Narrativa

Morte di un uomo felice

Fontana Giorgio

Descrizione: Milano, estate 1981: siamo nella fase più tarda, e più feroce, della stagione terroristica in Italia. Non ancora quarantenne, Giacomo Colnaghi a Milano è un magistrato sulla linea del fronte. Coordinando un piccolo gruppo di inquirenti, indaga da tempo sulle attività di una nuova banda armata, responsabile dell’assassinio di un politico democristiano. Il dubbio e l’inquietudine lo accompagnano da sempre. Egli è intensamente cattolico, ma di una religiosità intima e tragica. È di umili origini, ma convinto che la sua riuscita personale sia la prova di vivere in una società aperta. È sposato con figli, ma i rapporti con la famiglia sono distanti e sofferti. Ha due amici carissimi, con i quali incrocia schermaglie polemiche, ama le ore incerte, le periferie, il calcio, gli incontri nelle osterie. Dall’inquietudine è avvolto anche il ricordo del padre Ernesto, che lo lasciò bambino morendo in un’azione partigiana. Quel padre che la famiglia cattolica conformista non poté mai perdonare per la sua ribellione all’ordine, la cui storia eroica Colnaghi ha sempre inseguito, per sapere, e per trattenere quell’unica persona che ha forse amato davvero, pur senza conoscerla. L’inchiesta che svolge è complessa e articolata, tra uffici di procura e covi criminali, tra interrogatori e appostamenti, e andrà a buon fine. Ma la sua coscienza aggiunge alla caccia all’uomo una corsa per capire le ragioni profonde, l’origine delle ferite che stanno attraversando il Paese. Si risveglia così il bisogno di immergersi nella condizione degli altri, dall’assassino che gli sta davanti al vecchio ferroviere incontrato al bar, per riconciliare la giustizia che amministra con l’esercizio della compassione. Una corsa e un’immersione pervase da un sentimento dominante di morte. Un lento disvelarsi che segue parallelo il ricordo della vicenda del padre che, come Giacomo Colnaghi, fu dominato dal desiderio di trovare un senso, una verità. Anche a costo della vita.

Categoria: Narrativa

Editore: Sellerio

Collana: La memoria

Anno: 2014

ISBN: 9788838931727

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Morte di un uomo felice”, il romanzo di Giorgio Fontana che ha vinto il premio Campiello 2014, si apre con una scena di grande potenza drammatica: come reagisce il figlioletto di una vittima del terrorismo di fronte all’assassinio del padre?
Il piccolo Luigi Vissani ha una reazione istintiva e idee molto chiare se pensa all’assassino di suo padre: “Lo ammazzerei, disse. Lo ammazzerei con le mie mani”.

A questo desiderio impulsivo di vendetta si contrappone il protagonista, Giacomo Colnaghi, magistrato che indaga sullo stragismo che – dopo il decennio degli anni di piombo – vive i suoi ultimi, sanguinosissimi sussulti agli inizi degli anni ottanta.
Colnaghi ha una matrice cattolica (“E questo ve lo dico da padre e da cristiano”), tanto più verace in quanto affonda le radici in un’esperienza personale tragica (“Conosco la tua rabbia, avrebbe voluto dirgli Colnaghi; la conosco alla perfezione…”) di orfano (“Che bambino sarebbe stato, con a fianco suo padre?”).

Il romanzo alterna il racconto dell’impegno professionale  (“Una volta il suo capo gli aveva proposto una scorta, ma l’aveva rifiutata…”) nella lotta al terrorismo (“nell’ultimo anno aveva prodotto una cartografia delle Br e di Prima Linea e di tutte le altre organizzazioni che con il tempo si erano sovrapposte”) alla descrizione della dimensione privata di Giacomo (“Così Colnaghi aveva iniziato una vita da universitario fuori sede – da scapolo diceva lui – con una decina d’anni di ritardo”) e alla ricostruzione delle ultime fasi della vita del padre Ernesto, giovane operaio impegnato nell’opposizione al regime fascista con azioni di disturbo.

