Narrativa

Mr Vertigo

Auster Paul

Descrizione: Walt è un povero orfano senza futuro nella St.Louis degli anni Venti, ma possiede un dono naturale, e trova qualcuno deciso a sfruttarlo. Maestro Yehudi, mezzo stregone e mezzo ciarlatano, è l'ebreo ungherese che in tanti anni di duro tirocinio gli insegnerà la meravigliosa arte di volare facendo di lui un'attrazione da circo. Nelle sue peregrinazioni il bambino volante si ritrova tra incursioni del Ku Klux Klan, storie di gangster, giocatori di baseball e, nella Chicago degli anni Trenta, finisce con l'aprire un locale destinato a diventare famoso, il Mr Vertigo. Finché un giorno Walt ritorna normale e smette di essere un fenomeno. Ed è allora che il destino si compie in tutta la sua grandezza: riconoscendo nella storia di Dizzie Dean, campione in declino che non sa smettere di giocare, la propria storia, Walt comprende che importante non è solo volare ma anche capire quando si deve tornare a terra e vivere con dignità la vita di ogni uomo, del più anonimo e banale degli uomini.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili scrittori

Anno: 2006

ISBN: 9788806181307

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

C’era una volta Walt, il bambino prodigio che sapeva volare….. potrebbe benissimo risultare l’incipit di una fiaba ma, sostanzialmente, sintetizza anche la trama di “Mr Vertigo”, questo bellissimo libro di Paul Auster. In effetti  Walter Rawley è un giovane orfano ribelle, polemico e reietto. Un bel giorno decide di dare una svolta alla propria vita seguendo il maestro Yehudi, ungherese di origine ebraica, un po’ mago e un po’ stregone, che lo prende sotto la sua ala protettrice, diventa il suo secondo padre e soprattutto gli insegna a volare. Per Walt non sarà facile apprendere l’arte del volo. La strada da percorrere risulterà irta di pericoli, ma alla fine dopo lunghi patimenti e privazioni diventerà un bambino prodigio capace di levitare da terra e librarsi nell’etere; un’autentica attrazione itinerante che viaggerà lungo gli Stati Uniti d’America di città in città, di teatro in teatro, per svelare al mondo incredulo le sue meravigliose doti.

Mr Vertigo è da interpretare come romanzo di crescita e formazione. Walt apprende l’arte del volo e, allo stesso tempo, impara a conoscere la vita e le sue difficoltà. Comprende che per ottenere qualcosa di importante servono sacrifici perché nessuno ti regala niente, ma soprattutto impara ad amare, capisce cosa significa avere una famiglia. Il maestro Yehudi è come un secondo padre, una donna pellerossa chiamata Mamma Sioux fa le veci di madre, un ragazzino di colore di nome Esopo è un vero fratello, mentre Mrs Whiterspoon è un’amica, un punto di riferimento, sempre pronta a tendergli la mano e ad accorrere in suo aiuto. Anche se si tratta di un’opera (più o meno) fiabesca, il significato è piuttosto profondo in quanto il percorso di Walt è tutto sommato molto simile a quello di un qualsiasi individuo che cerca di dare un senso alla propria esistenza e capire cosa fare da grande, trovando il coraggio di accettare la normalità (a volte perfino banale) del vivere quotidiano una volta che si sono esauriti i sogni dell’infanzia e dell’adolescenza.

Con una scrittura molto diretta, semplice e incisiva, distante dallo stile più onirico e surreale del precedente romanzo “Trilogia di New York“, Auster colloca sullo sfondo della narrazione l’America degli anni trenta e i personaggi si muovono come attori tra la “Grande Depressione”, la presenza del Ku-Klux-Klan e la malavita organizzata nella città di Chicago.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paul

