Giallo - thriller - noir

MYSTIC RIVER

Lehane Dennis

Descrizione: Boston, 1975. In un quartiere popolare della città tre ragazzini – Sean, Jimmy e Dave – fanno a botte in mezzo alla strada. Una macchina con a bordo due uomini, due poliziotti all’apparenza, accosta, fermandosi a un passo da loro. Quando uno degli agenti gli ordina di salire, Dave non ha il coraggio di rifiutarsi e, singhiozzando, prende posto sul sedile posteriore. E scompare. Per quattro, terribili giorni. Venticinque anni dopo Dave è accusato di omicidio. La vittima è la figlia di Jimmy, e Sean è incaricato delle indagini. Per loro è giunto il momento di fare i conti con un passato ingiusto e con l’agghiacciante episodio che ha sfregiato per sempre le loro anime.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Piemme

Collana: Bestseller

Anno: 2010

ISBN: 9788856614015

Trama

Le Vostre recensioni

Strano destino, quello dei romanzi di Dennis Lehane quando finiscono nelle mani dei signori della Piemme (a cui dobbiamo eterna gratitudine per lui, Connelly e i tanti altri grandi autori internazionali di genere che hanno portato nel nostro paese). Prima escono con un titolo tremendo, da tascabile stile edicola di stazione ferroviaria, quelli nascosti tra riviste porno e fumetti. Poi, trainati dal successo di una trasposizione cinematografica, conoscono una seconda, fortunata giovinezza con la titolazione originale.

Pensiamo al caso recente de “L’isola della paura” (!), a cui l’ottima trasposizione con Leo di Caprio ha restituito il titolo di “Shutter Island”. O a “La casa buia” (!!): il film di Ben Affleck ha avuto l’unico merito di farlo tornare “Gone Baby Gone”. E risaliamo fino al caso forse più eclatante: grazie a Clint Eastwood, l’agghiacciante “La morte non dimentica” (!!!) lascia spazio a “Mystic River”.

Ora che ci siamo tolti il sassolino, veniamo alla trama. Si potrebbe dire: tre vite, due tragedie. Nei 70’s, in una Boston (scenario consueto dei romanzi di Lehane) classista, in una periferia, East Buckingham, divisa tra quelli del “Flat”, zona popolare, e quelli del “Point”, borghese, si forma una strana compagnia di tre ragazzini, Sean Devine, Jimmy Marcus e Dave Boyle. Jimmy, capo carismatico e sopra le righe. Sean, l’amico equilibrato. Dave, il debole, succube di Jimmy. Durante uno dei pomeriggi di scorribanda, un’auto, apparentemente guidata da due poliziotti, carica Dave. Il finto controllo in centrale si trasforma in altro, oscuro e terribile. Dave scompare per quattro giorni poi riesce a fuggire. Il suo ritorno viene celebrato come quello di un eroe, ma qualcosa dentro di lui si è spezzato per sempre, così come il legame tra i tre amici.

Venticinque anni dopo, il male li riunisce. Katie, figlia di Jimmy, viene trovata morta in un parco, bordato dal Mystic River. L’assassino si è accanito sulla ragazza a bastonate, per poi finirla a colpi di arma da fuoco. A indagare sarà Sean, diventato detective della omicidi. E tutte le piste sembrano portare a Dave, l’amico debole, l’amico la cui fanciullezza è stata interrotta dalle violenze di due pedofili. La grandezza (perché di grandezza si può parlare) di Dennis Lehane è nella costruzione della psiche dei personaggi, nella ricerca delle ragioni che possono portare a commettere il male, quasi sospendendo il giudizio di condanna o assoluzione per il colpevole. Perché, in Mystic River come in molti altri suoi romanzi, è qualcosa di altro che guida la mano dell’assassino. Qualcosa che l’assassino, anche volendo (e non è detto che lo voglia) non riuscirebbe a controllare. Esageriamo? Un Mc Grath che costruisce trame alla Connelly. Provare per credere. 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Dennis

Lehane

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lehane Dennis


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quella di Rick è stata una carriera sportiva giocata sotto il segno della mediocrità. Ma quando gli si presenta l'occasione di entrare in campo con la propria squadra in netto vantaggio, riesce a far perdere la partita e a guadagnarsi il licenziamento in tronco. Il suo agente gli troverà un'unica, insolita, seconda occasione: i Parma Panthers. Rick partirà, consapevole di non avere altra scelta, ma ignaro degli incredibili risvolti (e degli esilaranti equivoci) che il nuovo ingaggio riserverà non solo alla sua carriera. L'Audiobook di Grisham esce in libreria in contemporanea con l'edizione cartacea.

Il professionista

Grisham John

Veronika, pur avendo una vita normale, non è felice. Ecco perché decide di morire, ingerendo una dose eccessiva di sonniferi. Ma il tentativo fallisce, e Veronika viene internata in una clinica psichiatrica dove il suo cuore ammalato conosce una realtà di cui non sospettava l'esistenza. Il romanzo si ispira a un drammatico episodio della vita dello scrittore quando, nel 1965, a diciotto anni, venne ricoverato in una clinica psichiatrica. Paulo Coelho scrive una profonda riflessione sul tema della normalità e della diversità, trasformando il dramma dell'infelicità nella pienezza dell'accettazione della vita e della sua bellezza.

VERONIKA DECIDE DI MORIRE

Coelho Paulo

Inutile negarlo: l’essere ipersensibili può portare a risvolti problematici. Nonostante queste persone tendano a rinunciare a se stesse rivolgendo la loro attenzione all’esterno e agli altri, non sono rari rimproveri del tipo: Devi essere sempre così emotivo? Eppure, l’ipersensibilità non è necessariamente un “tallone d’Achille” che espone a sofferenze, delusioni, o irragionevoli inibizioni: se la si usa bene, può rivelarsi una dote incredibile. Rolf Sellin, che per anni ha studiato questa predisposizione soffrendone lui stesso, guida gli ipersensibili verso l’adozione di un nuovo atteggiamento che permetta loro di contenere gli effetti più negativi della loro condizione. Insegna a smettere di acconsentire a richieste eccessive, ponendo confini più netti tra sé e il mondo. Spiega come uscire vincitori, anche quando si ha la netta impressione di essere affetti da una forma inguaribile di “altruismo patologico”, indesiderato, incompreso e, per giunta, gratuito. Aiuta a valorizzare la capacità di empatia, senza esserne sopraffatti, a vivere le emozioni proprie e altrui, con maggiore equilibrio. Invita a trasformare le sensibilissime antenne in dotazione agli ipersensibili, eccezionali nel captare ciò che ai più resta sconosciuto, in un talento da spendere in ogni ambito dell’esistenza. Gli spunti di riflessione, i numerosi suggerimenti sono utili a chi vuole imparare a gestire da solo e in modo costruttivo la propria sensibilità, sia nella vita privata sia professionale, e a proteggersi in modo più efficace a livello mentale ed energetico, così che l’ipersensibilità possa tornare a essere quello che realmente è: un’incomparabile risorsa interiore.

Le persone sensibili hanno una marcia in più

Sellin Rolf

Avrebbe voluto, per la sua sepoltura, e lo disse, non fiori; bensì piccole ciotole col miglio per gli uccelli... Premio Campiello 1971.

RITRATTO IN PIEDI

Manzini Gianna