Narrativa

MUOIO DALLA VOGLIA DI CONOSCERTI

Chambers Aidan

Descrizione: Quando Karl bussa alla porta di un famoso scrittore anziano per chiedergli aiuto, quest'ultimo d'istinto lo respinge, preso com'è dal lutto per la morte della moglie. Ma Karl è persuasivo, oltre che insistente: ha bisogno della sua complicità per far capire a Fiorella, la ragazza di cui è innamorato, gran lettrice e fan dello scrittore, che è in grado di esprimersi con le parole. Cosa per lui difficile, dal momento che ha lasciato la scuola (fa l'idraulico) e si porta dietro gli strascichi di una profonda sfiducia in se stesso. La sfida segreta per la conquista di Fiorella crea fra i due un legame d'amicizia sempre più forte, che aiuterà il vecchio a riemergere dalla depressione e il ragazzo a trovare la sua strada nel mondo, anche se questo vuol dire rinunciare alla ragazza dei suoi sogni.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Narrativa Ragazzi

Anno: 2012

ISBN: 9788817057318

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

 

La simbiosi è un fenomeno naturale: “Per simbiosi in ecologia si intende un’interazione biologica piuttosto intima, di lungo termine, fra due o più organismi. Le interazione influiscono sulla densità delle popolazioni, e quindi possono essere positive (+) se l’aumentano, negative (-) se la diminuiscono e neutrali (0) se né l’aumentano né la diminuiscono” (è la solita Wkipedia che parla!).
Senza entrare troppo negli aspetti tecnici della questione, a me piace pensare ad alcune forme particolarmente estetiche di questo fenomeno. Tipo il pesce pagliaccio con l’anemone di mare o il corallo con alcune alghe.

Questa premessa semplicemente per dire che una simbiosi può essere anche l’oggetto di un romanzo.

In “Muoio dalla voglia di conoscerti” di Aidan Chambers, autore già insignito dell’Hans Christian Andersen Award (il Nobel della letteratura per ragazzi) il rapporto simbiotico è tra un ottuagenario scrittore e Karl, un diciottenne idraulico, che si rivolge all’anziano artista per essere aiutato a scrivere lettere d’amore alla propria ragazza. Perché è dislessico (“Faccio fatica a scrivere … Le cose si confondono. Non solo le lettere e le parole. Anche le frasi e i pensieri. Succede qualcosa tra ciò che ho dentro la testa e ciò che viene fuori quando cerco di scriverlo”).

E le motivazioni dello scrittore quali sono? “… Aiutarlo era come aiutare me stesso alla sua età e aiutare me stesso con le mie difficoltà”. Oltretutto, l’anziano autore si trova – dalla morte dell’amata moglie – nel bel mezzo di una crisi creativa (“Solo due cose sono sempre state veramente importanti per me. La nostra vita insieme e scrivere romanzi … Le avevo perse tutte e due”), che pensa di risolvere anche grazie a Karl. E, come in ogni simbiosi che si rispetti, il risultato è un vantaggio reciproco. Per lo scrittore, uomo in cui la dimensione esistenziale (“La vita non è come un romanzo, ma un romanzo può essere come la vita”) e letteraria si fondono (“Mi domandai che cosa avrei fatto se fosse stato uno dei miei romanzi … per spingere in avanti la trama …”), il beneficio è lo sblocco dall’impasse creativo.

Per Karl, il vantaggio è la scoperta della scultura e il desiderio di reinterpretarla.

Ma, se possibile, tra i due protagonisti c’è qualcosa che supera la simbiosi. È la sintesi della sintesi: l’opera, che rappresenta un vantaggio esponenziale. “Ero commosso ed entusiasta da come aveva combinato la sua passione per la pesca con la mia passione per le parole, e l’idea che scrivere sia come pescare, e come aveva dato alla scultura un’utilità pratica che comprendeva la vita naturale.”

