultimo romanzo di Bastasi,accendendo inevitabilmente nel pubblico la curiosità di avventurarsi stabilmente in questa narrazione.

Con accorta saggezza, senza sollevare troppi veli dunque, sono stati proposti i percorsi da seguire per accedere a questo mistero.

Una storia che nasce in sordina tra le macerie di un cantiere e in meno di un niente porta davvero lontano. Soprattutto nel tempo. In una Milano che traghetta i ricordi di sé stessa verso un presente che sta cambiando la sua fisionomia, a volte in maniera irreversibile.

Il racconto si lascia andare alle suggestioni di un sentimento struggente e ineguagliabile qual è l’amore, capace di costruire ponti e relazioni funzionali a una vita che rinnova i suoi punti di vista. La trama,ottimamente costruita, prende forma tra le labbra dei protagonisti, personaggi disegnati in profondità, portatori di un’umanità vera e toccante.Liberi di dialogare con la propria interiorità e coraggiosi nell’affrontare i conflitti generazionali e culturali. Come avviene nella descrizione del rapporto tra Guido Barbieri, il protagonista ex professore di storia, e sua figlia Laura, giornalista di un’emittente televisiva, impegnati insieme a tentare di dipanare il mistero di una scomparsa, o per meglio dire, di una macabra ricomparsa.

La benna sollevò qualcosa che somigliava alla testa liscia e bianca di una grande bambola e a Khalid si strinse il cuore” cit. MORTE A SAN SIRO Milano il mistero di villa Pozzi

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Bastasi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bastasi Alessandro

Una mattina d'aprile del 1941 Virginia Woolf usciva di casa e si dirigeva come per una passeggiata verso il vicino fiume Ouse. A cinquantanove anni, la più grande scrittrice del Novecento aveva scelto di spegnere nel silenzioso fluire delle acque la tensione ormai insostenibile della sua esistenza. Sulla scrivania, due lettere di congedo e l'ultimo romanzo, "Tra un atto e l'altro", il più rarefatto e insieme il più struggente dei suoi capolavori. Tra un atto e l'altro di un'ingenua rappresentazione dilettantesca in un paese della campagna d'Inghilterra, si liberano i "momenti dell'essere" più squisitamente woolfiani: gli uomini, gli spettatori della vita, sono colti nel loro stato di protagonisti. Rigurgiti ansiosi, voluttuose fantasticherie, accensioni di desiderio, guizzi di rivolta, sottomissioni, monologanti lirismi percorrono un tempo neutro, un'ora zero della vita, e confluiscono in un unico stream che si oppone con fluida, magnetica tenacia alla tragica, banale fissità degli avvenimenti rappresentati. "Tra un atto e l'altro" è il romanzo del presente, del mobile, del fuggevole, del frammentario che anela a comporsi in unità, in una compiuta polifonia.

Tra un atto e l’altro

Woolf Virginia

Marco Carrera, il protagonista del nuovo romanzo di Sandro Veronesi, è il colibrì. La sua è una vita di continue sospensioni ma anche di coincidenze fatali, di perdite atroci e amori assoluti. Non precipita mai fino in fondo: il suo è un movimento incessante per rimanere fermo, saldo, e quando questo non è possibile, per trovare il punto d'arresto della caduta - perché sopravvivere non significhi vivere di meno. Intorno a lui, Veronesi costruisce altri personaggi indimenticabili, che abitano un'architettura romanzesca perfetta. Un mondo intero, in un tempo liquido che si estende dai primi anni settanta fino a un cupo futuro prossimo, quando all'improvviso splenderà il frutto della resilienza di Marco Carrera: è una bambina, si chiama Miraijin, e sarà l'uomo nuovo.

Il colibrì

Veronesi Sandro

Uno scrittore senza nome è nella sua vecchia casa di Ferrara, alle prese con gli appunti di storie che non ha mai pubblicato. Utilizzando libri, canzoni e ricordi cerca di comporre innumerevoli tessere in un mosaico unitario, utilizzando i mondiali di calcio come innesco narrativo...

In un cielo di stelle rotte

Mazzoni Lorenzo

I cerchi del diavolo

Lycas D. F.