Giallo - thriller - noir

MYSTIC RIVER

Lehane Dennis

Descrizione: Boston, 1975. In un quartiere popolare della città tre ragazzini – Sean, Jimmy e Dave – fanno a botte in mezzo alla strada. Una macchina con a bordo due uomini, due poliziotti all’apparenza, accosta, fermandosi a un passo da loro. Quando uno degli agenti gli ordina di salire, Dave non ha il coraggio di rifiutarsi e, singhiozzando, prende posto sul sedile posteriore. E scompare. Per quattro, terribili giorni. Venticinque anni dopo Dave è accusato di omicidio. La vittima è la figlia di Jimmy, e Sean è incaricato delle indagini. Per loro è giunto il momento di fare i conti con un passato ingiusto e con l’agghiacciante episodio che ha sfregiato per sempre le loro anime.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Piemme

Collana: Bestseller

Anno: 2010

ISBN: 9788856614015

Trama

Le Vostre recensioni

Strano destino, quello dei romanzi di Dennis Lehane quando finiscono nelle mani dei signori della Piemme (a cui dobbiamo eterna gratitudine per lui, Connelly e i tanti altri grandi autori internazionali di genere che hanno portato nel nostro paese). Prima escono con un titolo tremendo, da tascabile stile edicola di stazione ferroviaria, quelli nascosti tra riviste porno e fumetti. Poi, trainati dal successo di una trasposizione cinematografica, conoscono una seconda, fortunata giovinezza con la titolazione originale.

Pensiamo al caso recente de “L’isola della paura” (!), a cui l’ottima trasposizione con Leo di Caprio ha restituito il titolo di “Shutter Island”. O a “La casa buia” (!!): il film di Ben Affleck ha avuto l’unico merito di farlo tornare “Gone Baby Gone”. E risaliamo fino al caso forse più eclatante: grazie a Clint Eastwood, l’agghiacciante “La morte non dimentica” (!!!) lascia spazio a “Mystic River”.

Ora che ci siamo tolti il sassolino, veniamo alla trama. Si potrebbe dire: tre vite, due tragedie. Nei 70’s, in una Boston (scenario consueto dei romanzi di Lehane) classista, in una periferia, East Buckingham, divisa tra quelli del “Flat”, zona popolare, e quelli del “Point”, borghese, si forma una strana compagnia di tre ragazzini, Sean Devine, Jimmy Marcus e Dave Boyle. Jimmy, capo carismatico e sopra le righe. Sean, l’amico equilibrato. Dave, il debole, succube di Jimmy. Durante uno dei pomeriggi di scorribanda, un’auto, apparentemente guidata da due poliziotti, carica Dave. Il finto controllo in centrale si trasforma in altro, oscuro e terribile. Dave scompare per quattro giorni poi riesce a fuggire. Il suo ritorno viene celebrato come quello di un eroe, ma qualcosa dentro di lui si è spezzato per sempre, così come il legame tra i tre amici.

Venticinque anni dopo, il male li riunisce. Katie, figlia di Jimmy, viene trovata morta in un parco, bordato dal Mystic River. L’assassino si è accanito sulla ragazza a bastonate, per poi finirla a colpi di arma da fuoco. A indagare sarà Sean, diventato detective della omicidi. E tutte le piste sembrano portare a Dave, l’amico debole, l’amico la cui fanciullezza è stata interrotta dalle violenze di due pedofili. La grandezza (perché di grandezza si può parlare) di Dennis Lehane è nella costruzione della psiche dei personaggi, nella ricerca delle ragioni che possono portare a commettere il male, quasi sospendendo il giudizio di condanna o assoluzione per il colpevole. Perché, in Mystic River come in molti altri suoi romanzi, è qualcosa di altro che guida la mano dell’assassino. Qualcosa che l’assassino, anche volendo (e non è detto che lo voglia) non riuscirebbe a controllare. Esageriamo? Un Mc Grath che costruisce trame alla Connelly. Provare per credere. 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Dennis

Lehane

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lehane Dennis


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

1942, Kiev. "Giocate per perdere, se vincete morite". Sasha ha quasi tredici anni quando, nella famosa "partita di calcio della morte" tra soldati nazisti e prigionieri ucraini, ex campioni del Dinamo, sente l'ufficiale tedesco minacciare i macilenti avversari. E suo padre. Sasha è figlia del portiere Nikola Trusevich, costretto a fare il panettiere per sopravvivere nella città occupata, prima da Stalin e poi da Hitler. La crudele operazione Barbarossa della Wermacht è uno dei momenti più drammatici della seconda guerra mondiale. Sasha è fortissima nel calcio, ma ha un solo difetto: è femmina. E il calcio, come le dicono a scuola, non è uno sport da femmine. Il suo migliore amico Maxsym, figlio del terzino Alexsey Kuzmenko, è invece fortissimo nel ballo, ma ha un solo difetto: è maschio. E il ballo, come gli dice suo padre, non è uno sport da maschi. Gli ultimi minuti del secondo tempo scorrono veloci e il lungo inverno della steppa è alle porte. Troverà Sasha il coraggio di compiere in partita quell'azione memorabile che cambierà la storia e realizzerà il suo sogno? Riusciranno i giocatori del Dinamo a sopravvivere dopo l'ultimo gol? Sarà il pallone a decidere. E in quel memorabile 9 agosto del 1942, a pochi metri dalla rete, la sfera di cuoio sembra gridare a Sasha: io non spreco le mie occasioni... Età di lettura: da 12 anni.