Ho amato davvero questo romanzo. Mi è spiaciuto chiuderlo, dopo averne letto l’ultima pagina. Per gli spunti positivi e costruttivi che offre. E perché non è soltanto dialogato: di più, è dialogatissimo, scorrevole, veloce. Proprio come piace a …

 

… Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aidan

Chambers

Libri dallo stesso autore

Intervista a Chambers Aidan


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Allora, io ho avuto un grave incidente mi è bruciata la macchina io c'ero dentro. Mi dispiace molto per la mia macchina. Bruciata distrutta rottamata." - "Puoi abbassare il braccio, che non ci arrivo, infilarti l'ago? mi ha chiesto un'infermiera qua l'altro giorno.Non è colpa mia se sei bassa, le ho risposto. lo che di solito son sempre così gentile. lo qui bisogna mettere a posto le cose ho pensato. Ricominciamo a scrivere, intanto."

GRANDI USTIONATI

Nori Paolo

Un’isola stupenda, avviata alla totale indipendenza energetica, alla piena ecosostenibilità, che già vive nella società all’idrogeno decide di utilizzare la scoperta di un giovane ricercatore italiano emigrato in California: una tecnologia solare dal rendimento eccezionale e dall’impatto visivo nullo. Quest’isola è la Corsica del 2025. Situazione opposta in Italia, dove la sua innovazione è duramente osteggiata da un sistema che ha scommesso sul nucleare e che non tollera deviazioni, forte del supporto della“democrazia continuativa”. La vita per l’inventore diventa difficile, oggetto di attenzioni sgradite. Ma il giovane ed i suoi amici non si danno per vinti e riescono a mettere in ridicolo il sistema energetico italiano, evidenziandone le debolezze strutturali, e a comunicare attraverso i media in maniera inaspettata e devastante, creando una situazione esplosiva.

2025 BLACKOUT

Riva Renato

È un mattino di pioggia gelida quello in cui Fortuna torna a casa. Sono passati dieci anni dall’ultima volta, ma Roccachiara è rimasto uguale a un tempo: un paesino abbarbicato alle montagne e a precipizio su un lago, le cui acque sembrano inghiottire la luce del sole. Fortuna pensava di essere riuscita a scappare, di aver finalmente lasciato il passato alle spalle, spezzato i legami con ciò che resta della sua famiglia per rinascere a nuova vita, lontano. Ma nessun segreto può resistere all’erosione dell’acqua nera del lago. A richiamarla a Roccachiara è un ritrovamento, nel profondo del bosco, che potrebbe spiegare l’improvvisa scomparsa della sua migliore amica, Luce. O forse, a costringerla a quel ritorno è la forza invisibile che, nonostante tutto e tutti, ha sempre unito la sua famiglia: tre generazioni di donne tenaci e coraggiose, ognuna a suo modo. E forse, questa volta, è giunta l’ora che Fortuna dipani i segreti nascosti nella storia della sua famiglia. Forse è ora che capisca qual è la natura di quella forza invisibile, per riuscire a darle un nome. Sperando che si chiami amore.

ACQUANERA

D'Urbano Valentina

Araba e colta, la protagonista è una scrittrice nata e cresciuta a Damasco, poi trasferitasi a Parigi dove lavora all’università e si occupa della biblioteca del dipartimento di Arabistica. Nella sua vita c’è stato un uomo fondamentale, un uomo che le ha aperto un mondo prima sconosciuto, erotico, carnale, pornografico. La passione per il corpo diventa passione per la parola: clandestine, come i suoi incontri amorosi, sono le letture rapinose dei testi di letteratura erotica araba antica. Il Corano stesso si rivela un trattato sul piacere sessuale e perfino le famigerate fatwàt assumono un’ambiguità che sembra lasciare spazio al piacere. I ricordi dell’infanzia siriana, le memorie di un mondo degli adulti complesso e contorto, fatto di segreti, tradimenti e passioni, le chiacchiere femminili negli hammam, le confidenze delle amiche, tutto diventa materia di una ricerca dentro il mistero fascinoso della carne, di una via della conoscenza che fa appunto del corpo e non dello spirito il mezzo e il fine della ricerca stessa. E Salwa al-Neimi – o la protagonista – intraprende questo percorso proprio perché si sente figlia orgogliosa di un universo culturale profondamente arabo. Ribalta i luoghi comuni sul rapporto tra sesso e Islam, e mostra come nella tradizione araba il piacere sessuale non sia un peccato ma una grazia di Dio, un “assaggio”, un “memento” dei piaceri che ci attendono in paradiso.

LA PROVA DEL MIELE

Al-Neimi Salwa