Auster

Libri dallo stesso autore

Intervista a Auster Paul

Germania, 1943. Hans Heigel, ufficiale di complemento delle SS nella piccola cittadina di Osnabrück, non comprende né condivide l'aggressività con cui il suo Paese si è rialzato dalla prima guerra mondiale; eppure, il timore di ritorsioni sulla propria famiglia e la vita nel piccolo centro, lontana dagli orrori del fronte e dei campi di concentramento, l'hanno convinto a tenere per sé i suoi pensieri, sospingendolo verso una silenziosa convivenza anche con le politiche più aberranti del Reich. Più importante è occuparsi della moglie Ingrid e, soprattutto, dell'amatissima figlia Hanne. Fino a che punto un essere umano può, però, mettere da parte i propri valori per un grigio quieto vivere? Hans lo scopre quando la più terribile delle tragedie che possono capitare a un padre si abbatte su di lui, e contemporaneamente scopre di essere stato destinato al campo di sterminio di Sobibór. Chiudere gli occhi di fronte ai peccati terribili di cui la Germania si sta macchiando diventa d'un tratto impossibile... soprattutto quando tra i prigionieri destinati alle camere a gas incontra Leah, una bambina ebrea che somiglia come una goccia d'acqua a sua figlia Hanne. Fino a che punto un essere umano può spingersi pur di proteggere chi gli sta a cuore? Giorno dopo giorno, Hans si ritrova a escogitare sempre nuovi stratagemmi pur di strappare una prigioniera a un destino già segnato, ingannando i suoi commilitoni, prendendo decisioni terribili, destinate a perseguitarlo per sempre, rischiando la sua stessa vita... Tutto, pur di non perdere un'altra volta ciò che di più caro ha al mondo...

La bambina e il nazista

Forte Franco, Bonfiglioli Scilla

Cosa si mangiava nel Medioevo? E perché? Cosa è rimasto di tutto ciò nell'alimentazione di oggi? La storia del cibo è una storia affascinante perché, come quella del pensiero, ricca di scoperte e di imprese anonime, ma non per questo meno importanti. Dall'alimentazione romana alla corale conversione del mondo mediterraneo verso la carne, si rende in questo libro pian piano evidente come gli uomini si adattino spesso e con rapidità a cambiare i loro gusti. Una curiosa e interessante vicenda collettiva che ci trascina fino ad approdare al Medioevo,tra gusti, odori e aspetti del cibo e dell'umanità sempre diversi.

Alighieri passatemi il sale

Pischedda Anna

Senso è la storia di una relazione, di un tradimento, di un inganno, di una vendetta, sullo sfondo della terza guerra di indipendenza. Racconto insolito, che andrà incontro a un altrettanto insolito destino, ripropone l'intelaiatura del melodramma ma ne snatura implicitamente i contenuti e gli effetti; dissacra le certezze morali e le illusioni sentimentali; destabilizza le attese e spiazza il lettore. Viene a lungo trascurato dalla critica e dal pubblico: è il film di Luchino Visconti con Alida Valli e Farley Granger ad assicurargli un'inattesa notorietà, peraltro alterandone radicalmente la prospettiva storica e l'impianto drammatico. L'analisi proposta da Clotilde Bertoni si inoltra nelle dissonanze del testo letterario, per poi metterlo in parallelo con il film, illuminandone le diverse peculiarità.

Senso

Boito Camillo

“Non ti aspetteresti di sentire anche dopo. Eppure la musica continua a uscire dall'autoradio, attraverso le lamiere fumanti. E Mia continua a sentirla, mentre vede se stessa sul ciglio della strada e i genitori poco più in là, uccisi dall'impatto con il camion. Mia è in coma, ma la sua mente vede, soffre, ragiona e, soprattutto, ricorda. La passione per il violoncello ie il sogno di diventare una grande musicista, l'ironia implacabile di Kim e la scazzottata che ha inaugurato la loro amicizia, l'amore di un ragazzo che sta per diventare una rockstar e la prima volta che, tra le sue mani, si è sentita vibrare come un delicato strumento. Ma ricorda anche quello che non troverà al suo risveglio: la tenerezza arruffata di suo padre, la grinta di sua madre, la vivacità del piccolo Teddy, l'emozione di vivere ogni giorno in una famiglia di ex batteristi punk e indomabili femministe. A tanta vita non si può rinunciare. Ma cosa rimane di lei, adesso, per cui valga la pena restare anche domani?”

Resta anche domani

Forman Gayle