Narrativa

Il museo delle penultime cose di Massimiliano Boni

Boni Massimiliano

Descrizione: In un futuro non troppo lontano, tutti i sopravvissuti alle deportazioni nazifasciste sono ormai scomparsi e l'Italia è scossa da un rigurgito antisemita. In un clima ostile, Pacifico Lattes, giovane studioso del museo della Shoah di Roma, prepara un'importante mostra sugli ultimi superstiti ai campi di concentramento. Il suo minuzioso lavoro di archiviazione e conservazione però, svolto per anni dietro a una scrivania, sembra improvvisamente crollare di fronte alla notizia della possibile esistenza di un sopravvissuto ancora in vita: tra le mura di una casa di riposo di Tor Sapienza, infatti, ce Attilio Amati, novantottenne aspro e taciturno custode di un segreto all'apparenza inconcepibile. Dall'incontro tra Attilio e Pacifico, dapprima scettico nei confronti di un vecchio il cui nome non compare sulle liste dei deportati, inizia una ricerca difficile e ostinata, un confronto serrato che porterà entrambi a riconoscersi nella dolorosa esperienza dell'altro. Un gioco inestricabile di scambi e silenzi che nasconde una drammatica «scelta di Sophie», un terribile segreto legato alla travagliata esperienza del lager.

Categoria: Narrativa

Editore: 66THAND2ND

Collana: Bazar

Anno: 2017

ISBN: 9788898970797

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Il terzo romanzo di Massimiliano Boni, Il museo delle penultime cose, è un viaggio trasversale dove passato, presente e futuro convergono in una dimensione dove il tempo non conta e dove il filo conduttore è la memoria. Ricordare e comportarsi di conseguenza: su questo i personaggi costruiscono un intreccio di eventi e sensazioni profonde, viscerali e sconvolgenti che non possono lasciare indifferenti.

Al centro della vicenda un museo, quello della Shoà nella Roma del 2030, con un percorso che è un discendere a ritroso nel dramma dei campi di concentramento attraverso immagini e storie di chi c’è stato e che è diventato testimonianza da tenere viva.

All’interno della quiete patinata della storia tradizionale irrompe ad un certo punto il vecchio Attilio, un probabile sopravvissuto ancora vivo, che nasconde un segreto che lui stesso non riesce a confessare. Ecco allora che con lui e con il rapporto che costruisce con Pacifico emerge un aspetto nuovo di quei fatti, nasce uno struggimento tutto umano per quelle atrocità, uno strazio vero sulla pelle di chi ha subito quegli episodi, anche se solo passati di striscio e da cui, in qualche modo, si crede ormai salvo. Ma questa è solo una illusione perché proprio le vicende del protagonista, Pacifico, dimostrano che in realtà non ci si salva comunque, perché è come se quel destino rimanesse appiccicato addosso in modo indelebile per via dei pregiudizi degli altri e anche della propria paura di dimenticare.

Il romanzo di Massimiliano Boni procede con un ritmo incalzante e trascina quasi con prepotenza. Il lettore è costretto a entrare nel vivo delle vicende vissute dai personaggi grazie a uno stile narrativo efficace che accompagna fino alla conclusione sorprendente. Alla fine ognuno ha la possibilità di scegliere una soluzione o l’oblio e questa potrebbe essere la chiave di volta per affrontare il futuro.

Sorge però spontanea una curiosità sul titolo, perché il museo è delle penultime cose? Il riferimento a qualcosa di non ultimo sottolinea forse il possibile avvento di una novità, che potrebbe essere Attilio, un tassello inaspettato della storia in generale e della vicenda del romanzo in particolare. Forse nel museo c’è ancora spazio simbolico e reale per qualcosa di diverso, un misto di memoria e crescita, che possa riconciliare la storia del passato con quello che verrà. E potrebbe dipendere da tutti noi, da chi ha vissuto in qualche modo quelle vicende e da chi le ha solo sentite raccontare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Massimiliano

Boni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Boni Massimiliano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

STROKES

Stefano Pitino

Un padre che rientra a casa dalla caserma in cui lavora, a Siracusa, e chiede alla moglie, impegnata a far quadrare i conti di casa cucinando piatti semplici: "Stasera cosa mangiamo, grilli?". E una ragazzina di tredici anni, alta, magra, con i capelli a caschetto, che fraintende lo scherzo e immagina un'invasione di insetti sulla tavola intorno alla quale siedono insieme a lei i fratelli Rosario, Beppe e Anna. Comincia così questo libro intimo, commovente, esilarante in cui Catena Fiorello racconta attraverso ricordi personali - legati ai sapori e ai profumi tipici della cucina siciliana e di una tradizione povera del gusto - la sua visione non soltanto dell'arte gastronomica, ma dei valori che si apprendono mangiando. Un libro per riscoprire l'incanto di stare insieme e di condividere il calore della tavola e della famiglia.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano

Fiorello Catena

William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato, mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita, per quasi quarantanni è infelicemente sposato alla stessa donna, ha sporadici contatti con l'amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo, per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l'autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto Stoner tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti. (Dalla postfazione di Peter Cameron)

Stoner

Williams John

Nadia Motta ha ventiquattro anni, nessun sogno e un'unica ambizione: il denaro. La sua vita da studentessa è solo una farsa, e i lavori occasionali piú disparati le permettono di tirare avanti. Perché preoccuparsi? Il futuro prima o poi le «verrà incontro da solo». E per quanto riguarda gli uomini? Faccende di poco conto. Se sua madre Stefi si definisce una «femminista storica» e crede di poterne fare a meno, lei è una «postfemminista»: inutile prenderli troppo sul serio, meglio puntare su un fidanzato con un bel lato «b» (babbeo), come Eros, che pensa di essere un grand'uomo ma gliela dà sempre vinta. Solo una cosa conta davvero, su questo Nadia non ha dubbi: i soldi, quella corrente che nasce chissà dove e spinge le nostre vicende in una direzione o nell'altra. E i soldi arrivano: Nadia vince ventuno milioni a una super lotteria, ritrovandosi da un giorno all'altro a dover maneggiare una cifra a sei zeri che solleverà le sue certezze come palloncini, fino a farle scoppiare in un mondo di traffici e avvocati, conti all'estero, misteri della finanza e amici dal lato «i» (quello intelligente) e dal lato «s» (quello stronzo) fin troppo sviluppati. Sola, e abbandonata a se stessa, Nadia sogna una città metafisica dove tutto è in svendita, piena di manichini sorridenti, castelli in aria e ruote panoramiche, e dove il Signore dei Saldi e dei Soldi sta in agguato appeso a un'enorme ragnatela... Comprare il sole è una commedia sul denaro crudele e attualissima, un balletto vertiginoso sul nostro mondo fatto di apparenze, su una «società di poveri ricchi» che ha perso il senso delle cose.

COMPRARE IL SOLE

Vassalli Sebastiano