L’ambientazione tra Milano (“Ecco quelle strade, dal limitare di Lambrate al deposito dei tram…”), Saronno e dintorni viene interpretata con espressioni dialettali (“un strolegh del genere”) e usanze (“tressette ciapa no”) molto evocative e realistiche per i lombardi.

I fatti di fantasia si alternano a inserti di storia contemporanea, che presuppongono una solerte ricostruzione degli eventi (“gli ottantacinque morti della strage della stazione di Bologna, che agli avevano ricordato a quale livello di atrocità potessero giungere i terroristi neri”), del pentitismo (“Patrizio Peci, il primo pentito delle Br”) e della strategia della tensione (“E poi le vittime dei rossi: Vittorio bachelet, Girolamo Minervini, Nicola Giacumbi… Guido Galli”) che ha insanguinato il periodo post ‘68 trasformando l’Italia in una polveriera di tensioni politiche e sociali.

Ma l’impostazione prevalente del romanzo rimane di stampo esistenziale: a indagare sull’interiorità (“un uomo solo di fronte al proprio Dio”), sul senso dell’assenza (“era solo una frase, sempre la stessa, ma valeva tutte le parole del mondo”), su un atteggiamento ad ogni costo positivo (“Non capisco come fai a essere così contento”) con il quale Colnaghi si aggrappa a principi (“Noi non dobbiamo essere gli uomini dell’ira”) e convinzioni (“Eccezioni sempre, errori mai”), regolarmente sconfessate dai fatti (“Il tempo è galantuomo”).
E in questo, a parer mio, risiede la grandezza del romanzo, che si segmenta dal saggio storico e pratica la via più artistica della creazione per rappresentare contraddizioni e misteri della vita.

Nel finale – potentemente drammatico quanto l’incipit -confluiscono due epiloghi: la convergenza di due rette parallele, padre e figlio, destinate a incontrarsi all’infinito, cioè forse condannate a non incontrarsi mai. Nell’insondabilità del destino umano.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giorgio

Fontana

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fontana Giorgio

Dopo aver lasciato una carriera da manager, Sergio Bambarén ha sposato la natura e i grandi spazi, primo fra tutti il mare e in particolare l'oceano. Ha nuotato con i delfini, ha praticato il surf sulle coste più selvagge, ha trovato amici dal cuore grande. E ha intrapreso una ricerca spirituale. Alle grandi distese di acqua, però, ha anche affiancato il viaggio in uno dei luoghi più magici e avvolgenti della terra: il deserto. Insieme a una famiglia berbera, Sergio ha vissuto l'esperienza intensa ed emozionante di immergersi nel silenzio di sabbie millenarie, dove è possibile svuotare la mente da ogni affanno quotidiano e ritrovare la semplicità delle cose essenziali, quelle che contano davvero.

L’eco del deserto

Bambarén Sergio

John e Marian, coppia di facoltosi quarantenni, attendono nella loro villa di campagna l'arrivo di Lyle, critico d'arte di New York, nell'anniversario della morte di Tony, fratello di John e compagno di Lyle per nove anni. Quest'ultimo si presenta però insieme a Robert, ventiquattrenne pittore di origini indiane: circostanza fatalmente destinata a trasformare il placido soggiorno che i tre avevano programmato in una sequenza di momenti imbarazzanti e carichi di tensione. Ma se l'ansiosa Marian sem­bra essere l'unica ad accorgersene e John si chiude in un laconico riserbo, Lyle fa di tutto per apparire disinvolto. Il suo ultimo libro, in cui descrive la pittura contemporanea come «un'arte moribonda», ha avuto un successo di pubblico inaspettato, e grazie all’adorazione del giovane Robert si è di nuovo attaccato «alla speranza, al­l’at­tesa, al­l’idea che la sua vita stia per cambiare». Eppure, come Lyle imparerà a proprie spese, «lo scorrere dei giorni leviga il dolore ma non lo consuma: quello che il tempo si porta via è andato, e poi si resta con un qualcosa di freddo e duro, un souvenir che non si perde mai». È infatti nelle situazioni più ordinarie – una cena in giardino, una nuotata nel fiume accanto alla casa – che l'assen­za di Tony si fa insopportabile, costringendo i tre amici a sollevare il velo di falsa naturalezza che maschera ansie ine­spresse e antichi dolori. Anche in questo romanzo avvolgente Cameron si mostra come pochi capace di dosare satira e introspezione, per condurci fino a quel luogo della coscienza dove si celano le domande più dure, sull’im­possibilità di conoscere una persona come sulla incerta base dei rapporti sociali.

