Narrativa

Musica

Mishima Yukio

Descrizione: Un giorno d'autunno, alla porta del dottor Kazunori, uno psicoanalista, si presenta un'affascinante ragazza che lo informa di non riuscire a sentire la musica. Da qui si sviluppa un'intricata vicenda in cui i tentativi di risalire alla causa del problema (la musica è una metafora dell'orgasmo) vengono descritti con una suspence da romanzo giallo. "Musica" si presenta come un'opera controversa, che mostra la doppia disposizione dell'autore nei confronti della scienza trattata: l'indiscutibile interesse che suscita in un intellettuale quale era lui e lo scetticismo di un nietzscheano convinto che non lascia troppo spazio alle giustificazioni e alle influenze esteriori.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2013

ISBN: 9788807881398

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Musica” di Yukio Mishima narra la storia di Reiko sotto forma di relazione dello psicanalista, il dottor Shioni, al quale la giovane donna si affida per cercare di guarire dalla patologia che l’affligge.
La donna ha evidenti sintomi (“Reiko, oltre all’inappetenza e alla nausea… aveva cominciato a soffrire del tic…”) che manifestano un disagio isterico (“Sono sicura che se riuscirò a godere mentre faccio l’amore scompariranno d’un tratto tutti i miei disturbi”). Tra i segnali del disturbo, uno in particolare colpisce l’attenzione del terapeuta: “Dottore, perché non sento la musica?”

Qual è la causa dello strano fenomeno?
Troppo facile pensare al contenuto manifesto del sintomo (“La musica era soltanto un elegante simbolo dell’orgasmo?”).
La storia di Reiko è peraltro ricca di spunti per chi ricerca di penetrare una psiche complicata e ribelle:  la prospettiva di un matrimonio imposto (Reiko “… odiava il fidanzato ufficiale, un cugino di secondo grado che era stato scelto per lei sin da bambina…”), la relazione d’amore con l’atletico e affascinante Ryiuchi Egami, il rapporto di compensazione con Hanai, un giovane impotente (“Reiko grazie alla sua impotenza sentiva la musica”), il ricordo di un episodio dell’infanzia (“Giochiamo a morra cinese, e a chi perde glielo tagliamo”), il complesso d’Edipo affiorato dopo aver visto il padre nudo, il legame con il fratello…

L’esegesi del dottor Shioni è complicata dalle caratteristiche della paziente, che si oppone alla terapia con menzogne (“Sono bugie. Sono tutte bugie. Io sono una donna che non sa far altro che mentire”) e resistenze di ogni tipo, e dai meccanismi di tansfert (“C’è il rischio che la personalità del paziente prenda il sopravvento su quella dello psicanalista”) che intervengono quando il dottor Shioni si sente attratto da Reiko.
Il metodo adottato è quello della psicanalisi freudiana, che assume le libere associazioni, l’interpretazione dei sogni,  la lettura dei simboli (“A volte penso che le forbici siano un travestimento della falce della morte”) e i lapsus (“Questa sua complessa costruzione era stata improvvisamente demolita da un semplice lapsus”) come strumenti di indagine. Quando questi mezzi si rivelano insufficienti, l’analista abbraccia evoluzioni successive della teoria psicanalitica (“La psicopatologia della Daseinsanalyse di Binswanger… una teoria nata dall’ontologia esistenzialista di Heidegger e di Jaspers”).

In questo romanzo Mishima trasfonde il proprio atteggiamento ambivalente verso una disciplina troppo occidentale: sicuramente interessato alla dimensione psicologica dell’uomo, tuttavia oppone alla psicanalisi i tratti della cultura orientale (“La psicanalisi distrugge la cultura tradizionale giapponese. L’idea cupa della frustrazione profana la semplice e sana vita spirituale dei giapponesi”) in una storia avvincente che ancora una volta propone le complessità di uno scrittore dal temperamento artistico che ha la potenza di un vulcano giapponese.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yukio

Mishima

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mishima Yukio

In queste settimane, il mondo della politica internazionale è in subbuglio: sono stati pubblicati numerosi e compromettenti documenti diplomatici riservati, provenienti dal Dipartimento di Stato americano. A farlo è stato Julian Assange, l’attivista Internet che con il suo sito, Wikileaks, ha aperto una nuova era nel giornalismo investigativo, svelando on line scandali e fenomeni di corruzione politica ripresi da decine di testate. Quello di Wikileaks è uno dei tanti e significativi esempi della rivoluzione dei modi e delle forme in atto nel giornalismo, internazionale e italiano, che vengono trattati nell’originale e interessantissima inchiesta di Bruno e Mastrolonardo, due giornalisti di crescente visibilità impegnati nella divulgazione dei temi legati ai nuovi media e alla cultura digitale. In un viaggio tra le divisioni online dei media più innovativi, centri universitari all’avanguardia, minuscole agenzie di comunicazione che uniscono design, tecnologia e, talvolta, guardano alla controinformazione, il libro osserva da vicino l’universo dei creativi e dei rivoluzionari della notizia, raccontandoci le loro storie, invenzioni e progetti.

La scimmia che vinse il Pulitzer

Bruno Nicola

Nessuno aveva ricordato Olga. Nessuno aveva ricordato Luciano. Si muore in tanti modi. «Elda Lanza intrecciava trame con arguzia e una speciale, sottilissima ironia» – la Repubblica «Elda Lanza ha inaugurato un nuovo modo di interpretare il romanzo giallo attraverso personaggi indimenticabili e pagine ricche di colore atmosfera» – La Stampa Guardò attraverso il parabrezza, che il tergicristallo non riusciva a tenere asciutto, il cielo sopra di loro. Che non era azzurro come "quel giorno". Il cielo non era azzurro sopra Napoli. Aveva soltanto smesso di piovere. Amore e morte: mai, nella vita del brillante avvocato Max Gilardi, sono apparsi tanto strettamente intrecciati come questa volta, andando a toccare i suoi affetti più profondi e mettendo a rischio la sua stessa vita. E quando sembra che questa possa riprendere sui binari di una ritrovata normalità, l'assassinio di un conoscente, seguito da quello della moglie di lui e in seguito della sua giovane amante, lo riportano a fare i conti con un vecchio caso mai dimenticato. Il confronto tra le vicende trascorse, tra i diversi modi di amare e le donne che hanno contato per lui, lo porterà a una profonda maturazione e, forse, a far tacere i propri fantasmi. Tra Napoli e Parigi, quadri rassicuranti di vita domestica e sordidi ambienti malavitosi, si dipana l'avventura definitiva di Gilardi, in cui il passato finirà per dare un senso al presente, e viceversa. In quello che Elda Lanza aveva pensato come il capitolo finale della serie di romanzi dedicati a Max Gilardi, il talento della scrittrice brilla di una luce particolare, quella della nostalgia di ciò che è stato, ma anche di ciò che il futuro porta con sé.

L’amore al tempo delle more

Lanza Elda

Mantieni il bacio

Recalcati Massimo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un'Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d'acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un'intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d'urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

XXI Secolo

Zardi Paolo