Narrativa

MUOIO DALLA VOGLIA DI CONOSCERTI

Chambers Aidan

Descrizione: Quando Karl bussa alla porta di un famoso scrittore anziano per chiedergli aiuto, quest'ultimo d'istinto lo respinge, preso com'è dal lutto per la morte della moglie. Ma Karl è persuasivo, oltre che insistente: ha bisogno della sua complicità per far capire a Fiorella, la ragazza di cui è innamorato, gran lettrice e fan dello scrittore, che è in grado di esprimersi con le parole. Cosa per lui difficile, dal momento che ha lasciato la scuola (fa l'idraulico) e si porta dietro gli strascichi di una profonda sfiducia in se stesso. La sfida segreta per la conquista di Fiorella crea fra i due un legame d'amicizia sempre più forte, che aiuterà il vecchio a riemergere dalla depressione e il ragazzo a trovare la sua strada nel mondo, anche se questo vuol dire rinunciare alla ragazza dei suoi sogni.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Narrativa Ragazzi

Anno: 2012

ISBN: 9788817057318

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

 

La simbiosi è un fenomeno naturale: “Per simbiosi in ecologia si intende un’interazione biologica piuttosto intima, di lungo termine, fra due o più organismi. Le interazione influiscono sulla densità delle popolazioni, e quindi possono essere positive (+) se l’aumentano, negative (-) se la diminuiscono e neutrali (0) se né l’aumentano né la diminuiscono” (è la solita Wkipedia che parla!).
Senza entrare troppo negli aspetti tecnici della questione, a me piace pensare ad alcune forme particolarmente estetiche di questo fenomeno. Tipo il pesce pagliaccio con l’anemone di mare o il corallo con alcune alghe.

Questa premessa semplicemente per dire che una simbiosi può essere anche l’oggetto di un romanzo.

In “Muoio dalla voglia di conoscerti” di Aidan Chambers, autore già insignito dell’Hans Christian Andersen Award (il Nobel della letteratura per ragazzi) il rapporto simbiotico è tra un ottuagenario scrittore e Karl, un diciottenne idraulico, che si rivolge all’anziano artista per essere aiutato a scrivere lettere d’amore alla propria ragazza. Perché è dislessico (“Faccio fatica a scrivere … Le cose si confondono. Non solo le lettere e le parole. Anche le frasi e i pensieri. Succede qualcosa tra ciò che ho dentro la testa e ciò che viene fuori quando cerco di scriverlo”).

E le motivazioni dello scrittore quali sono? “… Aiutarlo era come aiutare me stesso alla sua età e aiutare me stesso con le mie difficoltà”. Oltretutto, l’anziano autore si trova – dalla morte dell’amata moglie – nel bel mezzo di una crisi creativa (“Solo due cose sono sempre state veramente importanti per me. La nostra vita insieme e scrivere romanzi … Le avevo perse tutte e due”), che pensa di risolvere anche grazie a Karl. E, come in ogni simbiosi che si rispetti, il risultato è un vantaggio reciproco. Per lo scrittore, uomo in cui la dimensione esistenziale (“La vita non è come un romanzo, ma un romanzo può essere come la vita”) e letteraria si fondono (“Mi domandai che cosa avrei fatto se fosse stato uno dei miei romanzi … per spingere in avanti la trama …”), il beneficio è lo sblocco dall’impasse creativo.

Per Karl, il vantaggio è la scoperta della scultura e il desiderio di reinterpretarla.

Ma, se possibile, tra i due protagonisti c’è qualcosa che supera la simbiosi. È la sintesi della sintesi: l’opera, che rappresenta un vantaggio esponenziale. “Ero commosso ed entusiasta da come aveva combinato la sua passione per la pesca con la mia passione per le parole, e l’idea che scrivere sia come pescare, e come aveva dato alla scultura un’utilità pratica che comprendeva la vita naturale.”

Ho amato davvero questo romanzo. Mi è spiaciuto chiuderlo, dopo averne letto l’ultima pagina. Per gli spunti positivi e costruttivi che offre. E perché non è soltanto dialogato: di più, è dialogatissimo, scorrevole, veloce. Proprio come piace a …

 

… Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aidan

Chambers

Libri dallo stesso autore

Intervista a Chambers Aidan

Cape May, New Jersey, autunno 1986. Un uomo siede nella veranda di una casa che si affaccia sulla baia del Delaware. Vent'anni addietro è stato un musicista "quasi" famoso e, per un tempo brevissimo, ha assaporato l'inebriante essenza della celebrità, prima di rendersi conto di avere altre aspirazioni, di voler percorrere un sentiero solitario per raggiungere il proprio "paradiso". Per anni si è lasciato scivolare addosso le opportunità e le illusioni dell'esistenza, ha aspettato, sicuro che, alla fine, la "grande occasione" si sarebbe presentata. Ed è proprio ciò che è accaduto, alcune ore prima: all'improvviso, la porta del paradiso si è socchiusa. Lei si è finalmente accorta dei suoi innumerevoli messaggi ed è andata a cercarlo: è arrivata fin lì, gli ha parlato, gli ha dato un appuntamento. S'incontreranno alle undici del giorno dopo nella piccola stazione di Cape May: è da lì che inizierà il suo viaggio verso il futuro. Adesso lui deve soltanto sistemare alcune cose e "far passare la notte": domattina ci saranno soltanto la strada lungo il mare, la ricerca di un parcheggio, la stazione, i binari, una locomotiva e... lei. Sì, lei.

DOVE IO NON SONO

D'Amico Ilaria

Infanzia e adolescenza costituiscono la trama quasi romanzesca di Memorie d'una ragazza perbene, prima parte dell'autobiografia di Simone de Beauvoir. Le tappe obbligate d'una educazione sentimentale, l'inevitabile scontro con la famiglia e l'ambiente sociale dell'alta borghesia francese conservatrice e bigotta, i meschini pregiudizi d'un mondo in declino insieme con i primi dubbi, i contrasti sentimentali, le tensioni, accompagnano il lungo viaggio verso la conquista di sé, fino agli anni dell'università e l'incontro con alcune tra le piú note figure della cultura francese, da Simone Weil a Raymond Aron, da Merleau-Ponty a Roger Vailland e Jean-Paul Sartre.

MEMORIE DI UNA RAGAZZA PERBENE

De Beauvoir Simone

L’omicidio Carosino

De Giovanni Maurizio

Questa è la quarta avventura per l'investigatrice Stella Spada, apparsa sulla scena con "L'Ombra della Stella", ritrovata poi in "Terra alla Terra" e nel più recente "Grigio come il Sangue". Stella chiude alcuni casi sul territorio bolognese e per la prima volta esce dalla sua città. Non va molto lontano ma per lei è come emigrare. Si reca a Duemondi, un paese dell'entroterra Comacchiese, dove il sindaco Elisa Onofri la ingaggia per cercare il figlio che a otto anni, mentre stava giocando a nascondino con alcuni amici nei pressi di un rudere, è sparito senza lasciare traccia. Sono passati due anni da allora e la Polizia sta ancora indagando, il Sindaco però spera che Stella abbia qualche intuizione in più rispetto quelle degli inquirenti. E Stella come sempre finirà per avere l'intuizione giusta, investigando con il suo sistema così personale. Nel romanzo ritroviamo personaggi vecchi e nuovi, tutti però contribuiscono a creare l'atmosfera, sempre un po' surreale e grottesca, in cui si muove Stella Spada.

L’orecchio del diavolo

Lusetti Lorena