In piedi nella neve – Commento interattivo con l’autrice

Bortolotti Nicoletta

Chi mai, se non lo stesso Busi, avrebbe potuto scrivere la sua "autobiografia non autorizzata", lanciandola spericolatamente al mondo in una lingua affabulatoria, epigrammatica, di un’eleganza senza pari e di un’oscenità terribile e al contempo scanzonata? Un romanzo che riconduce al punto di partenza secondo un percorso perfettamente circolare nel quale nulla accade perché tutto è già accaduto e non resta che prendere atto della verità così come la scrittura la riconosce e la indaga, la tenta, invano, a uscire allo scoperto attraverso personaggi che vorrebbero sottrarsi e restare misteriosi ma che sono troppo incantevoli e stregoneschi per non far girare la fantasia a mille del lettore.

Vacche amiche

Busi Aldo

Antologia sui confini voluta da ARCI Nazionale e composta da Emmanuela Carbé, Francesca Genti, Carlo Lucarelli, Monica Massari, Giuseppe Palumbo, Antonio Pascale, Gipi, Christian Raimo. Verrà presentata al festival di «Internazionale» a Ferrara, settembre zoi6."Scrivo questa nota la notte del 7 marzo 2016, nell'ottantesimo anniversario della nascita di Georges Perec, che subito dopo la seconda guerra mondiale era un bambino senza ricordi d'infanzia. 'Non ho ricordi d'infanzia' scrive. 'Fino ai dodici anni, più o meno, la mia storia occupa qualche riga: ho perduto mio padre a quattro anni, mia madre a sei; ho passato la guerra in varie pensioni di Villard-de-Lans. Nel 1945, la sorella di mio padre e suo marito mi hanno adottato. Questa assenza di storia mi ha, a lungo, rassicurato: la sua secchezza oggettiva, la sua apparente evidenza, la sua innocenza mi proteggevano"."Perec è nato in Francia, ma non è francese. 'Ho un nome francese' scrive `Georges, un cognome francese o quasi: Perec che tutti scrivono Pérec o Perrec: il mio cognome non si scrive esattamente come si pronuncia. A questa contraddizione insignificante si associa il sentimento tenue, ma insistente, insidioso, ineluttabile, di essere in un certo modo straniero rispetto a qualcosa di me stesso, di essere 'diverso', ma non tanto diverso dagli 'altri' quanto diverso dai 'miei'; non parlo la lingua che parlavano i miei genitori, non condivido nessuno dei ricordi che essi poterono avere"."Perec è cresciuto in un mondo, l'Europa occidentale del dopoguerra, che a me sembra l'abbia protetto dalla sua solitudine e abbia avuto interesse a tramandare la sua storia. Una delle domande che credo salteranno fuori da questa antologia è: il nostro mondo, è in grado di proteggere qualcuno dalla sua solitudine? Gli interessa tramandare le storie dei Perec di oggi?” (Paolo Nori)

Ma il mondo non era di tutti?

A cura di Paolo Nori

Dall’incipit del libro: Una dedicatoria a un becchino? — E perchè no? Non è egli forse un uomo come un altro e — non ve l’abbiate a male — non può egli essere un galantuomo par vostro e mio? Anzi — e sarei pronto a giurarlo sul Vangelo —, ei valeva assai più di tanti e tanti che han titolo di baccelliere, e magari di dottore, i quali col nastrino all’occhiello dell’abito, sono saliti tant’alto da credere che gli onesti non li ravvisino più per quel ch’e’sono: barattieri solenni. Dico perciò che, se aveste conosciuto quel povero becchino, lo avreste, come me, amato e, aggiungo anche, onorato. Io, allora, ero quasi fanciullo; ma quando il brav’uomo morì, portavo già i peli del labbro superiore arricciati dispettosamente all’insù con quella boria de’ vent’anni, che sarebbe molto ridicola, se non fosse altrettanto innocente. Di quel tempo certi fumi si guardan con occhio benevolo, avvegnachè, più o meno, li abbiamo avuti tutti, quei fumi; e, invero, quella è proprio l’età delle leggerezze e delle scappatelle, le quali — ove non passino la misura o il segno — meritano sempre benevolo perdono. A quei giorni io credo che Tomaso Giona, soprannominato il Griso, andasse oltre i sessant’anni; e tuttavia quel numero di pasque se le portava bene.

La leggenda del Buranco

Maineri Baccio Emanuele