Classici

Miramar

Mahfuz Nagib

Descrizione: "Alessandria finalmente! Alessandria goccia di rugiada. Esplosione di nubi bianche. Sei come un fiore in boccio bagnato da raggi irrorati dall'acqua del cielo. Cuore di ricordi impregnati di miele e di lacrime." Inizia così la storia del Miramar, la pensione di un'eleganza un po' decaduta che conserva le tracce di un passato grandioso sotto le macchie d'umidità. Ma la vera protagonista è Alessandria, che offre un ritratto complesso e profondo dell'Egitto, della sua anima contraddittoria e problematica, con un senso di nostalgia che sa tuttavia mescolarsi al sorriso. Al Miramar i clienti sfilano davanti al lettore, incarnando le diverse anime della società egiziana. In un continuo altalenare tra passato e presente, di voce narrante in voce narrante, sfilano le storie dei diversi ospiti: Amer Wagdi, vecchio giornalista in pensione che ha militato nel partito nazionalista liberale e ora fa ritorno dopo vent'anni al Miramar per stabilirvisi e non ripartire più, l'anziano esponente dell'aristocrazia Tolba Marzuq, il giovane conquistatore Sarhan al-Buheyri, il proprietario terriero Hosni Allam, l'annunciatore di Radio Alessandria Mansur Bahi, oltre alla padrona della pensione, madame Marianna, e alla sua domestica, Zahra, una bella giovane contadina le cui relazioni con gli altri rispecchiano simbolicamente le principali realtà politiche e sociali del paese.

Categoria: Classici

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2009

ISBN: 9788807815645

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

<i”Alessandria alla fine. Alessandria pioggia di rugiada, eruzione di nuvole bianche. Culla di raggi lavati in acqua di cielo, cuore di ricordi bagnati di miele e lacrime.”

E’ la città di Alessandria, con i suoi luoghi incantati e pregni di storia e avvenimenti, la vera protagonista del romanzo Miramar, scritto dal Premio Nobel per la letteratura nel 1988, Nagib Mahfuz (Il Cairo, 11 dicembre 1911 – Il Cairo, 30 agosto 2006).

Alessandria e la pensione Miramar, con le sue mura imponenti, le pareti scrostate, scolorite, la sua posizione strategica tra terra e mare, e la sua padrona di casa, madame Marianna; sono loro a scandire il ritmo della storia, ad accogliere i personaggi e a intrecciare le loro vicende in una trama narrativa sapientemente costruita.

“Mariana, Mariana cara, tu… tu sei Alessandria…”

Con queste parole ha inizio il racconto di Amer Wagdi, vecchio giornalista in pensione, militante nel partito nazionalista liberale, che fa ritorno alla pensione Miramar dopo vent’anni. E’ lui il primo a parlare e sarà lui a chiudere la storia. Nel mezzo altri punti di vista, altre narrazioni, altri personaggi, che incarnano le diverse anime della società egiziana.

C’è l’anziano esponente dell’aristocrazia, Tolba Marzuq; c’è Sarhan al-Buheyri, contabile alla Società dei filati di Alessandria; ci sono Monsur Rabi e Hosni Allam, annunciatore a radio Alessandria il primo e proprietario di cento feddan il secondo.
Così vengono presentati i personaggi maschili dalla padrona di casa Mariana, ma è solo attraverso l’alternarsi dei diversi punti di vista sull’avvenimento centrale, ovvero la morte di uno degli ospiti della pensione, a mostrare le reali personalità dei personaggi.
Oltre a Mariana un’altra protagonista femminile abita la pensione: la cameriera Zahara, giovane e bella contadina, scappata dal suo paese nel Delta del Nilo dove la volevano sposa di un uomo che non amava. E’ proprio Zahara, con il suo fascino da contadina e il suo bisogno di riscatto, a creare scompiglio tra i giovani e anziani ospiti della pensione, dando ad ognuno il pretesto per innamorarsi di lei. Attraverso Zahara, Mahfuz dà vita a un’idea positiva di rivoluzione, fatta di forza e integrità morale, capace di annientare le diversità di classe attraverso l’istruzione e la caparbietà. La giovane non sarà immune dalla sofferenza, anche e soprattutto a causa della propria scelta di vita, ma, nonostante ciò, saprà trovare la forza per andare avanti, senza perdere mai di vista se stessa e i propri sogni, sostenuta dalle proprie convinzioni che non scricchiolano mai, neanche di fronte ai fatti tragici che si trova a vivere.

“Domattina me ne vado” dichiara con naturalezza.
“Starò meglio di prima”, dice sicura.

