Narrativa

MUOIO DALLA VOGLIA DI CONOSCERTI

Chambers Aidan

Descrizione: Quando Karl bussa alla porta di un famoso scrittore anziano per chiedergli aiuto, quest'ultimo d'istinto lo respinge, preso com'è dal lutto per la morte della moglie. Ma Karl è persuasivo, oltre che insistente: ha bisogno della sua complicità per far capire a Fiorella, la ragazza di cui è innamorato, gran lettrice e fan dello scrittore, che è in grado di esprimersi con le parole. Cosa per lui difficile, dal momento che ha lasciato la scuola (fa l'idraulico) e si porta dietro gli strascichi di una profonda sfiducia in se stesso. La sfida segreta per la conquista di Fiorella crea fra i due un legame d'amicizia sempre più forte, che aiuterà il vecchio a riemergere dalla depressione e il ragazzo a trovare la sua strada nel mondo, anche se questo vuol dire rinunciare alla ragazza dei suoi sogni.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Narrativa Ragazzi

Anno: 2012

ISBN: 9788817057318

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

 

La simbiosi è un fenomeno naturale: “Per simbiosi in ecologia si intende un’interazione biologica piuttosto intima, di lungo termine, fra due o più organismi. Le interazione influiscono sulla densità delle popolazioni, e quindi possono essere positive (+) se l’aumentano, negative (-) se la diminuiscono e neutrali (0) se né l’aumentano né la diminuiscono” (è la solita Wkipedia che parla!).
Senza entrare troppo negli aspetti tecnici della questione, a me piace pensare ad alcune forme particolarmente estetiche di questo fenomeno. Tipo il pesce pagliaccio con l’anemone di mare o il corallo con alcune alghe.

Questa premessa semplicemente per dire che una simbiosi può essere anche l’oggetto di un romanzo.

In “Muoio dalla voglia di conoscerti” di Aidan Chambers, autore già insignito dell’Hans Christian Andersen Award (il Nobel della letteratura per ragazzi) il rapporto simbiotico è tra un ottuagenario scrittore e Karl, un diciottenne idraulico, che si rivolge all’anziano artista per essere aiutato a scrivere lettere d’amore alla propria ragazza. Perché è dislessico (“Faccio fatica a scrivere … Le cose si confondono. Non solo le lettere e le parole. Anche le frasi e i pensieri. Succede qualcosa tra ciò che ho dentro la testa e ciò che viene fuori quando cerco di scriverlo”).

E le motivazioni dello scrittore quali sono? “… Aiutarlo era come aiutare me stesso alla sua età e aiutare me stesso con le mie difficoltà”. Oltretutto, l’anziano autore si trova – dalla morte dell’amata moglie – nel bel mezzo di una crisi creativa (“Solo due cose sono sempre state veramente importanti per me. La nostra vita insieme e scrivere romanzi … Le avevo perse tutte e due”), che pensa di risolvere anche grazie a Karl. E, come in ogni simbiosi che si rispetti, il risultato è un vantaggio reciproco. Per lo scrittore, uomo in cui la dimensione esistenziale (“La vita non è come un romanzo, ma un romanzo può essere come la vita”) e letteraria si fondono (“Mi domandai che cosa avrei fatto se fosse stato uno dei miei romanzi … per spingere in avanti la trama …”), il beneficio è lo sblocco dall’impasse creativo.

Per Karl, il vantaggio è la scoperta della scultura e il desiderio di reinterpretarla.

Ma, se possibile, tra i due protagonisti c’è qualcosa che supera la simbiosi. È la sintesi della sintesi: l’opera, che rappresenta un vantaggio esponenziale. “Ero commosso ed entusiasta da come aveva combinato la sua passione per la pesca con la mia passione per le parole, e l’idea che scrivere sia come pescare, e come aveva dato alla scultura un’utilità pratica che comprendeva la vita naturale.”

Ho amato davvero questo romanzo. Mi è spiaciuto chiuderlo, dopo averne letto l’ultima pagina. Per gli spunti positivi e costruttivi che offre. E perché non è soltanto dialogato: di più, è dialogatissimo, scorrevole, veloce. Proprio come piace a …

 

… Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aidan

Chambers

Libri dallo stesso autore

Intervista a Chambers Aidan


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Virus

Canassa Vigliani Alessandro

Aprire un cassetto, una scatolina rossa, una bella cassapanca coi piedi di leone, un'angoliera - tutti oggetti che stavano nella vecchia casa di famiglia - e trovarci dentro "un richiamo come all'indietro". Un richiamo a un passato ricevuto in eredità ma di cui il cinquantenne Ugo ha solo pochi ricordi: la casa di Guzzano, un tempo piena di vita ma già vuota dopo la sua nascita, già solamente casa di vacanze, e poi la zia Bruna, la zia Maria, la zia Fila, il nonno, lo zio Renato, lo zio Arrigo... Di fronte a questo vuoto, a questo buco impossibile da riempire ma che è ormai necessario attraversare, Ugo non può che inventarsi il proprio modo per creare "un piccolo centro d'ordine in mezzo alle forze del caos". E il modo che si inventa è raccontare. Allora ecco che dal passato sorgono frammenti, piccole avventure, le corse in macchina con il nonno, l'aia di notte, il favo dei calabroni nel sottotetto, l'amore alla falsa diga del Limentra, visi in penombra, frasi che ritornano, che non si è mai finito, sembra ieri, forza e coraggio. Ma soprattutto emozioni, piccole angosce, malinconie, un po' di sollievo. Sennonché chi racconta ha l'abitudine di evitare, di scantonare, di "slaterare", perciò alle emozioni sigillate dentro a quei cassetti antichi arriva piano e slaterando, appunto, parlando di chi ha conosciuto appena per arrivare infine alla perdita dei genitori: allo smantellamento degli affetti più cari.

Buchi

Cornia Ugo

Zorba il greco, lo straordinario romanzo di Nikos Kazantzakis, da cui è stato tratto il fortunato film con Anthony Quinn e Irene Papas, proposto per la prima volta ai lettori italiani in versione integrale, nella traduzione dal greco di Nicola Crocetti. Un romanzo formidabile. La storia di un uomo che ha vissuto ogni momento all'altezza del proprio desiderio. Un libro pieno di vita.

Zorba il greco

Kazantzakis Nikos

Domande e risposte con Emma Cleave: il PEN come sceglie i libri da supportare?