IL WEEKEND

Cameron Peter

Le ferite dell'anima sono le più difficili da risanare. Lo sa bene Aurora Scalviati, profiler in un commissariato della provincia emiliana con un doloroso passato alle spalle. Per questo ha accettato di raccontare la sua storia alla conferenza del professor Menni, tra i massimi esperti di disturbi post-traumatici. Ed è proprio qui che Aurora incontra una misteriosa ragazza dai lunghi capelli neri che le rivolge una singolare domanda: «Credi che si possa davvero uscire dal buio?». Un quesito che di lì a poco si trasforma in un testamento, perché la giovane si toglie la vita gettandosi dalla torre del palazzo, sotto gli occhi terrorizzati dei presenti. Un caso archiviato rapidamente come suicidio, ma Aurora non ci vede chiaro ed è ossessionata dalle parole della sconosciuta: un'ultima disperata richiesta di aiuto? Avrebbe potuto fare qualcosa per salvarla? Non c'è tempo però per i sensi di colpa: il ritrovamento di un cadavere orrendamente sfigurato, su una secca in riva al Po, la costringe a rivedere le sue priorità. L'unico indizio è la fotografia di una bambina, che la vittima conservava come un sinistro trofeo. È l'inizio di una caccia serrata a un serial killer feroce, inafferrabile come lo spauracchio di una leggenda popolare raccontata in quelle valli per tenere buoni i più piccoli: il Grigione, che strappa il volto delle sue vittime dopo aver danzato con le loro paure. Aurora sa di non poter fare tutto da sola: ha bisogno di riunire la sua vecchia squadra, i Reietti. Ma quando Bruno e Silvia le voltano le spalle, l'unico interlocutore rimane l'enigmatico Curzi...

L’ultima notte di Aurora

Baraldi Barbara

Otto capitoli, otto storie, un ritratto unico dell'Italia di oggi firmato dall'autore del bestseller internazionale Gomorra. Roberto Saviano scava dentro alcune delle ferite vecchie e nuove che affliggono il nostro Paese. Il mancato riconoscimento del valore dell'Unità nazionale, il subdolo meccanismo della macchina del fango, l’espansione della criminalità organizzata al Nord, l'infinita emergenza rifiuti a Napoli, le troppe tragedie annunciate. Accanto alla denuncia c’è anche il racconto – commosso e ammirato – di vite vissute con onestà e coraggio: la sfida senz'armi di don Giacomo Panizza alla ’ndrangheta calabrese, la lotta di Piergiorgio Welby in nome della vita e del diritto, la difesa della Costituzione di Piero Calamandrei. Esempi su cui possiamo ancora contare per risollevarci e costruire un’Italia diversa. Ideato e condotto da Roberto Saviano e Fabio Fazio, Vieni via con me è stato l'evento televisivo dell’anno, più seguito delle partite di Champions League e dei reality show. Ora Vieni via con me è un libro che rende di nuovo accessibili al pubblico queste storie in una forma ampiamente rivista e arricchita. Facendole diventare, ancora una volta, storie di tutti.

Vieni via con me

Saviano Roberto