Mahfuz ci incanta con il suo stile semplice e penetrante, denso di avvenimenti storici e geografici, senza privarci mai della poesia.
La brevità della maggior parte dei suoi romanzi e la scorrevolezza della narrazione consentono la lettura ad un pubblico vasto, lasciando intravedere una scrittura schietta e sincera, priva di fronzoli, dove lo scrittore non fa altro che raccontare ciò che lui stesso conosce meglio: il suo paese, la sua città, la sua gente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nagib

Mahfuz

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mahfuz Nagib


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Costellazioni di Ilaria Spes

"Mi chiamo D'Arco e sono uno sbirro morto." Comincia così questo romanzo, metafisico e d'azione. Il protagonista è un uomo pieno di dolore, delicatezza e furore, chiamato a compiere una missione impossibile. La città dei vivi e quella dei morti sono vicine, comunicanti, e si assomigliano molto. La polizia dei vivi e la polizia dei morti sono in contatto e collaborano, quando devono risolvere i casi più difficili. Dispongono di cellulari tarati per la comunicazione tra vivi e morti, e di e-mail criptate. Ma c'è un'altra cosa, che però nessuno sa dire: quale dei due mondi venga prima. Ora D'Arco deve tornare nel mondo dei vivi, nel quale fu ucciso, per fermare un massacro di vittime innocenti. Ma, se la morte venisse davvero prima della vita e il male prima del bene, come si potrà invertire la spirale? D'Arco ci proverà perché è uno che non si arrende, perché ha una formidabile guida e un alleato: un bambino dal cranio rasato, gli occhi spalancati e i denti serrati, una creatura senza più voce e con il collo percorso da una cicatrice prodotta da una collana di filo spinato, ma con la volontà attraversata dalla stessa indomabile sete di giustizia. Una coppia di eroi fragili e indistruttibili, individui solitari e disillusi ma disposti a mettere in gioco tutto per difendere chi sia stato umiliato e offeso: un uomo che si è gettato alle spalle le speranze e un bambino muto ma capace di guardare.

L’addio

Moresco Antonio

"Se veramente un giorno riusciremo a sapere quale opinione hanno di noi gli animali, sono certo che non ci resterà da fare altro che sparire dalla faccia del pianeta, sconvolti dalla vergogna. Sempre che, tra cinquant'anni, gli uomini saranno ancora in grado di provare questo sentimento. Io, fortunatamente, non ci sarò. Ma vorrei che qualche mio pronipote consegnasse agli animali una copia di questo libretto perché di me, e di moltissimi altri come me, possano avere un'opinione sia pure leggermente diversa". (Andrea Camiller). Lo zoo personale di Andrea Camilleri è fatto di animali e di storie che entreranno nella nostra vita per sempre. Sono ritratti en plein air: impossibile leggerli e vederli senza sentire dentro qualcosa di fortissimo, perché sono pieni di affetto, confondono il confine tra la coscienza umana e quella degli animali e sono sempre a favore di questi ultimi, nel senso di un'armonia della vita solo nel rispetto di tutte le specie viventi. Cani, gatti, cardellini, ma anche volpi, serpenti e tigri sono descritti come portatori di uno spirito ricco di amore e di intelligenza, molto più complesso e profondo di quanto pensiamo: una 'magaria' inesauribile. Ciascuno di loro sembra comprendere la logica degli uomini, che di volta in volta sfrutta a suo favore o prova a sconfiggere con varie strategie, sempre vincenti: dalla dignità dei tacchini al canto riconoscente di un cardellino, dall'astuzia di un lepro alla commovente compostezza di un gatto innamorato, dalla mite bellezza di una capra alla puntualità discreta di un serpente...

I tacchini non ringraziano

Camilleri Andrea

In un passaggio apparentemente marginale del racconto che da il titolo a questa raccolta disegnata dall'autore, la protagonista offre al suo professore di matematica, passato a trovarla, un bicchier d'acqua. Poi, mentre lo guarda bere, la ragazza è colpita dalla cosa più semplice, l'assoluta naturalezza del gesto, che l'uomo compie "come se in vita sua non avesse fatto altro che venire in cucina da me a bere acqua". È un tocco inconfondibile, che unisce in una riga tutta l'atmosfera di cui abbiamo bisogno e tutto l'intreccio che possiamo desiderare. Ma è anche di più. È la conferma che qualsiasi storia, anche minima, racconti - si tratti di un ragazzo che, come in Miss Little Sunshine, smette di parlare in casa, mentre intrattiene una fitta corrispondenza con i carcerati; di un adolescente che, alla morte del suo cane, si convince che nelle formule dell'algebra si annidi il segreto della felicità; o di una coppia gay di fronte a una scena topica, quella della presentazione ufficiale a due impettiti genitori -, Cameron sembra appunto non avere mai fatto altro.

Paura della matematica

Cameron Peter