Narrativa

Il museo delle penultime cose di Massimiliano Boni

Boni Massimiliano

Descrizione: In un futuro non troppo lontano, tutti i sopravvissuti alle deportazioni nazifasciste sono ormai scomparsi e l'Italia è scossa da un rigurgito antisemita. In un clima ostile, Pacifico Lattes, giovane studioso del museo della Shoah di Roma, prepara un'importante mostra sugli ultimi superstiti ai campi di concentramento. Il suo minuzioso lavoro di archiviazione e conservazione però, svolto per anni dietro a una scrivania, sembra improvvisamente crollare di fronte alla notizia della possibile esistenza di un sopravvissuto ancora in vita: tra le mura di una casa di riposo di Tor Sapienza, infatti, ce Attilio Amati, novantottenne aspro e taciturno custode di un segreto all'apparenza inconcepibile. Dall'incontro tra Attilio e Pacifico, dapprima scettico nei confronti di un vecchio il cui nome non compare sulle liste dei deportati, inizia una ricerca difficile e ostinata, un confronto serrato che porterà entrambi a riconoscersi nella dolorosa esperienza dell'altro. Un gioco inestricabile di scambi e silenzi che nasconde una drammatica «scelta di Sophie», un terribile segreto legato alla travagliata esperienza del lager.

Categoria: Narrativa

Editore: 66THAND2ND

Collana: Bazar

Anno: 2017

ISBN: 9788898970797

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Il terzo romanzo di Massimiliano Boni, Il museo delle penultime cose, è un viaggio trasversale dove passato, presente e futuro convergono in una dimensione dove il tempo non conta e dove il filo conduttore è la memoria. Ricordare e comportarsi di conseguenza: su questo i personaggi costruiscono un intreccio di eventi e sensazioni profonde, viscerali e sconvolgenti che non possono lasciare indifferenti.

Al centro della vicenda un museo, quello della Shoà nella Roma del 2030, con un percorso che è un discendere a ritroso nel dramma dei campi di concentramento attraverso immagini e storie di chi c’è stato e che è diventato testimonianza da tenere viva.

All’interno della quiete patinata della storia tradizionale irrompe ad un certo punto il vecchio Attilio, un probabile sopravvissuto ancora vivo, che nasconde un segreto che lui stesso non riesce a confessare. Ecco allora che con lui e con il rapporto che costruisce con Pacifico emerge un aspetto nuovo di quei fatti, nasce uno struggimento tutto umano per quelle atrocità, uno strazio vero sulla pelle di chi ha subito quegli episodi, anche se solo passati di striscio e da cui, in qualche modo, si crede ormai salvo. Ma questa è solo una illusione perché proprio le vicende del protagonista, Pacifico, dimostrano che in realtà non ci si salva comunque, perché è come se quel destino rimanesse appiccicato addosso in modo indelebile per via dei pregiudizi degli altri e anche della propria paura di dimenticare.

Il romanzo di Massimiliano Boni procede con un ritmo incalzante e trascina quasi con prepotenza. Il lettore è costretto a entrare nel vivo delle vicende vissute dai personaggi grazie a uno stile narrativo efficace che accompagna fino alla conclusione sorprendente. Alla fine ognuno ha la possibilità di scegliere una soluzione o l’oblio e questa potrebbe essere la chiave di volta per affrontare il futuro.

Sorge però spontanea una curiosità sul titolo, perché il museo è delle penultime cose? Il riferimento a qualcosa di non ultimo sottolinea forse il possibile avvento di una novità, che potrebbe essere Attilio, un tassello inaspettato della storia in generale e della vicenda del romanzo in particolare. Forse nel museo c’è ancora spazio simbolico e reale per qualcosa di diverso, un misto di memoria e crescita, che possa riconciliare la storia del passato con quello che verrà. E potrebbe dipendere da tutti noi, da chi ha vissuto in qualche modo quelle vicende e da chi le ha solo sentite raccontare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Massimiliano

Boni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Boni Massimiliano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il creatore di ‘Barbatoze’ parla dello stato attuale delle Graphic Novel in Egitto e i possibili sviluppi futuri

Chiedete a un uomo qualunque il segreto del suo successo. Molto probabilmente vi risponderà: quale successo? Non l'avvocato Giuseppe Ilario Sobreroni. Nessuna crisi, nessuna precarietà per lui, Giuseppe ce l'ha fatta: ha una famiglia ideale, un solido conto in banca, una carriera in ascesa. Ma proprio quando un'intervista in uscita sulla principale rivista di settore e l'invito al più esclusivo dei ricevimenti sono lì a decretare il suo trionfo, quel mondo così perfetto mostra tutte le sue crepe e, pezzo dopo pezzo, comincia a franare. Sprezzante e narcisista, Giuseppe non ha intenzione di rinunciare alla sua fetta di paradiso. A volte però, tenersi stretto il proprio posto sulla vetta può richiedere molto più di un po' di ambizione e qualche riga sul curriculum. In una Milano canicolare, popolata da un'umanità alla ricerca disperata di un modo per stare a galla o quantomeno di un parcheggio vicino al ristorante, Federico Baccomo allestisce una commedia caustica e brillante, per raccontare con spietata ironia il ghigno di un uomo che, pagina dopo pagina, ha sempre meno motivi per ridere.

LA GENTE CHE STA BENE

Baccomo Federico

Nel 1832 mentre il colera imperversa a New York, un uomo si aggira per la città fantasma, lottando contro gli spettri del proprio passato, mentre la morte si avvicina a passi felpati...Nel 1859, la vita del giovane rampollo di una ricca famiglia di Manhattan viene sconvolta dalla fulminante apparizione e dalla misteriosa sparizione di una modella irlandese... Nel 2001, una donna perseguitata dal fantasma dell'amante, morto negli attacchi contro le Torri gemelle, intreccia un'ambigua relazione con un avvocato nella cui mente si annidano pericolose turbe... Dal maestro delle atmosfere gotiche, tre raccontiche comunicano, attraverso enigmatici echi sotterranei, tre amori che sconfinano nella follia, uno sguardo inquieto sul volto segreto di New York.

La città fantasma

McGrath Patrick

Un sorriso in una lacrima

Eros Otto