Classici

Miramar

Mahfuz Nagib

Descrizione: "Alessandria finalmente! Alessandria goccia di rugiada. Esplosione di nubi bianche. Sei come un fiore in boccio bagnato da raggi irrorati dall'acqua del cielo. Cuore di ricordi impregnati di miele e di lacrime." Inizia così la storia del Miramar, la pensione di un'eleganza un po' decaduta che conserva le tracce di un passato grandioso sotto le macchie d'umidità. Ma la vera protagonista è Alessandria, che offre un ritratto complesso e profondo dell'Egitto, della sua anima contraddittoria e problematica, con un senso di nostalgia che sa tuttavia mescolarsi al sorriso. Al Miramar i clienti sfilano davanti al lettore, incarnando le diverse anime della società egiziana. In un continuo altalenare tra passato e presente, di voce narrante in voce narrante, sfilano le storie dei diversi ospiti: Amer Wagdi, vecchio giornalista in pensione che ha militato nel partito nazionalista liberale e ora fa ritorno dopo vent'anni al Miramar per stabilirvisi e non ripartire più, l'anziano esponente dell'aristocrazia Tolba Marzuq, il giovane conquistatore Sarhan al-Buheyri, il proprietario terriero Hosni Allam, l'annunciatore di Radio Alessandria Mansur Bahi, oltre alla padrona della pensione, madame Marianna, e alla sua domestica, Zahra, una bella giovane contadina le cui relazioni con gli altri rispecchiano simbolicamente le principali realtà politiche e sociali del paese.

Categoria: Classici

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2009

ISBN: 9788807815645

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

<i”Alessandria alla fine. Alessandria pioggia di rugiada, eruzione di nuvole bianche. Culla di raggi lavati in acqua di cielo, cuore di ricordi bagnati di miele e lacrime.”

E’ la città di Alessandria, con i suoi luoghi incantati e pregni di storia e avvenimenti, la vera protagonista del romanzo Miramar, scritto dal Premio Nobel per la letteratura nel 1988, Nagib Mahfuz (Il Cairo, 11 dicembre 1911 – Il Cairo, 30 agosto 2006).

Alessandria e la pensione Miramar, con le sue mura imponenti, le pareti scrostate, scolorite, la sua posizione strategica tra terra e mare, e la sua padrona di casa, madame Marianna; sono loro a scandire il ritmo della storia, ad accogliere i personaggi e a intrecciare le loro vicende in una trama narrativa sapientemente costruita.

“Mariana, Mariana cara, tu… tu sei Alessandria…”

Con queste parole ha inizio il racconto di Amer Wagdi, vecchio giornalista in pensione, militante nel partito nazionalista liberale, che fa ritorno alla pensione Miramar dopo vent’anni. E’ lui il primo a parlare e sarà lui a chiudere la storia. Nel mezzo altri punti di vista, altre narrazioni, altri personaggi, che incarnano le diverse anime della società egiziana.

C’è l’anziano esponente dell’aristocrazia, Tolba Marzuq; c’è Sarhan al-Buheyri, contabile alla Società dei filati di Alessandria; ci sono Monsur Rabi e Hosni Allam, annunciatore a radio Alessandria il primo e proprietario di cento feddan il secondo.
Così vengono presentati i personaggi maschili dalla padrona di casa Mariana, ma è solo attraverso l’alternarsi dei diversi punti di vista sull’avvenimento centrale, ovvero la morte di uno degli ospiti della pensione, a mostrare le reali personalità dei personaggi.
Oltre a Mariana un’altra protagonista femminile abita la pensione: la cameriera Zahara, giovane e bella contadina, scappata dal suo paese nel Delta del Nilo dove la volevano sposa di un uomo che non amava. E’ proprio Zahara, con il suo fascino da contadina e il suo bisogno di riscatto, a creare scompiglio tra i giovani e anziani ospiti della pensione, dando ad ognuno il pretesto per innamorarsi di lei. Attraverso Zahara, Mahfuz dà vita a un’idea positiva di rivoluzione, fatta di forza e integrità morale, capace di annientare le diversità di classe attraverso l’istruzione e la caparbietà. La giovane non sarà immune dalla sofferenza, anche e soprattutto a causa della propria scelta di vita, ma, nonostante ciò, saprà trovare la forza per andare avanti, senza perdere mai di vista se stessa e i propri sogni, sostenuta dalle proprie convinzioni che non scricchiolano mai, neanche di fronte ai fatti tragici che si trova a vivere.

“Domattina me ne vado” dichiara con naturalezza.
“Starò meglio di prima”, dice sicura.

Mahfuz ci incanta con il suo stile semplice e penetrante, denso di avvenimenti storici e geografici, senza privarci mai della poesia.
La brevità della maggior parte dei suoi romanzi e la scorrevolezza della narrazione consentono la lettura ad un pubblico vasto, lasciando intravedere una scrittura schietta e sincera, priva di fronzoli, dove lo scrittore non fa altro che raccontare ciò che lui stesso conosce meglio: il suo paese, la sua città, la sua gente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nagib

Mahfuz

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mahfuz Nagib


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Finalista al Booker Prize 2010, “In una stanza sconosciuta” prende il titolo da una frase di William Faulkner: "In una stanza sconosciuta ti devi svuotare per il sonno. E prima che tu sia svuotato per il sonno, che cosa sei." Il protagonista del romanzo legge questo passaggio mentre riposa sulla riva di un fiume durante uno dei suoi viaggi tra Europa, Africa, Asia e tra ricerca, irrequietezza e passione. Il protagonista è lui, il giovane Damon, che strada facendo resta segnato nel profondo dalle intense vicende che vive. Cambiano gli ambienti e i paesaggi, ma al centro resta la persona, i rapporti umani che nascono e muoiono, il tentativo di stabilire un contatto e lo sforzo contro le condizioni, le circostanze avverse, le persone stesse che lo ostacolano. I sentimenti sono forti, ma nello stesso tempo c'è il distacco, che consente al protagonista narratore di raccontare fatti e moti dell'anima da due punti di vista differenti, da dentro e da fuori. E il racconto si divide in due, e segue in parallelo viaggio fisico e viaggio dello spirito con una lingua tersa, asciutta, essenziale che è stata paragonata a quella di John M. Coetzee e dello stesso William F aulkner. “In una stanza sconosciuta” esalta la grande intelligenza e l'acuta sensibilità di uno scrittore straordinario e straordinariamente umano.

IN UNA STANZA SCONOSCIUTA

Galgut Damon

Alla vigilia del suo nono compleanno, la timida Rose Edelstein scopre improvvisamente di avere uno strano dono: ogni volta che mangia qualcosa, il sapore che sente è quello delle emozioni provate da chi l'ha preparato, mentre lo preparava. I dolci della pasticceria dietro casa hanno un retrogusto di rabbia, il cibo della mensa scolastica sa di noia e frustrazione; ma il peggio è che le torte preparate da sua madre, una donna allegra ed energica, acquistano prima un terrificante sapore di angoscia e disperazione, e poi di senso di colpa. Rose si troverà così costretta a confrontarsi con la vita segreta della sua famiglia apparentemente normale, e con il passare degli anni scoprirà che anche il padre e il fratello - e forse, in fondo, ciascuno di noi - hanno doni misteriosi con cui affrontare il mondo. Mescolando il realismo psicologico e la fiaba, la scrittura sensuale di Aimee Bender torna a regalarci una storia appassionante sulle sfide che ogni giorno ci pone il rapporto con le persone che amiamo.

L’INCONFONDIBILE TRISTEZZA DELLA TORTA AL LIMONE

Bender Aimee

“Una foschia rosso porpora” è la più scrupolosa e dettagliata biografia di Jimi Hendrix mai scritta, uno sterminato mosaico di informazioni e dati che non ha eguali nella letteratura rock. Il volume di Shapiro e Glebbeek si estende dalla musica a immagini rare, ai dischi, a quella labirintica “Discoteca di Babele” che fra opere ufficiali, antologie e bootleg conta centinaia di pezzi, qui sistemati dagli autori con precisione maniacale. A quarant’anni dalla morte di Jimi Hendrix ritorna in libreria l’opera definitiva su un maestro ancora influente e venerato, che con la sua chitarra ha ridisegnato i confini della musica americana del Novecento.

Una foschia rosso porpora

Glebbeek Caesar

Dopo la firma della Grande Pace, Chicago è suddivisa in cinque fazioni consacrate ognuna a un valore: la sapienza per gli Eruditi, il coraggio per gli Intrepidi, l'amicizia per i Pacifici, l'altruismo per gli Abneganti e l'onestà per i Candidi. Beatrice deve scegliere a quale unirsi, con il rischio di rinunciare alla propria famiglia. Prendere una decisione non è facile e il test che dovrebbe indirizzarla verso l'unica strada a lei adatta, escludendo tutte le altre, si rivela inconcludente: in lei non c'è un solo tratto dominante ma addirittura tre! Beatrice è una Divergente, e il suo segreto - se reso pubblico - le costerebbe la vita. Non sopportando più le rigide regole degli Abneganti, la ragazza sceglie gli Intrepidi: l'addestramento però si rivela duro e violento, e i posti disponibili per entrare davvero a far parte della nuova fazione bastano solo per la metà dei candidati. Come se non bastasse, Quattro, il suo tenebroso e protettivo istruttore, inizia ad avere dei sospetti sulla sua Divergenza... Età di lettura: da 12 anni.

Divergent

Roth Veronica